Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
BigHunter Giovani, Ercole Giori “la caccia mi ha insegnato tanto”Mai: contro ungulati servono più cacciatoriAnlc Lazio: Calendario Venatorio da rifareAtc Brescia bloccatoPiano Nazionale Allodola: ecco il testoSardegna, Comitato faunistico approva Calendario 2018 - 2019Lazio, Approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Problema appostamenti, incontro CCT in RegioneFidc Veneto: Regione corregga Calendario VenatorioMarche, Ricorso animalista contro il Piano cinghialiLa grouse favorisce il turismoMondo Venatorio a colloquio con Sottosegretario GavaCaccia Tortora, interrogazione Bruzzone al MinistroVandali a Clusone per la Fiera degli uccelliCia Umbra: caccia cinghiali, modificare la 157 Liguria, parte iter Parco Nazionale PortofinoDalle liguri denuncia su legge caccia Piemonte Fidc avvia collaborazione faunistica con la RomaniaCCT: si pianifichi agricoltura rispettosa della biodiversitàFedercaccia in assemblea. Chiesto confronto con CentinaioAlessandria: Tar sospende piano cinghialiCpa Sardegna: "sospenderemo volontariato dei cacciatori"Wwf Abruzzo. Danni cinghiali? Paghino gli AtcPiemonte: ok a modifiche calendario venatorioCCT: Regione Toscana approva calendario venatorio 2018 - 2019Italia, reati in calo ma...Caretta presenta alla Camera Proposta su disturbo venatorioDeroghe caccia Lombardia: Lac dichiara guerra a RolfiAppostamenti Sic e Zps: Arci Caccia Toscana scrive alla Regione Campania: eliminata inutile gabella per i cinghialaiIpotesi nuovo Parco Nazionale, il commento di Fidc MarcheCentinaio a fianco di Costa contro abbattimenti lupo?Consiglio regionale, approvate modifiche a legge sulla cacciaDisturbo venatorio: incostituzionale la legge venetaBruzzone propone Intergruppo Ambiente e attività ruraliNuovo presidente per Arci Caccia VeneziaItaliano il Progetto del mese FacePreapertura tortora: le osservazioni di Fidc alle RegioniCosta: reati bracconaggio siano delitti ambientaliParte campagna tesseramento della Fondazione UnaCalendario Venatorio Marche: ok anche a tortora in preaperturaSparvoli chiede tavolo tecnico sulla cacciaRegione Abruzzo commissaria Atc VomanoFidc Bergamo "cacciatori: non partecipate a controlli faunistici"Consiglio di Stato: i danni dei cinghiali li pagano i cacciatoriTortora: Libera Caccia invia documento tecnico alle RegioniNel weekend altre iniziative solidali dai cacciatoriSelezione ungulati: a settembre esami per Prato e PistoiaArci Caccia: no a nuovo Parco tra Marche, Umbria e ToscanaCCT chiede a Regione Toscana di riconfermare la tortoraAtc di Benevento nel caosFidc "tortora, dal Ministero posizione ambigua e contradditoria"Bruzzone su caccia alla tortoraCCT: "Intergruppo animalista? Stiamo uniti"Brescia, a processo per il controllo cinghialiRiccardo Tamburini, fotografo e cacciatore. Ecco la sua arteMai “per il controllo dei cinghiali fondamentali i cacciatori”CCT: allarme appostamenti caccia nelle aree Natura 2000Centinaio a Monteriggioni a colloquio con agricoltori e cacciatoriCacce in deroga, si riprovaBanca dati nazionale ungulati, scendono in campo i cacciatoriCalendario venatorio: Regione Basilicata perde l'appelloCinghiale, Federcaccia Umbria formalizza la settoriale Caccia, Rolfi: "Sulle deroghe inviate le controdeduzioni a Ispra"Richiami vivi acquatici, necessaria nuova derogaPontida, Salvini difende i cacciatoriSicilia: si espande il progetto lepre italicaArci Caccia Toscana: nuove nomineBRUZZONE SOSTIENE STEFANO MAIPIEMONTE: ARCICACCIA RILANCIACACCIA SOTTO ATTACCO, LA LIPU FA LA SUA MOSSALOMBARDIA: AREE IDONEE E NON IDONEE AL CINGHIALELiguria: primo anno senza tasse per i neo-cacciatoriLA CCT DI PISA PARLA DI SELVAGGINA STANZIALELOMBARDIA: La Regione contro i pareri ISPRA sulle derogheCacciatori dell’Empolese Valdelsa per AmatriceCinghiali Veneto: prorogato il regime sperimentaleColdiretti Calabria chiede aiuto dei cacciatori sui cinghialiCPA TOSCANA: OSSERVAZIONI SUL CALENDARIO VENATORIOL’ex dirigente dei Verdi lascia la BrambillaFIDC VENETO SCRIVE ALL’ASSESSORE SUL CALENDARIO VENATORIOTROPPI ORSI IN ROMANIAOSSERVAZIONI AL GOVERNO SULLA LEGGE PIEMONTESEFRANCIA. IN OCCITANIA I CACCIATORI SI ORGANIZZANOIN LIGURIA LA PERNICE STA BENEFIDC Campania pro e contro del calendario venatorio 2018-2019Grigioni caccia e tutela ungulatiLOMBARDIA. A RISCHIO LE CATTURE PER USO RICHIAMICACCIA DI SELEZIONE A LUCCA: VICINI ALLA SOLUZIONEMassimo Buconi su esternazioni ENPA sulla caccia al capriolo in UmbriaBenevento: approvato disciplinare di caccia al cinghialeSicilia: iniziato la formazione per il progetto Lepre Italica

News Caccia

Abruzzo: firmata intesa tra Anlc, Arci Caccia e Eps


lunedì 13 novembre 2017
    

 
 
In Abruzzo, le regionali Arci Caccia, Eps, Libera Caccia, in data 11 novembre hanno stipulato un atto d’intesa, per un'azione congiunta su aluni punti:

1. la delicatezza dell’ampia varietà degli habitat abruzzesi, unitamente alla presenza di numerose aree protette, alla vocazione agricola del territorio, sempre meno attenzionata e virata versi i sistemi dell’agricoltura globalizzata (con conseguente grave trasformazione dei paesaggi culturali, e comunque agrari) impongono una nuova gestione da parte delle amministrazioni di settore, ambiti territoriali di caccia in primis, attraverso strumenti pianificatori e normativi che non possono essere abbandonati alla libera e spontanea determinazione di istanze burocratiche o politiche non raccordate né con i territori né con i diretti fruitori;

2. posto che sono in atto le rivisitazioni del Piano faunistico venatorio, nonché della l.r. n. 10/2004, è imprescindibile la conseguente necessità di interloquire ed intervenire senza mediazioni sulle tematiche, sugli argomenti, sulle scelte e sugli indirizzi in trattazione;

3. non è più ritardabile la costituzione di un Osservatorio faunistico regionale al quale sia assegnata la funzione prioritaria di raccogliere i dati sullo stato di conservazione della fauna selvatica stanziale o migrante nel territorio regionale e sulle dinamiche tutte che la riguardano;

4. la gestione della specie cinghiale non appare in alcun modo adeguatamente affrontata secondo scelte di pianificazione e regolamentazione del prelievo non perfettamente operative sul territorio, nemmeno adeguatamente calate sulle diverse realtà usuali di prelievo e che, comunque, al cospetto della burocratizzazione operata, appaiono solo dei palliativi non in grado di corrispondere il necessario sistema adeguato d’intervento;

5. non è più rinviabile l’apertura del prelievo venatorio ai cervidi, oggi oggetto di un bracconaggio incontrollato, tutto a discapito del valore intrinseco di tali specie di selvaggina, nonché a danno di una cultura venatoria ancora da costruire nella nostra Regione, che giammai potrà dover subire, magari a causa di poco lungimiranti scelte di burocrazia venatoria, degli irreparabili “danni da forcipe”;

6. la redazione annuale ballerina ed altalenante dei calendari venatori, poco adattati alle reali consistenze della fauna selvatica venabile, e da ricondurre in primis agli archi temporali di cui all’art. 18 cpv. l. 157/1992, non risponde ad una stabilizzazione delle regole amministrative di prelievo, né appare confacente con la necessità di addivenire ad una corretta gestione delle specie per il tramite del mantenimento o della ricostituzione degli habitat naturali;

7. le attività, le dimensioni e l’organizzazione degli Ambiti territoriali di caccia devono essere completamente riviste nel pieno rispetto delle disposizioni di cui all’art. 14 commi 11 e 14 l. 157/1992 - da intendersi allo stato attuale della normativa – quali obiettivi di azione concreta e di impegno di spesa da parte degli stessi;

8. deve essere completamente ricostruita la migliore interfaccia con il mondo agricolo anche attraverso previsioni specifiche di sostegno volte alla ricostituzione dei paesaggi rurali tradizionali, anche in modo da incentivare le pratiche agronomiche meglio compatibili con le esigenze di riproduzione, sopravvivenza, alimentazione e rifugio della selvaggina (venabile e non);

9. quale obiettivo di lungo termine, appare proficuo intraprendere una gestione faunistico-venatoria in Abruzzo per la quale, stante le peculiarità e le attrazioni del territorio della Regione Abruzzo e delle sue tipicità culturali ed enogastronomiche, si possa arrivare ad una produzione di redditualità specifica.

Leggi tutte le news

0 commenti finora...