Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
E se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami vivi

News Caccia

Valle d'Aosta: ok a Calendario venatorio 2017 - 2018


martedì 18 luglio 2017
    

L’Assessorato dell’agricoltura e risorse naturali della Valle d'Aosta comunica che nel corso della seduta di Giunta di lunedì 17 luglio 2017, sono state approvate, su presentazione dell’Assessore Laurent Viérin, tre proposte di deliberazione concernenti il settore faunistico.

Nello specifico, oltre al calendario venatorio per la stagione di caccia 2017/2018, sono stati approvati i nuovi criteri e le modalità per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole e dagli animali predatori al patrimonio zootecnico.

Queste azioni – spiega l’Assessore a Laurent Viérin - si inseriscono all’interno del lavoro che in ambito faunistico stiamo portando avanti come Assessorato. Le iniziative approvate oggi insieme al calendario venatorio per la prossima stagione di caccia testimoniano la nostra volontà di condivisione con le categorie. Il percorso, finalizzato a una piena valorizzazione del settore faunistico della nostra Regione, è il frutto di un confronto allargato con il mondo venatorio, rappresentato dal Comitato di gestione venatoria e dalla Consulta faunistica e con le istituzioni che hanno visto un lavoro sinergico tra le strutture dell’Assessorato e la terza Commissione consiliare circa la definizione dei criteri di indennizzi per i danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni vegetali e al settore zootecnico. Siamo convinti che per valorizzare al meglio il nostro patrimonio si debbano trovare soluzioni capaci di rispondere alle reali esigenze dei differenti attori del comparto: cacciatori e rappresentanti del mondo venatorio, aziende e agricoltori ed enti che sul territorio regionale sono convolti nella tutela e valorizzazione della nostra fauna alpina.

Entrando nello specifico dei provvedimenti adottati circa i danni alle produzioni vegetali, viene attribuita molta importanza alle attività di prevenzione, con contributi specifici per l’acquisto e la posa del materiale e delle strutture difensive nella misura del 90% delle spese ammissibili. Per le situazioni, quali alpeggi e pascoli, ove le misure di prevenzione non risultino attuabili, si fissa comunque un risarcimento dei danni pari al 100% per gli imprenditori agricoli e pari al 60% per i soggetti non imprenditori. Nelle tipologie di danni sono annoverati anche quelli arrecati alle produzioni ittiche dagli uccelli ittiofagi.

Relativamente ai danni arrecati dai predatori al patrimonio zootecnico, la legge regionale 17/2010 garantisce la possibilità di far fronte mediante uno specifico fondo finalizzato al risarcimento e all’attuazione di misure di prevenzione. Con il nuovo articolato, approvato dalla Giunta regionale oggi, anche in ragione dell’espansione della presenza del lupo sul territorio regionale, si prevede la possibilità di accedere ai contributi per l’attuazione delle misure preventive su tutto il territorio (un tempo previste solo per l’Alta e Media Valle) e si innalza l’importo di indennizzo prima fissato al 70% al 90% delle spese ammissibili. I danni sono risarciti nella misura del 100% degli stessi.

Nella seduta di Giunta infine è stato approvato il calendario venatorio per la stagione di caccia 2017/2018 con alcune importanti novità, condivise con il mondo venatorio.

Nello specifico:

- lo spostamento, su richiesta dei cacciatori, di un mese del periodo di caccia della beccaccia;

- la semplificazione delle classi di prelievo degli ungulati, al fine di consentire un’azione di caccia più agevole favorendo peraltro il calo dei danni provocati dagli ungulati selvatici;

- l’aumento del numero dei cani utilizzabili nelle modalità di caccia vagante al cinghiale e con l’assegnazione di un squadra per la modalità caccia in braccata;

- la riduzione dell’area di caccia specifica “Becca d’Aver” con il ripristino della porzione in territorio di Nus a caccia libera, anche al fine di limitare i danni provocati dai numerosi cinghiali presenti in zona;

infine l’opzione carnet che prevede la possibilità per ogni cacciatore titolare di Carnet A (ungulati), B (lagomorfi), C (galliformi) di avvalersi, pur mantenendo la specializzazione venatoria, delle facoltà di uscite collettive stagionali con un cacciatore possessore di un carnet di tipologia diversa. (Regione Valle d'Aosta)

Leggi tutte le news

0 commenti finora...