Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr1


01/04/2020 8.31 

 
Uno dei rimpianti più grandi della mia vita è stato quello d’essermi lasciato scappare l’occasione di acquistare una bella, quanto rara, carabina semiautomatica Winchester modello 100 De Lux in calibro 284 Winchester. Una ventina d’anni fa un armiere, che tra l’altro era anche un caro amico, insistette parecchio per vendermela ma io non ne volli proprio sapere. Ripensandoci non ricordo neanche quale scusa trovai per non comperarla, quel che è certo è che allora non avevo la dovuta esperienza per saper apprezzare il valore del binomio arma-munizione.
 
 
A quei tempi la disinformazione “balistica” regnava sovrana, in modo particolare per quanto riguardava la caccia in battuta con la canna rigata. Quando un cacciatore di cinghiali decideva di acquistare una carabina, la parola d’ordine era: “Grosso, pesante e potente”. Furono gli anni d’oro del 30.06 con palle Round Nose da 220 grani, del 300 Winchester Magnum, del 338 WM, del 444 Marlin e del 9,3 x 74 R. Nessuno si sarebbe mai sognato d’insidiare un grosso solengo con un “piccolo” sette millimetri. Già, perché il 284 Winchester è proprio un sette millimetri a tutti gli effetti (7,21 x 55,12 mm), che possiede una potenza molto simile a quella dei suoi supercollaudati “cugini” europei: il 7 x 57 Mauser e il 7 x 64 Brenneke, calibri questi con cui sono stati abbattuti pulitamente tutti i selvatici che popolano il Vecchio Continente.
 
 
 
 
Sono certo che il buon 284 Winchester sarebbe stato in grado di fare altrettanto. E’ una munizione abbastanza recente (è addirittura più giovane del sottoscritto!), essendo nata appena nel 1963. Possiamo tranquillamente definirla come la progenitrice dei calibri Short Magnum oggi tanto di moda, perché adotta un bossolo corto e “tarchiato” ma molto capiente. Gli americani quel bossolo lo chiamano “Rimmles rebated” perché ha un fondello di tipo Rimmles ma con il collarino di diametro inferiore a quello del corpo stesso. Questo semplice accorgimento consente di utilizzare azioni ed otturatori standard (come quelli del 308, del 270 e del 30.06 per intenderci), di mantenere contenuta la lunghezza della munizione ed al contempo di avere un bossolo con un discreto volume interno. Strano ma vero, nel caso del 284 Winchester il bossolo ha avuto più successo del calibro stesso. Molte munizioni “wildcat” (sperimentali e/o artigianali) sono state create partendo da esso con il solo allargamento o restringimento del colletto a .22, 6 mm, .25, 6,5, .30 e .35. Le più famose sono: la 6,5 Express (ideata da Ralph Payne), la 6,5 Reindeer (di E.L. Eickhorn), la .224 Torres (progettata dal grande armaiolo trentino Celestino Torresani) e la 6,5 – 284 Norma.
 
 
 
 
I tecnici della Winchester, sulla scia del successo ottenuto dalla Remington (l’eterna concorrente) con le sue carabine semiautomatiche ed a leva modello 742 e 760, per non essere da meno progettarono le Carabine modello 100 ed 88. Erano convinti che sarebbero riusciti a suscitare la curiosità e l‘interesse dei cacciatori nordamericani, proponendole nel nuovo 284 Winchester. Purtroppo ebbero un’amara sorpresa perché, nonostante tutto, anche il 284 W come il 280 Remington (l’antagonista!) non ottennero mai il meritato successo. Credo che quel fenomeno sia principalmente dovuto al fatto che, escluso il grandissimo 7 mm Remington magnum, negli States i sette millimetri non hanno mai avuto grandi estimatori.
 
 

Il 284 Winchester era (ed è tuttora) un ottimo calibro per il genere di armi in cui venne originariamente proposto; è sufficientemente potente, ha una lunghezza contenuta, è preciso e genera un rinculo abbastanza contenuto. Ho letto che anche la Ruger (M77) la Savage (M99) e la Browning (BLR) hanno prodotto pochi esemplari in questo calibro, ma credo che subito dopo quella bizzarra iniziativa commerciale devono aver ripiegato verso calibri più diffusi ed apprezzati come il 243 e il 308 W. Il calibro 284 Winchester era nato espressamente per la caccia in battuta o nel folto, ma possiede delle caratteristiche balistiche tali che non lo farebbero sfigurare neanche nella caccia alla media selvaggina a lunga distanza. Assomiglia parecchio al 7mm – 08 Remington che, essendo stato adottato da diverse armi, ha avuto più successo. Personalmente conosco un solo cacciatore che utilizza per la caccia al cinghiale una carabina Winchester 100 calibro 284 con palle originali e ricaricate (Nosler Partition) da 150 grani. Cacciando spesso insieme a lui, ho assistito a degli abbattimenti istantanei anche contro grossi esemplari e, alla detta del proprietario, il funzionamento dell’arma è stato sempre impeccabile.
 

Originariamente il 284 W era proposto soltanto dalla Casa madre in due caricamenti commerciali: uno con palla Power Point da 125 (957 m/s) e l’altro con palla PP da 150 grani (872 m/s). In seguito (1985), la produzione delle cartucce da 125 grani fu inspiegabilmente interrotta, ed oggi le sole munizioni originali da 150 grani (X2842) purtroppo non sempre sono facilmente reperibili. Chi possiede una bella carabina Winchester mod. 100 o mod. 88 e vuole continuare ad usarla deve assolutamente procurarsi i Dies ricalibratori e custodirli con cura, altrimenti corre il rischio di trovarsi un giorno con l’arma inutilizzabile perché rimasta senza munizioni. Per fortuna tutta l’attrezzatura necessaria per la ricarica è ancora abbastanza diffusa, compresi Dies e i bossoli esclusivamente di produzione Winchester. Personalmente ricarico il 284 Winchester molto di rado ed ho sempre utilizzato i bossoli originali. Semmai non riuscissi più a reperirli, sono certo che potrei ricavarli partendo da quelli calibro 6,5-284 Norma. La scelta di palle calibro 7,2 millimetri (284”) è veramente notevole; se ne trovano in tutte le fogge e con graniture che variano dalle leggere 100 alle pesanti 177 grani. I pesi canonici con cui il 284 W dà il massimo e con cui le armi in esso camerate funzionano al meglio sono i 140–150 grani, fermo restando che si possono ottenere delle ottime cartucce anche utilizzando palle da 125 e 160 grani. Per gli inneschi opterei per i Large Rifle Standard anche quando impiegheremo polveri molto progressive e palle pesanti come le 160 grani. La lunghezza totale della munizione finita (OAL) non dovrà mai superare i 70 –71 millimetri per ridurre al minimo i malfunzionamenti nei caricatori bifilari delle carabine Winchester. Elencherò alcune dosi di ricarica estrapolate dai migliori manuali, sono da considerarsi come MASSIME e quindi devono essere raggiunte per gradi partendo da pesi inferiori di circa il 5%.


 
 
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.122
Aggiungi un commento  Annulla 

16 commenti finora...

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Certo che se è questo il modo in cui vorresti entrare in una discussione, il minimo è che ti mandano a fare in cul....o, fai una cosa Bella Robba, stai zitto e ascolta, magari non fai la solita figura di me....a quale sei.

da Sor4 testoni  13/04/2020 14.09

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Ecola la la casta... guai a chi osa entrare subito si ammutoliscono parlano solo tra di loro che bella razza di gente certi cacciatori che fanno comunella gruppo parlano un linguaggio tutto loro si credono super e le zone e gli animali son tutti loro .

da Bella rrobba!!!  12/04/2020 8.51

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Auguri di buona pasqua a tutti i cacciatori.

da Pentito al 41 tris  11/04/2020 8.07

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

C'e' anche da dire che oltre ad un forte abbraccio ai medici sopravvissuti ,bisognerebbe dare anche un bel calcio nel sedere a coloro che hanno provocato la diffusione del virus in tutta italia ossia i responsabili di alzano lombardo.

da Pentito  11/04/2020 7.03

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Amaramente pentito di aver cenato nei ristoranti cinesi. Finalmente chiuderanno tutti quanti solo uno scemo come me tornera' a mangiare cacca di topo e blatte .

da Pentito  11/04/2020 7.00

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Ho votato salvini e meloni pentito amaramente due chiacchieroni .

da Pentito  11/04/2020 6.58

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

CERTO,
Il COVID 19 ha fatto BENISSIMO all'Italia,
Ha confermato che siamo un popolo di caproni capaci SOLO di CHIEDERE
E' ripartita la corsa al chiedere SOLDI come sempre
SOLDI SOLDI SOLDI
Tutti a chiedere senza DARE

Ormai i giovani "attempati" i vecchi Hippy, per intenderci non lo cercano (a parte che in molti non l'hanno MAI cercato davvero!) più il lavoro...
Meglio chiedere i soldi e vai..
Tanto se hai dato il voto alle persone giuste te li danno senza problemi...
Se poi ti trovi una compagna compiacente, tra Redditi di cittadinanza, buoni spesa, contributi straordinari in due ci si vive alla grande, alla faccia di chi
INVECE LAVORA ed ha sempre lavorato tutta la vita!
VIVA L'Italia??
Quella di una volta forse...
Ora le nuove generazioni NON VOGLIUONO PIU' LAVORARE..
Soldi in tasca, telefonino d'ultima generazione, sigarette e una "fogliolina" nella valigia come recita una canzone
Che TRISTEZZA!!!
MB

da MARCO BENECCHI X W italy  11/04/2020 6.05

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Nessuno vedo riesce a cpmprendere quanto bene ha fatto all'umanita' il coronavirus.

da w italy  10/04/2020 20.11

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Finalmente questo virus ha bloccato l'immigrazione di quesgli sporcaccioni stranieri.

da w italy  10/04/2020 20.10

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

cinesi puzzano e w l'italy

da Gino  10/04/2020 19.59

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Mai piu merddd accia tedesca!!!!!W LITALIA W LA PATRIA! SCIO' VIA TUTTI gli stranieri dall'italia gente infetta e puzzolente. mai piu' ristoranti cinesi in italy

da Gino  10/04/2020 19.59

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Non solo non comprare Diana, ma non comprare tedesco e olandese in tutto, visto come ci stanno trattando, forse si chiede troppo ad un popolo che non sa neanche allacciarsi le scarpe, tranquilli italiani piccoli piccoli, quando si tornerà alla vita normale vi daranno il pallone, la macchinetta a rate e una cena fuori al mese e sarete tutti contenti, azz mi dimenticavo, pure 20Giga sul telefonino così potete postare quanto siete cojioni su facebook

da Re Nudo  10/04/2020 14.35

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Ottimo calibro il 284w

da Fede  09/04/2020 18.19

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

non aquistate le carabine diana sono delle bidonate pazzesche i ricambi non li fanno piu' e le buttate nel cesso!! mortacci vostra!

da Carabine diana mortacci vostra  08/04/2020 15.02

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Ma allora non sarebbe meglio un 900 x 1000 di proiettile

da Questo calibro non serve  03/04/2020 16.47

Re: BALISTICA: Il calibro 284 Winchester

Uno dei principali problemi legati all'impiego pratico del .284 Winchester, almeno per chi utilizzava armi di produzione industriale, era quello del colletto eccessivamente corto. In altre parole, per poter fare funzionare le armi di tipo semiautomatico con proiettili molto pesanti (e quindi lunghi), era necessario spingere in dentro le palle (durante la fase di inserimento) per rispettare il valore della lunghezza massima complessiva (C.O.A.L.) di 71,12mm. Questo non solo poteva creare delle sovrapressioni quando si lavorava in prossimità delle dosi massime (N.B. cosa che spesso è necessario fare quando si ricaricano cartucce da fucile !!), ma non permetteva nemmeno di sfruttare tutte le potenzialità che questa munizione poteva dare!! Chiaramente, chi ha la possibilità di usare un fucile costruito su misura da un bravo armaiolo (custom-built rifle) non ha questo problema, dal momento che un valente armaiolo sa di dover costruire l'arma in maniera tale che la cartuccia possa muoversi liberamente dal serbatoio alla camera di cartuccia anche se "...caricata molto lunga..."

da Adelmo  03/04/2020 12.11
Cerca nel Blog
Lista dei Blog