Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
 Accedi
Pompignoli "rivedere regole sulla caccia all'allodola"Fidc Bergamo aderisce alla manifestazione di TorinoAlessia Atzeni, addestratrice: "il cane da caccia, un mondo di emozioni" Animalisti Piemonte: solo M5S contro la cacciaMarche, polemiche per nuove aree protetteColline livornesi: da riserva provinciale a parco regionale?Calendario venatorio Liguria 2018 - 2019: ecco le novitàPuglia: ok della Giunta a Piano FaunisticoDue cacciatrici in campo per le comunaliMatteo Luigi Bianchi (Lega). "Aggiorniamo la 157, evitando la rissa"Fidc Piemonte: "la vera battaglia per la caccia si combatte nei tribunali"Emilia Romagna: Ok in Commissione al Calendario Venatorio 2018 - 2019Interrogazione Caretta sul Piano LupoFano Geo: 400 bambini allo stand di FedercacciaEmilia Romagna: Approvato il piano regionale di controllo degli storniPISTOIA. CONTROLLO UNGULATI. IL PARERE DELLA CCTIL CHIOCCOLO A SCUOLARegioni chiedono deroghe per orsi e lupiTrento: controllo cinghiale affidato ai cacciatoriFirenze: indagine per truffa per i rimborsi alle colturePistoia: Arcicaccia e Anlc contro l'AtcVeneto: competenze caccia torneranno alla RegioneZannier nuovo Assessore alla Caccia in FriuliAccordo M5S - Lega, si parla anche di animaliLa Liguria incentiva i giovani cacciatoriFerrando: in Liguria due giorni in più alla migratoriaM5S, è guerra alla caccia anche in LiguriaEuropa deferisce l'Austria per caccia primaverile alla beccacciaIl mondo venatorio a colloquio con la LegaCCT: corsi di formazione per Guardie venatoriePiemonte: prosegue l'esame della legge sulla cacciaAnuu: da animalisti dati senza alcun fondamentoPreapertura caccia Umbria: 2 e 9 settembreCpa Sardegna agli animalisti: gli Atc comporterebbero più abbattimentiStefano Borghesi. "Presenterò in Senato una legge di riforma della 157"Caccia da re in UKRolfi scrive ai Parlamentari: urgente cambiare norme nazionali su fauna selvaticaEps Campania: chiarezza sull'esclusione del moriglioneMolise. Governatore Toma animalista. Fuori Di Pietro JrFidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera CacciaValle D'Aosta: ok a calendario venatorio 2018 - 2019Chianti: Quintali di rifiuti raccolti dai cacciatoriGippoliti, conservazionista IUCN: "se la caccia non è apprezzata è colpa di Bambi"Il mondo venatorio incontra la Senatrice BerniniLega: Regolamento armi penalizza cacciatoriAlzavola: pubblicato da rivista Ibis studio Acma sulla migrazione A Caccia Village focus sul ruolo della caccia in UmbriaCampania: Fidc protesta per l'esclusione del moriglioneLazio: dai 5 Stelle no alla preapertura della cacciaSegno positivo per Caccia Village 2018Toscana, Marchetti (FI): "No alle funzioni risarcitorie degli Atc"Condannato il leader di 100% animalisti per offese a BerlatoFilippo Gallinella (M5S): "Rivedere la normativa sulla caccia"Cinghiale, Fidc Brescia: si attende chiarezza sul ruolo dei cacciatoriPuglia: ok dalle Commissioni a Pdl sui danni della fauna selvaticaAbruzzo: Tar scioglie Commissione d'esame caccia di ChietiConvenzione CCT salva centro inanellamento Porto allo StilloTorino: Piano cinghiali bis si affida di nuovo ai cacciatoriCaccia Village: i cacciatori chiamati a raccoltaTrento: la caccia quest'anno apre il 2 settembrePiemonte: in Consiglio sì all'esclusione di 15 specie cacciabiliPiemonte: il gallo forcello rimane in Calendario VenatorioRovigo eradicherà la minilepreCaccia Migratoria fino al 20 febbraio in FranciaSardegna: peste suina nel cinghiale ridotta del 64%Campania: Regione esclude moriglione dal Calendario Venatorio?Fidc Pistoia: incontro tra cacciatori e rappresentanti dell'AtcLa CCT sostiene e rafforza il monitoraggio dei Columbidi nidificantiIl Cervo, una nuova realtà sul CarsoRiccardo Augusto Marchetti (Lega). "Per la caccia io ci sono"Wilbur Smith, l'ultimo libro è un inno alla cacciaLucca: dalla Lega pieno appoggio alla cacciaToscana: nessun riconoscimento per le associazioni venatorie regionaliIn Sudtirolo la caccia è un'avventura per bambiniEmilia Romagna: avviso contributi per utilizzo rustici a cacciaCCT firma nuova convenzione per lo studio della migratoriaFidc Piemonte “la difesa della caccia non si è mai addormentata”Sparvoli invita i cacciatori in piazzaLe cacce tradizionali in esposizione al Parlamento UEFrancesco Argiolas, 19 anni. "La fortuna di essere cacciatori"Bracconaggio. Lipu raccontaAnlc Umbria critica il nuovo calendario venatorio Rolfi: "Schizofrenia Pd. Le nutrie non vanno mangiate, ma eliminate"Guglielmo Golinelli (Lega): “Ho la licenza di caccia dai 18 anni”Giuliano Milana: artista, cacciatore, tecnico faunistaTesserino venatorio, Regione Toscana accoglie ricorso di FidcLa marcia in più delle cacciatriciPiano di abbattimento cinghiali, a Cuneo poche adesioniCinghiale e danni, ancora polemiche in ToscanaConfagricoltura Toscana striglia la Regione "intervenire subito sugli ungulati""Milioni di uccelli uccisi illegalmente": Mamone Capria al Tg1 L'Emilia Romagna riabilita le munizioni di piomboLa Fidc presente al 5° Simposio Pan Europeo sulle anatre selvaticheBruzzone: in Piemonte si discutono incomprensibili restrizioni sulla cacciaUmbria: sospese autorizzazioni nuovi appostamenti di cacciaFamiglia anticaccia denunciata per le aggressioni a cacciatoriSardegna, proposta caccia tordi e beccaccia fino a fine febbraioCCT: risarcimento danni agli automobilisti, qualcosa si muoveUccelli in declino, nuovo rapporto BirdlifeCabina regia mondo venatorio: Continua l’impegno per un nuovo dialogo con la politica

News Caccia

Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia


martedì 15 maggio 2018
    

 
 
 
"La Libera Caccia, tenendo fede a quello che è il suo mandato con i cacciatori, ha deciso di presentare al mondo venatorio e a quello politico, alcune proposte per migliorare la gestione degli ungulati.

Visto la contrapposizione che si è creata con la legge "Obbiettivo", cacciatori da una parte, agricoltori dall'altra e ambedue contro la politica che amministra la regione, crediamo sia utile trovare una convergenza che permetta di gestire al meglio il territorio Agro Silvo Pastorale.

Partendo dal principio che la Libera Caccia difende le tradizioni e la cultura venatoria, ma anche che ogni caccia ha pari dignità, non abbiamo potuto fare a meno di mettere sul piatto della bilancia la caccia al cinghiale con il metodo della braccata e la caccia di selezione a questo ungulato. Ebbene, sia per numero di partecipanti che per animali abbattuti la differenza è abissale. La prima metodologia di caccia surclassa la seconda in tutto e per tutto. Soprattutto se la vediamo nell'ottica di contenere e diminuire il numero di cinghiali per abbassare così i danni.

La caccia di selezione al cinghiale va però vista come una "nuova" pratica di Caccia che, forse, avrà una crescita nei nostri territori e che potrà integrare gli abbattimenti per raggiungere una densità di cinghiali più sostenibile.

Per questo suggeriamo:

- Non trascurare il peso numerico, per quanto riguarda gli abbattimenti e l'importanza sociale, per le funzioni che svolgono, le Squadre del cinghiale.
- Che il ruolo dell'Atc sia fondamentale nella gestione del territorio assegnato alle squadre, perché solo lavorando in sinergia si possono conoscere e risolvere, nello specifico, le varie criticità.

- Assegnare alle squadre un'area di competenza, di almeno 400 metri oppure una zona delimitata da confini certi, di area non vocata al cinghiale, adiacente ai distretti, per una gestione e responsabilità totale. Quindi caccia di selezione con gli iscritti alle squadre del distretto, abbattimenti in regime di articolo 37 e disponibilità delle medesime per le opere di prevenzione danni da concordare con l'agricoltore, del tipo recinti elettrificati realizzati prima delle semine e /o della maturazione del prodotto . Naturalmente il tutto sotto il controllo dell'Atc che potrà a suo insindacabile giudizio, là dove si manifestino delle carenze e/o mancanze, apportare modifiche temporali alla gestione di tale area. I danni all'interno di tali aree saranno comunque sempre a carico dall'Atc come avviene su tutto il territorio a caccia programmata.

- Chiediamo una vera caccia di selezione al cinghiale, basata su censimenti, con piani di abbattimento suddivisi per periodi, per sesso e classi di età. Inserendo un fermo biologico, di almeno quattro mesi, per l'abbattimento delle femmine

- Al fine di evitare danni alle colture agricole e conseguenzialmente allontanare gli ungulati dalle zone urbanizzate e dalle strade, chiediamo che la Regione stanzi dei fondi affinché, come riportato nell'art. 73 comma15 del Regolamento 48R, le squadre possano redigere dei progetti di miglioramento ambientale, in collaborazione con gli agricoltori della zona , con l'amministrazione comunale e con gli Atc, per il recupero di campi in disuso posti in zona vocata a debita distanza dalle aree coltivate.

- Considerato che dal primo settembre 2018 i cani adoperati per i contenimenti con le braccate dovranno essere solo quelli con il brevetto di cane specializzato rilasciato dall'Enci, e che tali abilitazioni risultano essere pochissime a livello regionale, crediamo sia indispensabile una proroga di un altro anno prima dell'entrata in vigore di tale norma. Sarebbe inoltre opportuno che la Regione si impegnasse a riconoscere questa abilitazione valevole per tutta la durata della vita del cane e non, come previsto dal protocollo Enci, solo per tre anni. Tenendo inoltre presente che per la prevenzione dei danni, le braccate, in alcuni casi sono indispensabili, crediamo che tale abilitazione sia da richiedere solo per gli interventi effettuati all'interno di oasi e parchi naturali. Mentre su tutti i territori e istituti gestiti dall'Atc sia possibile continuare ad effettuare gli interventi di contenimento in braccata anche con cani non abilitati.

- Che tutti gli animali abbattuti in controllo con l'Art 37, sia selezione, girata o braccata siano portati ai centri di raccolta, e quindi venduti affinché il ricavato venga utilizzato sia per risarcire i danni agli agricoltori sia le eventuali spese veterinarie per i cani impiegati negli interventi in girata e braccata .

- Sui contenimenti da effettuare con l'art 37 è necessario fare chiarezza sui tempi di intervento perché troppo spesso c'è chi per effettuarne cinque ci mette tre giorni e chi purtroppo quindici. Quindi sarebbe opportuno per accorciare i tempi affidare il N.U.I. a più articoli 51, non più chiamati dalla Polizia Provinciale ma dall'Atc, che avrà il compito di coinvolgere, dove possibile, a rotazione, i cacciatori come da articolo 37 della Legge Regionale ed il Responsabile del Distretto delle Squadre che potrà dare la sua assistenza agli interventi. Sicuramente ciò consentirà di dare una risposta all'agricoltore più celere e di conseguenza abbassare i costi dei danni.

- Visto che i danni da capriolo stanno aumentando notevolmente, sarebbe opportuno, come già era stato fatto nel passato, aprire la caccia di selezione alle femmine ed ai piccoli nel mese di agosto. Ciò permise, negli anni in cui fu consentita, di aumentare notevolmente i piani di abbattimento, riducendo così quella destrutturazione attuale della popolazione di capriolo con un aumento notevole di femmine rispetto ai maschi.

- Effettuare contenimenti, in regime di articolo 37, a cervidi e bovidi, privilegiando i selecontrollori già abilitati e iscritti all'albo regionale, in tutte quelle aree dove sono presenti danni all'agricoltura in tutti i periodi dell'anno.

- Modificare quanto previsto nella bozza di linee guida per il rilevamento dei danni di cui all'articolo 11, relativo alla prevenzione, affinché gli interventi in abbattimento non siano paragonati ad opere di prevenzione in quanto sono comunque tardivi con danni già in corso.

- Per la procedura di rilevamento si chiede che venga affiancato al tecnico, che effettuerà il rilevamento, un incaricato del distretto, in cui sono avvenuti i presunti danni, in modo che si possa constatare ove è avvenuto l'evento dannoso e come si possa intervenire in prevenzione senza entrare assolutamente nel merito della quantificazione del medesimo.

-Si crei una mappatura delle criticità dei danni da cinghiale in modo che si possa andare ad un tavolo, con presenti tutti gli operatori del settore, cioè cacciatori e agricoltori con le loro associazioni, gli Atc nonché i tecnici regionali e la Polizia Provinciale, al fine di predisporre un piano di prevenzione preventiva particolareggiato da applicare sul territorio e un correlato piano d'intervento immediato di abbattimento a secondo della natura del territorio e delle colture a rischio danni".
 

Direttivo Regione Toscana dell'Associazione Nazionale Libera Caccia

 

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

" Aree rosa del cinghiale "discutibili ma inevitabili visti gli incresciosi eventi che si susseguono. " Aree non vocate capriolo "discutibili e ridicole come tutte le Aree non vocate prestabilite a tavolino da dietro una scrivania con una cartina geografica in mano..forse.

da massi 16/05/2018 15.31

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

al di là delle discutibili "aree rosa" del cinghiale(quando la responsabilità di gestire non è chiara, in pratica non è di nessuno) chi gli dice ad ANLC che da dua anni nelle aree non vocate al capriolo (il 40% del territorio toscano) si può abbattere femmina e piccolo anche in estate?

da informarsi....prima di scrivere 16/05/2018 10.14

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

caccia a singolo nelle zone bianche senza tante beghe non garba proprio a nessuno?? senza prenotazione ma alla stregua di un fagiano...

da bottaccio90 15/05/2018 19.31

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

Finalmente anche la Libera caccia getta la maschera. E copia le proposte della CCT. Sarà la fine che farà anche Salvini. Piano piano, se ci ragiona un po', sarà costretto a dare retta a Mattarella.

da Aperellum 15/05/2018 17.37

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

un copia incolla dele proposte CCT ...alcuni punti rispecchiano fedelmente anche il mio pensiero.in linea di massima plaudo senza vincoli ideologici di appartenenza.

da massi 15/05/2018 14.20

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

La caccia al cinghiale deve aprire insieme alla stanziale e chiudere a Febbraio. La caccia di selezione serve soltanto a riempire i congelatori. Gli ATC sono la rovina della caccia. Ancora non lo avete capito.

da Giovanni 15/05/2018 14.10

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

Molte proposte devo dire che sono sensate e condivisibili altre un pò troppo generiche e poco realizzabili, ma rispetto alle posizioni espresse più volte dalla Libera Caccia anche su questo forum mi sembrano un pò simili (alcune quasi identiche ? tipo copia e incolla) a quelle della CCT ma potrei sbagliarmi....

da The Hunter 15/05/2018 13.54