Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Danni cinghiali. Per Patuanelli non serve modificare la leggeCalendario venatorio e Atc, il punto di Arci Caccia Umbria Dreosto: interrogazione in Ue su abbattimenti illegali uccelli migratoriNuovo corso Arci Caccia, con giovani e veteraniUmbria: in Commissione ok al Calendario VenatorioArci Caccia Marche: "chiarimenti sugli appostamenti fissi"Fauna in Costituzione. Fidc: in Senato sventato blitz animalistaFace: Parlamento Ue per commercio sostenibile di specie selvaticheCampania, Calendario Venatorio recepito dal Comitato faunisticoBasilicata. Si parla di filiera delle carniCampania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"Umbria. Su Calendario Venatorio occorre chiarire situazione valichiMarche: ok al nuovo Piano per la caccia di selezione al cinghialeCpa diffida il Tg5 "nuovo attacco alla caccia"I Conservatori Europei e la tutela della biodiversitàChristian Maffei è il nuovo Presidente di Arci CacciaFidc. Marche "pavoncella, il Tar ci dà ragione"Cia Liguria chiede battute straordinarie per gli ungulatiDal CIC Italia una nuova guida per i trofei Molise. Corte Costituzionale boccia estensione periodi cacciaCapitale naturale. Anche la Federcaccia ha dubbiFrancia. Cacciatori contro l'eolicoPadule Fucecchio. Petizione di Arci Caccia Pistoia su divieto caccia vaganteSindaco Binago (Co) vieta ronde animalisteFidc, Anlc, Enalcaccia all'Atc Pg1 "caccia usata solo per pagare i danni"Fidc Lombardia: i cacciatori torneranno a fare controllo faunisticoAtc Perugia 1: "soldi dalle squadre? Lo dice il regolamento regionale"Berlato: Da protezione animali in Costituzione inevitabili aberrazioni giuridicheAumentare controllo predatori per preservare la pavoncellaArci Caccia: il 2 giugno elezione del nuovo PresidenteGrandi carnivori. Lega chiede uso dissuasori direttiCCT incontra gruppo consiliare di Fratelli d'ItaliaToscana. Approvati piani di gestione cinghiale e caprioloVeneto. Prorogata caccia cinghiale nel veroneseAnche la caccia nel film Divin CodinoUmbria. Scontro su bilancio Atc1 tra agricoltori e cacciatoriParte in Toscana l'operazione "Cinghiale solidale"Toscana. Agli agricoltori non solo il controllo degli ungulatiIn Svizzera un film dedicato alla caccia, contro ipotesi restrittiveLiguria, approvato Piano Faunistico regionaleEsternazioni anticaccia durante il Giro d'Italia. La Rai ci ricascaCaretta: "tutelare gli agricoltori dalle devastazioni di cinghiali"Guardie Zoofile. Per il Tribunale discriminatorio escludere cacciatoriFidc: "La caccia strumento per la biodiversità"Richiami vivi. E in Toscana?Fidc. Ambiente e animali in Costituzione. Battuto l’animalismo estremistaFidc. Monitoraggio Nazionale lupo. Conclusa prima faseAbilitazione Venatoria, ripartono gli esami anche in CampaniaCCT: a giugno riprendono esami abilitazione venatoriaPiemonte: aumentano i soggetti autorizzati al controllo del cinghialeIn Senato la vicenda del Don cacciatore vittima dell'odio animalistaLombardia, Massardi (Lega): “Votati importanti provvedimenti a favore della caccia”Mazzali soddisfatta per emendamenti sulla caccia approvatiLiguria: pubblicato Calendario Venatorio 2021 - 2022Referendum caccia, non c'è due senza treArci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Francia. Sondaggio positivo sulla caccia


martedì 27 aprile 2021
    

 
 
In Francia la Federazione dei cacciatori ha incaricato una società di ricerche demoscopiche per sondare l'opinione  sulla caccia, mentre imperversa la campagna anticaccia promossa in particolare da Brigitte Bardot, che provoca confusione nella testa dei cittadini. I quali per il 74% chiedono di saperne di più.

Fra i francesi che dicono di essere ben informati, il 47% è favorevole alla caccia, mentre gli anticaccia sbandierano un 80% di contrari. Il sondaggio rivela anche che le informazioni che i cacciatori danno di se stessi cominciano a funzionare. Ciò dimostra che i cacciatori hanno un impatto particolarmente positivo nel diffondere la loro passione a coloro che li circondano, fra i quali uno su dieci dice di essere o di essere stato cacciatore.

Si scopre anche che  a seconda di dove vivi, la possibilità di incontrare un cacciatore non è logicamente la stessa: il 48% dei francesi che vivono in comunità rurali afferma di conoscere un cacciatore contro il 32% nelle aree metropolitane. Inoltre, la maggioranza dei cacciatori (57%) è identificato come attore della ruralità che partecipa attivamente alla vita  in campagna. Il 63% dei francesi afferma di essere attaccato al mantenimento delle tradizioni rurali come la caccia.

In questo sondaggio, anche i francesi sostengono ampiamente le azioni di protezione della natura avviate dai cacciatori. Per 6 intervistati su 10 (60%), i cacciatori sono utili per il mantenimento delle specie naturali. Il 73% dei francesi giudica positivamente le azioni dei cacciatori nel piantare siepi. Questo ruolo dei cacciatori nella gestione della biodiversità nelle zone rurali è quindi pienamente riconosciuto dai francesi. La stragrande maggioranza dei francesi (86%) ritiene addirittura che le associazioni di cacciatori e quelle per la protezione dell'ambiente dovrebbero più spesso agire insieme.

Per Willy Schraen, presidente della FNC "la caccia non ha bisogno di essere difesa, ma spiegata. Questo sondaggio lo dimostra: la richiesta di informazioni da parte dei francesi è reale. Sta a noi rispondere con trasparenza e serietà. Mostra anche che la violenza di alcuni piccoli gruppi contro i cacciatori sui social network ma anche nella vita reale non è in alcun modo rappresentativa della società francese.  I messaggi di odio che stigmatizzano i cacciatori non sono la realtà della percezione dei francesi sulla caccia. Per loro è una pratica strutturante perché crea legami con le campagne che esaltano la tipicità dei nostri territori. Siamo lontani dall'immagine caricaturale in cui siamo regolarmente descritti. Questa indagine mina chiaramente tutti gli a priori di cui la caccia è oggetto, sia che si tratti del nostro rapporto con la protezione della natura attraverso la difesa delle nostre tradizioni rurali come la caccia, a cui il popolo francese è molto legato ”.


Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Francia. Sondaggio positivo sulla caccia

Se questi sono i risultati di un sondaggio in Francia cioè il paese più filovenatorio d'Europa, per di più pagato dalle associazioni venatorie, be' vuol dire che la caccia è messa davvero male dappertutto.

da Allons Enfants 27/04/2021 19.33