Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Baggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio


giovedì 17 ottobre 2019
    

 
Ph Nicola Bassi
 
 
A commento di una cartina che mostra la presenza del Tordo bottaccio nel sud della Francia tra il 4-5-6 ottobre 2019 e, contemporaneamente, in Italia, l'Anuu Migratoristi formula alcune considerazioni:

"La linea migratoria lungo la costa atlantica della Francia si è spostata a causa delle cattive condizioni meteo che hanno deviato lo spostamento del Tordo bottaccio che giunge dalla Gran Bretagna e dalla Norvegia e Svezia. Ciò ha indotto la specie a dirigersi verso il centro della Francia e scendere lungo il Rodano per giungere nella costa meridionale e proseguire verso la Spagna.

La corrente migratoria che scende dall’estremo nord del Paleartico occidentale passando al sud dell’Europa centrale e trovando le Alpi Giulie prive di neve ha interessato il nord Italia per seguire l’abituale linea di migrazione che dalla Liguria va verso la Francia per dirigersi successivamente in Spagna, giungendovi cinque o sei giorni dopo il primo weekend di ottobre.

Contemporaneamente, una parte della corrente migratoria, sempre discendente dall’estremo nord del Paleartico, ha raggiunto la Grecia per dirigersi verso Cipro ed il Libano, quali territori di svernamento.
 
Per concludere il tentativo del nostro intervento esplicativo sulla migrazione autunnale del Tordo bottaccio si deve osservare che:

Il grande flusso migratorio di questa specie è partito, quasi contemporaneamente, dai lidi di nidificazione. Le condizioni meteo hanno spostato la linea migratoria atlantica verso il Portogallo, passando dalla Francia centrale. Le favorevoli condizioni meteo presenti nel sud Europa (dall’Italia alla Grecia) hanno permesso un’ottima migrazione lungo le due solite direzioni.
 
Ci si chiede, quindi, il perché di questa contemporanea e massiccia partenza dai lidi di nidificazione. Il prof. J.C. Ricci dell’IMPCF (Institut Méditerranéen du Patrimoine Cynégétique et Faunistique), secondo i rilevamenti effettuati nel territorio francese, ipotizza un inverno rigido. Sarà nostra cura controllare la migrazione anche del Tordo sassello e della Cesena che con i loro comportamenti potrebbero farci comprendere l’andamento climatico dei prossimi mesi. Chi volesse comunicare particolari segnalazioni o osservazioni nel merito può contattare la Segreteria centrale ANUUMigratoristi – Ufficio coordinamento tutela ambientale e ricerca ornitologica (tel. 035/243825 – e-mail: [email protected]
u.org)". 
 
 
Leggi tutte le news

15 commenti finora...

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Caserta, pochi tordi e allodole, chiedo come mai da anni sono sempre di meno?

da Enzo 18/10/2019 18.01

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Sud ovest Sardegna, come Calabria , pochi tordi, qualche Cesena, aspettiamo il grande passo. Ma purtroppo non piovet tutto arido. Speriamo che non faccia come l'anno scorso, visto i tordi in due giornate, e poi spariti nel nulla per tutta la stagione. In 30 anni di porto d'armi mai visto una cosa così. Ciao a tutti

da Bek 18/10/2019 17.52

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Zona Lazio (Roma-Latina)ad, oggi poco passaggio.

da Bruno Cinelli. 18/10/2019 8.17

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Oggi i Colombacci sono passati in Toscana

da Max 17/10/2019 21.50

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

In toscana niente né tordi né allodole né colombi, pare che abbiano fatto esplodere la bomba atomica!se và avanti così bisogna smettere!

da Francisco José 17/10/2019 21.24

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

La considerazione di un passo a macchia di leopardo lungo tutta la dorsale italica, ci fa affermare che siamo nel bel mezzo di un corridoio migratorio totalmente in mutamento. L’uomo stesso con incendi, serraggi, con la crescita di fitti boschi dove prima c’era macchia bassa. È cambiato tutto.....tutto!!!! Non dimentichiamo che è poi da circa 3 anni che la seconda decade di ottobre cade in luna piena il che favorisce i flussi nelle ore notturne! Detto ciò ..... riflettiamo tutti! Gli enti noti non hanno ancora dati ufficiali. Intanto dobbiamo quasi e dico quasi rassegnarci. Dal sud pontino oggi buona presenza anche se come ripeto a macchie di tordi e qualche allodola. Avvistati i primi frosoni, fringuelli in quantità. Un saluto cari amici !

da Zirlo95 17/10/2019 20.17

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

La Calabria ospitava migliaia di tordi.allodole ecc.oggi non esiste niente è cambiato il clima oggi ci sono 30 gradi.

da Artuso Fortunato. 17/10/2019 20.06

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Sud ottima presenza di tordi e allodole in circa una settimana di passo !!!

da Aaa 17/10/2019 19.40

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Dai via sono finite. Lo sapete anche voi. Un cacciatore serio non dovrebbe cacciare animali in estinzione

da Renzo 17/10/2019 19.29

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Renzo tu sei da chiudere nel manicomio senza nemmeno farti visitare

da Dottore di Renzo 17/10/2019 18.53

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

In Maremma nulla

da Lori 17/10/2019 18.16

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

Allodole finite caccia da chiudere

da Renzo 17/10/2019 18.07

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

le allodole al sud sono arrivate...

da max 17/10/2019 14.50

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

ispra non ha dati...............

da roly 17/10/2019 14.45

Re:Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccio

C'è anche un breve video che circola su internet che descrive il fenomeno della migrazione autunnale del paleartico. Da tutto questo sembra dimostrato che - contrariamente a quanto asseriscono i nostri detrattori ambientalisti - la nostra penisola è una realtà secondaria del fenomeno che anche per l'ostacolo delle Alpi fa passare il grosso dei contingenti a nord e a est dell'Italia, per raggiungere gli stazionamenti invernali nell'europa dell'Ovest (spagna Portogallo) e nel sud est del mediterraneo (Grecia, Africa e medio oriente). Chissà se Spina e quelli dell'Ispra ne sanno qualcosa.

da G. Bartali 17/10/2019 11.51