Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia scrive al Ministro CingolaniMarche, Tar dispone limitazioni sul calendario venatorioUmbria: in arrivo altre giornate per il controllo del cinghialeSardegna: si decide per lepre e pernice sardaLombardia: Mazzali per un corpo di polizia ittico venatorio regionaleFrancia. Aumentano i candidati cacciatoriSparvoli confermato alla guida di Anlc fino al 2025Cinghiale in Piemonte. La parola ai cacciatoriFedercaccia Abruzzo: sentenza del TAR inaccettabileCommissione Ue risponde ad Arci CacciaToscana vieta prelievo della tortoraCinghiali in Piemonte. Coldiretti all'attacco55ª assemblea Uncza. All'ombra del ghiacciaioNota Ispra siccità e incendi. La risposta di FidcAbruzzo: modificato calendario venatorioCongresso Arci Caccia. Confermato il Presidente MaffeiSicilia, la Regione modifica il calendarioAbruzzo: ordinanza del Tar dà ragione agli animalistiToscana. Tar sospende tortora, pavoncella e moriglioneSparvoli (ANLC): "Ispra ci ha dichiarato guerra, ma noi risponderemo"Chianciano, aperto il XII congresso nazionale Arci CacciaIspra chiede limitazioni sulla caccia a causa di incendi e siccitàToscana: Cabina di Regia chiede chiarimento sulla tortoraSicilia. Nuovo decreto del Tar sulle date di aperturaInterrogazione Bruzzone sul Piano Nazionale TortoraMazzali chiede uniformità procedure caccia e pescaUmberto Venturini Presidente AcvDario Faccin nuovo Presidente nazionale ConfaviToscana. Al via il cinghialeUmbria. Una protestaLombardia: nuove regole per la carne di selvagginaSvizzera. Aumentano le donne a cacciaUk. Attacco alla cacciaLisa, cacciatrice in Corsica30 mila presenze alla sagra degli oseiGiannini attacca blog La cornacchiaTortora. Il Molise si adeguaTar Veneto sospende anche caccia alla pavoncellaSicilia: nuovo decreto riapre la caccia da sabato 4Sardegna. Niente tortora in preaperturaTortora. Sospensione anche per le MarcheNuova sospensione in Abruzzo e rinvio dell'udienzaSicilia: Tar blocca l'apertura della cacciaFrancia. Lo sport si schieraToscana. Promemoria per lo stornoTrentino. I camosci stanno beneMancata preapertura in Calabria. L'assessore bacchetta l'opposizioneSvizzera: Mostra sulla caccia al Museo Alpino di BernaCct: approvata delibera sulla preaperturaFrancia. Aumentano i cacciatoriPuglia: Tar respinge richiesta sospensiva sulla tortoraCalabria: Tar sospende caccia tortora e quaglia fino al 22 settembreSicilia: approvate modifiche al Calendario VenatorioEmilia Romagna. Pompignoli "vergognosa scelta sulla tortora"Acma aggiorna sulla situazione richiami viviTortora. La Cabina di Regia protesta con Mite e Conferenza Stato RegioniLombardia: pasticcio sulla coturniceRaccolta ali tortora. Il progetto Fidc continuaTorino: preapertura al colombaccio e altre modificheEmilia Romagna: la Regione toglie la tortora dalla PreaperturaCabina regia Toscana "ora lavorare per Piano tortora"Richiami vivi. Nuova circolare ministeriale ne permette l'utilizzoLazio. Arci Caccia "senza Piano tortora impossibile prelievo"Arci Caccia "Ma in Europa la legge è uguale per tutti?"Francia. Il Presidente dei cacciatori chiede le dimissioni della Ministra all'AmbientePreapertura. Anche la Regione Lazio risponde piccheKey Concept. Le associazioni scrivono al GovernoValle Canna. I cacciatori s'impegnano, gli animalisti si fanno fotografareAcma denuncia ritardi per il moriglioneTortora. Berlato protestaTortora in Toscana. La CCT non ci staToscana. Saccardi e la mancata preapertura alla tortoraIncendi. La Regione Sicilia arruola anche i cacciatoriLazio: le associazioni venatorie chiedono la preaperturaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Male la starna anche in Francia


martedì 29 giugno 2021
    

 
 
Dal 1989, il Museo Nazionale di Storia Naturale ha istituito un programma chiamato STOC in collaborazione con LPO e OFB (ex ONCFS, l'Ufficio Nazionale per la Caccia). Questo programma consente all'aiuto di volontari e professionisti per monitorare l'evoluzione delle popolazioni di uccelli in Francia utilizzando metodi di conteggio.
 
Da 30 anni molte specie sono in declino, e se il confinamento dello scorso anno sembrava un leggero miglioramento,  il Museo ha pubblicato una nota per spiegare che alla fine non è cambiato niente. Questo rapporto specifica, ad esempio, che la starna avrebbe perso il 30% del suo numero in 30 anni.  Sembra che anche l'allodola sia diminuita.  Questo calo è ancora dovuto alle stesse cause.
 
La prima è l'agricoltura intensiva che priva i piccoli degli insetti di cui hanno bisogno per le prime settimane di vita. Inoltre, l'eliminazione  delle siepi e la monocultura "giocano" contro la presenza di molte specie. Inoltre la perdita di suoli a vantaggio delle aree urbane  continua a privare gli uccelli di  habitat adatti. Sembra quindi che la biodiversità sia più che mai danneggiata dalle attività umane e nonostante tutti gli allarmi lanciati, anche in Francia nulla si sta concretamente muovendo nella giusta direzione.

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Male la starna anche in Francia

E' proprio vero Lino. I veri problemi per una sana gestione ambientale non li guarda nessuno. La colpa è soltanto nostra a sentire i nostri cari nemici animalari. Ed è ancor più vero che aver abbassato lo schioppo contro i predatori ha parecchio peso. L'altra sera una volpe, ha predato i gattini quasi dentro casa di un amico. E diciamo che non è più una cosa tollerabile. O facciamo davvero casino o sti quattro stupidi che si atteggiano a salvatori della natura, faranno danni irrimediabili con il loro pietismo cretino.

da Hunter74 30/06/2021 0.22

Re:Male la starna anche in Francia

COCNORDO CON ANTONIO E MAURO. L'AGRICOLTURA MODERNA E' LA PEGGIORE NEMICA DELLA CACCIA.E NON SOLO DELLA CACCIA, OVVIAMENTE. MA NON VEDO NESSUNO CHE SE NE FA CARICO. NON DI CERTO I NOSTRI DIRIGENTI. MENTRE QUANTO AGLI ECOLOGISTI SPORGE IL SOSPETTO CHE SIANO PAGATI DA AGRICOLTORI E INQUINATORI PER ATTRIBUIRE LA COLPA AD ALTRI. CIOE' A NOI, PURTROPPO

da LINO C. 29/06/2021 16.09

Re:Male la starna anche in Francia

Oltre ai predatori come volpe, faina, gatto semiselvatico, poiane ecc. ora per tutti gli uccelli che nidificano a terra si è aggiunta l'abnorme ed incredibile espansione del tasso che distrugge sistematicamente i nidi.Da noi stanno scomparendo oltre alla starna anche la pernice rossa,il fagiano e lungo il torrente i germani ed addirittura le gallinelle d'acqua. Queste ultime completamente scomparse.

da Mauro 29/06/2021 15.28

Re:Male la starna anche in Francia

ho cacciato le starne in romania x 20 anni e vi posso garantire che c e' un solo colpevole:la modernizzazione dell, agricoltura e anno dopo anno ne abbiamo visto le conseguenze.sia x le starne le lepri e le allodole.

da antonio 64 29/06/2021 15.10