HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
"Cacciatori di Molvena angeli della solidarietà" Rudy De Candido: Lo scultore di Cadore “La lunga telenovela del Regolamento sulla caccia al cinghiale” Abbattimento lupo, fenomeno complesso nei dati Riforma caccia ATC: ecco la bozza della Regione Toscana Frosinone: le guardie Provinciali tornano a fare vigilanza venatoria La Lega interroga Galletti: "l'Europa ci chiede di eradicare la nutria" BigHunter Giovani. Samuele Carenzi “nelle nostre associazioni serve più grinta” Veneto: Regione aumenta i selecontrollori nel Parco dei Colli Euganei Caccia con l’arco, a ExpoRiva si impara la tecnica con Emilio Petricci Squadre e aree di caccia. Continua lo scontro Fidc Toscana - Arci Di Pietro inizia le consultazioni con i cacciatori sulla prossima stagione Benevento: le deleghe caccia e pesca tornano alla Regione Indipendent: sulla caccia africana il Principe William ha ragione Fidc Lazio: in cento a tavola a Paliano degustando selvaggina Zone cinghiale, ArciCaccia a Fidc Toscana: "maldestra manipolazione" Sorrentino: cinghiali fuori controllo, no all'ideologia animalista Fidc Genova sponsorizza concorso fotografico rivolto alle scuole Romanzo con citazioni venatorie maremmane adottato da università americana Censimento Cervidi: dall'Urca moduli e promemoria per i censitori Anuu Campania invia proposta su calendario venatorio 2017 - 2018 Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia 59° Assemblea Nazionale di Anuu Migratoristi Fidc Toscana: Sorrentino contro assegnazione diretta squadre cinghiale Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!) Briano su Affaritaliani “caccia: tra Francia e Italia differenze ingiustificabili” Cinghiali a Roma “pericolo mortale in città” Molise: autorizzata caccia di selezione al cinghiale Fidc Pistoia: riconsegna tesserini ad agosto per i selecontrollori Piano faunistico Abruzzo: presentata convenzione con Ispra REPORT FACE, ECCO COSA FANNO I CACCIATORI PER LA BIODIVERSITA' Avifauna Migratoria a convegno sulla gestione nel Delta del Po Trasferito Ufficio Caccia di Chieti. Febbo furioso Fidc Brescia: deroghe e richiami vivi, a che punto siamo? Mancata ripartizione agli Atc: sale la protesta in Calabria Calendario venatorio Piemonte 2017 - 2018. Ecco la bozza Eps Campania: calendario venatorio, ecco le richieste dei cacciatori Atc Pistoia: al via progetto pilota "Nidi artificiali" MAGNIFICA SEGOLENE. Quel rispetto per la caccia che ci sembra fantascienza Tortora, i prelievi italiani sono sostenibili TIZIANA COLLEONI: La pittrice della Valsugana con l’arte nel cuore IL DOV'E' DELLA CACCIA IN TOSCANA Amiche di BigHunter: Christelle "Il futuro della caccia sono le donne" I Parchi gestiscano la fauna: Mozione Vignale in Piemonte Atc Roma 2: aperte le preiscrizioni al corso per selecontrollori Campania, Anuu: calendario venatorio va rivisto sulla migratoria Francia: i candidati alla presidenza dai cacciatori Eps Campania: si accettano proposte sul calendario venatorio Il Governo impugna la legge veneta su disturbo venatorio e piscatorio Genova affronta l'emergenza cinghiali in città con il contenimento Calendario Venatorio Lazio: raggiunto accordo con gli Atc su cinghiale Caccia in cucina: grande partecipazione alla 15esima edizione Caccia di selezione cinghiali e caprioli: ok dall'Ispra in Molise Piano faunistico Emilia Romagna: le richieste di Confagricoltura Campania: ecco la bozza di calendario venatorio 2017 - 2018 Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio” Bruxelles: Direttive natura, ecco come la caccia può migliorarne l'applicazione FAO: la caccia contribuisce alla protezione della fauna minacciata Niente fagiani di ricattura, salta ripopolamento nell'Atc di Arezzo Arci Caccia: legge danni fauna selvatica Marche va rivista Direttive Natura, Briano: “La Commissione europea ascolti anche i cacciatori” 8 MARZO: FESTEGGIAMO LE NOSTRE CACCIATRICI Lombardia: intergruppo caccia convoca associazioni venatorie Lazio presentata bozza calendario venatorio 2017 -2018 Divieto di caccia, la mancata tabellazione non attenua la condanna Vincenzo Scordo: “giovani, uniamoci per una caccia migliore e diversa” Unità: Fidc Toscana fa il punto con il Presidente Dall'Olio PESCARA. POSITIVO IL SELECONTROLLO DEL CINGHIALE A BRESCIA UN CORSO PER PREPARARE I TROFEI I cacciatori di Giffone (RC) per la natura Umbria. Cecchini convoca riunione per calendario venatorio 2017/2018 Viterbo. Successo per il nuovo regolamento caccia al cinghiale Tar Liguria blocca abbattimento cinghiali a Cervo (IM) Eps Campania: al via esami abilitazione caccia In Umbria proposta filiera corta delle carni di cinghiale E IL LUPO METTE LE ALI Il lavoro dell'Ufficio Avifauna migratoria Fidc in un video FACE contesta documento inglese sulla caccia ai trofei Basilicata: controllo cinghiale e girata con cane limiere Fidc Brescia "le norme, la quota e i 'tredicisti'" Di Pietro già al lavoro sul calendario venatorio 2017 - 2018 Madonie, prima ordinanza per abbattere i cinghiali. Chiamati i cacciatori Contest I giovani e la caccia: ecco le foto vincitrici CCT: passo avanti verso la casa comune dei cacciatori toscani Atc Brescia, la Regione dice no alla quota per l'appostamento temporaneo Atc Pisa: si dimette il Comitato di Gestione Corte dei conti UE: fondi non utilizzati per i siti Natura 2000 PIOMBO: CHI CONSUMA SELVAGGINA NON RISCHIA DI PIU' Legge Obbiettivo Toscana: agricoltori in disaccordo sugli abbattimenti Bruzzone: a caccia come in Francia, la Liguria invia richiesta all'Ispra per i turdidi Toscana: parte il monitoraggio della beccaccia Valentina Piccioli, 25 anni “la caccia tiene noi giovani lontano dai veri pericoli” In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti Tassa caccia in Lombardia anche con bollettino Fidc Brescia: passa mozione 5 Stelle in Regione su caso lupo Fidc Piemonte ringrazia i cacciatori scesi in piazza

News Caccia

Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)


lunedì 20 marzo 2017
    

Federcaccia PiemonteNell’ultima settimana, il 16 e il 18 marzo, su La Stampa sono apparsi due diversi articoli relativi all’attività venatoria e alla così detta “razionalizzazione” di A.T.C. (Ambiti Territoriali di Caccia, 21 in tutto il Piemonte) e C.A. (Comprensori Alpini che sono 17), pervicacemente voluta dall’assessore Ferrero e fortemente osteggiata da Federcaccia Piemonte, ed altre associazioni venatorie riconosciute, che hanno anche presentato un ricorso al TAR contro quei provvedimenti.

Va qui precisato, per chi ancora non sapesse, come A.T.C. e C.A. siano strutture associative di diritto privato e senza fini di lucro, che perseguono scopi di gestione della fauna selvatica, di programmazione dell’attività venatoria, di salvaguardia e miglioramento dell’ambiente naturale nel rispetto delle colture agricole.

Molte però sono state le inesattezze riportate dal giornale torinese, e pur comprendendo le finalità, certo “propagandistiche” e politiche, dei due articoli, ci pare giusto tornare sulla vicenda per sgombrare il campo da dubbi o incertezze, e rispondere alle tante critiche mosse nei confronti del mondo caccia. Punto per punto, senza nulla omettere.

In primis non è vero che i TAR ci abbia “…preso a schiaffoni”, come scritto nell’articolo del 16 marzo; al contrario, pur non concedendo la sospensiva richiesta, esso ha riconosciuta la piena legittimità e l’urgenza delle nostre ragioni, fissando l’udienza di merito per l’11 luglio, termine piuttosto breve per i tempi normalmente lunghi della magistratura amministrativa.

I precedenti poi ci confortano alla grande, perché nelle ultime quattro occasioni su quattro gli…schiaffoni (e che schiaffoni!) li ha sempre presi la Regione, e ad assestarli siamo stati noi! Repetita iuvant?

Discutendo poi del milione e mezzo d’euro stanziato dalla Regione per i danni da cinghiale, e che molto ha impressionata l’opinione pubblica, va ricordato come esso provenga integralmente dai soldi dei cacciatori, che pagano una somma addirittura doppia di quella con la sola tassa regionale, senza contare tutto il resto. Quei quattrini poi dovrebbero essere trasferiti ad A.T.C. e C.A. proprio a garantire pagamento danni agli agricoltori. Così almeno dice la legge.

In Piemonte però si latita parecchio, e pare siano stati appena erogati una parte dei fondi 2014, un acconto per il 2015, e ancor nulla per il 2016; il tutto alla faccia di trasparenza e linearità, considerando che quei soldi la Regione li ha già incassati.

Inutile e profondamente ingiusto puntare il dito contro i cacciatori quando si è così poco virtuosi e puntuali nel pagare.

Si scrive poi di cattiva gestione economica, e del “patrimonio complessivo” rappresentato dai circa sei milioni d’euro cumulati sui conti di A.T.C. e C.A.; tutto ciò per noi è vanto e non vergogna, e vuol solo dire che alcuni amministratori hanno lavorato bene, ma pure che, a differenza di quello che accade per il settore pubblico, hanno saputo gestire i soldi incassati dai loro associati. Osservare invece, come fa La Stampa, evidentemente “imbeccata” da qualcuno, che essi hanno investito “…pure in pronti contro termine: tutto legittimo, ma forse un po’ lontano dalle finalità di Atc e Ca…” significa non aver la minima cognizione di cosa voglia dire amministrare una tesoreria o una cassa, perché notoriamente i “pronti contro termine” sono lo strumento di liquidità più sicuro sul mercato, indenni da oscillazioni di borsa o dalle variabilità dei tassi d’interesse.

Ma forse chi gestiva i conti di A.T.C. e C.A. avrebbe dovuto consigliarsi con politici e amministratori pubblici giacché, e pure in Piemonte è accaduto piuttosto spesso, loro i soldini dei contribuenti li hanno gestiti meglio, tanto da impiegarli talvolta nei pericolosissimi “derivati”, oscuro strumento finanziario che in pochi sanno davvero maneggiare senza farsi del male.

Arriviamo alla rivoluzione copernicana voluta dall’assessore, il capolavoro di ingegno politico-amministrativo che avrebbe dovuto togliere dalle secche i disastrati conti di Regione Piemonte e salvare la caccia: l’accorpamento dei comitati di gestione.

Dicono farà risparmiare molto denaro, dimezzando da 760 e 380 gli amministratori di A.T.C. e C.A.

Nulla di più falso, perché al contrario ciò aumenterà le inefficienze e genererà nuovi costi, per rimborsi spese che cresceranno e anche per le prime richieste di stipendio (ora si lavora gratis); pare già avvenuto, confermando la nostra idea: gli accorpamenti alla fin
e diventeranno un vero e proprio…”poltronificio", posto ove indirizzare alcuni trombati della politica!

Chiudiamo con la mala-gestione di alcuni A.T.C. e C.A., come riportato con dovizia di particolari da La Stampa.

Qui un plauso, perché bene ha fatto la Regione ad intervenire, e noi ci auguriamo che ora prosegua seriamente colpendo gli autori di eventuali misfatti o manchevolezze. Noi stessi come Federcaccia abbiamo già assunto significativi provvedimenti disciplinari ed avviate indagini interne nei confronti di nostri associati presenti in quei comitati di gestione (e comunque non erano gli unici cacciatori inseriti nei cdg), ma nel contempo ci chiediamo dove fossero gli uffici competenti.

Lamentare ammanchi, o una “…gestione non chiara dei fondi regionali…”, pare scusante piuttosto tardiva, la classica stalla chiusa quando i buoi sono ormai fuori, perché il compito della vigilanza e dei controlli ispettivi incombe sulla Regione, ed è anche indifferibile. Ci si chiede a questo punto perché certe verifiche non siano state fatte per tempo, mettendo a rischio i denari destinati al pagamento dei danni e la gestione degli stessi AT.C. e C.A.; il tutto con grave nocumento per cacciatori e agricoltori, ma pure per lo stesso ambiente, con buona pace di chi pensa che la soluzione sia lasciar fare alla politica.
Federcaccia Piemonte non aveva visibilità su quei conti, mai l’ha avuta, e le colpe di pochi non possono certo inficiare il lavoro di molti; chiediamo quindi che la Regione faccia chiarezza su quelle situazioni. Urgentemente!

Infine ricordiamo come l’attività venatoria in Piemonte non costi un euro ai cittadini, essendo a carico dei soli cacciatori.
 
(Federcaccia Piemonte)

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Dardo confermo quello che scrivi per il colombaccio in particolar modo nella zona che confina col pavese (zps, Mortara lom. Ecc)i nostri colleghi toscani protestano perche, oltre ad aver occupato le riserve limitrofe,se in piemonte sparano ai primi di settembre per loro e' un danno inquanto all apertura pavese concludono poco.

da Mino 51 22/03/2017 11.43

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Povero ilnuovocacciatore piemontese,le ordinanze le ho lette come ho letto il rigetto delle richieste da parte del TAR......Aspetti tranquillo le ordinanze a luglio( terzo rinvio,è un rigetto delle vostre richieste) e continui pure a fare l'autodidatta in materia giuridica,e continui ad inseguire chi vi ha messo nel sacco con le vostre stesse mani..mi raccomando....

da Samuel 21/03/2017 10.16

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Samuel le sberle le ha beccate la Regione sinora, lei è i suoi amichetti annidati in quelle AAVV che sono piegate alle logiche della politica. Noi possiamo anche aspettare sino all'11 luglio, ma tu dovresti imparare a leggere sentenze e ordinanze, perché dimostri di non averlo fatto.

da ilnuovocacciatorepiemontese 20/03/2017 22.30

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Veramente gli atc sono enti di diritto privato ,ma con finalità pubblica,ed è per quello che la regione ne ha sorveglianza e controllo.....Federcaccia piemonte,sta per prendere si l'ennesimo sberlone,mentre le sedie scricchiolano e le chiappe traballano..Le vostre vittorie di pulcinella con ricorsi al tar rigettati nel 90% delle vostre fantasiose richieste fanno si ben sperare.....che una volta per tutte vi leviate di torno.

da Samuel 20/03/2017 17.35

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

la federcaccia ha le sue colpe ed io personalmente non sono un estimatore di questa aavv, però devo dire che alla preapertura del colombo non ci si va perché chi fa quella caccia come esclusiva non vuole, perché afferma che in tale periodo le coppie hanno ancora i piccoli da svezzare, mi sono trovato personalmente in una discussione del genere .

da dardo 20/03/2017 16.49

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Federcaccia spreca il suo tempo se ritiene di avere come interlocutore una classe politica seria e responsabile che agisce invece come ben sappiamo: per i kompagni noi siamo solo nemici da combattere con ogni mezzo anche approfittando meschinamente della posizione di comando che detiene. Solo uno sciopero può smuovere le cose.

da Arrabbiato 64 20/03/2017 16.14

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

BELIN INTANTO PARLATE SOLO E SEMPRE DI SOLDI!!!!!! ma mandateci a caccia con tempi e speci consone all'intelligenza ed all'europa ( prima fra tutti preapertura date per il colombaccio e la quaglia e poi parlate dei soldi che tra l'altro sono sempre solo i nostri!!!)

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 20/03/2017 15.17