Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc Piemonte. Primo incontro con l'Assessore ProtopapaViezzi rieletto alla guida di Fidc FriuliE se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urne

News Caccia

STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI


lunedì 10 giugno 2019
    



L’Università di Padova ha realizzato uno studio scientifico, promosso dalla Coldiretti, sul degrado del suolo causato dalla presenza degli ungulati nell’area Parco dei Colli Euganei e negli immediati dintorni.

A Coordinare lo studio del Dipartimento Territorio e Sistemi agroforestali dell’Università di Padova il professor Paolo Tarolli.
Dopo due anni di rilievi in oltre 400 aree danneggiate, oltre 10.000 misure di profondità, 20 aziende agricole conivolte e una quantità di informazioni elaborate e tradotte in mappe e tabelle, lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista inglese ”Earth Surface Processes and Landforms” della British Society for Geomorphology.
L'articolo redatto dal dottor Luca Mauri, che ha condotto gli studi assieme al professor Tarolli, mette in evidenza il esempio di collaborazione tra Università e stakeholder per lo studio di una problematica concreta ed attuale, che ha preso le mosse non da un aspetto teorico e fine a se stesso ma da una ben precisa necessità pratica. Un lavoro quindi a servizio del cittadino, come sottolinea Coldiretti Padova.
Il direttore di Coldiretti Padova, Giovanni Roncalli ha dichiarato: "Durante lo svolgimento dello studio abbiamo organizzato diversi incontri sul territorio, sia con gli agricoltori che con la cittadinanza e i rappresentanti istituzionali, per spiegare le finalità di una ricerca che esula dall’ambito strettamente agricolo e abbraccia la complessità del problema. Volevamo avere delle informazioni certe e dei dati concreti sull’impatto dei cinghiali sul delicato contesto ambientale e geologico dei Colli Euganei, abbiamo chiesto di misurare dimensioni, profondità e conseguenze delle frane che i nostri agricoltori trovano ogni giorno nei propri terrei e anche nei boschi. Ci complimentiamo con il professor Tarolli e il dottor Mauri per l’accuratezza dello studio che ora viene sottoposto anche alla comunità scientifica internazionale. Quello che ora infatti sembra un problema strettamente locale, circoscritto ai Colli Euganei, potrebbe riproporsi anche in altri contesti simili. Conoscere le conseguenze della proliferazione di specie selvatiche in particolari territori aiuta senz’altro ad individuare le soluzioni più idonee per tutelare prima di tutto l’ambiente e la sicurezza di chi ci vive e ci lavora, oltre che a garantire la sopravvivenza dell’attività agricola in tutte le sue accezioni. Sarà nostro impegno portare i risultati dello studio all’attenzione anzitutto della Regione, sotto la cui competenza ricade anche il governo del Parco dei Colli Euganei, ma anche degli organi nazionali, per chiedere finalmente misure efficaci per risolvere un’emergenza che si trascina da troppi anni".
Il proferssor Tarolli ha inoltre aggiunto: “Abbiamo geolocalizzato e quantificato su ampia scala i danni da cinghiale, analizzando 406 aree danneggiate e compiendo 10.150 misure di profondità di suolo in due anni. E’ uno studio unico nel suo genere, mai compiuto fino ad ora, neppure all’estero, che ha calcolato i metri cubi di suolo rimosso ed elaborato delle statistiche per capire se la presenza di danni in un area è significativa o no sulla base dell’entità del danno stesso. Abbiamo quindi  individuato le aree più critiche e calcolato la potenziale connessione a strade e canali del volume di suolo rimosso da cinghiali, ovvero quale è la probabilità che il volume di terreno rimosso in un punto possa poi raggiungere una strada o una canale. Questa può essere un’informazione utilissima a coloro che gestiscono il territorio, a partire dai sindaci e dai tecnici dei Consorzi di bonifica), per programmare interventi mirati per mitigazione del potenziale dissesto, soprattutto sulle strade, che potrebbe attivarsi durante precipitazioni intense. Abbiamo messo a punto una metodologia di indagine con linee guida su come analizzare questo tipo di problemi. La nostra metodologia potrebbe essere presa come esempio ed adottata in altre regioni o anche dall’Avepa o ancora nei parchi nazionali e regionali. In definitiva, quando una specie invasiva non è controllata o equilibrata dalla natura stessa e si riproduce a dismisura (oltretutto in territorio antropizzato), il tutto poi si ripercuote sulla natura stessa come forma di “stress” (erosione e degrado del suolo, danni, e conflitto con l’uomo stesso). Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.
Coldiretti

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

PER IL DISSETO IDROGEOLOGICO, VI CONSIGLIO DI DARE UN'OCCHIATA ALLE NUTRIE, PRIMA DI INTERROGARVI SUI CINGHIALI. POI, PER I PARCHI, LA PRIMA COSA DA FARE E' CAMBIARE QUELLA MALEDETTA LEGGE, CHE FA FINTA DI SALVAGUARDARE UNA PICCOLA FETTA DI TERRITORIO, CONSENTENDO DI FARE STRAME DEL RESTO, MENTRE GLI AGRICOLTORI SONO I MAGGIORI RESPONSABILI, MA SE NON SI DA' UNA SVOLTA AL MODELLO GESTIONALE, SI RISCHIA DI PERDERE SIA GLI UNI SIA GLI ALTRI TERRITORI. NEI PARCHI PER INCURIA E SOVRAPPOLOLAZIONE DI SELVATICI CHE DEBORDANO E FANNO DANNI ANCHE FUORI, NEL TERRENO LIBERO, UNA GESUIONE LEGATA SOPRATTUTTO AL PROFITTO, STA FACENDO DANNI ALL'AMBIENTE E PROVOCANDO COSTI ALLA POPOLAZIONE PER GENERAZIONI. CON L'AGGIUNTA CHE LA POLITICA ANTICACCIA DI TUTTI I GOVERNI DI QUESTI ULTIMI CINQUANTA-SETTANT'ANNI STA DISTRUGGENDO UNA CULTURA E UN POPOLO CHE POTEVA FARE LA DIFFERENZA.

da GIFUNI T. 11/06/2019 17.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

X Diana 61;io trovo il marcio ovunque, perchè visti i trascorsi di questi anni e di come stanno portando o vogliono portare la caccia sono preveggente, senza essere mago!!!!!

da Fucino Cane 11/06/2019 13.38

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Come dico sempre nei corsi di formazione per la caccia al cinghiale, sia collettiva che di selezione...negli uffici sono convinti di eliminare i cinghiali a colpi di risme di carta... non han capito che i cinghiali si mangiano pure quella...

da Lorenzo 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Complimenti a Fucino Cane che trova il marcio ovunque. Fatti vaccinare.

da Diana 61 11/06/2019 10.22

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Che sia una nuova strategia della Coldiretti per abolire l'art 842 del c.c.???

da Fucino Cane 10/06/2019 22.55

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

Sono necessarie quindi efficaci politiche di contenimento delle specie invasive laddove non sia la natura stessa che le contiene”.>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Alla fine dei conti per il contenimento degli animali, si usano gabbie, pillola anticoncezionale, preservativo, spirale, anello vaginale, e dulcis in fundo altri parchi. Ma quando lo capirete come si governa l'ambiente e gli animali, se prima si deve chiedere il permesso a enpa et compasgnia bella ! Pace e bene

da jamesin 10/06/2019 21.26

Re:STUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALI

finalmente un lavoro serio, ora sappiamo geolocalizzare i danni, info certe sui danni concreti, conoscenza della proliferazione della specie, informazioni utilisssssssssime per la gestione. finalmente a breve arriveremo ad una soluzione.- così bisogna fare!!!!!!!!!

da ridicoli 10/06/2019 20.37