Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Parco Appennino Lucano. Al via nuovo Piano gestione cinghialePiemonte: il testo dell'impugnativa del GovernoBenevento. Aree vocate caccia cinghiale, nuova documentazioneCaccia: meglio all'agricoltura che all'ambienteRieti. Libera Caccia dona un defibrillatoreSacile (PN). Domani apertura ufficiale 745° Sagra dei OseiTar Liguria respinge ricorso contro Ministero Ambiente e ISPRAAcquatici. Richiami vivi: misure di biosicurezza per influenza aviaria, nuova decisione UEApprovato il calendario provinciale di BellunoLegge sulla caccia. UNCEM Piemonte: Noi andiamo avantiPuglia. Approvato calendario venatorio 2018/2019Lazio. Consentita preapertura nei giorni 1 e 2 settembre 2018Puglia. Modifiche alla legge regionale 59/2017Trento. Obbligo di scelta se caccia in forma vagante o capannoUmbria. Sospensione caccia selezione capriolo e dainoCCT Toscana: importanti novità sui contenimenti in braccata al cinghiale Enalcaccia Arezzo chiede annullamento delibera regionale n. 634Benevento. Approvata cartografia aree vocate caccia cinghialeAssemblea Guardie Venatorie Volontarie Federcaccia MacerataDall'Olio ringrazia il Ministro StefaniLe nuove aree vocate cinghiale Toscana? Un misteroAnlc Toscana avanza richieste sulla preaperturaAllodola: in Toscana chiesti carnieri differenziati per gli specialistiBrescia: preapertura caccia tortora e corvidiImpugnativa legge caccia Piemonte, il commento di FedercacciaBruzzone soddisfatto: "palese l'incostituzionalità della legge piemontese""Consiglio dei Ministri impugna legge caccia PiemonteVignale: ora Regione modifichi legge e calendarioSardegna: nuove regole per le zone di caccia autogestiteCommissariato Atc Unico di BresciaIntegrazione Marche caccia in deroga allo stornoLinda, dalla passione per i setter alla licenza di cacciaLiguria: nuovo testo unico per gli esami di cacciaApprovato Calendario Venatorio CalabriaPescia: prima fiera canora della stagioneDeroghe caccia, intervento Caretta alla Camera dei DeputatiSicilia, approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Presentato ricorso contro Calendario Venatorio LiguriaCentinaio al lavoro su disciplina caccia ungulatiVeneto, Pan su nuovo Piano faunistico venatorio 2019 - 2024Toscana: Piano prelievo cervo aree non vocateLombardia: approvate integrazioni calendario venatorio 2018 - 2019Umbria: confermata regolarità della preperturaPreapertura Umbria, "sospesa solo selezione daino e capriolo"Bruzzone: bene agenda trasparente Ministro CostaRevisione KC: La cabina di regia risponde al Ministero dell'AmbientePuglia, dopo due anni riprendono le abilitazioni venatorieAppostamenti in siti toscani Natura 2000, procedure semplificateOpzioni caccia, Tar Trento solleva questione legittimitàVeneto, Giunta adotta proposta Piano faunisticoFidc, pubblicati atti studio sulla lepre italicaPepe a Ministeri: "ampliare caccia a specie dannose"Piano faunistico Emilia Romagna. Le osservazioniVeneto: approvato riordino competenze cacciaAppostamenti caccia siti Natura 2000. Soluzione in vistaCCT: Consiglio regionale approva perimetrazione aree cinghialeUmbria ricorre al Consiglio di Stato per preapertura cacciaLiguria: ok tesserino gratis per primo anno di cacciaModifica Key Concepts. Anlc pubblica la sua relazione tecnicaSicilia, Calendario Venatorio in arrivo"Guardie Wwf non autorizzate" Libera Caccia chiede verificheMarche: approvazione definitiva del calendario venatorioBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2018 2019Il Giornale e la doppia poltrona di Mamone Capria Fidc: la Lipu e il ballo dei numeriAlla Lipu quasi due milioni dal GovernoDa Aavv sannite un appello agli agricoltoriCecchini, "Regione ricorrerà al Consiglio di Stato"Animalisti, "Zingaretti non autorizzerà alcuna preapertura"Proposta 5 Stelle, "in Molise si cacci solo il cinghiale"Pepe "con tutti gli altri assessori chiesta modifica della 157"Al Gaslini più di 100 mila euro in 15 anni dai cacciatoriUmbria: Fidc pronta ad entrare in giudizioUmbria, Assessore Cecchini convoca consulta su decisione TarSardegna: pubblicato Calendario Venatorio Danni ungulati: diffida di Confagricoltura UmbriaUmbria: Tar sospende disposizioni del calendario venatorioLegge caccia Piemonte: il documento della Libera CacciaToscana caccia cinghiale: ok nuove aree vocateLegge caccia Piemonte al vaglio dei ministeriPuglia, abilitazioni caccia ferme da due anniCorpo giovane disperso trovato grazie a cacciatoreFidc Bergamo: deroghe, 3 passi avantiToscana: revisione aree vocate al cinghiale in ConsiglioAnimalisti anche alla fiera degli Uccelli di PontidaArci Caccia Lazio: "dal calendario sparita preapertura"Chieti: abilitazioni caccia bloccateCaccia storno: Deroga Lombardia sfida Ispra Sardegna: annunciato ricorso su calendario venatorioWwf contro calendario venatorio AbruzzoCaccia cinghiale Sardegna: domande fino al 31 agostoFidc e Acma: sui richiami acquatici uno spiraglio dall'EuropaSardegna, Comitato faunistico approva Calendario 2018 - 2019Mai: contro ungulati servono più cacciatoriAnlc Lazio: Calendario Venatorio da rifareBigHunter Giovani, Ercole Giori “la caccia mi ha insegnato tanto”Atc Brescia bloccatoPiano Nazionale Allodola: ecco il testoLazio, Approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Problema appostamenti, incontro CCT in RegioneFidc Veneto: Regione corregga Calendario VenatorioMarche, Ricorso animalista contro il Piano cinghialiLa grouse favorisce il turismo

News Caccia

Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"


martedì 15 maggio 2018
    

Ancora una volta hanno risalto sui media allarmistiche ricostruzioni di parte sul fenomeno. Se da un lato il prelievo illegale di fauna selvatica esiste e non può essere negato, ma va condannato e combattuto, dall’altro è importante fare chiarezza ed evitare grossolane esagerazioni

Negli scorsi giorni, agenzie e organi di stampa hanno riproposto i dati delle Associazioni ambientaliste (LIPU e WWF) sull’impatto del bracconaggio attuato sugli uccelli in Italia e in altri 25 Paesi del Mediterraneo. In particolare, per il nostro Paese i dati forniti dalla LIPU indicano un minimo di 3,4 e un massimo di 7,8 milioni di uccelli uccisi o catturati illegalmente all’anno. Dati non recenti, poiché riferiti al periodo luglio 2014-giugno 2015, pubblicati nel 2016 sulla rivista Bird Conservation International (Brochet e coll., 2016).

In questa singolare statistica l’Italia è presentata in compagnia di Paesi quali Malta, Cipro, Egitto e Libano, e sostanzialmente si attribuisce al nostro Paese una situazione amministrativa e di governo fuori controllo sotto il profilo della prevenzione e del contrasto al fenomeno del bracconaggio, anche in rapporto al numero degli abitanti (0,09 esemplari per abitante all’anno).

Va notato, comunque, che al bracconaggio è attribuita una definizione molto ampia, dal commercio internazionale di specie tutelate al prelievo “abusivo” effettuato nel Nord Africa per fini alimentari, dal prelievo illegittimo per fini di tassidermia fino all’abbattimento di esemplari non compresi nei calendari venatori.

Innegabilmente si tratta di un fenomeno importante e in probabile aumento, anche tenendo conto dell’attuale stato di forte riduzione del personale degli Organi di vigilanza preposti (Polizie Provinciali e riorganizzazione subita dall’ex CFS). Tuttavia, occorre fare chiarezza.

In primo luogo, a essere stata riportata è una stima preliminare attuata sulla base dell’opinione di esperti ornitologi contattati da BirdLife International (per l’Italia la LIPU): non si tratta dunque di dati veri e propri.

In secondo luogo, la qualità delle informazioni è definita da questo stesso lavoro come molto variabile, soggetta a notevole incertezza su alcune stime, e connotata da una netta scarsità di dati valutati come attendibili.

Per l’Italia, le specie numericamente più colpite sarebbero il passero, il fringuello (che deterrebbe il record assoluto di prelievi illegali, con una stima tra i 2 e i 3 milioni di esemplari all’anno, ossia circa il 50% di tutti i prelievi contestati), il tordo bottaccio, l’allodola, la pispola (con ben 500.000-900.000 esemplari), il pettirosso, il cardellino, lo storno, il luì piccolo (e questo appare veramente sorprendente), il frosone (100.000-400.000) e il tordo sassello (50.000-300.000).

Cifre del tutto inverosimili, soprattutto nel caso del fringuello e della pispola. E chi sarebbero quei “pazzi” che, a decine di migliaia, si metterebbero a rischiare abitualmente delle sanzioni penali (art. 30, comma h, Legge n. 157/’92), ad esempio, con “ammenda fino a euro 1.549 per chi abbatte, cattura o detiene fringillidi in numero superiore a cinque”? Per prelevare 2-3 milioni di fringuelli e 500-900 mila pispole servirebbero, infatti, moltissime migliaia di persone disposte a rischiare per molte giornate l’anno. E per quale insensata ragione? Tutto questo è francamente impossibile nell’entità dichiarata dalla stima di BirdLife.

Diverso è il caso dell’abbattimento anche solo di pochi esemplari di specie rare. Realtà che, purtroppo, talora risulta essere oggetto di cronaca (una tra tutte l’ibis eremita).

Ma come stanno davvero le cose?

Dal marzo 2017, l’Italia si è dotata di un Piano d’azione per il contrasto alle uccisioni illegali degli Uccelli e, presso il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato istituito un Tavolo tecnico-operativo per attuare e monitorare il Piano stesso. Da notare la moltitudine di autorità e figure coinvolte: ministero dell’Ambiente, ministero delle Politiche agricole, ministero della Salute, ministero della Giustizia, ministero dell’Interno, ministero dell’Istruzione, tutte le Regioni e le Province autonome, Carabinieri (ex CFS), Autorità di Gestione CITES, INTERPOL, Corpo Forestale Regione Valle d’Aosta, Corpo Forestale Regione Sardegna, Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana - Centro Nazionale di Medicina Veterinaria Forense, ISPRA, Associazioni ambientaliste e venatorie.

Dopo un anno di lavoro di questo Gruppo una sola cosa è chiara: la scarsissima disponibilità di dati oggettivi sul fenomeno del bracconaggio in Italia. Esiste infatti una tabella con i dati relativi a solo 12 Regioni (2015), dalla quale è possibile evincere che 9.796 Agenti hanno redatto 9.306 verbali (0,95 a testa) per ogni tipologia di infrazione presunta, di cui solo il 28,7% si è tradotto in una sanzione amministrativa e il 9,7% in una sanzione penale.

Anche se questi dati, oggettivi, si riferiscono a poco più della metà delle regioni, e non sono direttamente correlati a un preciso numero di uccelli abbattuti o catturati illegalmente, è del tutto evidente che essi (gli unici disponibili ufficialmente in Italia) risultano del tutto incongruenti con le cifre di milioni di uccelli che le stime del citato studio di Brochet vorrebbero assegnare al nostro Paese.

Il contrasto al fenomeno del bracconaggio va ovviamente incrementato, a partire dal ripristino di adeguati livelli di vigilanza, come richiesto anche dalle Associazioni venatorie. Interventi molto decisi occorrono in particolare quando il fenomeno coinvolga specie minacciate o si connoti come un vero e proprio commercio illegale di queste stesse specie (ad esempio, la sottrazione di uova e nidiacei di rapaci destinati alla falconeria nei Paesi Arabi o nel Nord Africa).

In definitiva la nostra valutazione è che bisogna distinguere, nell’ambito del contrasto al bracconaggio, in base all’impatto che lo stesso ha sullo stato di conservazione delle specie; su queste bisogna concentrare gli sforzi e indirizzare nuove risorse in tempi brevi. Diversamente, si rischia di produrre documenti cartacei e di proporre azioni inefficaci nel colpire le situazioni più gravi nel campo della conservazione.

Purtroppo, le recenti campagne allarmistiche promosse dalle Associazioni ambientaliste sembrano avere come reale intento l’obiettivo primario di attaccare non già i bracconieri, bensì la caccia e i cacciatori italiani.

Continuando sulla strada del confronto e delle proposte concrete, auspichiamo e lavoriamo per una presa di posizione nella direzione sopra descritta da parte delle autorità e Istituzioni Italiane.
 
 
Federazione Italiana della Caccia
 
 
 
Leggi anche
 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

Molti commenti qui sotto sono risibili,visto che abbiamo presidenti nazionali di ass venatorie nazionali colti in flagranza di reato a bracconare.....ma di che blaterate??

da Art 30 lettera H legge 157/92 17/05/2018 8.48

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

Intanto loro per la loro propaganda comprano pagine e pagine in ogni dove. Vanno in TV quando, dove e come vogliono e voi insipiènti l’unica cosa che sapete fare è quella di scrivere sui Forum di caccia se pur rispettabilissimi. Quando la finirete di fare campagna pro tessere e interessarvi della caccia sarà sempre troppo tardi.

da Se la conosci la EVITI 17/05/2018 4.36

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

Complimenti alla confavi

da Gardena 16/05/2018 22.38

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

ma se siamo divisi tra di noi !! ho seguito un programma su Sky caccia dove BLASONATE (???) firme che fanno dei filmati patetici davano i numeri del lotto sul prelievo della beccaccia alla posta !! AFFERMANDO CHE QUEI BRACCONIERI???? sono la rovina della caccia!! GENTE CHE IN CRIMEA , IRAN, ESTONIA, LETTONIA, CROAZIA HANNO FATTO CARNIERI DA MACELLAIO vengono a BOLLARE un ragazzino che abbatte un MIGRATORE ... ma basta....gente che spara un fringuello o 11 allodole invece di 10 SONO DEI BRACCONIERI chi invece abbatte 10 cinghiali gravidi nei piani di controllo è un perfetto ..... IDIOTAAAAAAAA

da MARCO 16/05/2018 8.40

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

... prelievi illegali di fringuello, storno, pispola, frosone ? ... se i divieti alla caccia si fanno su specie in ottimo stato di salute, e per di più appartenenti alle tradizioni venatorie di un Paese, non ci si può certo stupire .... questo è il risultato di limitazioni ideologiche a cui si è di fatto pure precluso il prelievo in deroga ex lettera c). ... per il resto, l'ennesima propaganda di LIPU , WWF & C. ... solo i dati ufficiali del Piano d'Azione sono degni di esser presi in considerazione.... e questi raccontano altro sul fenomeno .... Saluti

da ERMES74 16/05/2018 8.28

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

bel comunicato, che cmq resterà tra queste pagine, se si vuole sensibilizzare l'opinione publica si deve intervenire sui media nazionali e non su paginette lette dall'uno % della popolazione.

da Spendete due lire 16/05/2018 8.14

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

"Il contrasto al fenomeno del bracconaggio va ovviamente incrementato"... ma certo! E mentre sui blog scrivete questo, i vostri rappresentanti in parlamento cosa fanno per incrementare il contrasto al bracconaggio? Si adoperano perchè molti degli attuali reati di bracconaggio siano depenalizzati! Complimenti! "l’obiettivo primario di attaccare non già i bracconieri, bensì la caccia e i cacciatori italiani." L'80-85% dei reati di bracconaggio è perpetrato da cacciatori con licenza di caccia: quindi avete ben poco da far le vittime, o quelli accusati ingiustamente!

da Gianni 15/05/2018 21.56

Re:Fidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"

possono scrivere tutti i numeri che vogliono, tanto chi sarà mai in grado di provare il contrario ? In ogni caso, il bracconaggio è un reato contemplato nel codice penale ? Bene, ci penseranno le autorità competenti a reprimerlo e a condannare gli eventuali autori di questo reato. E' ora di finiral con il binomio cacciatore-bracconiere, assioma partorito da qualche deficiente, che sicuramente in matematica è stato sempre scadente.

da PROVE CIRCONSTANZIATE, NO NUMERI A CASO.... 15/05/2018 16.04