MISTERI DELLA TELE


lunedì 9 febbraio 2015
    

Quando diciamo abbondante, parlando di uccelli, in particolare migratori, vogliamo pensare che della specie oggetto della considerazione ce ne siano un buscherio. Quando diciamo scarso, o "in declino", vogliamo pensare che di quella specie indagata ne rimangano pochi esemplari, soprattutto in misura molto ridotta rispetto a periodi precedenti.

Il sopraespresso pistolotto vuole essere il preludio a una denuncia, pesante ma reale, su come male vanno le vicende scientifiche e politiche in casa nostra, quando si tratta di lanciare degli anatemi e di proporre delle soluzioni, anche in fatto di patrimonio naturale.

Noi cacciatori, sicuramente mille volte più consapevoli di qualsiasi ambientalista (e forse anche di qualche sedicente scienziato) su come vanno le cose in campagna, possiamo dimostrare senza ombra di dubbio che le cose non stanno come le raccontano i piccoli e grandi mezzi di comunicazione, ispirati da quella grancassa di sicofanti peccaminosamente al soldo di gruppi d'interesse ormai neanche più tanto sconosciuti.

La Direttiva uccelli, giustamente, da più di trentacinque anni, pone più l'accento sulla tutela dell' ambiente, che significa prevenzione, piuttosto che sulla codifica dei prelievi, che in buona sostanza significa repressione. Al contrario, certi centri di potere scatenano campagne di diffamazione nei confronti di noi poveri cacciatori, per distrarre l'attenzione dalle reali cause di impoverimento di quello che oggi pomposamente viene definito biodiversità. Un tempo contraddistinto con il termine: creato.

Chi per sua fortuna tocca invece la realtà con mano e con giudizio, di fronte a certi scempi si pone delle legittime domande. Per esempio: come mai, dopo almeno mezzo secolo di divieto di caccia, certe specie di uccelli cosiddetti "silvani" sono pressochè scomparsi? Noi, che frequentiamo il campo e il bosco, ormai non ci stupiamo più della scomparsa di decine di uccelletti un tempo abbondanti. Che fine hanno fatto i luì? Dove sono andate a finire le averle? Perchè non si trova più neanche una cincia?

Eppure, molte di queste specie sono protette da sempre? Il fatto è che la legge le ha "protette" dal cacciatore, anzi, data l'antichità del bando, dall'"uccellatore" (che operava secoli fa, quando il fucile manco c'era), ma le ha lasciate oggetto di stupri e sevizie di massa da parte di ben altri soggetti, ben più subdoli e pericolosi, che si chiamavano e si chiamano falso progresso, industrializzazione dell'agricoltura, cementificazione, utilizzo di prodotti chimici a tappeto, distruzione dei ripari naturali, dissesto dei territori, desertificazione vegetale, monocolture, inquinamento diffuso.  

Ci piacerebbe sapere, a questo proposito, cosa ne pensa la nuova presidentessa del WWF, Donatella Bianchi, stagionata icona televisiva, che proprio pochi giorni fa si scagliava contro la caccia e i cacciatori, mentre su Rai-LineaBlu, nello stesso momento o giù di lì, scorrevano immagini che la vedevano manipolare decine di pesci morti, assaggiare manicaretti a base di aragoste (le avranno bollite vive?), fare l'apologia della pesca e via andare.  Benissimo!, avremmo detto noi, vedendola all'opera insieme a un paio di rudi pescatori che tiravano su una rete carica di delizie. Finalmente una che se ne intende. Finalmente una che se apprezza la figura del pescatore, niente avrà da ridire sull'altrettanto onorevole attività del cacciatore. E invece no! Ecco che alla prima occasione smentisce sè stessa. Un vero e proprio sdoppiamento della personalità. Chissà che cosa ci troverà di differente fra uno spiedino di sparnocchi e una schidionata di fringuelli. Fra una passera (pesce) al vapore e un "pacarito" (piccolo passeraceo) che in Spagna fino a poco tempo fa ti servivano, croccante, insieme a un vinello rubizzo, nelle tabernas di campagna. Fra un Tordo (pesce, Labrus Viridis) o un palombo (pesce) al vapore, e un tordo o un petto di colombaccio lardellati.

Vito Rubini


14 commenti finora...

Re:MISTERI DELLA TELE

Fateci caso il giro è sempre lo stesso, media, associazione ambientalista, giornalista, sono sempre gli stessi che ruotano ad alto livello nel comparto ambiente, la Bianchi non fà eccezione, benchè brava e professionale per la pesca ed il mare resta modesta in altri settori e ipocrita non riconoscendo il valore della caccia, trattandola diversamente dalla pesca, non si può essere presidente del WWF e non fare queste considerazioni.

da giusva 11/02/2015 12.24

Re:MISTERI DELLA TELE

BRAVA CESARA UNIAMOCI.MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA INDETTA DAI CACCIATORI,PASSA PAROLA

da hunter 11/02/2015 0.02

Re:MISTERI DELLA TELE

bello sarebbe: vedere un branco di vegani assaltare un centro di ricerca e di riproduzione della fauna ittica e liberare gli avannotti nei liquami di un fiume, tanto per dargli la libertà. ovviamente davanti a stoppola di strizia, e a una telecamera amica. che goduria. vorrie però una ripresa integrale, compreso le randellate di sicuramente incattiti pescaotri/ricercatori

da a. gemmonte 10/02/2015 14.53

Re:MISTERI DELLA TELE

E secondo te,manuel,perche' fino ad oggi non hanno " liberato " nessun pesce da qualsivoglia allevamento o condotto alcuna "crociata" antipesca?Perche' gli animalisti sono coerenti e obiettivi!

da pietro 2 09/02/2015 23.04

Re:MISTERI DELLA TELE

..io mi chiederei come fanno wwf e company a piazzare le loro pedine nei posti giusti, mentre i "nostri" vengono inesorabilmente snobbati...

da Giovanni59 09/02/2015 21.43

Re:MISTERI DELLA TELE

io spero una cosa che prima o poi gli animalari si scaglino violentemente pure nei confronti dei pescatori che nascondendosi dietro il catch and realese si discostano sempre da noi cacciatori per il pesce e' chiaramente un divertimento pensare di morire ogni volta che viene allamato no? e vedrete che allora le cose cambieranno...noi cacciatori siamo 6-700000 ma i pescatori un esercito e forse capiranno una volta per tutte da che parte remare per continuare a godere della propria passione visto che dai cacciatori prendono sempre le distanze

da manuel appennino savonese 09/02/2015 21.17

Re:MISTERI DELLA TELE

x Cesara B. Condivido in pieno quello che dici, ma il problema è che ci manca la forza derivante dall'unione in unica a.v. Attualmente procediamo in ordine sparso e non concludiamo nulla.

da Arrabbiato 62 09/02/2015 15.09

Re:MISTERI DELLA TELE

Si sa ! fa più. rumore un albero che cade che una foresta che cresce,potremmo cercare ,di far conoscere le nostre ragioni ma la comunicazione è fortemente di parte .Quindi anche se da anni ci prodighiamo con giornate ecologiche o a costituire aree di coltivazioni a perdere per alimentare anche animali non cacciabili a fare opere di solidarietà verso. i meno fortunati.A pagare i danni agli agricoltori ,rimaniamo agli occhi della gente degli assassini ,e come ci dicono ogni anno qualche gruppetto di animalisti l'unico cacciatore buono è. quello morto .gli animalari fanno comodo a tutte le forze. politiche ,quindi saremo sempre considerati italiani di serie B ,anche se abbiamo la feddina penale pulita ! gli altri chi lo sa!

da Passatore 09/02/2015 14.56

Re:MISTERI DELLA TELE

allora se io voglio cacciare e mangiare selvaggina voglio essere in grado di farlo, come madre natura mi insegna e come la mia fede cristiana mi insegna, ma se tu animalista mi critichi perché mi dici che ''ammazzo'' e poi ti mangi un bello spedino di pesce.... tu non difendi le idee ma mi prendi solo per il [email protected] conclusione non mi rompere i [email protected]!!

da giova 09/02/2015 14.45

Re:MISTERI DELLA TELE

abbiamo tante risorse, da utilizzare anche nel settore dela comunicazione, che non immaginiamo neanche. solo che ci perdiamo e consumiamo tutta la nostra energia nelle campagne fomentate ieri dalla cartetta e da berlato, oggi da sparvoli e dalla mazzali, e non ci diamo da fare per promuovere e sostenere i valori anche economici e sociali che racchiude la caccia. perchè, ad esempio, non facciaamo un bel progetto, tutti insieme, senza doppioni, per promuovere la selvaggina a tavola? è già una grossa realtà. chi c'è che ci impedisce di parlarne? i vegani? certo. gli agricoltori allevatori, anche, probabilmente. i dirigenti dei cacciatori e i cacciatori che gestiscono autonomamente e magari irregolarmente questo giro infinito di lombate di cinghiale? mah! forse non ce la faremo mai

da optimist 09/02/2015 11.46

Re:MISTERI DELLA TELE

Sacrosanta VERITA'. Purtroppo il nostro male è che non abbiamo nessuno che è in grado di difenderci, in nessun campo, specialmente quello televisivo.

da NANNI 09/02/2015 11.28

Re:MISTERI DELLA TELE

VISTO E CONSIDERATO, CARO ARRABBIATO, CHE CODESTA COSA LA SAPPIAMO TUTTI, MI STUPISCE INVECE IL PERCHè CONTINUIAMO A STRAPPARCI I CAPELLI FRA NOI E A SPRECARE ENERGIE SOLAMENTE PER UNA SETTIMANA DI TORDI IN PIù, MENTRE NULLA FACCIAMO PER COSTITUIRE UN SERIO BALUARDO A CERTE NEQUIZIE. CHE SI COMBATTONO SOLAMENTE RESTANDO UNITI - NON DIVIDENDOSI - E PRATICANDO NOI - CON DENUNCE E COMPORTAMENTI - QUELLA SERIA POLITICA AMBIENTALE CHE LOR SIGNORI FANNO DI TUTTO PER RINVIARE, ANCHE ACCUSANDO LA CACCIA. STRISCIA LA NOTIZIA, AD ESEMPIO, CI STA DANNEGGIANDO UTILIZZANDO GLI ELEMENTI PIù RETRIVI DEI NOSTRI ERRATI COMPORTAMENTI. PERCHè NON FACCIAMO NOI ALTRETTANTO CONTRO LE SPECULAZIONI E IL DISSESTO AMBIENTALE, NASCOSTO DA DECENNI DA QUESTI SIGNORI CHE HANNO IN MANO LE LEVE DELLA COMUNICAZIONE? RICORDIAMOCI, CHE SE LORO CONTROLLANO LA GRANDE STAMPA E LE TELEVISIONI GENERALISTE, DI DESTRA E DI SINISTRA, NOI ABBIAMO - VOLENDO - UN ACCESSO CAPILLARE ALLE TELEVISIONI LOCALI E ALLE GAZZETTE TERITORIALI. CHE MESSE TUTTE INSIEME E COORDINATE COSTITUIREBBERO UN VERO E PROPRIO STRUMENTO DI CONTROINFORMAZIONE. CI VOGLIAMO FARE UN PENSIERINO???

da CESARA B. 09/02/2015 9.58

Re:MISTERI DELLA TELE

Già tutto ciò noi cacciatori lo sappiamo da decenni e lo continuiamo a dire e ridire e ridire ed ancora ridire ma non facciamo un ben niente, eppure le paghiamo queste associazioni venatorie del cavolo..... MA PERCHE' INVECE DI CONTINUARE CON LE LAMENTELE NON INCARICHIAMO QUALCUNO CHE PAGHEREMO PROFUMATAMENTE "SOLO DOPO" DEI RISULTATI CONCRETI?? In fondo essere un "sanocacciatorambientalista" è possibile ai nostri giorni, vogliamo solo un autorizzato e giustificato prelievo in tempo di passo con poche ma ferree certezze.

da SALVO 09/02/2015 9.50

Re:MISTERI DELLA TELE

Il nostro grande nemico è la diffusione a mezzo stampa e televisione di notizie false sul nostro conto. Il tutto in perfetta e consapevole malafede.

da Arrabbiato 62 09/02/2015 9.04