Horror natura


lunedì 11 febbraio 2019
    

Gazza topo

 

Oggi che i cosiddetti social hanno sdoganato la stupidità, facendola passare per una conquista liberale, e il terrapiattismo è assurto a poco meno di una corrente di pensiero, anche i seguaci dell'animalismo si sentono autorizzati a fare le loro sparate “sociali”. Non si capisce bene perché per esempio non riescano proprio ad accettare gli animali per quelli che sono: alcuni predatori, altri prede, altri entrambi le cose, anzi quasi tutti. No, per questi fanatici del tofu gli animali sono tutti buoni - e non da mangiare -, generosi, altruisti, insomma; ovvero tutto il contrario di noi umani. Capita dunque di imbattersi (per esempio su facebook) in filmati diffusi sulla base di un comportamento animale casuale o mal interpretato, che diventa la nuova rivelazione sulla indiscussa bontà animale. Questi video spesso passano dalle testate giornalistiche più quotate, strategicamente elargiti come si trattasse di mangime ai polli.

Protagonista di uno di questi per esempio un gatto che a colpi di zampette spinge in acqua il pesce per salvargli la vita (in realtà cerca di agganciarlo con gli artigli per mangiarselo), o il leone che salva il piccolo di gnu perché è colpito dalla sua dolcezza (più verosimile che non abbia fame). Chi li diffonde è così portato a considerare gli animali con i nostri parametri etici, attribuendo loro caratteristiche umane, che si dimentica – o non sa - che esiste una scienza chiamata etologia, che può spiegare in senso empirico la maggior parte dei comportamenti osservati negli animali, sfatando le conclusioni di chi li considera alla stregua di personaggi dei cartoni animati. Purtroppo, grazie a chi cerca clic facili, veniamo sottoposti a una valanga di idiozie che non hanno alcuna attinenza con la realtà, su cui però pare si formano generazioni di nuovi adepti dell'animalismo. Quelli che poi immancabilmente insultano e disprezzano perchè sentono di essere dalla parte giusta. Quelli che non ammazzano nemmeno una mosca, che sono vegani e odiano non solo chi un animale lo ammazza con un colpo di fucile o di ascia, riescono a disprezzare visceralmente chiunque si metta sotto i denti un panino al salame, o addirittura un pezzo di caciotta. Come se realmente bastasse essere vegani per ritenersi liberati dai vincoli di madre natura. Quegli stessi vincoli a cui, paradossalmente, le associazioni animal-ambientaliste si appellano quando ad uccidere è un animale bello e leggendario come il lupo. Decine di pecore zombie che arrancano sul campo di battaglia riversando le loro budella sul verde pascolo, in fondo sono una realtà che bisogna accettare. 

Dovrebbero saperlo anche i bambini, non uccidere animali, nemmeno un insetto, è impossibile se si sta al mondo. Anche se si è vegani. E' un dato di fatto per esempio che per produrre alimenti vegan, soprattutto con la prospettiva di farlo sempre più su larga scala, si disboscano foreste, si distruggono habitat e si interrompono catene alimentari. Senza parlare di scarpe e vestiti veg, prodotti con i derivati del petrolio, ovviamente inquinante e devastante per le specie animali e vegetali. Per estremi, possiamo arrivare a parlare anche dello sfruttamento di miliardi di batteri, che vivono e muoiono negli innumerevoli processi chimici di trasformazione delle sostanze. Nell'infinitamente piccolo, anche se gli animalisti non se ne curano, la lotta animale per la vita continua a perpetuarsi in ogni millimetro. Perfino sulla nostra pelle esistono dei predatori che tendono imboscate a microscopiche prede che si nutrono del nostro dna (cellule morte, grasso, ecc.), le uccidono e poi se le mangiano fino a che, con acqua e sapone li spazziamo via, condannandoli a morte certa. 

La vita, tutta, è una giungla. E' fatta di denti, artigli, dolore, egoismo e nessuna pietà. Questa è la natura. Bellissima e disgustosa allo stesso tempo. Un gioco terribile a cui apparteniamo tutti, anche se a volte ce ne dimentichiamo. In natura, le scene di predazione, senza alcuna pietà per la preda, sono davanti ai nostri occhi ogni giorno. Non serve inoltrarsi nella foresta, dove per esempio può capitare di assistere ad un'aquila che infierisce sulla schiena martoriata di un piccolo quadrupede, mangiandoselo letteralmente vivo (come si è visto recentemente in un altro filmato circolato su facebook), basta trovarsi per caso per strada nel momento in cui una gazza o un gabbiano prendono di mira la loro preda, che può essere un altro uccello, un piccolo roditore, o un gattino. Ci si avventano sopra con il becco con una violenza che fa venire il voltastomaco. Spesso mirano agli occhi o direttamente al cervello. E la morte del malcapitato non è così veloce, purtroppo. Un recentissimo filmato ripreso da National Geographic mostra delle innocue tenere leprotte mentre si cibano dei resti delle carcasse di altre lepri. Un comportamento insolito ma ovvio quando fuori ci sono meno 30 gradi e non c'è altro da mettere sotto i denti. Proteine disponibili, niente di più.


Cinzia Funcis

 


24 commenti finora...

Re:Horror natura

Bravissima Cinzia, lettura impeccabile. Funziona proprio così; il fatto che qualcuno finga di non esserne parte è soltanto un'autoipnosi fine a se stessa, un esercizio dell'ipocrisia. Ciao!

da Daniele Ubaldi 16/02/2019 10.12

Re:Horror natura

Di comunisti in italia non se ne sono mai visti. Ai vertici erano - come sempre - provenienti dalle elite (un tempo aristocratiche, poi alto borghesi), nella piramide e nelle masse erano dei poericristi (a volte prepotenti) che alla chetichella dalla sera alla mattina avevano buttato la cimice e messo la falce e il martello all'occhiello della giacca. Tanto che sembrò che dopo l'8 settembre la popolazione italiana fosse come per incanto raddoppiata. Mi pare di rivivere anche oggi la stessa pantomima, con conte che dice che ha dalla sua 60milioni d'italiani, salvini che fa lo stesso, e Di Maio pure. Insomma, dopo il 4 marzo, questo paese deve sfamare da 120 a 180 milioni di italiani, come minimo. Se poi la sinistra (che non c'è) ne reclama qualcuno, si supera i 200.

da Abbarabaccicciccoccò 15/02/2019 9.29

Re:Horror natura

Comunisti sono di destra!

da C 14/02/2019 22.21

Re:Horror natura

Brava Cinzia bell'articolo;coerente con la realtà attuale in natura,l'altra sera su Focus hanno fatto vedere un Airone cenerino che mangiava un anatroccolo di germano reale;ed un Ibis sacro mentre si mangiava un piccolo di oca selvatica!!! ho fatto un pò di fatica a spiegare il fatto ed il perchè a mia nipote di 7 anni.

da Fucino Cane 13/02/2019 22.34

Re:Horror natura

La caccia è naturale, recitava un vecchio slogan francese a favore della caccia, anche da quelle parti - parlo di una ventina d'anni fa almeno - attaccata piuttosto violentemente dalle stesse lobby dell'industria e dell'agricoltura moderna. Far conoscere questi fenomeni, può anche essere un modo per far sapere ai tantissimi ignoranti che questo fenomeno (chi lo chiama passione, chi hobby, chi sport, chi lavoro) è insito nella natura di tutti gli esseri viventi. Anche una tartaruga che mangia a piccoli morsi un cesto d'insalata, piano piano massacra un essere vivente. Della serie. anche un vegano è un assassino. Il prof. Mancuso, grande studioso dell'intelligenza delle piante, lo spiega spesso anche in televisione. Fra l'altro, ci fa sapere anche che pure le piante sono assassine. Di propri congeneri e anche di animali. La natura è feroce. Anche quella che sembra carina, innocua, una lumaca per esempio, o un baco da seta.

da Vispa Teresa 13/02/2019 15.44

Re:Horror natura

Complimenti Cinzia, la penso perfettamente come te!!

da arturo 13/02/2019 10.34

Re:Horror natura

Vecio,gli occhiali.Pure copiato male...

da acculturato 13/02/2019 8.29

Re:Horror natura

DIO grazie di avere dato a uomini capaci di travolgere le usanze di tutti gli essere umani ,tutti si potranno accoppiarsi con le sorelle scimmie i rospi baceranno tutti gli uomini audaci, io faro con una civetta nana figli-

da IL VECIO ANIMALE 12/02/2019 21.06

Re:Horror natura

che scadimento i commenti ultimamente ..Tutti con la puzza sotto il naso e magari l'errre moscia .. Ma per favore .. Il cacciatore è quello che caccia cio' che gli concede il calendario rispettando la legge... Ah dimenticavo qui tutti vanno a 50 all'ora quando vedono il cartello e naturalmente usano il Bluetooth per il celllulare ,e pure le frecce in rotonda......

da T el C 12/02/2019 19.48

Re:Horror natura

1toscano magari se virgoletti il nome dell'interlocutore,oggetto del tuo commento e al quale ti rivolgi,(Tutte le cacce ecc...)chi legge potrebbe evitare certe interpretazioni,un po' come l'arcisfruttato :"Qui si vendono lettini per bambini di ferro".Solo per questo ti avevo accomunato al collega nella risposta.

da anonimo 12/02/2019 18.36

Re:Horror natura

Parlavo a Tutte le cacce e mi risponde Kirazoe. Dico che le cacce elettroniche non mi piacciono e Anonimo mi fa paladino della illegalità. Forse parlo tedesco, passo e chiudo.PS. Comunque il cane lo trovi lo stesso anche senza il satellitare

da 1 toscano 12/02/2019 18.12

Re:Horror natura

Vedete Kirazoe e 1toscano,c'è una piccola,infinitesimale nonchè trascurabile differenza nel comportamento che ritenete venatoriamente giusto:è illegale.Ma se a voi sembra trascurabile il confine che lo separa da altre condotte solo eticamente(e partiticamente condannabili,aggiungo,perchè il collare1)non viene messo al cane solo per ritrovarlo se in ferma,ma anche per la sicurezza del cane stesso,ferito da cinghiale,morso da vipera ecc...e 2)non è detto che una volta trovato in ferma si possa sparare e abbattere la beccaccia,proprio come sostenete della posta).

da anonimo 12/02/2019 16.38

Re:Horror natura

Tutti hanno diritto ad una beccaccia !!! uno paga le tasse e la beccaccia e' un uccello come un altro .

da majatafanulu la beccaccia e' un uccello 12/02/2019 16.23

Re:Horror natura

Veramente ho risposto ad anonimo a proposito del vero cacciatore che secondo lui non è quello che aspettando i tordi spara alla beccaccia Io sarei per consentire l'uso di Casadei (registratore) Spero di essere stato chiaro in questo mondo di cacciatori poco intelligenti. Non mi pare di aver inveito contro l'uso delle over 100 dalla parata. Sbaglio forse?

da Kirazoe 52 12/02/2019 13.47

Re:Horror natura

Sono d'accordo con lei tutte le cacce meritano rispetto e se tutti la pensassimo così forse ci sarebbero meno problemi. Ma forse quello che voleva dire Kirazoe era che andare a beccacce col satellitare o al capanno con il registratore è come partecipare ad un videogioco in tv; è piacevole anche il video-game ma quando sono nel bosco è tutta un'altra cosa.Scusate se ho irritato qualcuno e se si chiedo scusa, sono l'ultimo dei cacciatori.

da 1 toscano 12/02/2019 13.43

Re:Horror natura

Insomma kirazoe52 il vero cacciatore sei tu. Gli altri tutti di terza scelta che hanno rovinato l’ambiente. Vorresti vietare il satellitare ma usi richiami vivi.... Ecco questa mentalità ci ha ridotti in braghe di tela.

da Tutte le cacce meritano rispetto. 12/02/2019 13.05

Re:Horror natura

Ineccepibile ciò che scrive anonimo. Un distinguo. Lei chiana cacciatore chi per cacciare la beccaccia adopera il collare dotato di satellitare che indica la posizione del cane in ferma a x metri e o direzione x y z mentre lui "passeggia" tranquillamente nel sottobosco? Io direi no anche perché difficilmente la beccaccua ha poche possibilità di..squagliarsela. Ha più possibilità invece di sfuggire alla fucilata di chi aspetta un tordo allo spollo o no? Ho la licenza dal 1968 e allora e per tanti anni a seguire non era poi così orribile sparare una fucilata al cumbrugliume alla beccaccia. Che spesso se la cavava solo con un po' di paura. Lo stesso lo si può dire oggi del satellitare? Forse uguale all'uso del registratore. Personalmente dal 1994 ho l'opzione "b" e non mi lamento. Da una ventina d'anni la mia caccia è solo e soltanto al colombaccio da appostamento. Caccio solo sparando a fermo perché il colombaccio merita la fucilata se si posa e sopratutto dove voglio io. La sua astuzia contro la mia capacità insomma. Un po come chi caccia la beccaccia con il campano. Credo condivida. Mi scuso per prima. Mi sono partiti due scritti

da Kirazoe 52 12/02/2019 9.17

Re:Horror natura

Se permette Kirazoe le spiego come invece,io ritenga giuste le conclusioni di Cinzia facendo un sillogismo con quello che quasi tutti pensiamo,lei compreso ,immagino,e cioè:non credo che lei chiami cacciatore chi spara alla beccaccia appostandosi ne' chi faccia entrare il cane in buca per stanare la spinosa ne' chi con il cane in ferma riuscendo a vedere la beccaccia gli spari a terra.Ecco il parallelismo con gli ambientalisti di cui sopra;unica differenza in peggio nel paragone e che questi ultimi addirittura,in certi casi,ci lucrano pure,con la loro ignoranza,con i soldi delle licenze dei cacciatori mentre l'inverso non avviene.

da anonimo 12/02/2019 8.36

Re:Horror natura

Naturalmente per contraddire Rinaldo se è lo stesso Rinaldo che penso io. Diversamente va lo stesso bene considerato che questo è il mio pensiero. Ognuno fa il suo mestiere. L'ambientalista l'ambientalista, il cacciatore il cacciatore. Mi sembra ipocrisia condannare chi sfrutta a suo vantaggio situazioni e immagini che rappresentano sicuramente il contrario Vado a caccia ormai da una vita e la sola cosa che mi scandalizza e mi fa inorridire sono le immagini sulla caccia che passano nei canali tematici. Quelli dedicati alla caccia naturalmente. A caccia vado per passione e per istinto animale, considerato che questo è l'essere umano. Diversamente farei come gli ambientalisti considerato che fuori del periodo venatorio sono più ambientalista degli ambientalisti. Non capisco il senso del ...purtroppo parliamo e leggiamo tra di noi....

da Kirazoe 52 12/02/2019 7.24

Re:Horror natura

Naturalmente per contraddire Rinaldo se è lo stesso Rinaldo che penso io. Diversamente va lo stesso bene considerato che questo è il mio pensiero. Ognuno fa il suo mestiere. L'ambientalista l'ambientalista, il cacciatore il cacciatore. Mi sembra ipocrisia condannare chi sfrutta a suo vantaggio situazioni e immagini che rappresentano sicuramente il contrario Vado a caccia ormai da una vita e la sola cosa che mi scandalizza e mi fa inorridire sono le immagini sulla caccia che passano nei canali tematici. Quelli dedicati alla caccia naturalmente. A caccia vado per passione e per istinto animale, considerato che questo è l'essere umano. Diversamente farei come gli ambientalisti considerato che fuori del periodo venatorio sono più ambientalista degli ambientalisti. Non capisco il senso del ...purtroppo parliamo e leggiamo tra di noi....

da Kirazoe 52 12/02/2019 7.24

Re:Horror natura

Vero,verisssiimo.........Ma......

da T el C 11/02/2019 22.00

Re:Horror natura

Gli ambientalisti da salotto che leggeranno questo articolo lo ignoreranno.Gli ambientalisti seri già lo sanno e ne parlano. National Geographic Wild fa vedere la realtà della vita. In ogni caso complimenti , peccato non leggerlo sulle testate importanti , siamo fiduciosi .

da Johnny 11/02/2019 20.31

Re:Horror natura

Complimenti. Purtroppo parliamo e leggiamo tra di noi. In ogni modo complimenti.

da Rinaldo. 11/02/2019 20.20

Re:Horror natura

Cara Cinzia è tutto vero quel che scrivi. Ma di fronte a questo occorrono grossi investimenti economici per spiegare le cose a chi non conosce la natura. Maledire il destino ed augurarsi che gli idioti spariscano da soli non basta. Occorrono soldi e capacità divulgativa. Non imprecazioni.

da Gianni 11/02/2019 11.54