Gestione adattativa. Decise le quote in Francia


giovedì 11 luglio 2019
    

 
 
In Francia  il Conseil National de la Chasse et de la Faune Sauvage si è riunito i primi di luglio per discutere i testi presentati sulla gestione adattativa delle specie migratorie. Il rinnovo delle quote di caccia tradizionali è stato votato sulla base delle cifre dello scorso anno. La FNC (Federazione Nazionale dei Cacciatori) ha sostenuto il mantenimento degli stessi contingenti del 2018/2019, stando ai dati raccolti e ai bassi prelievi dello scorso anno a causa di un flusso migratorio anomalo, dovuto alle condizioni meteo.

Il primo decreto  esaminato e approvato riguarda la tortora, che ha stabilito una quota nazionale di 30.000 uccelli da prelevare utilizzando necessariamente l'applicazione Chassadapt. Respinta la richiesta del comitato di esperti ornitologi, interpellato dal CNCFS, secondo cui la quota doveva essere abbassata a 18200 esemplari, dato il cattivo stato di conservazione della specie (dovuto a degrado degli habitat e inquinamento).

Un secondo decreto che proponeva l'estensione di un anno della moratoria della caccia per la pittima reale è stato respinto ed è stata aperta la via al prelievo sperimentale di 600 esemplari della sottospecie islandese, in crescita. Durante l'incontro è stato studiato un terzo ordine riguardante il chiurlo. Decisa una quota nazionale di 6000 esemplari, cacciabili dal primo sabato di agosto nelle zone demaniali e dal 15 settembre nel resto del territorio nazionale. Anche qui rimane l'uso obbligatorio dell'App Chassadapt.
 

Approvata anche la proposta di poter segnare gli abbattimenti e i dati relativi alle beccacce prelevate sull'applicazione Chassadapt, come alternativa al tesserino cartaceo.


15 commenti finora...

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

PIRLAris Turdus,come mai lei non ha mai reclamato in Europa, per l'Olanda quando questa permetteva la raccolta(spero che ora non lo permettono più) delle prime uova di Pavoncella,da destinare alle fabbriche di biscotti,i risultati di questa scellerata usanza,ora la stiamo pagando noi !!!!!!!!!!! questo là detto ai suoi tesserati!!! I francesi si battono per conservare specie che DA LORO SONO SEMPRE STATE CACCIABILI;MENTRE DA NOI sono dal 1992 VIETATE IN ITALIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!! "GAINA"vedremo il suo (alias) cosa otterrà dall'Europa??????????????????????????????????????

da Fucino Cane 14/07/2019 20.43

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

ora Bekea si svegliato con l'oca e addirittura condivide la pre apertura al colombaccio dopo che per anni ha detto che non andava bene, da cui se ne conclude che per Bekea se lo propone FEDERCACCIA, la pre apertura al colombaccio non va bene, ma se il suo padrone gli dice per quest'anno si, allora improvvisamente va bene. L'oca selvatica va inserita da un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, strano che la Caretta, così solerte a presentare una legge di riforma della 157 (che nessuno ha considerato) non abbia mai fatto questa proposta.....MA NON E' CHE PRIMA DI INSERIRE NUOVE SPECIE, CHE DI SICURO DATA LA PRESENZA DEI 5 STELLE NON AVVERRA' MAI ANCHE PERCHE' LA CACCIA NON E' NEL CONTRATTO, SAREBBE MEGLIO MANTENERE QUELLE OGGI CACCIABILI? Bekea, sei un po' ridicolo te l'ho già scritto in un altro post

da Gardena 14/07/2019 12.19

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Chissà cosa pensa lo sciacallo iene ridens senza cervello, adesso che vede che la Francia si batte per mantenere la caccia a tutte le specie, anche con carnieri minimi come quello dele pittima reale, che è di 600 esemplari in TUTTA LA FRANCIA. Chissà se ora fa il calcolo dei capi per capanno e per cacciatore e poi si rimangia le stronzate che ha scritto sulla battaglia per non perdere specie in Italia..... MENO MALE CHE NON LO CONSIDERA NESSUNO POVERO INETTO

da Gardena 14/07/2019 11.44

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Allora CARO Bekea,io non c'entro niente con la federcaccia e nemmeno dalle ass ven che al massimo offrono una copertura assicurativa. Mi permetto di ricordarle però che lei ha un grande amico che gira con il biglietto da visita con su riportato on.? che e' stato membro dell'INFS ,che è stato consigliere particolare di un ministro dell'agricoltura .Poteva benissimo occuparsi la dell' oca. Pensi che dalle mie parti .malelingue ,ma proprio malelingue sa' continuano a dire al bar ,che baratto l'oca per dare ai vicentini le deroghe ai fringuelli fin anco lo storno nel 96/97 ,Che gente che c'e in giro e come sparla..

da T el C 11/07/2019 16.41

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

X toni Chiedilo agli esperti faunistici della federcaccia se sia più importante cacciare il combattente,uccello migratore, o le oche che da anni sono diventate stanziali, e fanno danni ingenti nelle coltivazioni del Veneto orientale.Essendo l'oca cacciabile in tutta Europa, basta un decreto ministeriali per metterla in calendario.(come hanno fatto per togliere lo storno).Come avrai letto in un altro comunicato sul calendario veneto, certi dirigenti Fidc sono più interessati a difendere quei pochi cacciatori che fanno una caccia d'elit sul combattente, mentre le oche si trovano in tutta la regione, basta avere uno specchio d'acqua.Come sempre questa dirigenza si accorge della pagliuzza, ma non vede la trave che oscura la loro visuale complessiva sulla caccia.

da Bekea 11/07/2019 16.02

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Voglio la cimice asiatica! carnieri stracolmi e agricoltori contenti...

da bastiancontrario 11/07/2019 15.33

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Io rispetto chi prova interesse venatorio per questi animali palustri di nicchia,ma sinceramente anche abitando sulla gronda della laguna nord di Venezia non li ho mai avuti a tiro nemmeno quando la caccia chiudeva al 31 marzo . Sinceramente anche ieri sera seduto al bar di Jesolo centro uscivano dalla valle per andare a pascolare sulle stoppie di frumento migliaia di germani ma branchi e branchi di oche che han messo su famiglia qui. Voglio le OCHE !

da T el C 11/07/2019 14.53

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

cacciabili dal primo sabato di agosto nelle zone demaniali e dal 15 settembre nel resto del territorio nazionale.........

da basta questo 11/07/2019 14.44

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

PIRLAris turdus,lei deve sempre dare la colpa alle altre associazioni per le gravi mancanze perpetrate dalla sua in tutti questi anni?????????????????????? Lei è andato a Parigi "TONI ma el turnerà a caa Batista" Traduco visto che lei non conosce il dialetto brianzolo"LEI E' ANDATO ALLA RIUNIONE DI PARIGI CHIAMANDOSI ANTONIO,MA PURTROPPO COME SEMPRE TORNERA' A CASA CHIAMANDOSI BATTISTA"OVVERO CHE NON HA CAPITO UN BEL NIENTE!!!!! " VA IN LA' GAINA"

da Fucino Cane 11/07/2019 14.38

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Densità cacciatori 1.331.000 provate a dividere la selvaggina pro capite (poveri francesi che fine avete fatto)

da zorzal 11/07/2019 14.23

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

600 pittime per 1.500.000 cacciatori, se lo avessero fatto in Italia li avresti massacrati

da Fanno ride’ 11/07/2019 14.09

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Caro Fucino, io so solo che basterebbe che i cicciai dicessero non andiamo più a caccia ai cinghiali ma solo alla penna fino a quando la caccia italiana non viene equiparata a quella delle altre nazioni facenti parte della CE per risolvere i nostri problemi. Solo che i braciolari dopo devono fare la fame e spendere per comprarsi la carne e non gli conviene. Pace e bene.

da jamesin 11/07/2019 14.04

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Esatto bisogna ringraziare l’associazione dello sciacallo iena ridens che infatti auspica anche adesso che vietino il combattente ! A CASA I PERDENTI COME TE

da Gardena 11/07/2019 13.51

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

Jamesin per tale divieto in Italia devi ringraziare,quelli che tu sai bene chi sono stati!!! un saluto

da Fucino Cane 11/07/2019 13.00

Re:Gestione adattativa. Decise le quote in Francia

In Francia cacciano il Chiurlo e la Pittima e noi stiamo a guardare ! Si fanno le loro belle quote e vanno tranquillamente a caccia. Anche noi cacciamo solo che le quote sono quelle che si cacciano dalla tasca !?!? Pace e bene e vai va !

da jamesin 11/07/2019 12.54