Dal 1 febbraio i cacciatori impegnati nelle zone umide italiane


lunedì 30 gennaio 2012
    
Anche quest’anno i cacciatori che collaborano con il sito Anatidi.it saranno impegnati nella IXa edizione della rilevazione degli uccelli acquatici durante la migrazione pre-nuziale sulle zone umide italiane. Inultile dire che più volontari aderiranno all'iniziativa maggiore sarà il territorio coperto dalle rilevazioni.

Le osservazioni dovranno essere effettuate nell’arco temporale che va dal primo di febbraio e fino al 30 aprile del 2012. Basterà conteggiare le varie specie di uccelli acquatici che si avvisteranno nelle zone umide monitorare. "Particolarmente importante - sottolinea Paolo Bocchini - sarebbe riuscire a monitorare una stessa zona umida per tutto il periodo di rilevazione, effettuando i conteggi delle specie presenti almeno una volta per ogni decade del mese. In questo modo riusciremo a tracciare con esattezza, oltre alla numerosità, l’arrivo e la partenza delle varie specie di uccelli".

Successivamente questi dati verranno raccolti, analizzati e successivamente pubblicati sulle pagine del sito Anatidi.it-Angra Onlus, l’associazione che si occupa della di ricerca scientifica e studio dell’avifauna acquatica.

 
Le finalità di questo lavoro saranno quelle di:

- rilevare e conteggiare gli uccelli acquatici in transito sulla penisola italiana durante la migrazione pre-nuziale che li porterà nei luoghi di nidificazione del Nord-Est europeo;

- evidenziare le date di maggiore presenza sul nostro territorio;   

- verificare lo status fenologico degli uccelli acquatici, in particolare in alcune aree del sud, del centro e del nord Italia.

 
Le informazioni per effettuare i rilevamenti, i moduli di rilevazione e l’elenco delle specie oggetto di rilevazione, sono visionabili alla pagina web: http://www.anatidi.it/angra/index.asp?id_pagina=ripasso. Inoltre per comunicare gli avvistamenti effettuati potrete utilizzare l’apposito form accessibile dal sito Anatidi.it alla pagina:

http://www.anatidi.it/varie/avvistamenti.asp, oppure inviando una mail a: [email protected], a cui potete chiedere qualsiasi informazione in merito allo studio.


3 commenti finora...

Re:Dal 1 febbraio i cacciatori impegnati nelle zone umide italiane

Avete rotto i [email protected]@@oniiiiiiiiiii lo volete capire di parlare di caccia................... e basta fare i compagnucci della parrocchietta a caccia dove e quando si può, NOI siamo i cacciatori,LORO sono quelli che bla bla bla paleartico kei,decaloghi vari e altro

da ZERO ASSOLUTO 30/01/2012 20.40

Re:Dal 1 febbraio i cacciatori impegnati nelle zone umide italiane

Attenzione a colloborare nela Lazio la rilevazione e colllaborazione dei cacciatori ha aiutato a chiudere la caccia nei dintorni dei laghi di Bracciano e Martignano . Laciando liberta di coscienza agli altri a me non mi fregano PIU' !!! Me ne vado altrove a caccia e mi faccio gli affari miei !!!

da MAURO Roma 30/01/2012 18.21

Re:Dal 1 febbraio i cacciatori impegnati nelle zone umide italiane

pensavo che questi studi li facevano gli animalari...ahahahaha,si ha fare scampagnate con trombe e fischietti ari ahahahaha,ha, ho capito,li fanno dietro un pc,ter ahahahaha.ciao Paolo,Massimo M.

da max 60 30/01/2012 15.40