Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami viviTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaEuropee. Cacciatori al votoIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale Fidc

News Caccia

Arcicaccia Siena: bene le politiche provinciali sulle specie migratorie


mercoledì 12 gennaio 2011
    
“La gestione attuata dalla Provincia di Siena, attraverso una serie di iniziative quali la collaborazione per l’istituzione di un centro di inanellamento e la salvaguardia tramite le autorizzazioni di alcune specie di alberi e di arbusti, contribuisce alla tutela delle specie migratorie ed è un segnale di sensibilità nei confronti dell’ambiente”. Così Alessandro Ferretti, presidente provinciale dell'Arci Caccia di Siena commenta l'impegno dimostrato dall'amministrazione provinciale senese sul fronte della selvaggina migratoria.

“Le specie – afferma Ferretti – che sostano nella nostra provincia, solo in determinati periodi dell’anno, sono molte e alcune buone pratiche agricole e ambientali, possono favorire questi flussi migratori, importanti a scopo venatorio e scientifico. E’ fondamentale pertanto, seguire comportamenti virtuosi, evitando per esempio di abbattere, durante il taglio dei boschi, alberi da frutto o alcuni arbusti in grado di nutrire, con i loro frutti, molti uccelli di passaggio. Accanto a questo occorrono altri interventi, che l’amministrazione provinciale sta già mettendo in campo, come la progettazione di centri di inanellamento di uccelli per monitorare e controllare nel tempo i flussi migratori”.

 
“Le prescrizioni per i piani dei tagli sono imposti dalla normativa regionale e comunitaria – continua Ferretti – ma la Provincia ha il merito di rilasciare autorizzazioni che vanno nella direzione della tutela della biodiversità animale e vegetale, soprattutto nelle aree sottoposte a maggiore tutela come i Siti di Importanza Comunitaria, che a Siena coprono circa 58mila ettari di territorio. È già presente un centro di inanellamento, gestito dal Centro Ornitologico Toscano, per i passeracei a Montepulciano, ed è iniziata una collaborazione con Sauro Giannerini, coordinatore nazionale del ‘Progetto Colombaccio Italia’ e Federico Merli, dell’Arci Caccia Regionale, per la realizzazione di un centro di inanellamento per colombacci in provincia di Siena. Il progetto servirà a raccogliere, analizzare e divulgare tutti i dati relativi al periodo ‘di passo’ della specie sul territorio provinciale raffrontati a dati analoghi relativi al restante territorio italiano. Il progetto prevede, a tal fine, un’ampia collaborazione con tutte le realtà dell’associazionismo per aprire una nuova fase di impegno unitario a favore della natura. A Siena sono inoltre presenti due impianti di cattura per uccelli da richiamo autorizzati dalla Provincia e sono da tempo istituite sei zone di protezione per l’avifauna migratoria, che saranno oggetto di revisione, conferma o trasformazione in base alla reale valenza per la migratoria con il nuovo Piano Faunistico venatorio Provinciale”.
 

 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Arcicaccia Siena: bene le politiche provinciali sulle specie migratorie

Proteggere è sacrosanto. Tra i molti spazi che si possono rivelare disponibili bisogna anche incrementare la diffusione di quei vegetali di varie forme e specie che forniscono alimentazione ai migratori. Sono decine di piante che sempre più spesso vengono usate come siepi nei giardini e parchi privati delle periferie e dei centri cittadini e che attirano uccelli che a loro volta, con le loro deiezioni contribuiscono alla loro diffusione, ma solo in ambienti antropizzati, dove spesso le piante , nascendo disordinatamente, vengono estirpate. Se è vero che le città devono essere rese più vivibili per gli uomini è ancor più vero che anche il bosco deve essere più a misura di selvatico.

da Fromboliere 13/01/2011 14.51