Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Caccia Piemonte, nuove dalla Corte costituzionaleCpa Lombardia: tasse venatorie, meglio i bollettiniBenevento: osservazioni su disciplina caccia cinghialeArci Caccia: allarmismo su pavoncella e moriglioneAddio a Lucio Parodi, cacciatore ambientalistaLazio: approvato Calendario Venatorio 2019 - 2020Fiocchi si attiva su moriglione e pavoncellaKey Concepts: Ispra isolatoBerlato Caretta "su specie cacciabili intervenga Ministro Centinaio"Fidc: su moriglione e pavoncella nessun divieto di cacciaOsservatorio Fein Arosio: accuse infondate Moriglione e Pavoncella. La Lipu canta vittoriaMazzali: In arrivo 200 mila euro per i roccoliLombardia, domande caccia storno entro fine luglioGestione adattativa. Decise le quote in FranciaSardegna. Lampis: "adempiere a controllo cornacchie"I vertici Cpa incontrano i cacciatori del VenetoValentina Cortese. Fidc "un saluto a una grande attrice. E cacciatrice"Fidc: luci e ombre su Calendario Venatorio VenetoInghilterra: sempre più donne a cacciaLiguria, respinto attacco M5S alla caccia domenicaleApprovato disciplinare caccia cinghiale BeneventoFidc Piemonte "da calendario venatorio alcuni segnali positivi"Francia. Ritirato reato disturbo caccia dalla riformaPiemonte. Migliora il Calendario Venatorio Liguria valuterà anticipazione caccia cinghialeRitorno alla FACE della Federazione Reale di Caccia SpagnolaCalabria. Approvato nuovo piano di selezione cinghialiIncontro della Lega Toscana sulla caccia Piemonte, approvato Calendario VenatorioCaccia selezione, rientra la protesta dei cacciatori comaschiEps, rinnovate le caricheLazio, mobilitazione per il Calendario VenatorioUmbria: "Piano faunistico non più rinviabile"La caccia al Parlamento UEKC. L'affondo della FranciaAssociazioni animaliste alle Regioni: chiudere la caccia al 31 dicembreFiocchi membro della Commissione AmbienteAnuu: nata piattaforma Chasseurs du SudMonte Baldo, Ispra propone caccia cinghiale fino a 31 gennaioSoddisfazione da Fidc per l'elezione di SassoliDavid Sassoli Presidente del Parlamento UESvizzera, nel canton Grigioni si caccia anche nelle aree protetteConferenza Caccia Toscana. Polemiche sulla CCTLa CCT si allargaRolfi: 477 cinghiali abbattuti con la caccia di selezioneCalendario Venatorio Veneto. Sì a colombaccio in preaperturaE' ancora emergenza cinghiali a TriesteCaccia di selezione, decreto Regione LombardiaRemaschi "conferenza caccia rilancia modello toscano"Convegno Anlc Piemonte sul futuro della cacciaConferenza caccia Toscana. Il punto di vista della CCTModifica Piano volpe Emilia RomagnaLombardia, approvata deroga allo stornoIn Friuli passa emendamento per la caccia notturna al cinghialeTorna a La Spezia l'iniziativa benefica Noi per il GasliniVeneto, tutti d'accordo sul Calendario VenatorioSardegna, battaglia sui censimentiTutela animali. Ddl Bruzzone elimina riferimenti alla fauna selvaticaConferenza caccia Toscana. Wwf e Legambiente si defilanoAl via domani gli Stati Generali della caccia toscanaArci Caccia Marche chiede un calendario "più prudente"Respinto ricorso Rizzi. Diffamò il cacciatore MoltrerFidc Piemonte. Primo incontro con l'Assessore ProtopapaViezzi rieletto alla guida di Fidc FriuliE se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatori

News Caccia

A Pesaro un progetto per la starna


mercoledì 12 settembre 2018
    

 
Dal 2017, nel pesarese si sta tentando di ricostituire popolazioni di uccelli selvatici una volta comuni, le starne, in tante zone del pesarese. Lo riferisce un comunicato dell'Atc Ps2. “Per una volta – si legge nel testo - c’è un’idea che può mettere d’accordo tutti, cacciatori, agricoltori, ambientalisti”.

Recentemente, infatti, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha incaricato ISPRA di predisporre il Piano Nazionale di Gestione per la Starna (Perdix perdix), la cui sottospecie autoctona dell’Italia Perdix perdix italica, è inserita nell’allegato A della Direttiva Uccelli (2009/147/CE); la popolazione europea è considerata vulnerabile ed in diminuzione, in Italia quasi scomparsa.

In ambito provinciale, uno dei due enti gestori della fauna selvatica, l’Ambito Territoriale di Caccia (ATC) PS2 in collaborazione con l’ENCI delegazione provinciale di Pesaro e Urbino, ha avviato, sulla scorta delle indicazioni fornite dal Piano nazionale citato, un ambizioso progetto di reintroduzione di questa specie. In particolare è stata scelta la vallata del fiume Cesano, dove, lungo la rete di istituti di protezione, è stata avviata la complessa operazione di reintroduzione. Obiettivo principale è ricostituire popolazioni stabili ed auto-riproducentisi di Starna; importanti obiettivi secondari sono incrementare la biodiversità, innalzare la qualità ambientale (considerato il ruolo di “indicatore di qualità” che la specie ricopre), costituire una “base operativa” di valore per incentivare l’attività cinofila di qualità.

Le operazioni hanno interessato 33 diversi siti, con il rilascio in natura di coppie in primavera, e di giovani accompagnati da un maschio adulto con funzione di richiamo, tra luglio e settembre. Tutti gli animali vengono inanellati con anelli metallici, con codice numerico di riconoscimento proprio dell’ATC PS2. Prima del rilascio in natura le starne vengono ambientate in appositi gabbioni al fine di cementare l’unione della coppia o della brigata in formazione. Dopo il rilascio in natura, il progetto prevede il monitoraggio costante della popolazione, attraverso censimenti al canto in periodo primaverile, censimenti delle nidiate in agosto, censimenti con cani specializzati nel periodo autunnale. Ma il progetto non si esaurisce qui. Insieme alle operazioni precedenti, esso prevede, oltre al divieto di caccia alla starna durante il periodo del progetto ed una vigilanza specifica, anche i cosiddetti interventi agronomici.  Sono state attivate varie pratiche agricole (colture a perdere, ritardo dell’aratura delle stoppie, impianto di nuove siepi, mantenimento e realizzazione di punti d'acqua in estate, ritardo della trinciatura in frutteti e oliveti), che incrementano l’ospitalità non solo per le starne ma anche per tutti gli altri animali che frequentano gli agroecosistemi: fagiani, quaglie, allodole, rapaci come le albanelle ma anche mammiferi come lepri e caprioli.

In questi giorni si sono effettuati gli ultimi rilasci dell’anno, pertanto si invita tutti coloro che frequentano la vallata del Cesano a prestare attenzione per non disturbare le starne né nelle strutture di ambientamento, né con i cani, né durante l’attività venatoria, segnalando eventuali presenze o denunciando atti illeciti. "I primi risultati sono incoraggianti; l’involo di una brigata di starne nelle nostre campagne è spettacolo raccomandato per tutti!" scrive l'Atc.

 

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:A Pesaro un progetto per la starna

Zitto! Se ti sentono domani fanno parco pure lì...

da Stttttt silenzio 13/09/2018 13.31

Re:A Pesaro un progetto per la starna

...pertanto si invita tutti coloro che frequentano la vallata del Cesano a prestare attenzione per non disturbare le starne né nelle strutture di ambientamento, né con i cani, né durante l’attività venatoria,>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Ma tu guarda un po, adesso che sarebbe servito uno dei tanti parchi inutili vogliono incrementare le starne in una vallata dove si può cacciare !! Ho capito bene ? Pace e bene.

da jamesin 12/09/2018 18.03

Re:A Pesaro un progetto per la starna

meglio piuttosto che niente, almeno ci si prova

da Benito 12/09/2018 17.32

Re:A Pesaro un progetto per la starna

Progetto sacchi di mangime volevate dire. La starna è nata cosa marchigià

da avanti con le bufale 12/09/2018 17.15

Re:A Pesaro un progetto per la starna

Volpi,Faine,Corvi,Cornacchie grigie,Gatti rinselvatichiti,e diverse famiglie di Falconidi, sentitamente ringraziano,per il cibo fornitogli!!!

da Fucino Cane 12/09/2018 17.07