Serres, caccia pratica. L'Italia sul tetto del mondo. Conti e Pianigiani


giovedì 5 novembre 2009
    
Conti e SirioI mondiali di Serres entreranno nella storia della cinofilia venatoria italiana. Come sappiamo la delegazione italiana si è imposta nella categoria inglesi nella specialitCaccia pratica, sia nella classifica individuale che vincendo il titolo a squadre.
Abbiamo già parlato di Stefano Pardini (vincitore del titolo individuale con Anter) e di Fabrizio Baloci (1° ECC con Ghibli), ora conosciamo meglio gli altri due componenti della squadra degli inglesi: Conti e Pianigiani.

Stefano Conti con il suo setter Sirio, si è classificato vicecampione del mondo (dietro a Pardini con Anter), determinando in modo senza dubbio incisivo la vittoria italiana a squadre. Sirio, giovane setter di 4 anni, è arrivato al titolo mondiale con un curriculum di tutto rispetto: giCampione italiano Fidasc e Campione Europeo su selvatico abbattuto. Conti è un addestratore esperto, ultimamente ha ottenuto buoni risultati anche con Gandi, altro setter inglese, con cui ha vinto a settembre il Campionato italiano Fidasc su selvaggina.
 
In Grecia Conti ha partecipato anche alla Coppa del Mediterraneo Fidasc, pochi giorni prima, gare caratterizzate da una situazione climatica particolarmente sfavorevole per le temperature alte. “C'erano 30 35 gradi – ha commentato Conti - poi di colpo le condizioni climatiche sono cambiante e la temperatura è diventata più fresca. Questo ha contribuito alla vittoria nella gara di Caccia pratica”.

Stefano Pianigiani questa volta non ha portato a casa il titolo a causa di una brutta caduta di Mardok, il setter inglese che ha partecipato alla prova. Il cane ha riportato ferite al muso di una certa rilevanza  e per questo è stato costretto ad abbandonare. Pianigiani gestisce con la moglie l'affisso Pianigiani's allevando e addestrando cani da caccia (breton, springer, pointer e setter inglesi). Con i suoi 12 Campionati del Mondo, di cui due individualmente, 7 Campionati Europei, 58 Campionati Italiani, 280 risultano soggetti campioni italiani e internazionali, sia per lavoro che per riproduzione di cui 78 del proprio allevamento, Pianigiani è entrato a par parte  nei grandi nomi della cinofilia mondiale.
 

I Campioni italiani (categoria inglesi) durante l'inno nazionale alla premiazione

(Da sinistra Paolo Pardini, Stefano Conti, Fabrizio Baloci e Stefano Pianigiani)


0 commenti finora...