Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Insultato perchè cacciatore. Roberto Baggio vince in tribunaleFidc: Commissione Ue risponde su definizione di caccia come eccezione alla Direttiva Catture col vischio in Francia. Un passo avantiAnche nelle Marche possibile caccia in braccata al cinghialeFidc: via libera caccia cinghiale primo passo verso normalitàCCT: caso Emilia, pericolo "effetto Boomerang"Sparvoli: "ok a contenimento cinghiale solo un primo passo"Cabina Regia Unitaria scrive a Conte e BonacciniMazzali: Lombardia segua esempio Emilia Romagna In Emilia R. via libera allo spostamento dei cacciatori tra comuniCaretta: ulteriori restrizioni per i cacciatori venetiDue proposte di Eps CampaniaCaretta: governo garantisca svolgimento attività venatoriaFidc: "un confronto rispettoso ma senza cedimenti"Toscana. Allarame ConfagricolturaUn bel gesto nel nome di Diana e ZairaToscana. Anche la CCT sollecita impegnoProtesta Fidc Piemonte: "astenersi al controllo del cinghiale"Toscana. Cabina di Regia scrive alla RegioneBruzzone: "Governo usa Covid per limitare la caccia"In arancione si può?Calabria. Si muovono le associazioniLiguria: modifiche al regolamento caccia cinghiale Rolfi: Su blocca caccia Bellanova come Ponzio PilatoCaccia, i chiarimenti del GovernoEmilia Romagna: Confagricoltura dice no al blocco della cacciaCaccia nelle zone arancioni. Dreosto "Ministro Bellanova chiarisca"Anuu Viterbo: "sì a braccate senza vincolo partecipanti"Berlato: "Caccia. Il governo chiarisca"Condanna e solidarietàCia Calabria: riaprite la caccia al cinghialeFriuli. Chiesto l'allungamento del periodo di cacciaToronto. In tempo di Covid ci si arrangiaDa Lombardia e Piemonte appello al Governo per consentire la cacciaBerlato: in plenaria voto al divieto di uso del piombo nelle zone umideFidc: in riforma Pac obbiettivi sotto le aspettativeFedercaccia Umbria: scomparso il presidente Giovanni SelviLiguria. Piana chiede parere a Prefetto su caccia al cinghialeOde all'oca ma anche al cinghialeAbruzzo: Arci Caccia chiede chiarimento alla RegioneLombardia, richiesta restituzione soldi delle licenzeContrasto aviaria: interrogazione in Ue di Berlato su ruolo cacciatoriAnche Coldiretti chiede riapertura al cinghialeCct "urgente pronunciamento della Regione Toscana"Piemonte: Arci Caccia chiede sblocco attività venatoriaDreosto: in nuova Pac poca protezione per habitat chiave biodiversitàVeneto: nuova gestione informatica per pagamenti caccia e pescaBerlato: no allo stop dell'uso di richiami vivi acquaticiMazzali e Massardi: su vandali capanni allertati Carabinieri LombardiaCaretta: ingiustificata sospensione dell'uso di richiami vivi acquaticiLiguria in zona gialla: "nessuna limitazione per la caccia"Ministero Salute vieta richiami vivi Anseriformi e Caradriformi in alcune zoneToscana: sospesi esami abilitazione venatoriaBerlato: emergenza cinghiali da affrontareCaccia sospesa nella Laguna di OrbetelloAnuu sul passo di ottobre: migrazione sottotonoCaretta: cacciatori diffamati su Rai Radio 1Lega Umbria: "i cacciatori non siano i bancomat degli Atc"Sardegna: presentate proposte per piccione e caccia a febbraioUnità mondo venatorio: Fidc verso fase costituenteCalabria. Anche i cacciatori protestanoPiombo. Fidc a Wwf: "la propaganda non è informazione"Marche. Da Consiglio di Stato stop caccia a pavoncella e moriglioneCovid: le raccomandazioni della Regione Toscana ai cinghialaiArcicaccia ancora sull'unità del mondo venatorioFidc: cinghiali, tra pie intenzioni e realtàFidc, piombo: "sulla ragione vincono le divisioni politiche"Allarme fauna selvatica anche in SpagnaConiglio selvatico. Tar conferma sospensione in SiciliaRolfi: Piano cinghiale Governo insufficiente. Non risolve problemaRolfi: "respinto assalto animalista alla caccia lombarda"La caccia in Lombardia rimane apertaSpagna. La FederCaza interviene sulla nuova PacUnità: Castellani (Anuu) risponde a FassiniMarche: approvato Piano di gestione della CoturniceRegionali: i nuovi assessoriGenovesi (Ispra): abbattimento cinghiali non sostituibileCostituente: Arcicaccia rilanciaL'80% degli italiani dice sì all'abbattimento dei cinghialiMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Lovari e Fattorini: Per gli ungulati bisogna cambiare parametri


martedì 6 ottobre 2020
    

 
 
Perchè sia efficace, il controllo dei selvatici erbivori (ungulati) necessita di più precise e diverse considerazioni. Lo sostengono in una recente ricerca pubblicata sul Journal of Environmental Management Niccolò Fattorini e Sandro Lovari dell'Università di Siena.

Lo studio dal titolo “The scale-dependent effectiveness of wildlife management: a case study on British deer”, effettuato con  Peter Watson della Harper Adams University di Newport e Rory Putman dell’Università di Glasgow, affronta l'argomento indagando sulla validità dei piani di controllo di quattro specie di cervi su diverse scale spaziali.

Gli impatti di erbivori da parte degli ungulati selvatici rappresentano un problema significativo a livello mondiale. Per essere efficace - dicono i ricercatori -  la gestione delle popolazioni e degli impatti deve essere coordinata al di sopra della scala del sito, ma poche ricerche hanno studiato la scala spaziale appropriata su cui la gestione dovrebbe essere integrata per essere pienamente efficace. In considerazione della riduzione degli impatti negli habitat boschivi decidui o misti, si è testata l'efficacia della gestione specifica per scala in un'area di pianura del Regno Unito dove popolazioni di quattro specie di cervi da moderata ad alta erano l'obiettivo di programmi di controllo deliberati e predatori non umani erano assente, modellando l'impatto annuale registrato tra il 2009 e il 2015 in 98 boschi in funzione degli abbattimenti cumulativi di cervi prelevati dall'inizio della gestione.
 
L'analisi è stata ripetuta a diverse scale spaziali aumentando l'area circolare attorno a ciascun bosco, da 2,5 km di raggio fino a 100 km di raggio. I  risultati suggeriscono per la prima volta la scala geografica su cui la gestione dei cervi deve essere coordinata per un'efficacia ottimale nel ridurre il loro impatto sui boschi attraverso ambienti relativamente omogenei. Per le specie di piccola corporatura e relativamente sedentarie (capriolo Capreolus capreolus; Muntjac Muntiacus reevesi di Reeves), la riduzione degli impatti all'interno dei boschi può essere ottenuta mediante l'abbattimento a livello locale, ma un modesto aumento dell'efficacia si registra con un aumento della scala spaziale dell'abbattimento a circa 30-70 km di raggio.
 
Per le specie di corporatura più grande con gamme domestiche più estese (daini Dama dama; cervo  Cervus elaphus) la gestione per la riduzione degli impatti boschivi risulta realmente efficace solo se coordinata al di sopra della singola scala boschiva, con marcati aumenti  su una scala di raggio di 100 km. Sebbene siano ancora necessari studi futuri per diversi tipi di ambienti, il  lavoro sottolinea che la scala spaziale alla quale vengono condotti i piani di controllo può determinare l'efficacia della gestione della fauna selvatica, forse fornendo validi  elementi su come gestire le popolazioni di fauna selvatica in modo più efficace.
 

 
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Lovari e Fattorini: Per gli ungulati bisogna cambiare parametri

Sono pienamente d'accordo che i parametri per gli ungulati vanno cambiati!!!!

da Fucino Cane 06/10/2020 19.38