Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
Mensile
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic4


04/12/2014 17.41 





Pur non potendo disporre di eccezionali mezzi finanziari e di molto tempo libero, grazie alla mia caparbietà e alla preziosa collaborazione di pochi ma sinceri amici ho avuto la fortuna d’inseguire tutta la selvaggina cacciabile in Italia e buona parte di quella europea. Di tutte le cacce che ho praticato, quella che mi ha maggiormente entusiasmato e di cui ho i ricordi più belli è la caccia al camoscio in alta montagna. Per uno come me, nato e residente in Maremma, potrebbe sembrare strano, ma vi garantisco che è proprio così. Credo sia la stessa cosa che succede a chi, dopo aver fatto un solo viaggio in Africa contrae la famosa “febbre”. A molti sicuramente sarà capitato, magari in occasione di un convegno, di una fiera o di una mostra di trofei, di trovarsi a scambiare le proprie esperienze con persone appena conosciute ma sintonizzate subito sulla nostra stessa “lunghezza d’onda”. E’ quello che accadde anche il giorno che mi trovai a discutere di caccia e di calibri con un gentilissimo imprenditore tessile biellese: Luca.

Eravamo concordi su molti degli argomenti trattati ed in particolare sulle notevoli doti balistiche del 7 mm Remington Magnum. Inevitabilmente il discorso scivolò su quale fosse il selvatico protagonista dei nostri sogni e, quando gli dissi che il mio era il camoscio scoppiò in una fragorosa risata. “Ma come, con tutti i cinghiali e i caprioli che avete in Maremma?” Gli raccontai con enfasi del primo camoscio che abbattei una decina di anni fa e della grandissima passione che avevo acquisito per la caccia in montagna. Sulla scia dei ricordi gli descrissi anche le mie ferie estive sulle Alpi e la continua e frenetica ricerca di occasioni che mi mettessero in condizione di cacciare il re delle vette.
Sorrise quando gli confidai la mia mania di arrivare all’inizio della stagione venatoria ben allenato, sempre in previsione di una ipotetica uscita in alta montagna. Ho scoperto a mie spese che c’è una grande differenza tra il camminare nella macchia mediterranea per un giorno intero e lo scalare le rocce anche per poche ore! Conoscevo Luca di fama ancor prima d’incontrarlo personalmente e quindi ero consapevole della sua signorilità. Sinceramente però non mi aspettavo che fosse tanto disponibile. Interruppe con garbo i miei racconti dicendomi che avrebbe appurato di persona se ero veramente in ottima forma fisica, invitandomi a partecipare ad una battuta di caccia al magnifico rupicapra nella sua riserva. Che non si trattasse di uno scherzo ne ebbi la conferma la settimana seguente, quando mi telefonò per definire la data dell’agognata partenza: metà novembre, in pieno periodo degli amori. Annullati in un attimo tutti i precedenti impegni iniziarono i preparativi. Grazie alla cortesia del Signor Domenico Gallo della Ditta Paganini di Torino, avevo finalmente realizzato una mia piccola stravaganza, abbandonando momentaneamente i miei gusti “classici” in fatto di armi, per diventare felice possessore di una futuristica carabina “ ognitempo”.
 
La mia scelta era caduta sulla Remington modello 700 BDL Stainless Synthetic in polimeri ed acciaio inox, corredata di attacchi e ottica X-II 4-12 con correttore di parallasse (ottica variabile e a forte ingrandimento, anche se preferisco strumenti fissi non superiori agli otto x). Visto l’utilizzo che mi ero prefissato di farne, guarda caso proprio la caccia al camoscio, il calibro non poteva essere altro che lo stracollaudato 270 Winchester. Le magliette Uncle & Mike (sempre inox), una praticissima cinta in cordura nera (ricordo di un recente viaggio in Svezia) il bipiede  e i coprilenti  completavano la dotazione.

Alla vigilia della partenza infilai nel borsone un completo da montagna, un paio di scarponcini  e il mio immancabile cappello, mentre nello zaino stipai con cura il minimo indispensabile: il binocolo  8 x 42, un poncho, biancheria di ricambio, coltelli, un paio di sacchi di plastica, qualche metro di corda di nylon, un kit di pronto soccorso e una piccola giberna per dieci colpi. Speravo di non tralasciare nulla, perché ero intenzionato a fare una bella figura. Non avendo mai avuto l’occasione di visitare l’Alta Valsesia e quindi non conoscendone le caratteristiche, addentrandomi in macchina nella Val d’Egua rimasi letteralmente affascinato da quello splendido angolo di paradiso. Ero arrivato nella terra dei Walser, i pastori vallesani che a cavallo tra il 1300 e il 1400 diedero vita alla più ardita colonizzazione delle Alpi. Immaginai che il paese di Carcoforo in inverno, con i suoi caratteristici tetti innevati, assomigliasse ad un presepe; chi lo ha definito il “villaggio ideale” non ha certo esagerato. In quell’occasione venni accompagnato da mia moglie che fu entusiasta della breve ma intensa vacanza.

Spero che mi perdonerete se per rivivere quella indimenticabile avventura passerò al tempo presente, in modo tale da sentirmi maggiormente protagonista. E’ risaputo che per cacciare il camoscio non sono necessarie delle levatacce, ma io quando devo andare a caccia se non parto da casa almeno un’ora e mezza prima che sorga il sole non mi diverto. Guarda caso anche Luca la pensa allo stesso modo (non a caso siamo sulla stessa “lunghezza d’onda"!). Partiamo salutati da un cielo terso e stellato che ci preannuncia una bellissima giornata. Ci guida Giuliano, guarda caccia di infinita esperienza, instancabile arrampicatore e cacciatore da sempre. Si capisce subito che è animato da un profondo amore per le sue montagne. In seguito si dimostrerà anche oltremodo cordiale e simpatico. Lasciata la macchina sulla strada provinciale, zaini ed armi in spalla, cominciamo subito a salire. Il dislivello mi mozza il fiato, occorrono diversi minuti prima che riesca a regolarizzare la respirazione. La temperatura è di qualche grado sotto lo zero; l’erba gelata scricchiola sotto i nostri scarponi. Procediamo in silenzio con un’andatura abbastanza veloce, senza incertezze, spesso dobbiamo aiutarci anche con le mani. Giuliano apre la fila seguito da me e da Luca. Dopo aver percorso poche centinaia di metri, abbiamo già avvistato quattro caprioli ed un fugace camoscio. Come dice quel detto? “ Il buon giorno si vede dal mattino” Io sono in preda ad un entusiasmo degno di un novellino, mentre i miei due compagni si scambiano, frequentemente e sorridendo, delle fugaci occhiate. Bah! Chissà cosa pensano? La mia curiosità viene ben presto appagata, quando dopo circa un’ora di marcia, silenziosissimi, ci affacciamo in una piccola valle. Il cuore mi salta di qualche battito. In bella mostra, come se fossero stampati sopra una cartolina, un grosso branco di camosci pascola ignaro della nostra presenza. Saranno almeno una cinquantina, ce ne sono di tutte le classi di età. Luca alle mie spalle mi chiede cosa ne penso della loro Riserva, ma sinceramente non ho né la voglia né le parole giuste per rispondergli, perché in un momento come quello rompere il silenzio sarebbe un sacrilegio. Mentre Giuliano posiziona il suo  20-60, mi godo avidamente quello splendido spettacolo, alternando la visione degli animali con il binocolo e con l’ottica della carabina ben più potente come ingrandimenti. Sono praticamente tutti a tiro, tra i 160 e i 280 metri, Luca al telemetro (benedettissima invenzione) ci aggiorna di continuo. Il guardia è soprattutto un professionista e si comporta come tale. Sposta instancabilmente il lungo senza proferire parola. Soltanto dopo alcuni minuti sentenzia che nessuno di quei camosci risponde alle caratteristiche del capo che stiamo cercando. Senza perdere altro tempo Giuliano ripone il prezioso strumento ottico nello zaino, smonta il cavalletto e ci invita a seguirlo. Riprendo a salire deluso, ma fiducioso. Non sono neanche le otto e trenta. Camminiamo con maggiore circospezione, ora siamo proprio nel regno dei camosci ed è tutt’altro che remota la possibilità d’incontrare l’animale giusto. Aggiriamo la montagna per scorgere un tratto della stessa valle che prima non riuscivamo a vedere. Giuliano riposiziona il lungo mentre indica una roccia sull’altro versante della conca. Seguendo le sue indicazioni vediamo un gruppo di femmine che con i loro piccoli brucano tranquille ma senza nessun maschio nelle vicinanze. L’amico Valsesiano conosce i camosci della riserva uno ad uno e sa quel che fa. Mi invita a preparare la mia Remington perché un buon becco “deve” pur esserci nelle vicinanze. Apro il bipiede ed imbraccio la carabina sdraiato sull’erba umida, aspettando speranzoso. Non passano tre minuti che arriva un maschio. “Eccolo!!” esclama Giuliano “Quello è il nostro capo. Quando sei pronto puoi sparare”. Luca al telemetro mi sussurra la distanza: “Duecentocinquantaquattro metri”. Lo cerco nell’ottica ma non riesco a trovarlo. E’ vicino ad una femmina adulta e quasi si confonde, così ruoto la ghiera  sui quattro ingrandimenti per avere il massimo campo visivo e una volta che l’ho individuato con certezza, zummo posizionandogli contro la spalla il reticolo a dodici ingrandimenti. E’ bellissimo. Fiuta l’aria a bocca aperta assaporandone l’usta. Non perdo tempo a fare troppi conti matematici. La mia 270 Winchester è tarata a duecento metri e a livello del mare; a quella distanza e a quota milleotto il calo non dovrebbe superare i 7-9 centimetri. La Nosler Ballistic Tip da 130 grani impiegherà meno di tre decimi di secondo per raggiungere il bersaglio. Per abitudine cerco sempre di non stare troppo tempo in punteria, si affatica la vista e si perde la concentrazione. Quando sono certo di essere perfettamente immobile ed il reticolo è esattamente dove voglio che sia, sfioro il grilletto. Il camoscio crolla sul posto per poi rotolare subito dopo dietro un cespuglio di rododendro. Non lo vediamo più e per precauzione ricarico velocemente camerando una nuova pallottola e mettendomi in tasca il bossolo sparato. Giuliano è il primo a riscuotersi dandomi una pacca sulle spalle “ Bel tiro, ma adesso cominciano i guai. Dobbiamo aggirare di nuovo la valle per raggiungerlo”. Luca, inaspettatamente, riceve il mio più caloroso abbraccio.

Il recupero si dimostra più impegnativo del previsto ma alla fine anche questo contribuisce a rendere indimenticabile la caccia. Prego l’amico guardacaccia di lasciarmi raggiungere il camoscio per primo e da solo, per godere a pieno l’intimità di quei magici momenti. Lo trovo adagiato sul fianco dove lo avevamo visto scomparire, vicino al rododendro. E’ uno stupendo esemplare dal trofeo forte e regolare, forse un tantino stretto, ma pur sempre meraviglioso. Ha un manto folto e nero con le “briglie” ben marcate e il suo odore testimonia che era in pieno estro. Quando arrivano gli altri, Luca esegue correttamente il nobile rito del Waidmannsheil porgendomi il Bruch, mentre Giuliano prima marca il selvatico con l’apposita fascetta al garretto e poi ne valuta l’età: sette anni. Il trofeo verrà in seguito valutato 94,75 punti. Lo pulisco io e poi lo nascondiamo a riparo da gracchi e corvi dietro ad una roccia. La giornata è ancora giovane e chissà cos’altro ci riserverà? Adesso tocca a Luca, il suo piano di prelievo prevede anche l’abbattimento di una femmina senza piccolo e di uno Yarling. Ci attardiamo ancora pochi minuti per consumare un frugale pasto per poi riprendere la cerca con rinnovato entusiasmo. L’ordine di marcia è cambiato. Giuliano procede per sentieri soltanto a lui noti, segue Luca con in spalla la sua Sako calibro 7 mm RM ed infine il sottoscritto, col morale alle stelle, chiude la fila.

Camminiamo in quota per un paio d’ore vedendo e visionando molti altri camosci ma senza purtroppo trovarne uno della classe desiderata. La riserva ne è comunque ricca, grazie anche alla ottima gestione e al rispetto dei piani di abbattimento. Il buon umore generale non è minimamente condizionato dal momentaneo insuccesso; la giornata è splendida, il cielo sembra cobalto ed il paesaggio è da favola. Se oggi Luca non spara non sarà certo un problema. La caccia continua con l’infaticabile Giuliano che alterna di continuo lunghe sedute al binocolo ad altrettante, ben più accurate, allo specktive. Due camosci che si muovono lentamente sull’altro versante della valletta dove ci troviamo, sembrano aver attirato tutta la sua attenzione. Dopo un attentissimo esame, che si protrae per alcuni minuti, il guardia è finalmente certo della sua diagnosi. Sono entrambe femmine adulte senza piccolo, perfette al nostro scopo. Quella di destra si presenta meglio al tiro. Luca con movimenti lenti ma coordinati si mette in punteria. Posiziona la Sako sullo zaino per prendere accuratamente la mira attraverso il 10 x 42. Adesso che i ruoli sono invertiti il telemetro lo uso io. Gli comunico la distanza: duecentoquindici metri esatti. Passano pochi secondi durante i quali Giuliano ed io teniamo sotto controllo con i nostri rispettivi binocoli la camozza, intanto Luca regola la respirazione.

Il colpo parte inatteso fulminando l’animale. La centoquaranta grani RWS ha fatto un ottimo lavoro. Adesso si che possiamo dare sfogo a tutta la nostra gioia. Segue il solito copione già visto molte volte. Il recupero è facile e le fotografie si susseguono numerose. Anche la sua camoscia è un bellissimo capo. Da un primo esame degli organi riproduttori ipotizziamo che forse potrebbe essere stata sterile. Gli attribuiamo nove anni ed anche il suo trofeo è sui novanta punti. Come d’incanto, nelle mani di Luca, appare una bottiglia di vino rosso pregiato. Un bel brindisi è d’obbligo.

Dopo il piacere c’è il dovere; dobbiamo organizzarci per il rientro. Siamo in tre con due robusti capi da trasportare a valle. Approntiamo una strategia che si dimostrerà vincente. Io trasporterò il mio camoscio nello zaino, Giuliano la femmina nel suo, mentre Luca si accollerà l’onere di trasportare tutte le nostre attrezzature. Quando si è allegri la stanchezza grava molto meno. Arriviamo in paese che sono appena le quattordici, ancora in tempo per il pranzo. Alla trattoria “Il laghetto” ci aspetta tutta Carcoforo. Quella accoglienza mi commuove. Lasciamo i camosci all’Ufficio Caccia dove verranno misurati e pesati per riportare i dati biometrici sopra un’apposita scheda. Poi raggiungiamo gli amici, primo tra tutti il Sindaco: Vittorio, che con trepidazione aspetta di conoscere l’esito dei due colpi che hanno disturbato il silenzio ovattato della sua valle incantata. Tutti insieme riviviamo ogni singolo attimo di quella stupenda mattinata, saziandoci il corpo e lo spirito con le specialità della montagna e con la genuina amicizia dei suoi indomiti abitanti. Al pensiero di lasciarli mi viene un nodo allo stomaco. Spero soltanto che la vita mi conceda ancora giornate come questa.

Voglio ringraziare i miei amici Valsesiani, Giuliano, Vittorio, Marco, Stefano, Massimo, Roberto e tutti gli altri. A Luca va invece tutta la mia gratitudine per aver reso possibile quella splendida avventura. Lo aspetto tra breve in Maremma per consolidare il nostro “gemellaggio” con una folcloristica Grande Battuta al cinghiale. Come andrà a finire? Ve lo farò lo sapere prossimamente.
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.26
Aggiungi un commento  Annulla 

26 commenti finora...

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Per favore ho necessità di contattare la segreteria di BigHunter: chiedo istruzioni per come fare (numero telefono oppure sito e-mail, grazie. Distintamente, Antonio - Romania

da Antonio, Romania  30/12/2014 19.02

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Chiedo scusa per la richiesta strana, ma per vorrei chiedere al sig, Marco Benecchi se è ancora reperibile una copia della rivista da lui curata della serie "Gli Speciali di Action Arms" inerente i "Calibri Americani" che sto cercando in quanto m'interessa e se per cortesia mi indica dove rivolgermi, Grazie, distintamente, Antonio -

da Antonio - Romania  19/12/2014 14.38

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Ciao Marco,

l'azienda del sig. Tosti è proprio vicino casa mia, passerò da lui nel pomeriggio.

grazie per la disponibilità e Buon Natale a tutti i cacciatori.

da roberto 85  18/12/2014 15.27

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Ciao Marco,
Complimenti per l'abbattimento, purtroppo ho poca esperienza con le ultime novità in fatto di canna liscia.
Io sono rimasto alle "vecchie" Gualandi che uso SOLO quando mi capita di trovare un cinghiale con gli Jagd o con i cani da ferma.
In battuta USO ESCLUSIVAMENTE da oltre trent'anni SOLO la canna rigata!!!!
Le Paradoss (Che non credo siano destinate a canne raggiate tipo Paradox) mi sembrano molto futuristiche,
Ma purtroppo forse ti capiterà di provarle meglio di me.
Un caro saluto
Marco

NB in compenso posso dirti che con le Hornady SST da 150 - 165 grani in calibro 308 e 30.06 e le TIG - Uni Classic, non va via un cinghiale!!!
Di qualsiasi peso a tutte le distanze!!
Ho fatto una scofa oggi da oltre 100 mt e un verro sabato forse anche da qualche cosina in più.....

da Marco B x Marco  17/12/2014 19.02

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Anche se non in argomento, anche se con un certo anticipo ... AUGURONI a Marco ed a tutti i Lettori del Blog.
Bopi

da Bopi  16/12/2014 16.53

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Marco vorrai scusarmi se sono fuori argomento, ma conosci la cheddite paradoss?? Domenica ho sparato ad un verro di 115 kg a circa 25 metri, la palla lo ha attraversato dalla testa al prosciutto fuoriuscendo. La cosa mi ha molto impressionato. Volevo una tua opinione. Grazie

da Marco  16/12/2014 10.25

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

x cincillà. non è sempre cosi "poetico" quando inizia a piovere a duemila metri devi stare attento a dove metti i piedi per non finire in ospedale. Se invece nevica, sul serio, devi rientrare subito se no rischi di non ritrovare neppure la via di casa, sulle cime occhio alle valanghe specialmente quest'anno che la neve è poca e fragile , poi il freddo, la nebbia, il buio , la poesia è bella ma la montagna non è per tutti .Buon Natale.

da Peter  16/12/2014 8.44

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

concludendo: la "leggenda metropolitana" della rarefazione dell'aria e il conseguente alzo della traiettoria di tiro e una BUFALA INCREDIBILE. Weid.

da mario  11/12/2014 17.23

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Concordo con Flagg. Se si parte da tarature al livello del mare (o poco superiori) e si va in montagna in Europa ci sono due fattori differenti: la temperatura scende (aumentando la densità dell'aria) e la pressione atmosferica scende (riducendo la densità dell'aria). Il risultato è una traiettoria uguale a quella al mare. Diversa è la situazione del cacciatore scandinavo che azzera al livello del mare e a temperature fredde (-10 -15°C) e va a cacciare l'aoudad in Nord Africa a 2000m e +25°C.
L'errore in altezza può essere dovuto ad altre cause: angolo di sito, imbracciatura diversa dovuta al vestiario, posizione della testa (e dell'occhio) variata a causa di altri fattori (fra cui sito e vestiario).
Sono errori che abbiamo (me compreso) fatto in tanti. L'imporatnate è imparare dagli errori, perchè a imparare dalle cose ben fatte sono capaci tutti.

da bansberia  11/12/2014 16.13

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Grande Marco, bel racconto. Ho avuto il privilegio di vivere emozioni analoghe in Slovenia. La caccia al camoscio, anche per l´ambiente in cui si svolge, è davvero unica. Il vento gelido che taglia le vette innevate, l'ombra nera che appare tra gli abeti, il profondo silenzio squarciato dal tuono del fucile, il cuore in gola...e poi di nuovo il silenzio e i fiocchi di neve che si adagiano sul corpo del maestoso camoscio, vero Re delle cime...

da Cincilla natalizio  10/12/2014 20.44

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

volevo ben dire che non succede nulla. Quando leggo o sento queste assurdità mi viene da ridere io la chiamo la balistica da bar sport! In realtà ha scritto bene Flagg, cambia poco o quasi niente. Tornado ai camosci credo che oltre i 1800 metri ci vadano in pochi in inverno mentre per le marmotte ( settembre) si può anche arrivare oltre i 2000 ma cambia molto poco. Non per sollevare discussioni, ma solo per fare chiarezza quando il solito cacciatore di pianura viene "travisato" con queste teorie che rischiano solo di far finire il colpo fuori bersaglio. Weid

da mario  10/12/2014 14.18

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

strana cosa. Io vivo in montagna e vengo in Appennino ( molto speeso) ma non ho mai toccato nulla della mia ottica e la palla va sempre dove voglio io. certo 10 cm a marmotte per la rarefazione dll'aria mi sembra esagerato però se lo dici tu.

da Mario  10/12/2014 8.30

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Bans,
MARSILIANA è pur sempre una RISERVA Privata, quindi può cacciarci chiunque, purchè munito di porto d'armi in regola e di tesserino regionale di appartenenza
Vieni tranquillo quando vuoi!!!
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x BANS  09/12/2014 20.28

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Caro Mario, mi spiace ma devo smentirti e, credimi, perchè ho fatto DIVERSE PROVE IN PROPOSITO.
Una volta sono andato a caccia di Marmotte in Austria col 222 PERFETTAMENTE TARATO a 200 metri
Il proprietario della riserva insistette molto per farmi ricontrollare l'arma in quota...
AVEVA RAGIONE Tirava 10 cm alto
Stessa cosa col 243 e col 270.
il 257 e il 270 weath somo molto più tesi.
La rarefazione dell'aria e/o la diversa densità, la salinità non sò, magari anche la temperatura credo che contribuiscono molto.
Saluti
Marco

da Marco Benecchi x Mario  09/12/2014 20.26

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

scusa ma le teorie del calo in quota a me fanno morire dal ridere. 7/8 cm ?? a 250 metri??? io non voglio mettere in discussione la tua esperienza ma a 250 metri in pianura , in collina , in montagna non cambia NIENTE. tiri nel mezzo. fine della storia. Bel racconto.

da Mario  09/12/2014 17.41

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Caro Marco, l'invito mi lusinga ma visto che viviamo nella patria dello storto e dei dritti ( enon del diritto come dice qualcuno) è meglio esser prudenti. Io caccio in zona Alpi e quindi la zona non-Alpi mi è preclusa. Ci vedremo a qualche fiera.

da bansberia  09/12/2014 15.07

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Caro Bans,
la mail non l'ho letta perchè mi arriva sul PC del lavoro ed ora sono "ovviamente" un po' in ferie..........
IL RACCONTO RISALE A QUALCHE ANNO FA.............................
Poi fu la volta del 257 Weat che ritengo uno dei migliori calibri mai concepiti per la caccia alla media selvaggina a lunga distanza
Ed ora vado a camosci quasi esclusivamente con 270 Weat Mag perchè l'ho camerato in una "piuma", la Weath Mark V Ultralight.
Col 7 mm RM ne ho abbattuti due soltanto e sempre in Slovenia.
Ora lo uso ESCLUSIVAMENTE per il daino, come il 243 per il capriolo, il 308 e il 30.06 per il cing, l'8 x 68 x il cervo.
E i vari 300 Winc e Weat e i 9,3 x 74 e x 62 per i grossi selvatici dall'orso in su...

Se riesco a farmi coraggio in privato ti racconterò cosa ho combinato l'altro sabato..
il 29!!!!!!
Un abbraccio
Marco

NB
SABATO PROSSIMO, il 13 si farà una bellissima battuta alla MARSILIANA (vicino Albina - Capalbio GR).
Chi fosse interessato a partecipare me lo faccia sapere.
si caccia nella riserva dei Principi CORSINI, ma è LIBERA, non esistono recinzioni.
Modugno ci ha giarato diversi films

Ariciao

da Marco x Bansb  06/12/2014 17.55

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Weidmannsheil per l'abbattimento e per l'eccellente resoconto. Premesso che il 270 Winchester ti ha lavorato perfettamente ad una distanza non proprio "da baionetta", riesci a spiegare perchè hai lasciato a casa il 7 Remington? Avevi il fucile col mal di pancia o si tratta di una scelta meditata?
Ancora Weidmannsheil e Buone Feste.
P.S. Ti ho mandato un messaggio privato, ma forse non hai avuto tempo di aprirlo. Quando puoi fammi sapere cosa pensi.

da bansberia  06/12/2014 12.45

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Bellissimo racconto Marco! Vi si intuisce tutta l'essenza e la semplicità della montagna, della sua gente e della caccia in essa praticata. Bravo!

da 100%cacciatore  05/12/2014 20.40

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Credevo tu abitassi sulla LUNA.
Io disto da Rieti 150 km.
E ricarico x molti amici di Rieti.
La prossima volta che viene a trovarmi qualcuno te le mando io una cinquantinna di SST da 150 grani fatti a mestiere.
Intanto puoi prendere contatti con Gianni Tosti, quello di Tosti legnami, lo conosci?
Saluti
Marco

da Marco BENECCHI x Roberto  05/12/2014 18.03

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Buona sera Marco,

come sempre gentile ed esaustivo nelle risposte.
Io personalmente, non ho la competenza necessaria in merito alla ricarica, e qui, dalle mie zone (Rieti) non conosco nessuno "realmente competente". Preferisco comprare le commerciali. Proverò adesso le Hornady Superperformance SST da 150 grani.
Grazie mille Marco

Saluti Roberto

da roberto 85  05/12/2014 15.15

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Caro Roberto,
Io ti consiglierei di farti ricaricare un po' di cartucce da un tu amico ricaricatore competente.
Altrimenti, tra le commerciali mi piacciono nell'ordine:
Hornady Superperformance SST da 150 grani
RWS ex TIG ora UNI Classic da 150 grani
Se le trovi anche le Remington Bronze Point da 150 grani
Winchester Silvertip da 168 (che conosci già)
Seller & Bellot SPCE da 150 grani
Winchester Power max da 150 grani
Federal con palla Ballistic Tip da 150 grani
Idem Norma
Per ora non mi viene in mente altro
Fammi sapere.
Ciao
Marco

da Marco x Roberto 85  05/12/2014 13.01

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Carissimo Flag,
il mio Jack, su 5 volpi che incontra 2 - 3 le fa fuori!!!!
Senza perdere neanche troppo tempo.
Se hai occasione di sentire il sig. BAZZANI SAURO, il titolare della BS PLANET il "padre" dei famosi collari localizzatori GPS, dovresti farti dire quanti collari mi ha riparato e/o cambiato perchè rovinati da morsi di volpi e zannate di cinghiali!
La mia linea di sangue è selezionata per GROSSA SELVAGGINA.
Sono terrier molto forti e robusti, ma in tana dovrebbero saper dire la loro!!
Dal capriolo al cervo te li do garantiti!!!
Un caro saluto
Marco

da Marco x Flag  05/12/2014 12.09

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Buongiorno Marco,
come sempre emozionanti i tuoi racconti. Ti scrivo avere un tuo parere,
come da tuo consiglio, nella mia Browning 308, equipaggiata con Docter 3, ho scelto le munizioni Winchester Ballistic Silvertip da 168 gr, ottime prestazioni sia sui piccoli che su bei verri, adesso però, ho difficoltà nel reperire queste munizioni. Ti chiedo un consiglio su quale tipo di munizione può essere assimilabile alle Silvertip. Le winchester xp3 da 150 gr sono una buona scelta??? Aspetto un tuo prezioso consiglio.
Saluti

da Roberto85  05/12/2014 9.02

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Il tempo quando serve si trova.
DEDICO TUTTE LE MIE FERIE alla caccia. Sabato e domenica non lavoro.
Alle 15,30 ho finito il mio turno, poi c'è da dire che mi alzo da quarant'anni alle 5,30.....
L'importante è pianificare bene qualche che si fa e/o quel che si vuole fare.
La Famiglia? Figurati che io ho il laboratorio da Armaiolo a 5 metri dalla cucina quindi forse ci stò anche troppo vicino a mia moglie.
Sicuramente s'intende di armi, calibri, ottiche, attacchi, accessori più lei di molte persone che vengono a trovarmi!!!
Per la ricarica del tuo 7 x 64 vedrò di studiarmene una ad Hoc!
Come ben sai non mi fa impazzire.
Scelta di palla da 150 a 160 grani...
E' la canna corta che mi da da pensare.
Ti farò sapere. Adesso sono alle prese con la pioggia e con la JAGD TERRIER che mi ha partorito!!!

PIUTTOSTO ne ha fatti 5. Uno lo terrò mentre gli altri quattro dovrò darli via.
senti qualcuno se è interessato. SONO FIGLI DI JACK....
A buon intenditore!!!
Un caro saluto
Marco e ............... VIVA IL 270 Winchester!!!!!

da Marco B x Paolo  05/12/2014 7.31

Re: CACCIA AL CAMOSCIO IN ALTA VALSESIA

Complimenti.. belissima avventura, bellissimo posto, ma soprattutto bel racconto... forse uno dei più belli che io abbia letto...
Marco scusa, ma dove lo trovi il tempo per lavorare,leggere e documentarti, andare a caccia, accompagnare la gente a caccia nei tuoi territori, accudire e allenare i tuoi cani,non trascurare la famiglia, scrivere ottimi articoli di caccia e mantenere e curare la tua corrispondenza elettronica? Complimenti davvero... io a stento riesco a trovare un giorno a settimana per andare a caccia e poi lavoro e casa...
Cmq ottimi tiri... soprattutto il tuo con la 270 win... forse avevi ragione... era meglio se prendevo una 270....
Che ricarica useresti per la mia 7x64 stutzen?

da Paolo79 x Marco  04/12/2014 21.54
Cerca nel Blog
Lista dei Blog