Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc Umbria: opportuni chiarimenti, i cacciatori non partecipino ai contenimentiCronache falconiere dall'Andalusia: Margherita SporeniRegione Umbria risponde a Wwf: il contenimento non è cacciaElezioni: ecco il manifesto del mondo venatorio alla politicaBuconi (Fidc): giù le mani, cacciatori no bracconieri!Vignale: palese incostituzionalità su legge caccia GiuntaPassione colombaccio. Federico Celsi: “il più bel ottobre di sempre”Sorrenti: la battaglia su calendari e deroghe continua in UeAddio al padre della Wildlife Economy, Bernardino RagniChiusa caccia ai turdidi in Trentino. Protestano i capannisti I boschi di Capri ripuliti dai cacciatoriRaduno internazionale falconieri in FriuliPosticipo tordi in Lazio pubblicato sul BurFvg, chiusura anticipata beccaccia: Fidc impugna il decretoElezioni: Meloni vuole candidare Berlato Fidc Brescia, "controllo cinghiali? I cacciatori non partecipino"Basilicata, Fidc: una scelta europea per le date su tordi e beccacceBasilicata: pubblicato su Bur posticipo chiusura cacciaDa Siena, Cct, Atc e agricoltori chiedono cambio passoCinghiali Sassuolo, continuano le proteste degli animalistiMigratoria e recupero habitat: A Vicenza il punto di Face Med A Hit l'assemblea del Cic ItaliaFriuli: nasce l'associazione Cacciatori FvgTesserino venatorio, in Toscana mozione per educare i controlloriDella caccia ai tordi e dell'ambientalismo che in Italia non esisteUmbria: modifiche al regolamento sugli AtcSentenza Tar su vigilanza venatoria: condannate Enpa e LacL'Anuu Reggio Calabria adotta un pezzo di verde pubblicoDalla Francia buone notizie su beccaccino e frullinoPiemonte: ok in Commissione alla nuova legge sulla cacciaAmiche di BigHunter, Martina Rebecchi "per me la caccia è vita"In Alaska la selvaggina si macella a scuolaMai: importanti novità per la caccia in LiguriaAddio a Novello NovelliVeneto: Berlato riconfermato alla guida della III CommissioneAbruzzo: Arcicaccia, Libera Caccia ed Eps incontrano PepeSempre più ungulati nei Parchi toscani. Ok piano a San RossoreDirettive Uccelli e Habitat: a Roma l'incontro con la Commissione UEAbilitazioni venatorie: buone notizie dal Friuli Elezioni e caccia: allarme 5 StelleCaccia tordi Lazio al 31 gennaio: Zingaretti firma il posticipoFidc Toscana: dalla Lav a lezione di violenzaArci Caccia Pistoia: in pericolo il Progetto LepreElezioni Politiche 2018. La caccia si unisce in una Cabina di regiaPasso indietro sulla caccia alla volpe in InghilterraControllo cinghiale nei Parchi: i corsi nella Provincia di ArezzoPiemonte: ecco come vanno avanti gli Atc dopo il TarItalia Nostra e Lipu Puglia criticano la nuova legge sulla caccia40 ANNI DI SHOT SHOWLUPO. IN NORVEGIA RIAPRESIENA. PROTESTE PER I PRELIEVI NELLE AREE PROTETTEELEZIONI. SORRENTINO SCRIVE AI PARTITISassuolo: Controllo cinghiali, la Lav denuncerà i cacciatori Toscana: corsi ai cacciatori per il controllo nelle Aree ProtetteFidc Brescia sulle novità introdotte dalla Regione LombardiaSvizzera: diffamava i cacciatori, condannato anticacciaCinghiali, per Confagricoltura "bisogna cambiare la 157/92"Toscana: caccia cinghiale aree non vocate, il Piano per il 2018Abruzzo: nel nuovo Piano stop alle immissioni di selvaggina?Veneto: con i nuovi confini del Parco della Lessinia, più territorio cacciabileToscana, Presidenti Atc in subbuglioProroga per la caccia ai turdidi e beccaccia in BasilicataBeccaccia: il punto di vista di FidcMozione a Varese per chiudere la caccia per due anniVicopisano ringrazia i suoi cacciatoriFagiani in salsa francesePiacenza: a rischio abilitazioni venatorie nel 2018 Giovane cacciatore cade in dirupo. L'ultimo saluto a GabrieleProtocollo fra Arci Caccia e Carabinieri ForestaliCONFAVI. ARCICACCIA RISPONDE

News Caccia

Abruzzo: firmata intesa tra Anlc, Arci Caccia e Eps


lunedì 13 novembre 2017
    

 
 
In Abruzzo, le regionali Arci Caccia, Eps, Libera Caccia, in data 11 novembre hanno stipulato un atto d’intesa, per un'azione congiunta su aluni punti:

1. la delicatezza dell’ampia varietà degli habitat abruzzesi, unitamente alla presenza di numerose aree protette, alla vocazione agricola del territorio, sempre meno attenzionata e virata versi i sistemi dell’agricoltura globalizzata (con conseguente grave trasformazione dei paesaggi culturali, e comunque agrari) impongono una nuova gestione da parte delle amministrazioni di settore, ambiti territoriali di caccia in primis, attraverso strumenti pianificatori e normativi che non possono essere abbandonati alla libera e spontanea determinazione di istanze burocratiche o politiche non raccordate né con i territori né con i diretti fruitori;

2. posto che sono in atto le rivisitazioni del Piano faunistico venatorio, nonché della l.r. n. 10/2004, è imprescindibile la conseguente necessità di interloquire ed intervenire senza mediazioni sulle tematiche, sugli argomenti, sulle scelte e sugli indirizzi in trattazione;

3. non è più ritardabile la costituzione di un Osservatorio faunistico regionale al quale sia assegnata la funzione prioritaria di raccogliere i dati sullo stato di conservazione della fauna selvatica stanziale o migrante nel territorio regionale e sulle dinamiche tutte che la riguardano;

4. la gestione della specie cinghiale non appare in alcun modo adeguatamente affrontata secondo scelte di pianificazione e regolamentazione del prelievo non perfettamente operative sul territorio, nemmeno adeguatamente calate sulle diverse realtà usuali di prelievo e che, comunque, al cospetto della burocratizzazione operata, appaiono solo dei palliativi non in grado di corrispondere il necessario sistema adeguato d’intervento;

5. non è più rinviabile l’apertura del prelievo venatorio ai cervidi, oggi oggetto di un bracconaggio incontrollato, tutto a discapito del valore intrinseco di tali specie di selvaggina, nonché a danno di una cultura venatoria ancora da costruire nella nostra Regione, che giammai potrà dover subire, magari a causa di poco lungimiranti scelte di burocrazia venatoria, degli irreparabili “danni da forcipe”;

6. la redazione annuale ballerina ed altalenante dei calendari venatori, poco adattati alle reali consistenze della fauna selvatica venabile, e da ricondurre in primis agli archi temporali di cui all’art. 18 cpv. l. 157/1992, non risponde ad una stabilizzazione delle regole amministrative di prelievo, né appare confacente con la necessità di addivenire ad una corretta gestione delle specie per il tramite del mantenimento o della ricostituzione degli habitat naturali;

7. le attività, le dimensioni e l’organizzazione degli Ambiti territoriali di caccia devono essere completamente riviste nel pieno rispetto delle disposizioni di cui all’art. 14 commi 11 e 14 l. 157/1992 - da intendersi allo stato attuale della normativa – quali obiettivi di azione concreta e di impegno di spesa da parte degli stessi;

8. deve essere completamente ricostruita la migliore interfaccia con il mondo agricolo anche attraverso previsioni specifiche di sostegno volte alla ricostituzione dei paesaggi rurali tradizionali, anche in modo da incentivare le pratiche agronomiche meglio compatibili con le esigenze di riproduzione, sopravvivenza, alimentazione e rifugio della selvaggina (venabile e non);

9. quale obiettivo di lungo termine, appare proficuo intraprendere una gestione faunistico-venatoria in Abruzzo per la quale, stante le peculiarità e le attrazioni del territorio della Regione Abruzzo e delle sue tipicità culturali ed enogastronomiche, si possa arrivare ad una produzione di redditualità specifica.

Leggi tutte le news

0 commenti finora...