Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
ANCHE IL TAR PUGLIA RESPINGE IL RICORSO ANIMALISTATOSCANA. LA CCT SUONA LA CARICACacciatori sempre più civili. A Modena una sola sanzione all'aperturaCaos in Lombardia sulla Consegna dei tesseriniMoriglione e pavoncella, nuovo ricorso in ToscanaPresidio Animalista a Milano. Fidc scrive ai consiglieriMarche, soddisfazione delle associazioni venatorieTar Marche sospende "solo" caccia a moriglione e pavoncellaCia: a censire la fauna non ci siano solo i cacciatoriCaccia futura. Cristina Ceschel - Ecco a voi la caccia al femminileFedercaccia al convegno Face sui lagomorfiRichiami vivi per caccia colombaccio. Cct chiarisceAbruzzo: nuove restrizioni in vista Modena, atti vandalici su auto di cacciatori Roccoli. In Lombardia presidio animalista e denuncia all'UeEmilia R. chiede a Ispra riconoscimento braccata per controlloAnche Enalcaccia Marche al Tar per la difesa del calendario Butac svela disinformazione su prima giornata di cacciaMarche: caccia in deroga allo storno in altri tre comuniSergio Berlato Presidente Confavi Roccoli. Fidc Lombardia prepara difesa al TarAbruzzo. Arriva parere Ispra su calendario modificatoLombardia: ricorso al Tar contro riapertura roccoliMinistra Bellanova: "mio padre era cacciatore"Caccia Futura. Michele Merola - Per rinnovare nella tradizioneAssociazioni Lombarde: La realtà contro le bugie sulla cacciaFiocchi: novità per la caccia da BruxellesStagione caccia al via. Partono le strumentalizzazioniFein: catturato primo tordo in migrazioneIl futuro delle GGVV: la collaborazione tra enti ed associazioniMartani su Radio2 "voglio tagliare le gomme ai cacciatori"Sicilia: in calendario venatorio la caccia al coniglio selvaticoCalendario Puglia: associazioni venatorie preparano difesa al TarRicorsi al Tar. Buone notizie dalla CalabriaFidc Lazio: urge regolamento richiami viviLombardia, approvate riduzioni al carniere Apertura. Arci Caccia scrive al Comandante Cufa CarabinieriBruxelles: riparte l'intergruppo Biodiversità, Caccia e RuralitàDal Senatore Bruzzone un richiamo all'unità dei cacciatoriCalendario Abruzzo, Fidc incontra la Regione Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del bucoCaccia Futura. Emanuela Lello, la gendarme con la penna verdeArci Caccia Toscana chiede costituzione cabina di regia Il Piemonte chiede più autonomia sulla cacciaMarche: parte la difesa del calendario venatorioSuccesso per la "Braccata rosa" delle donne FidcArci Caccia Puglia sul ricorso al Tar Abruzzo, ancora incertezzePuglia: Tar anticipa udienza contro Calendario Venatorio La caccia in Lituania, patria del neo Commissario Ue all'AmbientePasso. Prime avvisaglie?Ad Alessandria convegno sul futuro della caccia piemonteseL'Intergruppo Ue Caccia e biodiversità verso la sua ricostituzioneNominati Commissari Ue. Ecco chi va all'Agricoltura e all'AmbienteSolidarietà di Arci Caccia dopo i vandalismiFidc: attacchi degli estremisti non ci fanno pauraCosta compiace i pescatori: approvata immissione specie alieneDa Regione Abruzzo nuova proposta di Calendario VenatorioNuovi imbrattamenti contro le sedi FidcCinghiali, Rolfi "In Lombardia abbattimenti raddoppiati"Animalisti imbrattano sede Federcaccia UmbriaCaccia Futura - Federico Scrimieri: bocconiano coi fiocchiArci Caccia Treviso. Successo per il seminario dedicato al cervoIncidente di caccia e assicurazione. Un chiarimento da FidcCst, Marche: ennesima paralisi della cacciaUNA: Inaugurato capanno di osservazione Bocca d'OmbroneAnlc Marche: su preapertura decisione incomprensibileSospesa di nuovo la caccia in preapertura nelle Marche70 mila persone alla Sagra degli Osei di SacileZipponi nuovo Presidente Fondazione UnaA Empoli la nuova casa comune dei cacciatoriCaccia Futura - Pietro Iacovone. Sempre in prima lineaA Capannoli incontro sull'aggiornamento dei Key ConceptsConfagricoltura Toscana: serve nuovo patto tra cacciatori e agricoltoriPeste suina Sardegna. Rinnovata la collaborazione dei cacciatoriColli Euganei, abbattimenti cinghiali aumentati grazie a selcontrolloriVeneto: legittima partecipazione cacciatori al controllo faunisticoConte bis. Riconfermato Costa. All'Agricoltura va Teresa BellanovaPubblicato lavoro sulla beccaccia con telemetria satellitarePepe: calendarizzare subito Piano Faunistico AbruzzoSicilia, piccoli ritocchi al calendario venatorioGoverno M5S - Pd al via. Gli accordi sull'AmbienteMacerata: processione di San Giuliano, protettore dei cacciatoriBenevento, incontro su gestione faunisticaCaccia futura. "Eccomi, sono Maua"Cacce tradizionali. Ompo al lavoroNuovo calendario Abruzzo? Wwf diffida la RegioneDonati oltre 100 mila euro al Gaslini dai cacciatoriSiena: fondi ai cinghialai per i miglioramenti ambientaliFidc Marche: "non ci faremo piegare dai ricorsi animalisti"Berlato: Regione applichi legge su mobilità venatoriaAnuu: ancora stallo nella migrazioneAbbattimento accertato. I chiarimenti della Regione ToscanaFidc Emilia Romagna risponde ad attacco Enpa Federcaccia incontra il Presidente del Parlamento EuropeoArci Caccia ringrazia la Regione Marche per la preaperturaMarche, ok alla preapertura a colombaccio e corvidiFidc Umbria "mancato parere Ispra diritto sottratto ai cacciatori"Fassini (Arci Caccia): l’Apertura consacra il nostro amore per la naturaUmbria, niente da fare per la preaperturaA Crespina proclamati i campioni degli uccelli canoriMarche, la Regione: "la preapertura si farà"Inizio stagione venatoria. Il saluto del Presidente Fidc BuconiCalabria: proroga per i cacciatori di cinghialiGame Fair. Federcaccia incontra i cacciatoriCalabria, cinghiali "un problema di sicurezza pubblica"Toscana approva accordi reciprocità cacciaTar Sicilia respinge istanza associazioni venatoriePreapertura Umbria: si attende ancora il parere IspraSpecie esotiche in declino. FACE aggiorna sulle restrizioni Preapertura Caccia. CCT: ecco le regole da rispettareFidc: Nasce la settoriale cinghialai dell'Emilia RomagnaAbruzzo. Sospeso Calendario Venatorio 2019 - 2020Arci Caccia Marche: "subito nuovo decreto"Sospesa la preapertura della caccia nelle MarcheIl calendario siciliano piace agli animalistiArci Caccia Toscana: "carniere tortora merito nostro"Toscana: preapertura caccia 1 e 8 settembreUtilizzo richiami caccia. Chiarimenti dalla Regione ToscanaPuglia: modifiche calendario venatorio, colombaccio in preaperturaSardegna: Approvato Calendario Venatorio 2019 - 2020Passo. Il caldo fa la differenzaAssessore Mai all'Enpa: no a reintroduzione cinghialiFucecchio. Fidc Pistoia risponde alle accuse ambientalisteSicilia. La reazione delle Associazioni venatorie Incontro a Fano con i rappresentanti della RegioneLa gestione degli Atc secondo Arci Caccia ToscanaContenimento al Padule di Fucecchio. La Lipu alza la voceSassari: approvati piani controllo cornacchia e cinghialiA Crespina campionato italiano uccelli canoriArosio: catturato primo prispolone in migrazione post nuzialeGuardie venatorie in assemblea a MacerataFiocchi: 5 stelle-Pd e la cacciaArci Caccia e Eps "La caccia, una e indivisibile"Ancora proteste per il calendario venatorio sicilianoDal Friuli una proposta di modifica della 157/92

News Caccia

STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI


lunedì 10 giugno 2019
    



L’Università di Padova ha realizzato uno studio scientifico, promosso dalla Coldiretti, sul degrado del suolo causato dalla presenza degli ungulati nell’area Parco dei Colli Euganei e negli immediati dintorni.

A Coordinare lo studio del Dipartimento Territorio e Sistemi agroforestali dell’Università di Padova il professor Paolo Tarolli.
Dopo due anni di rilievi in oltre 400 aree danneggiate, oltre 10.000 misure di profondità, 20 aziende agricole conivolte e una quantità di informazioni elaborate e tradotte in mappe e tabelle, lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista inglese ”Earth Surface Processes and Landforms” della British Society for Geomorphology.
L'articolo redatto dal dottor Luca Mauri, che ha condotto gli studi assieme al professor Tarolli, mette in evidenza il esempio di collaborazione tra Università e stakeholder per lo studio di una problematica concreta ed attuale, che ha preso le mosse non da un aspetto teorico e fine a se stesso ma da una ben precisa necessità pratica. Un lavoro quindi a servizio del cittadino, come sottolinea Coldiretti Padova.
Il direttore di Coldiretti Padova, Giovanni Roncalli ha dichiarato: "Durante lo svolgimento dello studio abbiamo organizzato diversi incontri sul territorio, sia con gli agricoltori che con la cittadinanza e i rappresentanti istituzionali, per spiegare le finalità di una ricerca che esula dall’ambito strettamente agricolo e abbraccia la complessità del problema. Volevamo avere delle informazioni certe e dei dati concreti sull’impatto dei cinghiali sul delicato contesto ambientale e geologico dei Colli Euganei, abbiamo chiesto di misurare dimensioni, profondità e conseguenze delle frane che i nostri agricoltori trovano ogni giorno nei propri terrei e anche nei boschi. Ci complimentiamo con il professor Tarolli e il dottor Mauri per l’accuratezza dello studio che ora viene sottoposto anche alla comunità scientifica internazionale. Quello che ora infatti sembra un problema strettamente locale, circoscritto ai Colli Euganei, potrebbe riproporsi anche in altri contesti simili. Conoscere le conseguenze della proliferazione di specie selvatiche in particolari territori aiuta senz’altro ad individuare le soluzioni più idonee per tutelare prima di tutto l’ambiente e la sicurezza di chi ci vive e ci lavora, oltre che a garantire la sopravvivenza dell’attività agricola in tutte le sue accezioni. Sarà nostro impegno portare i risultati dello studio all’attenzione anzitutto della Regione, sotto la cui competenza ricade anche il governo del Parco dei Colli Euganei, ma anche degli organi nazionali, per chiedere finalmente misure efficaci per risolvere un’emergenza che si trascina da troppi anni".
Il proferssor Tarolli ha inoltre aggiunto: “Abbiamo geolocalizzato e quantificato su ampia scala i danni da cinghiale, analizzando 406 aree danneggiate e compiendo 10.150 misure di profondità di suolo in due anni. E’ uno studio unico nel suo genere, mai compiuto fino ad ora, neppure all’estero, che ha calcolato i metri cubi di suolo rimosso ed elaborato delle statistiche per capire se la presenza di danni in un area è significativa o no sulla base dell’entità del danno stesso. Abbiamo quindi  individuato le aree più critiche e calcolato la potenziale connessione a strade e canali del volume di suolo rimosso da cinghiali, ovvero quale è la probabilità che il volume di terreno rimosso in un punto possa poi raggiungere una strada o una canale. Questa può essere un’informazione utilissima a coloro che gestiscono il territorio, a partire dai sindaci e dai tecnici dei Consorzi di bonifica), per programmare interventi mirati per mitigazione del potenziale dissesto, soprattutto sulle strade, che potrebbe attivarsi durante precipitazioni intense. Abbiamo messo a punto una metodologia di indagine con linee guida su come analizzare questo tipo di problemi. La nostra metodologia potrebbe essere presa come esempio ed adottata in altre regioni o anche dall’Avepa o ancora nei parchi nazionali e regionali. In definitiva, quando una specie invasiva non è controllata o equilibrata dalla natura stessa e si riproduce a dismisura (oltretutto in territorio antropizzato), il tutto poi si ripercuote sulla natura stessa come forma di “stress” (erosione e degrado del suolo, danni, e conflitto con l’uomo stesso). Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.
Coldiretti

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

PER IL DISSETO IDROGEOLOGICO, VI CONSIGLIO DI DARE UN'OCCHIATA ALLE NUTRIE, PRIMA DI INTERROGARVI SUI CINGHIALI. POI, PER I PARCHI, LA PRIMA COSA DA FARE E' CAMBIARE QUELLA MALEDETTA LEGGE, CHE FA FINTA DI SALVAGUARDARE UNA PICCOLA FETTA DI TERRITORIO, CONSENTENDO DI FARE STRAME DEL RESTO, MENTRE GLI AGRICOLTORI SONO I MAGGIORI RESPONSABILI, MA SE NON SI DA' UNA SVOLTA AL MODELLO GESTIONALE, SI RISCHIA DI PERDERE SIA GLI UNI SIA GLI ALTRI TERRITORI. NEI PARCHI PER INCURIA E SOVRAPPOLOLAZIONE DI SELVATICI CHE DEBORDANO E FANNO DANNI ANCHE FUORI, NEL TERRENO LIBERO, UNA GESUIONE LEGATA SOPRATTUTTO AL PROFITTO, STA FACENDO DANNI ALL'AMBIENTE E PROVOCANDO COSTI ALLA POPOLAZIONE PER GENERAZIONI. CON L'AGGIUNTA CHE LA POLITICA ANTICACCIA DI TUTTI I GOVERNI DI QUESTI ULTIMI CINQUANTA-SETTANT'ANNI STA DISTRUGGENDO UNA CULTURA E UN POPOLO CHE POTEVA FARE LA DIFFERENZA.

da GIFUNI T. 11/06/2019 17.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

X Diana 61;io trovo il marcio ovunque, perchè visti i trascorsi di questi anni e di come stanno portando o vogliono portare la caccia sono preveggente, senza essere mago!!!!!

da Fucino Cane 11/06/2019 13.38

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Come dico sempre nei corsi di formazione per la caccia al cinghiale, sia collettiva che di selezione...negli uffici sono convinti di eliminare i cinghiali a colpi di risme di carta... non han capito che i cinghiali si mangiano pure quella...

da Lorenzo 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Complimenti a Fucino Cane che trova il marcio ovunque. Fatti vaccinare.

da Diana 61 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Che sia una nuova strategia della Coldiretti per abolire l'art 842 del c.c.???

da Fucino Cane 10/06/2019 22.55

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Alla fine dei conti per il contenimento degli animali, si usano gabbie, pillola anticoncezionale, preservativo, spirale, anello vaginale, e dulcis in fundo altri parchi. Ma quando lo capirete come si governa l'ambiente e gli animali, se prima si deve chiedere il permesso a enpa et compasgnia bella ! Pace e bene

da jamesin 10/06/2019 21.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

finalmente un lavoro serio, ora sappiamo geolocalizzare i danni, info certe sui danni concreti, conoscenza della proliferazione della specie, informazioni utilisssssssssime per la gestione. finalmente a breve arriveremo ad una soluzione.- così bisogna fare!!!!!!!!!

da ridicoli 10/06/2019 20.37