Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

A Gradara i bambini imparano l'arte della falconeria


venerdì 8 novembre 2013
    
Massimo Lanatà Il Teatro dell'aria Torniamo a Gradara (PU) dopo poco più di un anno.  Avevamo lasciato Massimo Lanatnel bel mezzo dei preparativi per l'imminente inaugurazione del maestoso progetto Il Teatro dell'aria: un anfiteatro all'aperto che sorge accanto ad una delle rocche medievali più belle d'Italia in un paesaggio mozzafiato. Ma anche un parco dedicato ai rapaci,  organizzato per le visite di grandi e piccini, lungo un percorso didattico di avvicinamento all'arte della caccia con i falconi.

Oggi quel sogno è diventato realtà e Il Teatro dell'aria è già un successo, capace di incantare le folle con esibizioni spettacolari, che si tengono ogni giorno. Il complesso dell'organizzazione di Gradara fa molto di più che intrattenere con le evoluzioni dei rapaci,  studiate nel dettaglio con tanto di effetti speciali e suggestioni di luci e suoni. E' un vero e proprio progetto educativo - culturale, pensato per far conoscere la storia di questa antica arte, giunta fino a noi grazie alla passione di un illustre cacciatore del passato, l'Imperatore Federico II di Svevia, ma anche un centro di ricerca, dove raccogliere dati e studiare falchi, aquile, avvoltoi e gufi, mantenendo viva l'attenzione sul mondo dei grandi rapaci.

Massimo Lanatà, l'ideatore ed esecutore del progetto, è un vero falconiere professionista, che ai rapaci e alla falconeria (anche prestando la propria esperienza per operazioni di pubblica utilità, come il Bird control negli aeroporti)  ha dedicato tutta la sua vita. Con i suoi rapaci ha un rapporto speciale, fatto di sguardi e gesti di intesa perfettamente sincronizzati, che lasciano di stucco ogni spettatore nonappena uno dei suoi falconi si libra in volo, ma anche di enormi sacrifici che comporta la cura di ogni singolo esemplare. Il rapporto con i falchi, al di là della passione per questa forma di caccia, è anche una testimonianza diretta di un antico sapere, una tradizione, recentemente tutelata dall'Unesco, che dovrebbe quindi essere bagaglio culturale anche delle nuove generazioni.

Di qui l'idea di proporre visite guidate alle scolaresche, con laboratori didattici da integrare ai programmi scolastici, differenziati a seconda delle età degli studenti, basati su momenti di confronto e di gioco, oltre che sull'osservazione degli animali e  sullo studio delle loro caratteristiche biologiche.

“Solo la conoscenza può stimolare e sensibilizzare i giovani alla tutela della fauna selvatica
e alla salvaguardia dell’ambiente” dice il falconiere nella presentazione del progetto inviato alle scuole. Ai bambini vengono insegnate le abitudini e l'alimentazione dei vari tipi di rapaci, legate alle caratteristiche del territorio da cui provengono, le tecniche di volo e di caccia. Ampio spazio è dato alla storia della falconeria e a ciò che ancora oggi rappresenta nel nostro paese e nel mondo. I ragazzi hanno la possibilità di vivere un'esperienza unica e di conoscere gli animali per quello che sono realmente, in tutte le loro caratteristiche, predazione compresa. Il che li renderà certamente più consapevoli e forse aiuterà ad emanciparli da quei condizionamenti disneyani che hanno sfornato generazioni di neo animalisti cittadini che della natura, ormai, sanno solo quello che vedono in tv. I nostri complimenti a Lanatà e alle scuole che aderiranno all'iniziativa. 
 
 
 
 

Get Adobe Flash player Install latest flash player if you can't see this gallery.

 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:A Gradara i bambini imparano l'arte della falconeria

stupendo! Ci porterò i miei figli..

da Giulio P. 11/11/2013 15.30