Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCTFrancia, assemblea FNC: cacciatori in campo contro l'ecologia da salottoVeneto: Zottis (PD) chiede proroga termini riconsegna tesseriniPAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversitàRichiami vivi: Commissione Ue risponde a interrogazioneCovid-19. Sospesa caccia di selezioneFidc Umbria, vertici sospesi. Elezioni da rifareLiguria: incostituzionale caccia dopo tramonto. Ok accertamento capiAnuu: un febbraio da ricordareFidc Brescia: poco utili controlli a campione su tesserini venatoriCaccia in cucina. Ecco i ristoranti aderentiAbruzzo: approvato disciplinare caccia di selezione cinghialeAncora catture caprioli nell'area dell'ospedale di PistoiaStudiare la pernice elbana per salvare la specie in ItaliaSalerno, iniziate le immissioni di 4 mila fagianiMilioni di visualizzazioni per il video di "cucina" di un cacciatoreAnnullata Assemblea nazionale Anuu MigratoristiMolise, proroga per i corsi caccia selezione al cinghialeUe: nuova interrogazione contro bando del piomboToscana. Eps e CCT si confrontanoCinghiali. Assessore Mai "va cambiata la legge sulla caccia"Salvatore La Spada. Scultore e cinofiloM5S Piemonte: "sventato blitz su specie cacciabili"Cinghialai abruzzesi contro il Piano faunistico e IspraFassini: “Verifichiamo condizioni per Cabina di Regia in VenetoCinghialai puliscono le strade di Genga (AN)Specie simili, studio scientifico cita esempio italianoCinghiali, Remaschi smentisce Coldiretti "in Toscana 160 mila cinghiali"Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla cacciaCuneo, rinviati esami abilitazione venatoriaCacciatori arruolati contro le nutrieGiornata mondiale fauna selvatica. Il ruolo dei cacciatoriUmbria: Coldiretti propone estensione caccia cinghialePuglia: proposta unitaria per il regolamento degli AtcAl via la diciottesima edizione di Caccia in Cucina

News Caccia

STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI


lunedì 10 giugno 2019
    



L’Università di Padova ha realizzato uno studio scientifico, promosso dalla Coldiretti, sul degrado del suolo causato dalla presenza degli ungulati nell’area Parco dei Colli Euganei e negli immediati dintorni.

A Coordinare lo studio del Dipartimento Territorio e Sistemi agroforestali dell’Università di Padova il professor Paolo Tarolli.
Dopo due anni di rilievi in oltre 400 aree danneggiate, oltre 10.000 misure di profondità, 20 aziende agricole conivolte e una quantità di informazioni elaborate e tradotte in mappe e tabelle, lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista inglese ”Earth Surface Processes and Landforms” della British Society for Geomorphology.
L'articolo redatto dal dottor Luca Mauri, che ha condotto gli studi assieme al professor Tarolli, mette in evidenza il esempio di collaborazione tra Università e stakeholder per lo studio di una problematica concreta ed attuale, che ha preso le mosse non da un aspetto teorico e fine a se stesso ma da una ben precisa necessità pratica. Un lavoro quindi a servizio del cittadino, come sottolinea Coldiretti Padova.
Il direttore di Coldiretti Padova, Giovanni Roncalli ha dichiarato: "Durante lo svolgimento dello studio abbiamo organizzato diversi incontri sul territorio, sia con gli agricoltori che con la cittadinanza e i rappresentanti istituzionali, per spiegare le finalità di una ricerca che esula dall’ambito strettamente agricolo e abbraccia la complessità del problema. Volevamo avere delle informazioni certe e dei dati concreti sull’impatto dei cinghiali sul delicato contesto ambientale e geologico dei Colli Euganei, abbiamo chiesto di misurare dimensioni, profondità e conseguenze delle frane che i nostri agricoltori trovano ogni giorno nei propri terrei e anche nei boschi. Ci complimentiamo con il professor Tarolli e il dottor Mauri per l’accuratezza dello studio che ora viene sottoposto anche alla comunità scientifica internazionale. Quello che ora infatti sembra un problema strettamente locale, circoscritto ai Colli Euganei, potrebbe riproporsi anche in altri contesti simili. Conoscere le conseguenze della proliferazione di specie selvatiche in particolari territori aiuta senz’altro ad individuare le soluzioni più idonee per tutelare prima di tutto l’ambiente e la sicurezza di chi ci vive e ci lavora, oltre che a garantire la sopravvivenza dell’attività agricola in tutte le sue accezioni. Sarà nostro impegno portare i risultati dello studio all’attenzione anzitutto della Regione, sotto la cui competenza ricade anche il governo del Parco dei Colli Euganei, ma anche degli organi nazionali, per chiedere finalmente misure efficaci per risolvere un’emergenza che si trascina da troppi anni".
Il proferssor Tarolli ha inoltre aggiunto: “Abbiamo geolocalizzato e quantificato su ampia scala i danni da cinghiale, analizzando 406 aree danneggiate e compiendo 10.150 misure di profondità di suolo in due anni. E’ uno studio unico nel suo genere, mai compiuto fino ad ora, neppure all’estero, che ha calcolato i metri cubi di suolo rimosso ed elaborato delle statistiche per capire se la presenza di danni in un area è significativa o no sulla base dell’entità del danno stesso. Abbiamo quindi  individuato le aree più critiche e calcolato la potenziale connessione a strade e canali del volume di suolo rimosso da cinghiali, ovvero quale è la probabilità che il volume di terreno rimosso in un punto possa poi raggiungere una strada o una canale. Questa può essere un’informazione utilissima a coloro che gestiscono il territorio, a partire dai sindaci e dai tecnici dei Consorzi di bonifica), per programmare interventi mirati per mitigazione del potenziale dissesto, soprattutto sulle strade, che potrebbe attivarsi durante precipitazioni intense. Abbiamo messo a punto una metodologia di indagine con linee guida su come analizzare questo tipo di problemi. La nostra metodologia potrebbe essere presa come esempio ed adottata in altre regioni o anche dall’Avepa o ancora nei parchi nazionali e regionali. In definitiva, quando una specie invasiva non è controllata o equilibrata dalla natura stessa e si riproduce a dismisura (oltretutto in territorio antropizzato), il tutto poi si ripercuote sulla natura stessa come forma di “stress” (erosione e degrado del suolo, danni, e conflitto con l’uomo stesso). Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.
Coldiretti

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

PER IL DISSETO IDROGEOLOGICO, VI CONSIGLIO DI DARE UN'OCCHIATA ALLE NUTRIE, PRIMA DI INTERROGARVI SUI CINGHIALI. POI, PER I PARCHI, LA PRIMA COSA DA FARE E' CAMBIARE QUELLA MALEDETTA LEGGE, CHE FA FINTA DI SALVAGUARDARE UNA PICCOLA FETTA DI TERRITORIO, CONSENTENDO DI FARE STRAME DEL RESTO, MENTRE GLI AGRICOLTORI SONO I MAGGIORI RESPONSABILI, MA SE NON SI DA' UNA SVOLTA AL MODELLO GESTIONALE, SI RISCHIA DI PERDERE SIA GLI UNI SIA GLI ALTRI TERRITORI. NEI PARCHI PER INCURIA E SOVRAPPOLOLAZIONE DI SELVATICI CHE DEBORDANO E FANNO DANNI ANCHE FUORI, NEL TERRENO LIBERO, UNA GESUIONE LEGATA SOPRATTUTTO AL PROFITTO, STA FACENDO DANNI ALL'AMBIENTE E PROVOCANDO COSTI ALLA POPOLAZIONE PER GENERAZIONI. CON L'AGGIUNTA CHE LA POLITICA ANTICACCIA DI TUTTI I GOVERNI DI QUESTI ULTIMI CINQUANTA-SETTANT'ANNI STA DISTRUGGENDO UNA CULTURA E UN POPOLO CHE POTEVA FARE LA DIFFERENZA.

da GIFUNI T. 11/06/2019 17.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

X Diana 61;io trovo il marcio ovunque, perchè visti i trascorsi di questi anni e di come stanno portando o vogliono portare la caccia sono preveggente, senza essere mago!!!!!

da Fucino Cane 11/06/2019 13.38

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Come dico sempre nei corsi di formazione per la caccia al cinghiale, sia collettiva che di selezione...negli uffici sono convinti di eliminare i cinghiali a colpi di risme di carta... non han capito che i cinghiali si mangiano pure quella...

da Lorenzo 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Complimenti a Fucino Cane che trova il marcio ovunque. Fatti vaccinare.

da Diana 61 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Che sia una nuova strategia della Coldiretti per abolire l'art 842 del c.c.???

da Fucino Cane 10/06/2019 22.55

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Alla fine dei conti per il contenimento degli animali, si usano gabbie, pillola anticoncezionale, preservativo, spirale, anello vaginale, e dulcis in fundo altri parchi. Ma quando lo capirete come si governa l'ambiente e gli animali, se prima si deve chiedere il permesso a enpa et compasgnia bella ! Pace e bene

da jamesin 10/06/2019 21.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

finalmente un lavoro serio, ora sappiamo geolocalizzare i danni, info certe sui danni concreti, conoscenza della proliferazione della specie, informazioni utilisssssssssime per la gestione. finalmente a breve arriveremo ad una soluzione.- così bisogna fare!!!!!!!!!

da ridicoli 10/06/2019 20.37