Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Abruzzo. Approvato calendario venatorio 2022/23Lombardia. La risposta di FIdC regionale all’impugnazione calendario venatorioUmbria: Mancini e Puletti, richieste sulla caccia rimaste inascoltateCalendario Venatorio Calabria: preapertura dal primo settembreUmbria: addestramento cani dal 15 agostoCalendario Venatorio Calabria: le osservazioni delle Associazioni VenatorieMarche: aumento annuo del 50% su abbattimenti cinghialeRicorso Tar Calendario Venatorio Sicilia. Intervengono Fidc e AnuuPuglia: ecco Calendario Venatorio e preaperturaUmbria. Approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023Berlato: "Regione Veneto abbassa indice densità venatoria"Emilia Romangna: Presidente Arcicaccia Maffei attacca la LAC Legittimità dei controlli sugli uccelli allevati. Bruzzone interroga il MinistroSicilia, lettera al Presidente della Repubblica sulla caccia sicilianaCampania: no a gabelle ingiuste sul rilascio dei tesserini venatoriMarche: calendario venatorio 2022 - 2023. Confermata preaperturaBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023CCT: Regione Toscana aggiorna piani prelievo daino e cinghialeConsiglio Giustizia Sicilia conferma sospensione preaperturaEmilia Romagna adotta Piano interventi urgenti su PSAArci Caccia: in Emilia R. correggere autodifesa agricoltori da cinghialiVeneto, modifica alla legge per la caccia nei vigneti e ulivetiBerlato: Giunta Veneto approva Calendario Venatorio restrittivoTesserino Venatorio Campania. Nuove procedurePsa e Piani cinghiale non attuati. Protestano le ass.venatorie romaneCalabria, nuove modifiche per il disciplinare caccia cinghialeColdiretti chiede decreto urgentissimo sul cinghialeRiconoscimento dal Ministero per Arci CacciaSicilia, Consigliera Elvira Amata "basta penalizzare i cacciatori"Fidc Sicilia "verso il prelievo venatorio sostenibile della lepre italica"Caputo su Calendario Venatorio: "siccità e mancanza di studi ci inducono ad essere cauti"In Campania un'interrogazione sul Calendario VenatorioSardegna, Ispra invia parere su Calendario VenatorioToscana, in Commissione ok a regolamento attuazione legge cacciaFidc Calabria protesta per le modifiche disciplinare caccia cinghialeLombardia: approvata preapertura a corvidi e caccia in deroga allo storno Campania, chieste dimissioni dell'Assessore CaputoToscana. Approvati piani prelievo daino, cervo e mufloneUmbria: ok a mozione Lega per estendere periodo caccia cinghialePiana: in Liguria nuove azioni straordinarie sul cinghialeStagione 2022 - 2023, App TosCaccia obbligatoria in alcuni casiArci Caccia Marche: Gabriele Sperandio confermato Presidente regionaleSicilia, arriva la sospensione del Calendario VenatorioCastellani (Anuu): obbligati a guardare avantiIncendio sul Carso. Dreosto ringrazia volontari e cacciatori Eps Toscana: Siccità, posticipare immissioni selvagginaPiano cinghiali. Bruzzone si rivolge agli animalistiPSA: Toscana adotta piano interventi urgentiCCT: ecco i contenuti del Calendario Venatorio della ToscanaAcr e Acl uniscono le forzeCampania: Eps, questo il calendario venatorio deliberatoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

CCT mette in guardia sui nuovi Piani di gestione dei siti Natura 2000


venerdì 10 giugno 2022
    
Riceviamo e pubblichiamo:

Questa mattina nel rispetto della tempistica prevista dalla Regione Toscana, Direzione Ambiente ed Energia - Settore Tutela della Natura e del Mare, la nostra struttura tecnica in collaborazione con il Dott. Alfonso Lenzoni ed ACMA Toscana, ha inviato osservazioni e relative proposte di modifica alla “Redazione, aggiornamento e completamento” dei 49 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 presenti in toscana.
A seguito del processo partecipativo aperto a tutti i portatori d’interesse, sono state formalizzate e trasmesse dai nostri uffici 59 osservazioni di merito, riguardanti le principali misure che la Regione Toscana intenderebbe adottare per ogni singolo sito interessato.
Già nel febbraio 2021 la Confederazione Cacciatori Toscani aveva provveduto ad inviare un corposo documento all’Assessore regionale all’Ambiente Monia Monni nel quale si evidenziavano alcune gravi criticità legate all’attività venatoria in alcune aree  dove oggi la caccia è consentita.
Da una attenta ed approfondita analisi del materiale pubblicato ed elaborato dalla Regione Toscana, si evince che alcune nostre preoccupazioni iniziali si siano poi materializzate e aggravate in diverse misure restrittive introdotte nelle proposte di  regolamentazione delle singole aree della Rete Natura 2000 (ZPS/ZSC etc.).
Una vera e propria “scure” per lo svolgimento della caccia e per il mantenimento di importanti siti (soprattutto zone umide) gestite, manutenute e conservate grazie all’impegno dei cacciatori ed alle loro risorse economiche.
Un rischio concreto che oggi denunciamo con forza, lanciando un allarme a tutti i soggetti interessati. Le nostre osservazioni e proposte di modifica, inviate ed elaborate nel rispetto delle procedure e scadenze normative, registrano casi a dir poco eclatanti.
Un esempio emblematico lo ritroviamo in particolare su siti di grande valore naturalistico e venatorio come quelli della Piana Fiorentina - Pratese e del Padule di Fucecchio e Lago di Sibolla.
L’obbligo di “disseccamento” nei mesi estivi dei laghi e superfici allagate artificialmente, con conseguenti danni all’ecosistema, all’avifauna presente e nidificante ed alla biodiversità, si accompagna ad altre restrizioni che di fatto porterebbero alla impraticabilità dell’attività venatoria, laddove oggi consentita, e delle caccie tradizionali.
Ci riferiamo in particolare all’introduzione di divieti sugli appostamenti fissi, al loro trasferimento di titolarità, alle operazioni di ripulitura e sfalcio, alla utilizzazione del materiale vegetale, alla detenzione delle munizioni contenenti piombo oltre alle misure restrittive che impedirebbero anche lo svolgimento della caccia vagante.
Difronte a questa serie di problemi, cavilli e divieti più o meno espliciti, non possiamo rimanere inerti e passivi anche perché tutto rischia di passare nel disinteresse e nel silenzio generale data anche la conclusione con la conseguente approvazione dei Piani di gestione prevista per il prossimo autunno 2022.
Per quanto ci riguarda come sempre, la nostra parte promuovendo iniziative anche di carattere territoriale e locale, per far conoscere a tutti questi aspetti e lavorare per il necessario superamento, prima che la normativa li renda vincolanti.
Da subito chiederemo un urgente confronto con L’Assessore Regionale all’Ambiente Monni per illustrare e rappresentare le nostre preoccupazioni e richieste e per verificare le posizioni  della Giunta Regionale su questa spinosa questione.
Già nei prossimi giorni saranno inoltre organizzati tavoli e sedi di confronto sul territorio e nelle zone particolarmente interessate ai quali saranno invitate le autorità locali, i rappresentati delle forze politiche e i vari portatori d’interesse.
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:CCT mette in guardia sui nuovi Piani di gestione dei siti Natura 2000

Ci vuole ben altro che andare a discutere con i politici.

da jamesin 11/06/2022 12.42