Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Cabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaAddio al Principe Filippo. Grande cacciatore e ambientalistaSolidarietà ad Ibrahimovic attaccato dagli animalistiReferendum caccia 842. Il commento delle associazioni venatorieCampania. "Al peggio non c'è mai limite"FACE: così i cacciatori tutelano i migratori acquaticiFidc: approvate linee guida sulle carni di selvaggina Umbria. Le squadre avanzano le proprie proposte sul cinghialeBattistoni dalla Tuscia al Governo dei Migliori: "sulla caccia occorrono passi avanti"Mondo venatorio unito contro episodi di bracconaggio nel casertanoFrancia. Asta di opere di DunchinCCT, tortora: l'importanza dei dati per la preaperturaTortora. Firmato progetto ricerca Fidc - Università di PisaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Slow Food: l'accordo sul clima non basta


domenica 16 dicembre 2018
    
 
 
Si è chiusa da poche ore a Katowice (in Polonia) la Conference of the Parties - COP 24, con un giorno di ritardo e un accordo raggiunto in extremis. I rappresentanti di 196 Stati, riuniti dal 3 dicembre scorso nell’intento di stabilire le regole vincolanti per l’applicazione dell’Accordo sul Clima di Parigi, hanno evitato un insuccesso che avrebbe avuto conseguenze “suicide”, secondo le parole usate dal Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Alla fine, un testo di 156 pagine definisce gli strumenti di monitoraggio con cui i paesi misureranno la progressiva riduzione delle emissioni di carbonio, il sostegno da dare ai paesi poveri per mitigare le conseguenze del cambiamento climatico già in atto e per avviare misure di transizione energetica, e i meccanismi di controllo della situazione globale.

Nata con un obiettivo piuttosto tecnico, questa COP si è caricata di un forte aspetto politico, dovuto all’allarme crescente suscitato dal rapporto degli scienziati dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) che ha constatato un aumento più veloce del previsto della temperatura del pianeta, e al fatto che Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita e Kuwait hanno unito le forze per impedire che la conferenza accogliesse pienamente i risultati dell'IPCC. L'Australia si è unita agli Stati Uniti in una celebrazione del carbone, e il Brasile ha segnalato il suo scetticismo climatico con Jair Bolsonaro ritirando l’offerta di ospitare i colloqui del prossimo anno. Una situazione paradossale, in cui un ristretto gruppo di paesi teneva in ostaggio gli altri 190, in totale disprezzo dei gravi rischi che i cambiamenti climatici stanno già facendo vivere all’umanità.

«In altri tempi e in un contesto ambientale meno preoccupante, avremmo forse potuto considerare positivamente l’accordo raggiunto a conclusione della Conferenza. Tuttavia, tenuto conto degli allarmi dell’IPCC, che si fanno ogni giorno più drammatici, e sapendo quanto i Governi tendano a stare al di sotto di quanto previsto da questo tipo di accordi, non possiamo dirci né soddisfatti né ottimisti»: è questo il primo commento di Slow Food, l’associazione internazionale presente in 160 Paesi del mondo, impegnata da oltre 30 anni sui temi del cibo, dell’agricoltura, dell’ambiente, dei diritti.

«A questo punto occorre fare pressione su tutti i Governi affinché si mettano immediatamente al lavoro per rispettare almeno gli impegni assunti a Katowice, con la speranza che questo possa creare condizioni migliori per gli accordi che si dovranno raggiungere alla prossima COP (che si terrà nel novembre 2019 in Cile). Al contempo è fondamentale che i cittadini, le imprese, la società civile, siano sempre più protagoniste della transizione urgente dall’attuale modello di sviluppo fondato sulle energie fossili verso un modello di economia decarbonizzata. Slow Food, anche attraverso la campagna Food for Change, invita a considerare il cibo, a partire dalle nostre scelte quotidiane, come primo strumento per il cambiamento: il nostro attuale sistema alimentare è tra le principali cause di emissione di gas clima-alteranti (e l’agricoltura è tra le prime vittime del cambiamento climatico), per cui attraverso scelte più consapevoli e responsabili possiamo tutti contribuire concretamente alla rapida inversione di rotta di cui ha bisogno il genere umano per garantire la propria sopravvivenza».
Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Non c'è appellativo più calzante di quello che si firma cazzate globali. Basta controllare tutti gli indicatori (demografici, economici, industriali, dei consumi, dell'energia ecc.) per verificare che tutte le curve s'impennano da circa un secolo e mezzo, dopo che per secoli e secoli avevano registrato incrementi poco significativi. Addirittura, negli ultimi sessanta-ottantant'anni in gran parte salgono in verticale. Non c'è bisogno di Zichichi per dimostrare che devi studiare un po' di più, caro cazzate globali.

da verità globali 18/12/2018 8.37

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Ma rifletti...se solo fossi meno i... e sfogliassi qualche buon libro ti accorgeresti che le specie in maggiore sofferenza e/o estinte sono quelle protette e super e non quelle oggetto di caccia. Come spieghi che alzando gli occhi al cielo vedi branchetti di fringuelli e non vedi quasi più branchetti di passeri? Posso assicurarti che allo spiedo sono entrambi gustosi ma anche assicurarti che sono due specie protette allora secondo te come spiegheresti questo fenomeno?

da curioso di sapere e conoscere 18/12/2018 3.12

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Se alcune speci lamentano la via dell'estinzione,è sicuramente perché la caccia ne ha ripopolato i cieli o le tane!!!! Ma come si fa a fare certe obiezioni pur di zittire la coscienza? PrendetevI le vs.colpe. Voi depauperate cieli e terra.

da Ma rifletti..... 18/12/2018 0.48

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Fake news. Leggete Zichichi in proposito.In epoche storiche Annibale varcò le Alpi con gli Elefanti. Il clima era più caldo. Il riscaldamento non è causato da attività umane.

da Cazzate globali 17/12/2018 21.32

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Bisogna agire prima che la cosa diventi irreversibile.

da jamesin 17/12/2018 18.31

Re:Slow Food: l'accordo sul clima non basta

Che forse si stiano accorgendo solo ora che la scomparsa di alcune specie o la loro rarefazione NON è colpa della caccia??????????????????????????????

da Fucino Cane 17/12/2018 12.59