Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sicilia, proposte modifiche a bozza calendario venatorioIn Spagna caccia già apertaRieti, protesta l'Atc per le limitazioni alla braccata Continua ricerca tortora, grazie a raccolta aliAl Game Fair la "Braccata rosa" delle cacciatriciBrescia: preapertura alla cornacchiaUmbria: Giunta propone preapertura 1 e 8 settembreFidc Sardegna risponde ad attacco animalistaSardegna, a proposito del Calendario Venatorio Arci Caccia critica approvazione Piano Faunistico UmbriaMentre in Nuova Zelanda...Castel Viscardo (TR). Convegno su habitat, biodiversità e selvaggina stanzialeChiesina Uzzanese (PT). 39° Fiera degli Uccelli Abruzzo. Approvato calendario venatorio 2019/2020L'amministrazione Trump favorevole all'espansione dell'accesso alla cacciaFIDC Pistoia organizza 3 incontri con i cacciatoriCaccia apertura in FranciaPistoia. Corso abilitazione prelievo selettivo Daino-Muflone-CervoLindsay Scott e la struggente natura selvaggia Padule Fucecchio. Al via il controlloSicilia. Arcicaccia protestaCPA, FIDC e UCS- ANLC Sardegna. Incontro con l'AssessoratoFedercaccia. Nominate le prime commissioniLazio. Approvata preapertura caccia tortoraUmbria: approvato Piano Faunistico Venatorio"Una sfida al buonsenso"Sardegna, arriva parere Ispra su Calendario VenatorioArci Caccia L'Aquila: "ad agosto ancora senza calendario venatorio"Crisi di Governo vicina?Ungulati: proposte modifiche da Fidc Forlì CesenaFidc Umbria: no ad aumenti per le squadre dei cinghialaiSalvini chiede sostituzione del Ministro CostaEmilia R. Molinari (Pd): Caccia braccata patrimonio da tutelareConsiglio Ministri impugna legge mobilità venatoria PugliaBerlato: no alle illegittime restrizioni degli Atc sulla cacciaUmbria: approvato in Commissione Piano faunistico VenatorioAbruzzo, calendario ancora da approvare. Wwf pronto a ricorsoVietare la caccia sui fondi privati? In Piemonte è legittimoBruzzone interroga il Ministro Costa sui KCTrento, animalisti ricorrono al Tar contro il calendario venatorioSicilia, partito monitoraggio del coniglio selvaticoLombardia. No della Regione ai tesserini opzione cacciaToscana, ok a Piani cervo, daino e mufloneFedercaccia Umbra, Giovanni Selvi neopresidenteRichiami vivi. Fidc Lombardia "inaccettabili dichiarazioni Lac"Lega Emilia Romagna: "braccata a rischio" Molise, ok calendario venatorio in CommissioneUmbria: stagione venatoria a rischioLa festa del cacciatore dell'Anuu PC aiuta l'ospedale pediatricoCalendario venatorio Lombardia: pubblicate le integrazioniColombaccio, cabina di regia scrive agli AtcPescia (PT), premiazione fiera uccelliStorno: in Puglia ok del comitato faunistico sulla derogaLiguria: ricorso animalista contro calendario venatorio Rappresentanza Atc. Tar Piemonte respinge ricorso FidcFiocchi: "bene roccoli Lombardia, continua lavoro in Europa"Richiami vivi, Anuu: il buonsenso in LombardiaMazzali: "buon lavoro della Regione sui roccoli"Massardi: riapertura roccoli grande vittoria dei cacciatoriRolfi annuncia riapertura roccoli LombardiaCaccia, questione di eticaCalendario venatorio Molise, ecco le dateFormigine. Protesta per aggressione animalistaTar Piemonte respinge ricorsi contro calendari venatoriBerlato torna alla guida dell'Associazione Cacciatori VenetiApprovato calendario venatorio Valle d'AostaCpa Lombardia: fumata nera sulle derogheDdl Proteggi Animali verso testo unificatoMilano, il cartellino della discordiaVentavoli presidente Consorzio Bonifica Basso ValdarnoApprovato Calendario Venatorio 2019 - 2020 in CalabriaBasilicata: approvato calendario venatorio 2019 - 2020CCT: A Capannoli argomenti per un lavoro comuneMarche: Approvata caccia in deroga allo stornoBuconi plaude ad accordo Coldiretti - Fidc VenetoMoriglione e pavoncella. Plauso di Fidc alle RegioniFiumani (CPA) "Feltri venga a conoscere i cacciatori"Calendari venatori ancora in alto mareLombardia, il punto di Rolfi sul controllo dei cinghialiFidc ribadisce: "l'842 non si tocca!"Cassazione conferma condanna Lac per controlli su cacciatoriColdiretti Umbria chiede varo immediato Piano FaunisticoLa caccia corre sui socialBruzzone a Ministro Tria: ridurre Iva selvaggina da allevamentoCalendario Venatorio Toscana e specifiche provinciali. La deliberaDa Casalguidi il punto sulla difesa della caccia toscanaMarche: Giunta adotta Piano Faunistico Venatorio Umbria, sblocco Piano Faunistico salverà preaperturaLa stupidaggine avanzaToscana, le slide della conferenza regionale della cacciaFulcheris: Anlc Toscana lasciata sola sul posticipo al colombaccioCosto tessere, Cpa nazionale chiariscePuglia: nominati rappresentanti politici al Comitato venatorioToscana approva calendario venatorio. Commento CCTEmilia Romagna, i cinghialai si organizzanoAnticipazioni su calendario venatorio ToscanaLa caccia in Toscana e le prospettive per il futuro

News Caccia

Piano Faunistico Venatorio Umbria: le osservazioni di Fidc Perugia


venerdì 17 maggio 2019
    

Preapertura Umbria Volontariato, gestione, sussidiarietà, piccola selvaggina nobile stanziale, incentivazione del volontariato e maggiori fondi per la gestione del territorio, dalle aree di rispetto venatorio alle specie opportunistiche, dal cinghiale e i danni alle colture alla formazione dei cacciatori, fino al rilancio della piccola selvaggina nobile stanziale anche attraverso la gestione delle aree protette regionali, che deve passare in capo agli Atc. Sono queste alcune delle idee, delle osservazioni di Federcaccia Umbra al testo provvisorio del Piano Faunistico Venatorio Regionale (Pfvr), attualmente in fase di partecipazione, che è indubbiamente un ottimo elaborato tecnico: eccellente sotto il profilo scientifico e ricco di contenuti quanto mai innovativi e condivisibili sotto il profilo programmatico e gestionale.

Si tratta dello strumento principale di programmazione dell'intero territorio agro-silvo-pastorale adibito alla caccia programmata: Federcaccia Umbra ritiene indispensabile che per la nostra regione il Piano debba prevedere una serie di misure, attualmente non presenti all'interno del testo provvisorio elaborato dagli uffici regionali e partecipato alle associazioni.
 

Nel dettaglio, la principale associazione venatoria italiana e regionale chiede un'integrazione con fondi pubblici alle risorse finanziarie necessarie per le attività di programmazione e gestione faunistica, misure concrete di rilancio per le specie starna, fagiano e lepre sia sul territorio libero sia negli istituti privati come le aziende faunistico-venatorie sia, infine, all'interno degli stessi parchi regionali, la cui gestione dovrebbe essere affidata agli stessi Ambiti territoriali di caccia.

Per la piccola nobile stanziale Federcaccia chiede inoltre che venga messa in atto una precisa strategia di miglioramenti ambientali con tanto di obbligo, per gli Atc, di destinare una precisa percentuale dei rispettivi bilanci a tale iniziativa. Lo scopo è quello di aiutare fagiani, starne e lepri con azioni finalizzate al superamento delle cosiddette "colture a perdere", giudicate obsolete, da sostituirsi con interventi “a strisce”, strette e lunghe, di cereali e leguminose realizzate lungo gli ambienti di rifugio, il foraggiamento invernale e primaverile e un corretto controllo delle specie opportuniste e dei predatori.

E ancora: Fidc Umbra chiede che i ripopolamenti siano affidati esclusivamente agli Atc, affinché non diventino motivo di cure di orticelli privati o, peggio ancora, di ulteriore divisione all'interno delle associazioni venatorie e fra i singoli cacciatori, nonché di illusoria alternativa all'attuazione di politiche venatorie ispirate ad una corretta, sostenibile e soprattutto  soddisfacente gestione della fauna selvatica.

Infine, Federcaccia chiede la possibilità, per le guardie giurate volontarie, di essere impiegate in pattuglie miste con agenti di polizia giudiziaria, in modo da garantire la presenza di esperti del territorio, attuare una reale sussidiarietà del volontariato rispetto al pubblico e sortire più efficaci effetti deterrenti rispetto agli illeciti venatori.

Federcaccia Umbra si auspica che la Giunta Regionale recepisca le osservazioni presentate e che, contestualmente, il nuovo Piano Faunistico Venatorio venga approvato quanto prima e comunque entro i termini di legge, onde evitare l'impugnazione davanti al Tar, da parte delle solite sigle anticaccia, del calendario venatorio e della caccia di selezione anche per la prossima stagione.
 

Ufficio Stampa Federcaccia Perugia
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Piano Faunistico Venatorio Umbria: le osservazioni di Fidc Perugia

Tramquilli che adesso appena si definiscono gli accordi sottobanco con la CIA per l'art 842. Vi presenteranno il nuovo modo di andare a caccia!!!

da Fucino Cane 17/05/2019 14.57