Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Umbria: Mancini e Puletti, richieste sulla caccia rimaste inascoltateCalendario Venatorio Calabria: preapertura dal primo settembreUmbria: addestramento cani dal 15 agostoCalendario Venatorio Calabria: le osservazioni delle Associazioni VenatorieMarche: aumento annuo del 50% su abbattimenti cinghialeRicorso Tar Calendario Venatorio Sicilia. Intervengono Fidc e AnuuPuglia: ecco Calendario Venatorio e preaperturaUmbria. Approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023Berlato: "Regione Veneto abbassa indice densità venatoria"Emilia Romangna: Presidente Arcicaccia Maffei attacca la LAC Legittimità dei controlli sugli uccelli allevati. Bruzzone interroga il MinistroSicilia, lettera al Presidente della Repubblica sulla caccia sicilianaCampania: no a gabelle ingiuste sul rilascio dei tesserini venatoriMarche: calendario venatorio 2022 - 2023. Confermata preaperturaBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023CCT: Regione Toscana aggiorna piani prelievo daino e cinghialeConsiglio Giustizia Sicilia conferma sospensione preaperturaEmilia Romagna adotta Piano interventi urgenti su PSAArci Caccia: in Emilia R. correggere autodifesa agricoltori da cinghialiVeneto, modifica alla legge per la caccia nei vigneti e ulivetiBerlato: Giunta Veneto approva Calendario Venatorio restrittivoTesserino Venatorio Campania. Nuove procedurePsa e Piani cinghiale non attuati. Protestano le ass.venatorie romaneCalabria, nuove modifiche per il disciplinare caccia cinghialeColdiretti chiede decreto urgentissimo sul cinghialeRiconoscimento dal Ministero per Arci CacciaSicilia, Consigliera Elvira Amata "basta penalizzare i cacciatori"Fidc Sicilia "verso il prelievo venatorio sostenibile della lepre italica"Caputo su Calendario Venatorio: "siccità e mancanza di studi ci inducono ad essere cauti"In Campania un'interrogazione sul Calendario VenatorioSardegna, Ispra invia parere su Calendario VenatorioToscana, in Commissione ok a regolamento attuazione legge cacciaFidc Calabria protesta per le modifiche disciplinare caccia cinghialeLombardia: approvata preapertura a corvidi e caccia in deroga allo storno Campania, chieste dimissioni dell'Assessore CaputoToscana. Approvati piani prelievo daino, cervo e mufloneUmbria: ok a mozione Lega per estendere periodo caccia cinghialePiana: in Liguria nuove azioni straordinarie sul cinghialeStagione 2022 - 2023, App TosCaccia obbligatoria in alcuni casiArci Caccia Marche: Gabriele Sperandio confermato Presidente regionaleSicilia, arriva la sospensione del Calendario VenatorioCastellani (Anuu): obbligati a guardare avantiIncendio sul Carso. Dreosto ringrazia volontari e cacciatori Eps Toscana: Siccità, posticipare immissioni selvagginaPiano cinghiali. Bruzzone si rivolge agli animalistiPSA: Toscana adotta piano interventi urgentiCCT: ecco i contenuti del Calendario Venatorio della ToscanaAcr e Acl uniscono le forzeCampania: Eps, questo il calendario venatorio deliberatoAgrivenatoria Biodiversitalia. Su BigHunter il chiarimento di Zipponi (CNCN) Francia, salva la caccia popolareCampania, approvato Calendario Venatorio con riservaSicilia. Le associazioni venatorie su seduta TarIn Piemonte il punto sulla PSAGenova, come si sta affrontando l'emergenza cinghialiCCT: Giunta Toscana approva Calendario Venatorio 2022 - 2023Atti vandalici contro i cacciatori. Fidc scrive a LamorgesePiemonte: controllo cinghiale, Regione chiede più personale Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fidc Petriolo e Atc Mc2: stage formativo con l'Università del Molise


mercoledì 8 giugno 2022
    

Fidc Petriolo Stage studenti
 
La Sezione Federcaccia di Petriolo, con il suo Presidente Michele Merola e con la partecipazione di alcuni membri del neo costituito Coordinamento Giovani Fidc Marche, in accordo con l’ATC Macerata 2, ha istituito un programma di collaborazione con il Dipartimento Agricoltura, Ambiente e Alimenti dell’Università degli Studi del Molise per i Corsi di Scienze e Tecnologie Forestali e Ambientali e Scienze e Tecnologie Agrarie, tenuti dalla Prof.ssa Nicoletta Miraglia, con lo scopo di mostrare agli studenti le realtà gestionali dell’attività venatoria nella Regione Marche, in particolar modo nella Provincia di Macerata, considerando tra l’altro che, per questi ultimi, uno degli sbocchi lavorativi futuri potrebbe essere quello del Tecnico Faunistico.

Gli studenti sono stati assistiti, per l’intero stage durato 3 giorni, dal Dott. Aldo Di Brita, Dottorando Universitario presso Unimol, Cultore della Materia e tecnico faunistico, il quale ha fin da subito creduto in questa collaborazione.

Il programma ha avuto inizio il 30 maggio scorso con la visita presso il Centro di Raccolta e Lavorazione Carni di Selvaggina gestito da Urca Provinciale Macerata, sito a Caccamo di Serrapetrona, ove gli studenti, grazie alla presentazione del socio Fabio Marchetti, hanno potuto apprendere le modalità di trattamento delle Carni di Cinghiale, destinate successivamente alla filiera marchigiana.

Si è passati poi ad un confronto tematico con il Prof. Andrea Brusaferro, docente dell’Università di Camerino nonché Tecnico Faunistico dell’Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2, al quale è stato chiesto di sintetizzare i compiti e le responsabilità della figura del Tecnico Faunistico dell’ATC, di elencare piani e programmi redatti, nonché affrontare il tema dell’impatto della fauna selvatica sulle colture agricole, in particolar modo del Cinghiale. Durante il dibattito è intervenuta, in videoconferenza, anche la Prof.ssa Nicoletta Miraglia docente dei Corsi di Studio.

Le nozioni teoriche apprese dal Prof Brusaferro, sono state poi approfondite con una visita presso la sede dell’ATC Macerata 2 a Piediripa, ove gli alunni sono stati accolti dal Presidente Pio Chiaramoni, dal Segretario Mauro Molinari e dal Vice Presidente dell’Ambito Nazzareno Galassi. Quest’ultimo ha introdotto le varie attività portate avanti dallo stesso ambito territoriale di caccia, facendo riferimento ai piani e progetti in essere, alle problematiche afferenti la gestione delle attività correlate ed alle nozioni tecniche supportate da documenti, quali ad esempio cartografie e normative di settore.

Un tema molto sentito dagli studenti riguardava i Piani di Controllo della Fauna, essendo un argomento di discussione attuale. A tal proposito sono stati condotti sul campo per osservare le modalità di controllo di Cinghiale e Corvidi, la cui normativa in vigore, perfezionata dall’attuale Amministrazione Regionale, ne permette l’attuazione. Per il Controllo del Cinghiale hanno visitato una postazione ricadente nella Riserva Naturale Abbadia di Fiastra, dove grazie alla collaborazione del Presidente di Urca Provinciale Macerata, Francesco Marchetti, hanno potuto prendere visione della modalità di esecuzione e delle tecniche e mezzi atti a metterlo in pratica. Per il Controllo dei Corvidi, invece, gli alunni hanno potuto osservare da vicino una Trappola Larsen, nella Zona di Ripopolamento e Cattura di Petriolo, sotto la supervisione di Ciccioli Fiorenzo, Operatore Faunistico di Federcaccia Petriolo.

Sempre nell’ambito della gestione della Caccia nelle Marche rientrano le Aziende Faunistico Venatorie, che alla stessa stregua degli Ambiti Territoriali di caccia seppur in realtà più confinate, sono chiamate a gestire fauna e territorio. Allo scopo di rendere edotti i futuri tecnici sulla gestione di tali realtà, il Presidente dell’AFV Le Raje di Caldarola Mirko Albertini ed il suo collaboratore Matteo Salvi, hanno esposto agli studenti tutte le peculiarità dell’azienda, i relativi piani di prelievo e la gestione atta a garantire un habitat idoneo per la fauna selvatica ivi insistente.
Tra le attività collaterali rientra la visita presso la Mostra Ornitologica e Museo delle Arti Venatorie di Federcaccia Tolentino, recentemente inaugurata presso il Castello della Rancia, ove gli studenti hanno potuto ammirare le opere di tassidermia nonché l’oggettistica antica inerente l’Arte Venatoria.

Il Presidente Provinciale Federcaccia Macerata Nazzareno Galassi ed il Presidente della Federcaccia Petriolo Michele Merola, soddisfatti dell’esito dello stage formativo, ringraziando il Dott. Aldo Di Brita per la preziosa e lungimirante iniziativa, hanno salutato gli studenti con l’augurio di potersi ritrovare, un giorno, a collaborare con loro, nelle more di una gestione fondata sui dati scientifici a supporto di una Caccia futura sostenibile.


Leggi tutte le news

0 commenti finora...