Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Acma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu


giovedì 1 settembre 2022
    

 
L'Atc Ascoli Piceno non ci sta a subire l'attacco che la Lipu Marche ha affidato alla stampa, definendo i ripopolamenti "utili solo per accontentare i primi cacciatori che riusciranno ad accaparrarsi i malcapitati starnotti di pollaio, impreparati alla vita selvatica".
 
La risposta dell'ente non si è lasciata attendere. La riportiamo di seguito.

"Si è sempre molto combattuti se rispondere o meno alle solite stucchevoli (e pretestuose) accuse di mala gestione che vengono fuori puntuali in prossimità dell’apertura di una nuova stagione venatoria, provenienti dalle solite associazioni ambientaliste che con un termine oggi in auge potremmo definire amichevolmente… radical chic.
Sì, perché da un lato c’è la necessità di dare al cittadino una corretta informazione e difendere il lavoro di chi, con tanti sacrifici, porta avanti una passione e lo fa nel pieno rispetto della legge…  e dall’altro il desiderio di non dare troppa pubblicità a chi sul territorio, tra gli agricoltori o a fianco delle istituzioni, non si vede praticamente mai.

Ed allora è molto più facile essere leoni da tastiera (anche questo molto in voga oggi) e non ammettere che il mondo venatorio, pur nel rispetto delle proprie convinzioni, è in prima linea nel miglioramento delle condizioni di sopravvivenza della fauna selvatica (i cosiddetti miglioramenti ambientali), nella rilevazione e talora pulizia di spazi naturali, nel controllo della fauna in sovrannumero. E quindi nella difesa del tessuto agricolo locale, nella manutenzione di piste e strade forestali necessarie anche per la fruizione turistica dei nostri boschi e per la prevenzione incendi. Nella collaborazione con le istituzioni per il monitoraggio e la prevenzione di malattie come la peste suina, ecc…

Ma tutto questo va sicuramente in secondo piano quando si scopre che l’ATC ha deliberato di immettere ben 1.000 esemplari di starna entro la fine del mese di agosto (!!!). In oltre 100.000 ettari di territorio di propria competenza… 
Pratica, questa, tra l’altro usuale in tutti gli ATC delle Marche.

Ma portata avanti in modo progettuale da pochi, tra cui quello di Ascoli Piceno, che giustappunto, guarda caso, viene proprio criticato.

Ebbene, non volendo entrare in tecnicismi forse poco interessanti per i più, potremmo semplicemente ribadire che tali immissioni sono state regolarmente autorizzate dalla Regione Marche con DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE POLITICHE FAUNISTICO VENATORIE E ITTICHE n.  396 del 12 luglio 2022. Secondo il Programma di gestione attiva della specie starna (perdix perdix) previsto dal Piano Poliennale (prot. 0351681 del 31/03/2021) e annuale 2022 dell’ATC Ascoli Piceno (prot. 0385757 del 31/03/2022). Tutti documenti, questi,
conformi al Piano Faunistico Venatorio Regionale Marche. Piano che ha recepito e difatti applicato tutte le direttive dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Tanto invocato, secondo comodo, dai nostri amici ambientalisti.

Potremmo tuttavia ribadire che non corrisponde al vero parlare di rilascio di selvaggina come regalia per la pratica cinofila dei cacciatori visto che, calendario venatorio alla mano, fatta salva qualche giornata a settembre, il periodo destinato all’allenamento dei cani in periodo venatorio si conclude praticamente tra pochi giorni.
Non corrisponde al vero sottintendere che gli animali immessi non sono sani poichè sono stati controllati durante tutte le fasi di crescita in allevamento. E sono provvisti, al rilascio, della necessaria documentazione sanitaria.
I rilasci vengono effettuati in siti idonei per caratteristiche ambientali con punti di abbeveraggio e fonti per il sostegno alimentare.

E si mistifica la realtà dei fatti quando si lascia intendere al lettore che le starne vengono immesse sul territorio senza alcuna cura. Quasi buttate a caso e come animali da macello. Quando invece ogni singolo sito di rilascio ritenuto idoneo per caratteristiche ambientali è gestito da centinaia di volontari che hanno individuato punti di abbeveraggio. Nonché fonti per il sostegno alimentare.

Non sarà invece una manciata di starne (perché di tanto trattasi se distribuite sul tutto il nostro territorio) ad alterare l’equilibrio preda/predatore. Laddove, al contrario, una sana competizione di specie potrà determinare la sopravvivenza dei soggetti migliori. Soggetti che nella prossima primavera potranno riprodursi e stabilmente insediarsi nei nostri ambienti".
 
(PicenoOggi)




 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Peppone le starne non emigrano .... Non sono quaglie . E poi non hanno i barconi ....

da La Qualunque 04/09/2022 8.43

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Berto però quando ti capitano i polli colorati non gli sparare e non fare il giro al bar col pollo nel carniere!

da Dino 02/09/2022 21.02

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Ma se le starne emigrano a fine estate, non possiamo caciarle selvagge?

da peppone 02/09/2022 17.50

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Non ci volevano gli ambientalari per sapere che i ripopolamenti di pollame pronta caccia riguardano veramente pollame colorato.

da Berto 02/09/2022 14.55

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Ottima risposta, tra l'altro ad un'associazione, bravissima a buttar fumo negli occhi alla gente, quando pubblica i video del rilascio di una poiana o di un gheppio, che dopo mesi e mesi di detenzione e senza un'accurata riabilitazione, morirà da li a pochi giorni. Ma a loro che importa...l'importante è che quattro allocchi l'hanno vista volare via. E poi, anche se il rilascio avesse come unico fine la caccia e l'abbattimento di quelle starne, a loro cosa importa se le immissioni sono state autorizzate regolarmente e gli animali rilasciati sono sani? Senz'altro più sani delle loro poiane e dei loro gheppi.

da Hunter74 02/09/2022 0.54

Re:Polemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla Lipu

Mi piace molto questa risposta da parte dell’atc, però si può sapere dove è stata pubblicata?

da Fauno 01/09/2022 19.05