SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE


lunedì 20 giugno 2011
    
E' l'ora di cominciare a chiedere conto dei tanti ritardi, delle tante stranezze, dei numerosi mancati impegni per tutti gli effetti e ripercussioni che hanno avuto, hanno e avranno nei confronti della caccia e dei cacciatori, anche indirettamente. Perchè, è bene ricordarlo, il buon andamento della caccia, la soddisfazione dei cacciatori, dipendono in primo luogo dall'integrità dell'ambiente, che è la principale premessa per la salvaguardia della fauna selvatica, insieme a una corretta gestione del territorio, non solo nelle aree protette, ma anche nelle aree agricole, in quelle urbanizzate, e in ogni anfratto, sia esso selvaggio o antropizzato, ove possa trovare accoglienza e ricovero la selvaggina.

Per questo, proviamo a cominciare con un elenco di dieci domande, a cui ognuno, se lo vorrà, potrà fornire il suo contributo di risposta, con dati, documenti, dettagli, ma anche suggerimenti. E, perchè no, a cui ognuno potrà aggiungere le sue personali domande. Ma le risposte, quelle ufficiali, le vorremo ricevere dagli enti e dalle organizzazioni preposte al benessere del patrimonio faunistico, che non dimentichiamolo è anche di noi cacciatori. Visto che siamo fra quelli che più si impegnano, si sacrificano, spendono il loro tempo e il loro denaro a vantaggio di tutti.


1.a domanda

Ci sanno dire il Ministro del Tesoro e i Presidenti delle Regioni se il previsto ristorno del 50% delle tasse per il porto d'armi per uso di caccia è stato interamente versato, e come è stato impiegato, regione per regione, visto che tali proventi dovrebbero essere utilizzati per la conservazione e il ripristino di ambienti naturali?


2.a domanda

Ci saprebbe dire il Ministro Tremonti a quanto ammontano i finanziamenti stanziati per i parchi regionali e nazionali e a quale voce di bilancio si è attinto?


3.a domanda

Ci sa dire il Ministro Prestigiacomo quanto è l'ammontare degli ultimi tre anni dei contributi diretti e finalizzati a ricerche erogati alle associazioni ambientaliste? E a chi e come sono stati distribuiti?

4.a domanda

Ci saprebbero dire il Governo, i responsabili dei gruppi parlamentari, i responsabili delle commissioni ambiente, agricoltura, politiche comunitarie, il responsabile dell'Intergruppo Caccia Pesca e Tiro, come mai non è stata ancora recepita la guida interpretativa della Direttiva Comunitaria Uccelli, che risolverebbe una volta per tutte la questione delle linee guida, demandandone alle regioni l'applicazione?

5.a domanda

Ci saprebbero dire i responsabili degli ATC (in buona parte dirigenti di associazione venatoria) come mai i bilanci di gran parte di questi importanti organi di gestione non vengono resi pubblici?


6.a domanda

Perchè gran parte delle regioni non rendono conto nel dettaglio e nella maniera più chiara possibile di come vengono impiegati i fondi provenienti dai tesserini regionali?


7.a domanda

Perchè l'ISPRA, a corto di fondi e di dati attendibili, non fa in modo di collegarsi e coordinarsi con enti e organizzazioni che operano sul territorio, affinchè possa essere colmato quel deficit informativo che sta alla base del bisticcio/pasticcio dei piani faunistici e dei calendari venatori?


8.a domanda

Perchè le associazioni ambientaliste non rendono pubblici i loro bilanci, o i dettagli dei loro bilanci che mettano in evidenza da dove provengono finanziamenti, lasciti, donazioni?


9.a domanda

Perchè - lo chiediamo soprattutto alle organizzazioni ambientaliste e agricole, ma anche al Ministro dell'Ambiente, ai responsabili dei partiti - non si fanno promotori di campagne di sensibilizzazione sui problemi dell'inquinamento e del dissesto idrogeologico, urbanistico e ambientale, mettendo in evidenza le reali responsabilità?


10.a domanda

Quali sono i principali ostacoli - lo chiediamo a tutte le Associazioni Venatorie, riconosciute e non riconosciute – che impediscono un reale coordinamento interassociativo e al più presto la definizione di un protocollo d'intesa che porti a una vera e propria unificazione?


31 commenti finora...

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Ciao, Marcello, perché mi fai una domanda scontata? qui, purtroppo, siamo in Italia, dove la logica non funziona ma solo il caos e gli interessi personali. Ti pare possibile che le politicizzate AAVV possano fare niente di buono per la caccia, quando a loro fa comodo dire signorsì al padrone e percepire tanti soldi sottoforma di contributi statali, altre quelli del tesseramento, senza fare niente? senza che si sappia che fine fanno quei soldi? Danno, quando qualche zelante presidente di qualche piccola sezione periferica se ne fa promotore, il contentino con i polli colorati immessi il giorno prima dell'apertura e poi niente di più. No, Marcello, se non si riesce a far intendere che le AAVV sono un disastro per la caccia, se non si riesce a fare intendere che é l'unione che fa la forza, se i così detti cacciatori non recepiscono il concetto che uniti siamo una forza spaventosa ed essere corteggiati dai partiti per avere i nostri voti che, compreso qualche parente, amico, conoscente, indifferente, collega di lavoro, vicino di casa superano abbondantemente il milione di voti, bene, allora vuol dire che la caccia é per pochi i quali, soli, non hanno alcuna forza. Questo il mio insignificante parere, e le mie, spero, non errate convinzioni: il resto é solo bla bla che non porta da nessuna parte, anzi, mi correggo,porta la fine della caccia che qui in Italia sarà quella di sparare a polli colorati nel proprio orticello. Vedi caro Marcello, dico ciò non per fare il disfattista, ma nella speranza di scuotere la coscienza dei cacciatori sfiduciati, stanchi, che non hanno più la voglia di lottare. Una forte stretta di mano, Nino

da [email protected] 24/06/2011 12.29

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Caro Nino buonasera, tu sai benissimo come la penso quando scrivi ovvero sono sempre d’accordo con te e pertanto mi associo a Ezio e Nato Cacciatore(altri due cari amici). Desidero altresì aggiungere un parere rafforzativo sul modo di intendere e vivere la caccia e le sue differenze tra noi e i nostri cugini francesi(naturalmente anche loro con i loro difetti). Leggevo un comunicato stampa di meta maggio u.s. intitolato cosi “2006-2011,2011-2016: Agricoltura – Caccia – Fauna Selvaggia” una partnerShip perenne, queste ultime chiamati Agrifaune e al loro interno racchiudono le seguente sigle FNSEA e APCA per il mondo agricolo e ONCFS e FNC per il mondo cinegetico e che hanno come obbiettivo un sviluppo agricolo duraturo e compatibile con la conservazione e lo sviluppo della caccia. Ecco la mia obbiezione e la seguente e possibile che di là che non sono santi programmano le attività con tutto il mondo rurale in accordo con i cacciatori, mentre da noi tutte e dico tutte le nostre aavv, ognuno con le loro obbiezioni personale per il loro tornaconto possono continuare a menar il can per l’aia. Una forte stretta di mano

da marcello lentini 23/06/2011 21.59

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Perdonatemi se rispondo solo ora, ma sono stato fuori città e non ho il PC portatile. Voglio rispondere a VECCHIO CACCIATORE, fabrizio, Ezio e Nato cacciatore per dire che non é poi così difficile descrivere la situazione che si é creata in Itala. Intanto dico ad Ezio e Pasquale che li ringrazio per la loro attenzione. Purtroppo, la nostra terra é invasa da persone scorrette, corrotte , amanti del denaro, egoisti, ecc. la parola morale é stata tolta dal vocabolario italiano, amore di famiglia non si sa più cos'é e tutto quanto altro ben conosciamo. Per quanto riguarda strettamente la Caccia, devo precisare, visto che per taluni non é implicito, che l'ultimo treno, come ho più volte detto, é Caccia Ambiente, Partito di veri Cacciatori, di coloro che amano la Natura e che non rubano soldi allo stato, ma ci rimettono di tasca propria; attenzione, però a non perdere quest'ultimo treno, non ce ne saranno altri. Che altro dire se non di cercare di essere uniti , abbandonare , chi può, le AAVV di qualsiasi estrazione perché essendo politicizzate, della Caccia se ne fregano e pensano solo a fare soldi con i tesseramenti e i contributi statali. Non andare a caccia per uno o due anni, caro Fabrizio, non é un problema se questo serve a far capire, anche a chi non vuol vedere e capire, che la Caccia é un equilibratore della Natura; il problema é: quanti aderiranno? credo pochissimi e gli altri avranno più territorio dove cacciare e meno concentrazione di "concorrenti nemici" perché la massa e di cacciatori sparatori, di chi vuole carnieri vistosi.... Allora a che servirebbe? Perdonatemi, ma penso che no é la soluzione giusta. Personalmente al momento non trovo alternative valide, ma se ci mettiamo tutti a pensare, sicuramente la soluzione la troveremo: più cervelli pensano più di un solo cervello!! Una stretta di mano a tutti, Nino

da [email protected] 22/06/2011 20.34

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Ha ragione Ezio caro Nino, non potevi fare fotografia più chiara della realtà attuale, sembrerà strano ma un esempio "negativo" scolastico riferitomi da mia figlia alle prese con gli esami di terza media lo potrei raccontare anch'io, ma preferisco glissare. Un saluto a tutti

da Nato cacciatore 22/06/2011 14.43

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

A mio modesto avviso caro ninohunter hai fatto un'analisi semplicemente perfetta. Credo, se me lo permetti, si possa sintetizzare dicendo che in questo Paese è più producente, gratificante, premiamte, per l'individuo, ad ogni livello, essere furbo e/o disonesto, piuttosto che il contrario. Pochi giorni fa una bimba di 12 anni mi ha chiesto:" Ma come mai sono state promosse come me, che ho studiato con una fatica enorme tutto l'anno scolastico, anche due mie compagne che invece se la sono scialata ed ora ci prednodono pure in giro???"... Voilà, il "sistema" è servito!! :-((

da Ezio 22/06/2011 8.44

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Nel Comune di Pistoia,comune rosso, non dimentichiamolo, su 1800 cacciatori circa, 1760 cacciatori sono iscritti alla Federcaccia. In provincia di Pistoia, provincia rossissima, non dimentichiamolo, si raggiungono livelli dall'80 al 90% di federcacciatori. I problemi non mancano, in una zona a prevalenza migratorista, ma la vecchia balena naviga sempre più sicura di sè. Ognuno di voi, se vuole, si interroghi e dia una risposta a questo fenomeno. E, ancora, se vuole, faccia un pensierino sull'unità dei cacciatori. Questo, a mio avviso, potrebbe essere un modello su cui riflettere.

da Pensatore stanco 22/06/2011 7.41

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Cominciate tutti con assicurazioni private e cacciaambiente, è già una svolta..!!!

da Adamo 21/06/2011 19.31

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

l' unica ribellione che avrebbe un senso sarebbe non andare a caccia per due o tre anni: niente soldi a Stato, Regioni, ATC, riserve di caccia, e lasciare moltiplicare a dismisura la fauna selvatica.....il danno per il sistema di potere che ci sta opprimendo sarebbe doppio e dopo il primo anno verrebbero a cercarci in ginocchio, con l' evidenza dei fatti a dimostrare l' infondatezza dell' allarmismo dei nostri nemici !! MA CI VOGLIONO GLI ATTRIBUTI !! E I VECCHI DOVREBBERO DARE ESEMPIO DI FORZA MORALE AI GIOVANI!!!

da fabrizio 21/06/2011 19.16

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

GRAZIE GIONNI!!è vero EVVIVA a fianco di chi!!???LE NOSTRE ASSOCIAZIONI SONO MANIPOLATE E CORROTTE COME GRAN PARTE DELLE COSE E MOVIMENTI ESISTENTI IN ITALIA!!LA COSA PIU' CORRETTA SAREBBE FARE UN NOSTRO PARTITO COME IN FRANCIA E SOLO COSI SI SENTIREBBE IL PESO E LA QUANTITA DELLA NOSTRA PASSIONE E FORSE QUALCUNO SMETTEREBBE DI METTERE VELINE AL GOVERNO;)E PAGATE PURE CON I NOSTRI SOLDI E VOTI!!!RINNOVO L'ABBRACCIO A TUTTI I CACCIATORI E CHE DIO C'è LA MANDI BUONA!!!

da VECCHIO CACCIATORE 21/06/2011 16.56

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

GIA', MA A FIANCO DI CHI RIBELLARCI? CHI CI SOSTIENE? SIAMO TRAVERSALMENTE UNA MINORANZA ALL'INTERNO DEI PARTITI, E LORO, FANNO GLI INTERESSI DI CHI PORTA PIU' VOTI. PER CUI NOI SIAMO TAGLIATI FUORI, VEDI RISULTATI DELLA LEGA NORD A PONTIDA, DOVE I MILITANTI SFOGGIAVANO MAGLIETTE TITOLATE: SCACCIA..IL CACCIATORE, WWW.ILCOLLAREVERDE.IT COSA VORREMMO ASPETTARCI DA CERTI INDIVIDUI? A MENO CHE LE A.V.E, TUTTI I CACCIATORI CONFLUISCANO NEL PARTITO DI CACCIA E AMBIENTE.

da EVVIVA 21/06/2011 16.35

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

GRANDE VECCHIO CACCIATORE!!

da gionni 21/06/2011 15.58

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

É vero, non dimentichiamo che siamo in Italia dove regna il caos , l'immoralità, il ladrocinio, la delinquenza, la malavita e chi più ne ha ne metta. Tutto a causa dei nostri governanti che, in massima parte, hanno instaurato questo clima di inciviltà e degrado morale . Chi ne fa le spese a favore dei corrotti, dei ladri, degli amorali della delinquenza, degli spacciatori, siamo noi. Noi Cacciatori gli unici e sole persone oneste che hanno una fedina penale immacolata, che sono monitorate dalle forze dell'ordine per via del maneggio di armi. E noi siamo anche considerati gli ingenui, quelli che vivono fuori dal contesto sociale, perché (frase di moda) così fan tutti, quindi é la normalità; perché tutti rubano e quindi non é reato ma é la normalità, tutti, o quasi tutti, trasgrediscono la morale, quindi é la normalità e non é un reato.... Allora tutte quelle domande non solo non avranno una risposta, ma fanno sorridere (o ridere a crepapelle) quelli a cui sono rivolte perché sono quelli che hanno instaurato tale clima, perché sono quelli che vogliono le acque torbide così possono pescare senza essere visi(?). Allora rassegnamoci a tale clima se non abbiamo la forza di reagire o se siamo di quelli che dicono: COSÌ FAN TUTTI. Se poi riusciamo a recepire che é solo l'unione che fa la forza, bene facciamolo e non c'é bisogno di dire a chi fare riferimento e dare fiducia. L'altra soluzione sarebbe la rivolta popolare, non di noi Cacciatori, ma del popolo intero e soggiogato, affamato, super tassato a cui lo stato sempre più chiede. Ma non siamo un popolo reazionario, siamo pacifici e sopportiamo gli abusi e soprusi con pazienza e rassegnazione sperando che un giorno, FORSE, le cose potranno cambiare. Così siamo passati dal fascismo alla DC, al PSI, al PD, al PDL ma le cose sono andate sempre peggio e forse questo é il destino di un popolo lavoratore, onesto e fiducioso del futuro....

da [email protected] 21/06/2011 14.58

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

VOLETE SAPERE QUALE è IL NOSTRO VERO PROBLEMA!!?CHE L'ESSERE CACCIATOTE è UNA PERSONA ONESTA E SINCERA AL CONTRARIO DI CHI CI DOVREBBE GESTIRE E ORGANIZZARE IMPEGNATO NEL SFRUTTARE LA NOSTRA PASSIONE PER RUBARE ULTERIORMANTE I NOSTRI SOLDI!!!NEL MODO PIU' LEGALE ATTENZIONE!!TASSE E VERSAMENTI LIBERI PER POTER ANDARE A CACCIA!!!!ORA DICO MA QUANDO CI STANCHEREMO DI FARCI CALPESTARE!!??QUANDO VEDREMO I NOSTRI FIGLI BOCCHEGIARE E MORIRE DALLA FAME!!??RICORDATE CHE "IL SAZIO NN CONOSCE IL DIGIUNO"FINO A QUANDO NOI DIGIUNI NN CI RIBELLEREMO E FACCIAMO CAPIRE COSA SIA IL DIGIUNO!!!ATTENZIONE SIAMO AD UN PASSO DELLA RIVOLUZIONE GENERALE CHE LA CACCIA SIA LA SCINTILLA A FAR CAPIRE I VERI ERRORI DEI NOSTRI STRAPAGATI E VENERATI AMMINISTRATORI!!CHE NN C'è PEGGIOR COSA DELLA FOLLA IMPAZZITA E AFFAMATA A QUEL PUNTO OGNI TITOLO PERDERA IL PRESTIGIO!!"RIFLETTETE"UN ABBRACCIO A TUTTI I VERI CACCIATORI COME ME;)

da VECCHIO CACCIATORE 21/06/2011 13.58

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

SECONDO ME LA RISPOSTA E': QUESTA E' L'ITALIA IL PAESE DEI FALSI MORALISTI, DEL MAGNA MAGNA A QUALSIASI COSTO, DEI TRUFFATORI E DEI POLITICI MAFIOSI

da ciccio 21/06/2011 11.46

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

La ridposta la dobbiamo cercare ognuno di noi e sollecitarla o ricordarla ogni volta che avremo modo di parlare con chi ci denigra o ci disprezza. E se non l'avremo, saremo legittimati a mettere in dubbio la buona fede e il buon operato di amministratori e operatori di enti e organizzazioni che consentono poca trasparenza. Se lo ricordino, quelli che oggi organizzano una conferenza per dirci come devono essere i calendari venatori. Finchè non ci daranno delle rispsote chiare saremo autorizzati a pensare che sono dei VENDUTI! E ricordiamoci: la rete è un grandissimo strumento di libertà. Cominciamo a utilizzarla, cominciato a diffondere queste inquietanti domande. Chissà che qualcuno non ci venga incontro per darci qualche dritta.

da illibrofaccia 21/06/2011 9.05

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Non faccio commenti su politica e AAVV passate o presenti mi limito a dire che se "qualche santo" rispondesse veritieramente a quelle domande....io avrei veramente coranato il mio più grande sogno in 35 anni di studio del settore!!!Non spero tanto ma già l'averle fatte vi rende onore!!!Ahio R.R.R.

da roverati roberto robin 21/06/2011 0.20

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

E' come chiudere la stalla quando i buoi sono scappati......... Queste domande, bisognava farle 20 anni fa a chi allora, sia politici che rappresentanti di associazioni venatorie, fecero la 157. Una legge che paragono alla cravatta degli usurai: più passa il tempo, più si stringe al collo.

da Marcello67 20/06/2011 20.44

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Non pretenderete mica una risposta........

da Giovanni59 20/06/2011 20.07

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

TUTTO VIENE NASCOSTO, PER I LORO INTRALLAZZI POLITICI. NON PENSO CHE CI SIANO DELLE RISPOSTE A QUESITI CHE "TOCCANO" I LORO INTERESSI. X MATLEY00 GUARDA CHE DEVE ESSERE STATO REALE, NEGLI ANNI 70/80 .

da EVVIVA 20/06/2011 18.40

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Intanto prendiamole ora come sempreverdi e cerchiamo d'impegnarci a farci dare delle risposte. Vent'anni fa erano altri tempi, e la situazione non era così degradata. E poi, anche noi ci permetterai di essere un po' più maturi? O ci vuoi sempre asserviti al solito capetto di turno che queste domande non te le farà mai, e tantomeno ti darà le risposte, visto che fa parte del sistema e ci sguazza. Prova a chiederglielo.

da Sberla 20/06/2011 17.42

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Buonasera, ce ne sarebbe un'altra di domanda, l'undicesima : come mai tutte queste domande con relativi dubbi non sono state poste 20 anni fa ? chi sa rispondere a questa domanda ?

da ettore1158 20/06/2011 16.22

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

11^ domanda Quale ambiente si merita un paese in cui ministri e onorevoli entrano e escono dalle aule dei tribunali e dalle inchieste su P2, P3, e P4? E cosa ci aspettiamo, noi cacciatori, da qualche ministro che ha il terrore che vengano rivelate le sue conversazioni telefoniche con uno dei più chiacchierati faccendieri italiani? Niente di buono, temo

da Franchetto 20/06/2011 15.32

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Sui bilanci delle asscoaizioni ambientaliste, quelli pubblicati ovviamente, perchè non tutte li pubblicano, ci sono voci generiche, non riconducibili a collegamenti che potrebbero denunciare un palese conflitto d'interessi. Per esempio, anni fa si parlò di un forte finziamento di Montedison (Gardini) a una importante associazione ambientalista. Vi sembra giusto che un colosso della chimica dia soldi a chi dovrebbe controllarlo? Si parlò anche di grandi produttori di automobili o del cartello dei petrolieri, culo e camicia con la più importante associazione ambientalista italiana. Come pensate che agisca nei confronti di comportamenti poco virtuosi, un sodalizio che trae vantaggi economici da che questi comportamenti tiene ordinariamente? Questo vorremmo sapere e lo vorrebbero sapere anche i soci in buona fede di queste associazioni. Per quanto riguarda gli ATC e i bilanci provinciali e regionali di attinenza venatoria, si può cominciare dal basso. Perchè ognuno di noi non ne chiede ragione al suo interlocutore diretto? Perchè non sollecita il suo interlocutore diretto (presidente comunale, provinciale, rappresentante in ATC) affinchè se ne faccia carico nei confronti del suo referente superiore? Se qualcuno lo fa e non ottiene risposte, perchè non fa nomi e cognomi su questo sito?

da tuttodipendedanoi, lareteèlibert 20/06/2011 15.22

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

I bilanci delle associazioni ambientaliste sono pubblicati sulle rispettive riviste di appartenenza. Sono asssociaizoni ambientaliste riconosciute anche URCA, FIPSAS ed Ekoclub. Il bilancio dello Stato è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Per i bilanci degli ATC rivolgersi alle associazioni venatorie che ne designano i presidenti...

da tetrao 20/06/2011 15.03

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Ezio, impegnati come sono a spartirsi il malloppo, come vuoi che ti rispondano. In merito alla prima domanda, si che sono impegati a ripristinare l'ambiente naturale, ma quelli dei loro faraonici giardini che circondano le loro megaville, oppure a ripulire gli ambienti verdi e non, nelle immediate vicinanze dei loro lussuosi appartamenti.

da Nato cacciatore 20/06/2011 14.56

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Inpossibile ottenere risposte. Comunque e purtroppo NOI le conosciamo già :-( ... Pubblichiamole su un giornale di disinformazione di massa. Pagando magari ce lo lasciano fare ...

da Ezio 20/06/2011 13.12

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Le risposte a queste 10 domande.....possiamo solo immaginarcele....ma non lo sapremo mai da lor signori.

da Rik. 20/06/2011 13.09

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Mi sa che è più facile fare 6 al super enalotto che avere una risposta a queste domande, comunque sono domande interessantissime ed è nel nostro diritto avere delle risposte, ora i vari magna magna cominceranno a tremare

da corvo 20/06/2011 12.46

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

come fare ad avere risposte? sarebbe interessante..

da nicola 20/06/2011 12.25

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

Bellissime domande che risolverebbero con le adeguate risposte i problemi legati a tutte le restrizione donate a noi cacciatori giorno dopo giorno. Queste domande se non erro dovrebbero porle tutti i giorni chi ci rappresenta al governo e tutti i responsabili di associazioni venatorie... ma il problema è: Ma chi ci rappresenta al governo e ai diretti responsabili delle associazioni venatorie interessa qualcosa di noi o pensano solo ed esclusivamente ai soldi e i voti che noi portiamo? Non c'è chi lotta seriamente per noi, pensano a come tesserare e far votare, degli interessi veri della caccia e dei cacciatori non se ne occupa nessuno... eppure con le domande poste in questo editoriale se ci fosse qualcuno che rispondesse con coerenza, verità e non con risposte di parte, la caccia tornerebbe ad essere quella di una volta, saluto tutti e spero che qualcosa cambi grazie ai sederi tanto comodi che di alzarsi e lottare proprio non ne vogliono sapere.

da Sciannamè Adamo 20/06/2011 10.13

Re:SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE

...una leggenda narra che i soldi versati dai cacciatori Lombardi, siano stati utilizzati per ripianare i debiti della mitica sanità lombarda.

da Matley00 20/06/2011 9.11