Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Parco Appennino Lucano. Al via nuovo Piano gestione cinghialePiemonte: il testo dell'impugnativa del GovernoBenevento. Aree vocate caccia cinghiale, nuova documentazioneCaccia: meglio all'agricoltura che all'ambienteRieti. Libera Caccia dona un defibrillatoreSacile (PN). Domani apertura ufficiale 745° Sagra dei OseiTar Liguria respinge ricorso contro Ministero Ambiente e ISPRAAcquatici. Richiami vivi: misure di biosicurezza per influenza aviaria, nuova decisione UEApprovato il calendario provinciale di BellunoLegge sulla caccia. UNCEM Piemonte: Noi andiamo avantiPuglia. Approvato calendario venatorio 2018/2019Lazio. Consentita preapertura nei giorni 1 e 2 settembre 2018Puglia. Modifiche alla legge regionale 59/2017Trento. Obbligo di scelta se caccia in forma vagante o capannoUmbria. Sospensione caccia selezione capriolo e dainoCCT Toscana: importanti novità sui contenimenti in braccata al cinghiale Enalcaccia Arezzo chiede annullamento delibera regionale n. 634Benevento. Approvata cartografia aree vocate caccia cinghialeAssemblea Guardie Venatorie Volontarie Federcaccia MacerataDall'Olio ringrazia il Ministro StefaniLe nuove aree vocate cinghiale Toscana? Un misteroAnlc Toscana avanza richieste sulla preaperturaAllodola: in Toscana chiesti carnieri differenziati per gli specialistiBrescia: preapertura caccia tortora e corvidiImpugnativa legge caccia Piemonte, il commento di FedercacciaBruzzone soddisfatto: "palese l'incostituzionalità della legge piemontese""Consiglio dei Ministri impugna legge caccia PiemonteVignale: ora Regione modifichi legge e calendarioSardegna: nuove regole per le zone di caccia autogestiteCommissariato Atc Unico di BresciaIntegrazione Marche caccia in deroga allo stornoLinda, dalla passione per i setter alla licenza di cacciaLiguria: nuovo testo unico per gli esami di cacciaApprovato Calendario Venatorio CalabriaPescia: prima fiera canora della stagioneDeroghe caccia, intervento Caretta alla Camera dei DeputatiSicilia, approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Presentato ricorso contro Calendario Venatorio LiguriaCentinaio al lavoro su disciplina caccia ungulatiVeneto, Pan su nuovo Piano faunistico venatorio 2019 - 2024Toscana: Piano prelievo cervo aree non vocateLombardia: approvate integrazioni calendario venatorio 2018 - 2019Umbria: confermata regolarità della preperturaPreapertura Umbria, "sospesa solo selezione daino e capriolo"Bruzzone: bene agenda trasparente Ministro CostaRevisione KC: La cabina di regia risponde al Ministero dell'AmbientePuglia, dopo due anni riprendono le abilitazioni venatorieAppostamenti in siti toscani Natura 2000, procedure semplificateOpzioni caccia, Tar Trento solleva questione legittimitàVeneto, Giunta adotta proposta Piano faunisticoFidc, pubblicati atti studio sulla lepre italicaPepe a Ministeri: "ampliare caccia a specie dannose"Piano faunistico Emilia Romagna. Le osservazioniVeneto: approvato riordino competenze cacciaAppostamenti caccia siti Natura 2000. Soluzione in vistaCCT: Consiglio regionale approva perimetrazione aree cinghialeUmbria ricorre al Consiglio di Stato per preapertura cacciaLiguria: ok tesserino gratis per primo anno di cacciaModifica Key Concepts. Anlc pubblica la sua relazione tecnicaSicilia, Calendario Venatorio in arrivo"Guardie Wwf non autorizzate" Libera Caccia chiede verificheMarche: approvazione definitiva del calendario venatorioBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2018 2019Il Giornale e la doppia poltrona di Mamone Capria Fidc: la Lipu e il ballo dei numeriAlla Lipu quasi due milioni dal GovernoDa Aavv sannite un appello agli agricoltoriCecchini, "Regione ricorrerà al Consiglio di Stato"Animalisti, "Zingaretti non autorizzerà alcuna preapertura"Proposta 5 Stelle, "in Molise si cacci solo il cinghiale"Pepe "con tutti gli altri assessori chiesta modifica della 157"Al Gaslini più di 100 mila euro in 15 anni dai cacciatoriUmbria: Fidc pronta ad entrare in giudizioUmbria, Assessore Cecchini convoca consulta su decisione TarSardegna: pubblicato Calendario Venatorio Danni ungulati: diffida di Confagricoltura UmbriaUmbria: Tar sospende disposizioni del calendario venatorioLegge caccia Piemonte: il documento della Libera CacciaToscana caccia cinghiale: ok nuove aree vocateLegge caccia Piemonte al vaglio dei ministeriPuglia, abilitazioni caccia ferme da due anniCorpo giovane disperso trovato grazie a cacciatoreFidc Bergamo: deroghe, 3 passi avantiToscana: revisione aree vocate al cinghiale in ConsiglioAnimalisti anche alla fiera degli Uccelli di PontidaArci Caccia Lazio: "dal calendario sparita preapertura"Chieti: abilitazioni caccia bloccateCaccia storno: Deroga Lombardia sfida Ispra Sardegna: annunciato ricorso su calendario venatorioWwf contro calendario venatorio AbruzzoCaccia cinghiale Sardegna: domande fino al 31 agostoFidc e Acma: sui richiami acquatici uno spiraglio dall'EuropaSardegna, Comitato faunistico approva Calendario 2018 - 2019Mai: contro ungulati servono più cacciatoriAnlc Lazio: Calendario Venatorio da rifareBigHunter Giovani, Ercole Giori “la caccia mi ha insegnato tanto”Atc Brescia bloccatoPiano Nazionale Allodola: ecco il testoLazio, Approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Problema appostamenti, incontro CCT in RegioneFidc Veneto: Regione corregga Calendario VenatorioMarche, Ricorso animalista contro il Piano cinghialiLa grouse favorisce il turismo

News Caccia

Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia


martedì 15 maggio 2018
    

 
 
 
"La Libera Caccia, tenendo fede a quello che è il suo mandato con i cacciatori, ha deciso di presentare al mondo venatorio e a quello politico, alcune proposte per migliorare la gestione degli ungulati.

Visto la contrapposizione che si è creata con la legge "Obbiettivo", cacciatori da una parte, agricoltori dall'altra e ambedue contro la politica che amministra la regione, crediamo sia utile trovare una convergenza che permetta di gestire al meglio il territorio Agro Silvo Pastorale.

Partendo dal principio che la Libera Caccia difende le tradizioni e la cultura venatoria, ma anche che ogni caccia ha pari dignità, non abbiamo potuto fare a meno di mettere sul piatto della bilancia la caccia al cinghiale con il metodo della braccata e la caccia di selezione a questo ungulato. Ebbene, sia per numero di partecipanti che per animali abbattuti la differenza è abissale. La prima metodologia di caccia surclassa la seconda in tutto e per tutto. Soprattutto se la vediamo nell'ottica di contenere e diminuire il numero di cinghiali per abbassare così i danni.

La caccia di selezione al cinghiale va però vista come una "nuova" pratica di Caccia che, forse, avrà una crescita nei nostri territori e che potrà integrare gli abbattimenti per raggiungere una densità di cinghiali più sostenibile.

Per questo suggeriamo:

- Non trascurare il peso numerico, per quanto riguarda gli abbattimenti e l'importanza sociale, per le funzioni che svolgono, le Squadre del cinghiale.
- Che il ruolo dell'Atc sia fondamentale nella gestione del territorio assegnato alle squadre, perché solo lavorando in sinergia si possono conoscere e risolvere, nello specifico, le varie criticità.

- Assegnare alle squadre un'area di competenza, di almeno 400 metri oppure una zona delimitata da confini certi, di area non vocata al cinghiale, adiacente ai distretti, per una gestione e responsabilità totale. Quindi caccia di selezione con gli iscritti alle squadre del distretto, abbattimenti in regime di articolo 37 e disponibilità delle medesime per le opere di prevenzione danni da concordare con l'agricoltore, del tipo recinti elettrificati realizzati prima delle semine e /o della maturazione del prodotto . Naturalmente il tutto sotto il controllo dell'Atc che potrà a suo insindacabile giudizio, là dove si manifestino delle carenze e/o mancanze, apportare modifiche temporali alla gestione di tale area. I danni all'interno di tali aree saranno comunque sempre a carico dall'Atc come avviene su tutto il territorio a caccia programmata.

- Chiediamo una vera caccia di selezione al cinghiale, basata su censimenti, con piani di abbattimento suddivisi per periodi, per sesso e classi di età. Inserendo un fermo biologico, di almeno quattro mesi, per l'abbattimento delle femmine

- Al fine di evitare danni alle colture agricole e conseguenzialmente allontanare gli ungulati dalle zone urbanizzate e dalle strade, chiediamo che la Regione stanzi dei fondi affinché, come riportato nell'art. 73 comma15 del Regolamento 48R, le squadre possano redigere dei progetti di miglioramento ambientale, in collaborazione con gli agricoltori della zona , con l'amministrazione comunale e con gli Atc, per il recupero di campi in disuso posti in zona vocata a debita distanza dalle aree coltivate.

- Considerato che dal primo settembre 2018 i cani adoperati per i contenimenti con le braccate dovranno essere solo quelli con il brevetto di cane specializzato rilasciato dall'Enci, e che tali abilitazioni risultano essere pochissime a livello regionale, crediamo sia indispensabile una proroga di un altro anno prima dell'entrata in vigore di tale norma. Sarebbe inoltre opportuno che la Regione si impegnasse a riconoscere questa abilitazione valevole per tutta la durata della vita del cane e non, come previsto dal protocollo Enci, solo per tre anni. Tenendo inoltre presente che per la prevenzione dei danni, le braccate, in alcuni casi sono indispensabili, crediamo che tale abilitazione sia da richiedere solo per gli interventi effettuati all'interno di oasi e parchi naturali. Mentre su tutti i territori e istituti gestiti dall'Atc sia possibile continuare ad effettuare gli interventi di contenimento in braccata anche con cani non abilitati.

- Che tutti gli animali abbattuti in controllo con l'Art 37, sia selezione, girata o braccata siano portati ai centri di raccolta, e quindi venduti affinché il ricavato venga utilizzato sia per risarcire i danni agli agricoltori sia le eventuali spese veterinarie per i cani impiegati negli interventi in girata e braccata .

- Sui contenimenti da effettuare con l'art 37 è necessario fare chiarezza sui tempi di intervento perché troppo spesso c'è chi per effettuarne cinque ci mette tre giorni e chi purtroppo quindici. Quindi sarebbe opportuno per accorciare i tempi affidare il N.U.I. a più articoli 51, non più chiamati dalla Polizia Provinciale ma dall'Atc, che avrà il compito di coinvolgere, dove possibile, a rotazione, i cacciatori come da articolo 37 della Legge Regionale ed il Responsabile del Distretto delle Squadre che potrà dare la sua assistenza agli interventi. Sicuramente ciò consentirà di dare una risposta all'agricoltore più celere e di conseguenza abbassare i costi dei danni.

- Visto che i danni da capriolo stanno aumentando notevolmente, sarebbe opportuno, come già era stato fatto nel passato, aprire la caccia di selezione alle femmine ed ai piccoli nel mese di agosto. Ciò permise, negli anni in cui fu consentita, di aumentare notevolmente i piani di abbattimento, riducendo così quella destrutturazione attuale della popolazione di capriolo con un aumento notevole di femmine rispetto ai maschi.

- Effettuare contenimenti, in regime di articolo 37, a cervidi e bovidi, privilegiando i selecontrollori già abilitati e iscritti all'albo regionale, in tutte quelle aree dove sono presenti danni all'agricoltura in tutti i periodi dell'anno.

- Modificare quanto previsto nella bozza di linee guida per il rilevamento dei danni di cui all'articolo 11, relativo alla prevenzione, affinché gli interventi in abbattimento non siano paragonati ad opere di prevenzione in quanto sono comunque tardivi con danni già in corso.

- Per la procedura di rilevamento si chiede che venga affiancato al tecnico, che effettuerà il rilevamento, un incaricato del distretto, in cui sono avvenuti i presunti danni, in modo che si possa constatare ove è avvenuto l'evento dannoso e come si possa intervenire in prevenzione senza entrare assolutamente nel merito della quantificazione del medesimo.

-Si crei una mappatura delle criticità dei danni da cinghiale in modo che si possa andare ad un tavolo, con presenti tutti gli operatori del settore, cioè cacciatori e agricoltori con le loro associazioni, gli Atc nonché i tecnici regionali e la Polizia Provinciale, al fine di predisporre un piano di prevenzione preventiva particolareggiato da applicare sul territorio e un correlato piano d'intervento immediato di abbattimento a secondo della natura del territorio e delle colture a rischio danni".
 

Direttivo Regione Toscana dell'Associazione Nazionale Libera Caccia

 

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

" Aree rosa del cinghiale "discutibili ma inevitabili visti gli incresciosi eventi che si susseguono. " Aree non vocate capriolo "discutibili e ridicole come tutte le Aree non vocate prestabilite a tavolino da dietro una scrivania con una cartina geografica in mano..forse.

da massi 16/05/2018 15.31

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

al di là delle discutibili "aree rosa" del cinghiale(quando la responsabilità di gestire non è chiara, in pratica non è di nessuno) chi gli dice ad ANLC che da dua anni nelle aree non vocate al capriolo (il 40% del territorio toscano) si può abbattere femmina e piccolo anche in estate?

da informarsi....prima di scrivere 16/05/2018 10.14

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

caccia a singolo nelle zone bianche senza tante beghe non garba proprio a nessuno?? senza prenotazione ma alla stregua di un fagiano...

da bottaccio90 15/05/2018 19.31

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

Finalmente anche la Libera caccia getta la maschera. E copia le proposte della CCT. Sarà la fine che farà anche Salvini. Piano piano, se ci ragiona un po', sarà costretto a dare retta a Mattarella.

da Aperellum 15/05/2018 17.37

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

un copia incolla dele proposte CCT ...alcuni punti rispecchiano fedelmente anche il mio pensiero.in linea di massima plaudo senza vincoli ideologici di appartenenza.

da massi 15/05/2018 14.20

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

La caccia al cinghiale deve aprire insieme alla stanziale e chiudere a Febbraio. La caccia di selezione serve soltanto a riempire i congelatori. Gli ATC sono la rovina della caccia. Ancora non lo avete capito.

da Giovanni 15/05/2018 14.10

Re:Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera Caccia

Molte proposte devo dire che sono sensate e condivisibili altre un pò troppo generiche e poco realizzabili, ma rispetto alle posizioni espresse più volte dalla Libera Caccia anche su questo forum mi sembrano un pò simili (alcune quasi identiche ? tipo copia e incolla) a quelle della CCT ma potrei sbagliarmi....

da The Hunter 15/05/2018 13.54