Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Cia: no a estensione divieto di caccia per stato calamità incendiMassardi (Lega): "A Brescia in atto vergognosa persecuzione dei cacciatori"Sardegna: Un'altra giornata per lepri e perniciCaccia e incendi. Al Senato la Lega occupa la commissione AmbienteI cacciatori lombardi tornano in piazza il 22 ottobreSegnalazioni spari. Ma chi sbaglia?L'era del cinghiale biancoFrancia. Riaprono le cacce tradizionali"Selvatici e salvifici". A Trento una mostra su Mario Rigoni SternAcr: no divieto caccia cesena e tordo nelle giornate integrativeAggiornata Lista rossa Iucn uccelli in UeKc: non ci siamo. Interrogazione del Sen. La PietraCCT: Tar conferma limitazioni tortora, moriglione e pavoncella"La Regione chieda scusa ai cacciatori lombardi"Campania. Tar sospende caccia pavoncellaPuglia: respinta domanda cautelare degli animalistiTar Lombardia. Mazzali ringrazia le AavvSentenza Tar Lombardia. Fiocchi "perse dieci giornate di caccia"Anche la Toscana aderisce all'accordo interregionaleModena. Aumentano i controlliFrancia. Macron risponde agli ambientalistiLombardia: sentenza Tar su Calendario Venatorio soddisfa la LacCaretta incontra Assessore regionale Veneto CorazzariL'impegno dei cacciatori italiani all'attenzione dell'EuropaMazzali: "oggi al Tar difeso calendario venatorio lombardo"Assolti tutti gli indagati per la vicenda cinghiali BresciaFidc Lombardia segnala agenti Wwf per multe illeciteSardegna, conferme sulla stanzialePeste suina: intesa della Conferenza Stato RegioniC'è l'accordo su interscambio cacciatori Umbria e LazioLa Regione Liguria torna a puntare sui cacciatori per il controlloLombardia. Ecco il decreto con le giornate integrativeArci Caccia: Nel Lazio tempi biblici per calendario faunistico venatorio aree contigueFiocchi: "piombo erroneamente sanzionato"Cct: all'Elba i sindaci chiedono superamento zone vocateA Milano i cacciatori uniti chiedono dignità per la propria passioneAccordo interscambio caccia. Per CCT si può ancora fareReferendum. Anche Travaglio si dissociaSardegna: deroga per caccia al cinghiale e regole semplificateFidc Lombardia: la Regione fa scarica barileLombardia. Massardi respinge gli attacchiLe Associazioni venatorie saranno ascoltate in RegioneCamillo Langone e lo schioppoCabina di Regia: venerdì 1 ottobre i cacciatori si ritrovano a MilanoCaccia, Dreosto e Casanova (Lega): "bene richiesta chiarimenti su Ispra"I cacciatori lombardi scendono in piazzaCorteo a difesa della caccia sfila a MilanoLombardia. Si mobilitano i cacciatoriA Budapest assemblea FaceVeneto: Tar sospende parte del Calendario VenatorioToscana: si avvicina termine rendicontazione storni abbattutiLombardia: riapre la cacciaCalabria. Soddisfazione da Fidc per la quagliaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Opinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?


mercoledì 7 gennaio 2009
    

intervento di Cipriani Sull'argomento, molto sentito da tantissimi cacciatori, abbiamo chiesto e ricevuto una nota di Alessandro Cipriani, alla quale Mario Biagioni ha aggiunto un suo commento. Leggiamoli.

Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?

Segugisti svegliamoci! La caccia con i cani da seguita ha nel nostro Paese tradizioni secolari. Appassionati allevatori hanno, nel corso dei secoli, selezionato diverse razze che, con mio grande rammarico, non godono tutte di buona salute.
Certo, il segugio italiano è sempre in auge (ricordiamo la bella vittoria di una muta di questi cani al Campionato Italiano e Campionato Sociale su cinghiale della Sips di quest’anno); il Maremmano, sia pur in attesa di un riconoscimento definitivo, sta vivendo un momento di grande successo, ma altre razze, non riconosciute dall’Enci, stanno lentamente scomparendo.
Parliamo in particolare del “piccolo lepraiolo dell’Appenino” e del “cravin”, che ormai vengono allevati da uno sparuto gruppetto di appassionati che stanno combattendo una battaglia di retroguardia contro un processo che ormai, almeno al sottoscritto, appare scontato: questi due bei cani da seguita tutti italiani sono destinati, prima o poi, ad una inevitabile estinzione.
Contro questa sconfitta occorrerebbe un’azione decisa da parte delle organizzazioni deputate alla tutela ed allo sviluppo delle razze canine, ma chi come il sottoscritto è addentro alle faccende della cinofilia ben sa come il nostro mondo sia lacerato da lotte intestine che stanno indebolendo la forza delle nostre idee e dei nostri propositi.
Fino a pochi anni fa la Società Italiana Pro Segugio era l’unica organizzazione riconosciuta dall’Enci.
Incomprensioni e mancanza di comunicazione tra le sue componenti (non vogliamo entrare nel merito della polemica, semplicemente registriamo quanto accaduto nel recente passato) hanno portato alla secessione degli allevatori dei segugi di razza francese.
Da un paio di anni questi appassionati, usciti dalla Sips, hanno il loro Club riconsciuto dall’Enci: parliamo del “Club Italiano del Bleu de Gascogne”, che tutela, oltre a questa razza, anche altri segugi di provenienza transalpina.
Appassionati del segugio Maremmano e dei segugi slavi stanno cercando anche loro di ottenere il riconoscimento dall’Enci: non sappiamo come andrà a finire, ma, lasciatemelo dire, a me sembra che questa ricerca di indipendenza, al di là delle motivazioni personalistiche, sia il sintomo di una debolezza globale del segugismo italiano.
Nuove forme di caccia si stanno affacciando nella realtà nazionale e la caccia con i cani da seguita, specie quella sul cinghiale, si trova a far fronte ad una offensiva portata avanti dai sostenitori di nuove forme di caccia, a mio avviso estranee alla nostra cultura venatoria.
Io personalmente caccio il cinghiale in tutti i modi: partecipo alle braccate, ma non disdegno affatto sia la caccia alla cerca senza cane che quella da appostamento fisso. Una cosa però mi sta a cuore: se dovessi scegliere una di queste forme di caccia opterei senza ombra di dubbio per la braccata per una serie di validi motivi.
Anzitutto perché la braccata ha alle spalle un mondo che non possiamo buttarci dietro alle spalle: parlo dell’allevamento, dell’addestramento e della selezione delle razze da seguita, che sono un vero e proprio patrimonio del mondo venatorio e cinofilo nazionale.
Secondo, perché la braccata è il metodo migliore per far si che tutti i cacciatori appassionati di cinghiale continuino a rinnovare, anno dopo anno, la licenza di caccia. Penso a quelle migliaia e migliaia di cacciatori anziani che continuano, a dispetto dell’età, ad esercitare con dedizione e sacrificio il loro ruolo di postaioli. Crediamo forse che questi amici si possano riciclare in selecontrollori o cacciatori a singolo? Sappiamo bene che è un’utopia e dobbiamo farci carico del fatto che un loro allontanamento dal mondo della caccia sarebbe una vera tragedia per la realtà venatoria italiana.
Infine perché la caccia alla cerca e quella da appostamento non appartengono al nostro retaggio culturale: sono forme mutuate dalla scuola mitteleuropea che nulla hanno a che vedere con il modo di caccia esercitato dai nostri padri e dai nostri nonni.

Che fare, dunque?

Non spetta certo a me dare una risposta, poiché non ho alcun titolo per farlo.
A me resta solo il diritto ed il dovere di esortare gli appassionati di segugi a sedersi intorno ad un tavolo per discutere, lasciando alle spalle le polemiche che hanno lacerato in anni recenti il nostro mondo, il modo migliore per rilanciare la nostra passione, il nostro patrimonio ed i nostri desideri.
Segugisti, svegliamoci!

Alessandro Cipriani

Vai al profilo di Alessandro Cipriani in Amici di BigHunter


Biagioni. Cerchiamo di essere prudenti


Tutti noi sappiamo che le razze oggi ritenute e riconosciute come pure, derivano o da ceppi non omogenei (quelle più antiche) o da lunghi e difficili incroci di selezione.
Da qui il concetto di razza pura che il tentativo di trasmettere determinate caratteristiche fisiche, psichiche e venatorie del cane. E a proposito dei segugi, è importante ricordare che nel nostro Paese non sono state selezionate diverse razze, ma una sola, che è quella del segugio italiano, divisa in due varietà (pelo raso e pelo corto) ma con identiche caratteristiche.
La Francia invece, con la tradizione della chasse à courre, ha dato origine a diverse razze da grande e piccola Venaria. Poi i segugi svizzeri, di chiara derivazione francese, ma selezionati in situazioni diverse, e quelli inglesi, specializzati in forme di caccia tradizionali e particolari.
Necessariamente da considerare, sono anche i segugi nordici, quelli slavi, austriaci, polacchi, tedeschi e così via. È chiaro che le razze selezionate e riconosciute sono molte, forse anche troppe, e in grado di soddisfare qualsiasi esigenza. Non vedo quindi cosa ci sia di strano se viene creato un Club specializzato fuori dalla Pro Segugio. Senza voler indagare su organizzazione e operato di questa benemerita associazione, viene da pensare a cosa sarebbe una Società Specializzata del Cane da Ferma, senza, per esempio il Kurzhaar Club, o quello dello spinone o l’SiS. Ci sono compiti e scopi precisi per ogni società specializzata. Argomento dibattuto e di certo non affrontabile in breve.
Riguardo alle richieste di riconoscimento di nuove razze, pensiamo che L’ENCI, con le sue Commissioni, sarà sicuramente in grado di poter valutare e decidere al meglio. La cosa è delicata e difficile. Auguriamoci che non si faccia confusione. A questo proposito sono stato in contatto per molti anni con don Nando Armani, il sacerdote a pelo forte, allevatore di segugi e cacciatore, che proponeva di riunire in una razza unica il Lepraiolo dell’Appennino, il Cravin, e il montagnino delle Alpi. Si sarebbe dovuta chiamare Lepraiolo Italiano, ma per Lui è rimasta un sogno. Tieni presente – mi disse al telefono pochi giorni prima di morire – che in certe zone, ogni paesino ha la sua razza di segugi. Metterli d’accordo sarà proprio difficile. –
Caro don Nando, me ne rendo conto. E non soltanto a proposito di cani. Così qualcuno scrive, allarmatissimo, denunciando nuove forme di caccia al cinghiale “del tutto estranee alla nostra cultura venatoria” e subito dopo confessa di praticarle tutte: in braccata, alla cerca senza cani, o da appostamento fisso.
Personalmente sono preoccupato.


Mario Biagioni

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Opinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?

Per sperare nel futuro del segugio sarebbe ora di lottare contro la frammentazione del territorio grande nemico della fase della seguita(ragione della razza), dare la possibilità in aree di addestramento adeguate di addestrare i nosri segugi su selvaggina autentica e non di creare riserve private che sono solo alvei per selvaggina opportunista.Basta di perdere tempo con i riconoscimenti di razze e lotte associazionistiche di tessera salviamo prima il territorio di caccia e il futuro del segugio sarà una gradita conseguenza.

da emanuele 19/09/2009 9.19

Re:Opinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?

Io pratico la caccia alla lepre, secondo me quella più classica con il cane da seguita, dove l'abbattimento del selvatico non è il solo fine e senza l'utilizzo del segugio di razza pura questa caccia non avrebbe lo stesso fascino.

da martino.f 03/04/2009 9.57

Re:Opinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?

Attualmente credo che la caccia col segugio in Italia non sia sempre la più indicata. Ci sono zone o squadre che preferiscono cani "corti". Personalmente ho partecipato a cacce con l'utilizzo del segugio italiano e anche a quelle con l'ausilio dei meticci. Ai fini pratici per le zone che frequento e il numero della squadre posso dire che con i meticci e molto più controllata la braccata. Con l'italiano ci parli ma se l'animale passa indenne le poste la caccia poi la devi dare a lui. Di sicuro l'abbaio del segugio ti entra nell'anima. Bisogna scegliere tra caccia pratica e caccia poetica. Io non mi sento di condannare nessuno anzi chi fa l'aspetto un pò si.

da Minos 08/01/2009 1.27

Re:Opinioni a confronto - Caccia con i segugi: quale futuro all’orizzonte?

Credo che Cipriani abbia invitato tutti intorno ad un tavolo ed a trovare una soluzione, i puristi poi rimarranno tali in eterno, mentre la caccia trova nuove frontiere. Complimenti a Cipriani.

da Leonardo V. 07/01/2009 16.37