Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<maggio 2022>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen3


03/01/2022 10.12 

 
 
 
Il 224 Weatherby Magnum è il più piccolo tra i tanti calibri ideati del geniale Roy Weatherby. Weatherby non era un grande amante dei piccoli calibri, anche se iperveloci, ma sulla scia dei successi ottenuti da tutti gli altri membri della sua fortunata famiglia di munizioni, decise di realizzare anche lui una cartuccia calibro .22 denominandola .220 Weatherby Racket. I valori velocitari ottenuti dal nuovo impianto balistico erano molto elevati, ma non eccezionali, specialmente se paragonati a quelli erogati dal calibro al quale si era inspirato: il 220 Swift. Allorché Weatherby, nel lontano 1963, modificò nuovamente il suo progetto, fino ad arrivare alla cartuccia che oggi conosciamo come il .224 Weatherby Magnum. Roy riuscì quasi ad eguagliare le prestazioni della munizione presa a modello, utilizzando un bossolo “belted” cinturato, concettualmente più moderno e soprattutto di dimensioni molto più contenute. Ho deciso di dedicare uno studio al 224 WM perché essendo un calibro quasi sconosciuto in Italia e pochissimo usato per la caccia, è invece in grado di dare moltissime soddisfazioni agli appassionati di armi rigate, specialmente a chi ama dedicarsi esclusivamente alla caccia al capriolo ed al camoscio anche a distanze elevate. La mia simpatia per i piccoli calibri da caccia non è mai stata un segreto per nessuno, perché abbattono pulitamente senza sprechi e senza eccessi e sono camerati in armi leggere e compatte. Durante una mia vacanza a Ortisei in Alto Adige, scoprii che il proprietario dell’Hotel dove soggiornavo, era anche un validissimo cacciatore di montagna. Quando immancabilmente gli chiesi quale fosse il suo calibro preferito, lui mi rispose con palese orgoglio: “Uso anche con un 270 Winchester, ma mi trovo molto bene con il 224 Weatherby Magnum!”. Mi mostrò la sua bella carabina, che riconobbi subito come una Weatherby Varmintmaster Deluxe Mark V, la stessa che compare imbracciata dal compianto Franco Berti nella copertina dell’ottava edizione del bellissimo catalogo “Caccia a Palla” edito dalla Bignami.
 
 

Volendo elencare alcuni dei tanti pregi del piccolo, grande calibro in oggetto, potremmo dire che è estremamente preciso, che viene camerato in armi belle, robustissime, esclusive e leggerissime, che ha un rinculo quasi inesistente, che possiede una traiettoria tesissima e che è sufficiente ad abbattere anche un robusto camoscio fino a trecento metri di distanza. Ne sanno qualcosa molti appassionati tiratori e cacciatori d’Oltreoceano, che subito dopo la fine della prima Guerra Mondiale iniziarono degli studi sui piccoli calibri iperveloci, quelli che erano in grado di superare i fatidici mille metri al secondo. Negli anni trenta giravano molte munizioni artigianali (i famosi Wildcat) calibro .224”, ma la più potente e diffusa era la 220 Swift. I primi caricamenti di quel piccolo mostro di potenza facevano raggiungere ad una palla da 50 grani gli straordinari 4000 piedi/sec, uguali a circa1220 m/s! Una velocità così elevata, erogata in canne costruite con degli acciai non particolarmente pregiati, provocò delle sconvenienti e precoci usure delle rigature, tanto che presto l’entusiasmo suscitato dal calibro più veloce del mondo scemò. Ma ormai il danno era fatto, perché molti cacciatori americani avevano cominciato ad apprezzarlo per la caccia ai nocivi nelle loro sterminate praterie. Così, i maggiori produttori di armi e di munizioni statunitensi si rimboccarono le maniche e ripresero gli studi interrotti.
 



Da quelle ricerche nacquero splendidi calibri come il 222 Remington, il 222 Remington Magnum, il 223 Remington, il 22-250 R ed appunto il 224 Weatherby. Questa munizione non deriva da nessuna altra esistente e, a distanza di quasi cinquant’anni dalla sua nascita, e nonostante le sue ottime qualità balistiche, rimane uno tra i calibri .22 (5,56 millimetri) ad alta intensità meno conosciuti. Un vero peccato, perché il 224 WM è una munizione equilibrata, precisa, costante e che possiede una capacità lesiva incredibile. Un’altro motivo della scarsa diffusione del piccolo calibro Weatherby deve essere attribuito anche a motivi di carattere economico. Perché, indipendentemente dal costo esagerato della munizione, bisognava considerare anche quello dell’arma. Negli anni settanta, una Weatherby MK V calibro 224 costava più del doppio di una Winchester 70 o di una Remington 700 in calibro 22-250. Se nel suo paese d’origine il 224WM viene ancora usato per il Varminting, la caccia ai nocivi, è in Europa che trova il suo vero impiego pratico. Grazie alla nutritissima gamma di palle con cui “potrebbe” essere caricato (che vanno dalle minuscole 40 grani alle energiche 70 grani, con relative energie erogate alla bocca comprese tra i 2100 e i 2300 joule) il 224 WM è sufficiente sia per la caccia ai corvidi sia per quella al camoscio in alta montagna, ma purtroppo, come spesso accade per tutti i piccoli calibri veloci, il suo impiego e le sue prestazione sono inesorabilmente condizionati dagli agenti atmosferici come vento e pioggia e dalla scelta del peso e del tipo di palla. E’ infatti impensabile utilizzare delle palle leggere per la caccia al capriolo o al camoscio, come nessuno si sognerebbe mai di sparare ai galli forcelli e ai cedroni con delle normali HP o SP e così via. Avete mai visto gli effetti provocati da una piccola palla espansiva spinta ad altissima velocità, quando colpisce un selvatico di piccole dimensioni a pelle tenera? Il proiettile appena raggiunge il bersaglio esplode. Gli americani che cacciano i cani della prateria chiamano questo fenomeno la “nube rossa”. Non credo sia necessario spiegarne il motivo. Chi già possiede una carabina in questo calibro o magari è intenzionato ad acquistarne una usata non dimentichi questo fatto e stia molto attento al tipo di palle che ci spara e soprattutto contro cosa le spara. Tirare ad un capriolo o ad un camoscio con delle palle troppo fragili può causare delle vistosissime ferite superficiale che magari, non interessando organi vitali, provocano lunghe, inutili e inaccettabili sofferenze al selvatico. Per la caccia ai selvatici da piuma pregiati, come focelli, cedroni e otarde, e per la caccia agli animali da pelliccia come castori e volpi, è tassativo utilizzare delle palle FMJ - VM completamente incamiciate, mentre per la caccia a selvatici più grandi, come appunto caprioli camosci e piccole antilopi, opterei per delle palle di buon peso, 55-60 grani (che raggiungono facilmente i 1100 m/s) ad espansione controllata.
 



Purtroppo, come tutti i calibri Weatherby, anche la 224 WM è una Proprietary Cartridge, cioè una cartuccia sviluppata e messa in commercio dalla Weatherby (prodotta su licenza dalla svedese Norma) espressamente ed esclusivamente per le loro armi. Originariamente era offerta in due soli caricamenti, ambedue con palla da 55 grani SP: uno con le Nosler ed uno con le Hornady, mentre attualmente ci risulta che l’unica munizione commerciale ancora disponibile sul mercato sia il caricamento originale con palla Hornady SP da 55 grani (codice 15741-810143). Detto ciò, mi sembra ovvio che chi possiede una bella Varmintmaster e vuole anche usarla, deve ricorrere alla sana ricarica casalinga. Tutti i componenti e tutti gli accessori sono facilmente reperibili. Le polveri ideali per questa munizione sono quelle di media vivacità e per la scelta degli inneschi vanno bene sia i Large Rifle normali sia i Bench Rest, che sono molto più accurati.
 

Come mia abitudine elencherò alcune dosi da utilizzare prettamente per un impiego venatorio, tralasciando volutamente quelli relativi all’uso di palle poco comuni e quindi scarsamente utilizzate. Tutte le seguenti ricariche sono da considerarsi come MASSIME e quindi è consigliabile che siano raggiunte per gradi, partendo da pesi inferiori di circa il 5%.
 








Allo stato attuale il 224 Weatherby Magnum gode di scarsissima diffusione in Italia, sia per la cessata produzione delle carabine da parte della Weatherby avvenuta nel 1994, sia per il fatto che nella stessa categoria di munizioni non può competere con calibri diffusissimi ed economici come il 223 R e il 22-250 Remington, sufficientemente potenti, precisi, economici e di facilissima reperibilità.



Marco Benecchi



 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.114.162
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: BALISTICA: Il calibro 224 Weatherby Magnum

Mah insomma il 7 mm Rem Mag non credo sia affatto in declino. Avendo usato da sempre il 6.5 mm ti posso certamente dire che l' uso smodato per farci tutto e' una degenerazione. Caprioli, Camosci e cinghilaotti ed altro fino ad un peso di 70-80 Kg. se vuoi arrivare a 250-300 metri Poi i limiti diventano evidenti a distanze sempre piu' ravvinicinate con animali sempre piu' grossi. PArlano sempre delle alci per argomentare [ero' non dicono mai che le alci le tirano a 50 metri, spesso anche meno e raramente cascano sul posto..... Adesso va di mod il 6.5 Creedmoor ma onestamente non fa nulla di piu' di quello che hanno sempre fatto il 6.5x55 o il 6.5 57. Ha la sua ragione d' esistere per il tiro a segno e probabilmente anche perche' il 6.5 svedese neglia USA ha sempre sofferto della massiccia presenza di vecchie carabine e cio' ha sempre limitato i produttori di cartucce americani. Sinceramente molto meglio un 7mm-08 di un 6.5 Creddmoor per uso caccia.

da FLagg  22/01/2022 18.40

Re: BALISTICA: Il calibro 224 Weatherby Magnum

Giustissime considerazioni. Aggiungo che il successo dei calibri Weatherby ad alta velocità era dovuto alla traiettoria molto tesa, che permetteva tiri a distanze relativamente grandi senza correzioni di mira.
Con la diffusione di telemetri laser, tavole di tiro calcolate "ad hoc" torrette balistiche, ecc. la traiettoria "tesa" ha perso importanza, lasciando il passo alla traiettoria "precisa".
Calibri di potenza esuberante come il .257 Wea., .270 Wea. 7 Rem. Mag. ecc. stanno perdendo terreno a favore di recentissimi 6-6,5 mm, come ilGrendell che tu citi.

da bansberia x flagg  21/01/2022 9.10

Re: BALISTICA: Il calibro 224 Weatherby Magnum

Il problema dei calibri Weatherby e' che sono di proprieta'. Quindi, le altre case produttrici possono caricare cartucce in tali calibri solo su licenza. Questo ne aumenta i costi naturalmente. I calibri Weatherby per questo motivo stanno letterlamente scomparendo dal mercato anche perche' ne sono stati introdotti altri con le stesse performance o addirittura superiori! Nel caso specifico in .224 adesso va di moda il .224 Valkyrie per esempio. La Weatherby stessa propone sempre piu' carabine anche in calibri non sui. Eclatante l' esempio del 6.5 Creedmoor che attuamente e' il n.1 delle vendite in US. E' un peccato perche' alcuni del calibri Weatherby sarebbero molto piu' diffusi senza questo pizzo da pagare. Penso soprattutto al .257 Wby, al .270 Wby ed al .300 Wby. Secondo me, tra pochi anni Wetherby diventera' un produttore di carabine come tutti gli altri (cioe' camerera' solo calibri senza pizzo) oppure morira' se continuera' ad insistere su questa linea.

da Flagg  20/01/2022 10.33

Re: BALISTICA: Il calibro 224 Weatherby Magnum

Montanaro l'eserto balistico della Conad !! ah ah ah

da ah ah ah  07/01/2022 16.57

Re: BALISTICA: Il calibro 224 Weatherby Magnum

Fa il suo lavoro come un normalissimo 308 w o un 30,06

da Montanaro piglianulu  04/01/2022 16.38
Cerca nel Blog
Lista dei Blog