A CACCIA SI, MA DOVE?


lunedì 10 ottobre 2011
    
Marco CastellaniI cacciatori italiani hanno veramente il bisogno di “coltivare” il loro futuro. La Coldiretti ha denunciato che un territorio grande come due volte la regione Lombardia, per un totale di cinque milioni di ettari equivalenti, è stato sottratto all'agricoltura italiana che interessa oggi una superficie di 12,7 milioni di ettari con una riduzione di ¼ negli ultimi 40 anni.

La situazione in Lombardia, la mia regione, è emblematica. Il censimento agricolo Istat del 2000 ci dice che in Lombardia, dal 1990 al 2000 sono scomparsi 188 mila ettari  di suolo agricolo.

Per dare un’idea è come se fossero scomparsi gli interi territori delle province di Milano e Monza, oppure è come se fossero scomparse 10 città come Milano.

Se il trend è rimasto lo stesso (ma sicuramente sarà invece ulteriormente accelerato) nel 2010 in Lombardia sono spariti almeno circa altri 200 mila ettari di suolo agricolo. Come aver perso una superficie più ampia della provincia di Cremona o come se fossero scomparse 20 città come Brescia.

Secondo il rapporto 2009 dell’ONCS (Osservatorio Nazionale sui Consumi di Suolo), in Lombardia la sola urbanizzazione sottrae ogni giorno una superficie di circa 103.000 metri quadrati, ossia una superficie pari a più di 6 volte la superficie di Piazza del Duomo.
Tutto territorio perso irrimediabilmente, con grave nocumento non solo per l’ambiente e la biodiversità, ma anche per la nostra passione, la caccia.

E se la Lombardia piange, le altre regioni certo non ridono. Dobbiamo richiamare la necessità di una gestione e di una pianificazione di tutto il territorio e non solo di quello interessato dalle aree protette. Bisogna contrastare indiscriminate occupazioni del territorio agro-silvo-pastorale, recuperando e valorizzando strutture, infrastrutture e aree urbane già esistenti invece di crearne di nuove che poi spesso risultano inutili e sottoutilizzate.

E questa è la madre di tutte le battaglie che dobbiamo combattere in alleanza con il mondo agricolo. Molte Istituzioni regionali pensano di cavarsela continuando a propugnare la fallimentare strategia delle aree protette e delle aree Natura 2000 collegate tra loro dalle cosiddette “reti ecologiche”. Strategia fallimentare perché sono di pubblico dominio i dati relativi all’efficienza reale di tali sistemi in campo di tutela e gestione ambientale e perché sono di altrettanto pubblico dominio i tanti contenziosi che sussistono tra aree protette e collettività residenti.

Il rischio è che, se si va avanti di questo passo, ci troveremo tra aree protette ove la caccia è purtroppo assurdamente vietata e territorio degradato sempre meno utile alla fruizione faunistico-venatoria. In pratica ci troveremo senza campo ove giocare la nostra partita.

E’ necessario ed urgente proporre al Paese una strategia alternativa passando da una visione tutta incentrata su vincoli e divieti ad una ben più utile e razionale che si basi sulla reale gestione del territorio agro-silvo-pastorale per produrre ambiente, fauna e biodiversità.

Si deve sfruttare la discussione parlamentare in atto per  la modifica della L. n. 394/91 sulle aree protette sostenendo con forza la necessità di attivare una razionale verifica del rispetto dei requisiti (alta naturalità e proprietà demaniale) che la Legge n. 394/91 prevede debbano essere posseduti dalle aree che già sono assoggettate o che si vorrebbero assoggettare ai regimi di parco naturale e riserva naturale ove, per legge, l’attività venatoria è vietata fatta eccezione per gli abbattimenti selettivi.

La stragrande  maggioranza degli attuali parchi naturali, infatti, presenta ampie porzioni del proprio territorio che non possiede i requisiti di legge, andando ad interessare vastissime aree agricole e zone fortemente antropizzate  e solo in parte aree ad alta valenza ambientale che potrebbero veramente meritare l'aggettivo "naturale".

Occorre poi verificare il rispetto delle percentuali massime di territorio a divieto di caccia previste dalla L. n. 157/9, comprendendovi  non solo i parchi naturali o le riserve  naturali,  ma anche  ogni altro territorio ove sia comunque vietata  l'attività venatoria per effetto di altre leggi o disposizioni.

In molte aree del Paese l'attuale superficie occupata dalla aree naturali protette e delle aree dove comunque è  vietato l'esercizio venatorio, risulta superiore ai limiti di legge ed in parte non in possesso dei requisiti ambientali previsti.

Infine, ulteriori verifiche devono riguardare l’accertamento della gestione di tali aree che, se già affidate a privati che assicurano il mantenimento ed il miglioramento dell’ambiente, non sono certo da tenere in considerazione.

Sarebbe infatti assurdo che venissero inventati parchi naturali o riserve naturali dove non è necessario perché è già conseguito l’obiettivo di protezione e miglioramento, impiegando così inutilmente risorse pubbliche che poi, comunque, non sono in grado di mantenere lo stesso livello di operatività, come l’esperienza ha dimostrato ampiamente.

Se l’obiettivo comune è quello di assicurare il mantenimento, la tutela ed il miglioramento dell’ambiente naturale, è necessario superare tutti i preconcetti legati all’esercizio dell’attività venatoria quando essa è razionalmente impostata e consente la realizzazione di interventi di miglioramento ambientale altrimenti non realizzabili.

Tutti i parchi naturali devono, allora, essere riperimetrati per ridefinire le aree che possono essere sottoposte al regime di parco naturale o di riserva naturale e quindi precluse all’esercizio venatorio, escludendo quelle che non possiedono i requisiti di legge e che portano al superamento della percentuale di territorio su cui è consentito vietare l’esercizio venatorio, facendole confluire nei territori degli ATC o CA di rispettiva competenza.

Su questo punto specifico c’è anche una fondamentale sentenza della Corte Costituzionale – la n. 448/97 - che riconosce la valenza della programmazione territoriale sancita dalla legge 157/92 e richiama al suo rispetto, anche delle percentuali di territorio a protezione, atteso che l’obiettivo del legislatore era quello di assicurare il contemperamento degli interessi di tutte le categorie coinvolte, cacciatori compresi.

Da subito, poi, con un po’ di buon senso finalizzato ad evitare assurdi e “pesanti” contenziosi, occorrerebbe chiarire che il divieto per i privati di introduzione delle armi nei territori a parco, senza preventiva autorizzazione, non si riferisce alle ovvie esigenze di attraversamento di zone protette che, inevitabilmente, si pongono non solo a chi risiede in tali zone, ma ogni qual volta ci si trovi comunque costretti ad attraversare tali zone per recarsi a caccia, oppure in campi di tiro  o di allenamento e addestramento cani, naturalmente con le armi scariche e debitamente custodite secondo le norme di legge.

Oltre ai parchi è sempre aperta anche la questione dal famigerato decreto “Pecoraro Scanio” in merito ai criteri minimi uniformi per i piani di gestione delle ZPS istituite ai sensi della Direttiva Uccelli. Decreto che ha posto vincoli e limiti assurdi all’attività venatoria assolutamente non previsti a livello comunitario e che sono stati poi recepiti dalle Regioni.

Non mi dilungo ma è evidente la necessità di mettere mano anche a questa vicenda eliminando tutte le assurdità oggi previste e lasciando che siano i piani di gestione a regolare le ZPS a seconda delle reali necessità ed esigenze che cambiano inevitabilmente a seconda dei casi.
 


20 commenti finora...

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Poco spazio per la caccia e allora apro i parchi.... Come dire che se perdo al casinò mi posso sempre vendere l'anello di mia madre e tornare a giocare. Ma quanti animali pensa di cacciare l'editorialista proseguendo con questa mentalità d'accatto ?

da Ciro56 16/10/2011 17.23

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Mi rimangio quanto scritto precedentemente, non avevo letto con attenzione il comunicato. Il problema non è la distruzione del territori ma la diminuzione dei territori cacciabili per parchi e ZPS (unici strumenti per contenere l'ingordigia dei cementificatori!). Proprio non c'è verso di cambiare mentalità.

da Luigi 14/10/2011 12.32

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Per fortuna ogni tanto vi occupate di cose serie e non solo ad aumentare periodi di caccia e specie cacciabili.

da Luigi 14/10/2011 10.59

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

CIAO FILIPPO vi è piaciuto votare quel ricchione di Vendola... vi ha promesso nessun ticket e nessuna chiusura di ospedali??? BENE TENETEVELO CARO CARO, e godete insieme a lui visto che l'abbiamo presa nel culo tutti GRAZIE A VOI!!!! ha chiuso tutto, parchi oasi... e poi ha dato il via libera a tutti per la concessione dei pannelli solari percui non vi lamentate lo avete voluto voi... NOI UNA SPERANZA l'abbiamo ancora... solo se si fa' la regione salento mah vediamo. Non voglio offendere nessuno pero' è così inutile girarci intorno.

da elio dal salento 14/10/2011 7.24

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

CARO FILIPPO TI DO RAGIONE SONO DI TARANTO A ME PIACE CACCIARE DA QUELLE PARTI DICIAMO MERCADANDE,LA PUGLIA è DIVENTATA UNO SCEMPIO.

da SKIPPY 12/10/2011 20.19

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Ho perso il gusto di andare a caccia in territorio libero. È una gimcana: villette, capannoni, degrado dappertutto. Se non attacco il fucile al chiodo è solo per il mio cane e per non darla vinta agli anticaccia.

da Martino, Bologna 11/10/2011 23.04

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Perplesso e deluso..non gliene frega niente a nessuno di queste cose,solo noi cacciatori e pochi altri siamo a conoscenza di tutti questi misfatti che vengono compiuti in giro e piange il cuore vedere come hanno ridotto certi posti tanto cari col benestare di chi dovrebbe controllare,dici bene la fine e' in vista!lo credo anche io e nessuno ci salvera'..tantomeno la schifosa politica di tutti i colori e che ci amministra!

da marruca maremmana 11/10/2011 20.49

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

è proprio vero "si! ma dove?", manca poco, ma tra un po faremo il capanno fra boschi di pannelli fotovoltaici, forse meglio per le allodole non avremo bisogno degli specchietti... oppure andremo a raccogliere funghi ed a cacciare la beccaccia nei cortili delle case che inspiegabilmente nascono come funghi, per l'appunto, nei boschi o in terreni che presumibilmente non ne dovrebbero accogliere (vedi zone limitrofe a laghi, fiumi, litorali marittimi ecc. ecc.)! mha! io penso che la fine è in vista! ma non solo della caccia! perché se spariscono le aree agro-silvo-pastorali è a rischio la sopravvivenza di tutto! SVEGLIAMOCI se c'è qualcuno che vigila su queste cose forse è diventato cieco o s'è addormentato!!!

da perplesso deluso e disgustato 11/10/2011 13.33

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

ben venga allora il biologico, ben vengano le colture tradizionali e i prodotti di qualità. occorrono siepi, prati, maggesi, colture alternate di piccole dimensioni, altrimenti la selvaggina tipica nostrale non ci sta. qualche anno fa gli atc senesi fecero un bell'esperimento, bisognerebbe farne mille

da m.l. 11/10/2011 8.34

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

ben venga allora il biologico, ben vengano le colture tradizionali e i prodotti di qualità. occorrono siepi, prati, maggesi, colture alternate di piccole dimensioni, altrimenti la selvaggina tipica nostrale non ci sta. qualche anno fa gli atc senesi fecero un bell'esperimento, bisognerebbe farne mille

da m.l. 11/10/2011 8.34

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

a caccia si, ma dove? su riviste, siti , e compagnie che offrono 4 - 5 giornate di caccia all'estero, dove si dimentica tutto lo schifo che viviamo qui in Italia.

da Adamo - Foggia 10/10/2011 21.41

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Chiariamo che se tanta campagna non e' piu'territorio cacciabile questo e' anche grazie agli agricoltori e alle loro monocolture sature di veleni vari,inoltre gia' ai primi di agosto non ce' piu' neppure uno spazio che non sia indenne dalla coltratura,si trebbia..grano girasoli ecc e il giorno dopo e'tutto ridotto a zolle per centinaia di ettari,specie quest'anno e' un terno al lotto trovare dove sciogliere un cane,a cosa serve tutta questa furia questo accanimento che tanto i terreni fino al novembre non vengono piu' riutiliazzati?per il discorso fotovoltaico anche qua ce ne sono a bizzeffe,ma a me non mi commuovono gli agricoltori,anche in questo business stanno raccattando tanti bei soldoni per il noleggio delle terre dove sorgono gli impianti,soldoni che hanno sempre preso..elargiti a piene mani da regioni e c.e.

da marruca maremmana 10/10/2011 19.49

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

In puglia nella provincia di Bari non abbiamo più un bosco dove praticare la caccia, sembriamo tanti idioti che girano intorno a PARCHI NAZ, PARCHI REG. PARCHI NATURALI. Tutto questo grazie alla politica, che per accontentare i trombati a dato incarichi nei diversi enti parco.voglio capire quando finirà tutto questo

da Filippo 10/10/2011 18.46

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Il fotovoltaico, che secondo Nomisma è un danno - ditelo a Ciarafoni e a Della Seta e Realacci (ma anche alla Marcegaglia) - mettetelo nei parchi, vediamo come godono gli animali, la natura, il territorio. Ambientalisti del piffero e politicanti dall'ambientalismo peloso!

da Hamelin 10/10/2011 17.12

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Finalmente una persona che tocca il vero problemacaccia!!Altro che deroghe,giornate,storni ecc...C0mplimenti,ma tutti gli altri???

da nino ag. 10/10/2011 15.32

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Tutti i parchi regionali sono da eliminare ( si deve ritornare come era prima della 394 ) perchè non proteggono da un bel niente, anzi non facendoci accedere ai cacciatori ( gli unici indesiderati, tutte le altre categorie di cittadini normalmente frequentano questi luoghi, anche nelle zone A del parco dove dovrebbe essere chiuso a tutti, fuorchè i controllori ) regnano indisturbate tutte le specie nocive a danno della selvaggina nobile, altro che salvaguardia della biodiversità!!! P.S. ma tanto, tra non molto non ci resteranno più cacciatori, per cui il problema non si pone più.

da luigi 10/10/2011 15.13

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

qui in puglia sono oramai sorti ovunque come funghi panneli solari in quei pochi punti dove si poteva praticare attività venatoria anche di questi spazi bisogna tenere conto del disastro antiecologico poichè gli uccelli evitano di passare su detti pannelli ,e ,la diminuizione di zone agricole grazie vendola

da azt 10/10/2011 15.00

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

PAROLE SANTE, MA RIMARRANNO ,PURTROPPO, PURA UTOPIA, SCUSAMI MARCO MA E' COSI'.-

da fox 10/10/2011 12.30

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

I cacciatori dovrebbero essere i primi a battersi contro il dissennato consumo di suolo agricolo e forestale. Perché le AAVV non fanno un documento congiunto su questo?

da Mino 10/10/2011 12.07

Re:A CACCIA SI, MA DOVE?

Ditelo a quelli che vogliono rifare l'ennesimo condono edilizio, e quelli, anche cacciatori, che questi signori hanno votato. E le associazioni venatorie, quanti ettari di territorio hanno mai salvato con le loro battaglie? Che tristezza...

da Tordo toscano 10/10/2011 11.34