Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Acma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialeMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Rapporto Ispra, Capriolo in aumento


venerdì 29 maggio 2009
    

Capriolo in aumento Rapporto IspraIl capriolo, inserito nella lista rossa di IUCN nella categoria Least concern, è considerata una specie a basso rischio di estinzione a livello globale.  In Italia è presente in due grandi sub areali che interessano prevalentemente l’arco alpino e la dorsale appenninica centrale.

Nel 2005 - ci dice l'Ispra - la consistenza stimata della popolazione di Capriolo italiana ammontava a 425.874 capi, con un incremento rispetto al valore registrato nel 2000 pari al 26%. La tendenza delle popolazioni – secondo il Rapporto - è dunque positiva, anche se gli incrementi della popolazione sono per lo più concentrati in alcune aree dell’Appennino centro-settentrionale e delle Alpi centro-occidentali. In Trentino Alto Adige ed in Lombradia si è assistito invece ad una recente flessione delle consistenze.

La specie è prelevata in 46 delle 67 province in cui è presente, i prelievi si concentrano al nord e al centro, in tutta l’Italia centromeridionale, a partire dal Lazio – con l’eccezione della provincia di Viterbo –, la specie non è oggetto di gestione venatoria.  Nella stagione 2004-2005 sono stati abbattuti nel complesso 46.507 capi, con un aumento del 33% rispetto a quanto riscontrato nella stagione1999-2000 (34.850 capi).

Uno dei principali problemi di conservazione legati all’attività venatoria – secondo il Rapporto dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - sono il mantenimento della caccia in braccata in alcune Provincie nord-orientali e sarebbe dunque opportuna una modifica della legge quadro nazionale che preveda la caccia di selezione come unica forma di prelievo per il Capriolo, così come per gli altri Ungulati (con la sola eccezione del Cinghiale). Come elemento critico l'Ispra evidenzia anche la tendenza, ancora relativamente diffusa anche ove viene praticata la caccia di selezione, a prelevare preferenzialmente la classe maschile.

In diversi casi infine la gestione venatoria della specie sembra condizionata dalla mancata applicazione di una corretta e scrupolosa stima delle popolazioni, nonché dalle richieste del mondo venatorio ed agricolo, che orientano le decisioni degli enti gestori indipendentemente da valutazioni oggettive sullo status e la dinamica delle popolazioni locali.

 Vai alla sezione dedicata da BigHunter al Rapporto Ispra 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...