Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Richiami morti dopo atto vandalico animalistaAnuu: un passo da ricordare per i grandi turdidiOk proposta M5S Piemonte: niente controlli faunistici per i cacciatori Piemonte: ecco dove la caccia è chiusa per tutta la stagionePiemonte: prolungati divieti caccia per incendiLombardia: respinta mozione per chiudere la cacciaCaccia storno Puglia: la Regione modificherà la derogaIspra: negati i fondi per l'atlante delle migrazioni europee?Specie protette: Parlamento Europeo dice sì a modifica statusBergamo: chiusura della caccia alla lepreProgetto cesena: marcati due esemplari nel bergamascoDi Pietro: slitta decisione sulla caccia di selezione in MoliseProv. Sassari ai cacciatori: attenzione alla fauna marcata Gelmini (FI): "no all'atteggiamento vessatorio verso la caccia"Lombardia: presidio di protesta dei cacciatori al PirelloneIncontro UNA a Roma: “il cacciatore paladino dell'ambiente”Filiera selvatica. Buona la primaStorno Liguria: Consiglio di Stato respinge l'appello sulla derogaCpa Sardegna: cacciatori partecipate alle battaglie legali Movimento Animalista: oggi sotto lo 0,4% dei voti Piemonte, la Regione tiene il punto: nessun motivo per riaprire la cacciaUltimi giorni per il concorso Caccia Passione e RicordiVeneto, Tesserino Venatorio: la Giunta bacchetta i controlloriAbruzzo: firmata intesa tra Anlc, Arci Caccia e EpsAutonomie e caccia: la Valle d'Aosta si confronta con TrentoAnuu Migratoristi sul passo: "i sasselli sono nel pieno"Eps Lazio: Andrea Severi responsbile regionaleBeccaccia: al via nuovo monitoraggio in LazioDisturbo venatorio: animalisti vegani denunciati nel brescianoMacron rinnova il suo impegno per la cacciaAccordo Toscana Arci Caccia, Anlc, Cia: ecco il documento ufficialeCarne selvaggina, quanta ne consumano i cacciatori?Regione Lombardia richiederà anche la competenza ambientaleLuigi Le Noci: su caccia storno ingiustificata la diffida di WwfPer i monitoraggi Ispra ha bisogno anche dei cacciatoriAcl: protesta a Milano per il rispetto delle tradizioni venatorieProgetto cesena al suo secondo anno Basilicata: 460 mila euro agli Atc dalle tasse dei cacciatoriUngulati. "Modificare la 157/92 per incrementare gli abbattimenti"Piemonte, richieste dei CA per la riapertura della cacciaCaccia storno Puglia: Wwf diffida la Regione CCT: “serve qualche spiegazione sull'accordo Anlc - Arci Caccia”Toscana: siglato accordo Arci Caccia, Cia, AnlcSvi, “Stoppa rettifichi: quello non è un incidente di caccia”Molise: caccia cinghiale. Di Pietro "pronti a violare la legge"Anuu: denunceremo il Tg2 per diffamazione Sicilia: caccia sospesa a Marettimo e SalinaAnuu: arrivati sasselli e ceseneIncendi, Lombardia: al vaglio sospensione caccia in zone più vastePiove in Piemonte, richiesta di revoca dei divieti di cacciaBeata gioventùControllo faunistico: in arrivo l'attesa modifica alla 157/92?Toni intimidatori contro Cpa: Forza Italia Sardegna scrive a PigliaruFidc Piemonte: "Le belle pensate dei soliti incompetenti"Ultrasuoni contro i cinghiali, non servono senza la cacciaPiemonte: Vignale contesta delibera di sospensione della cacciaMolise: restituite alla caccia ex zone di ripopolamento e addestramentoSpecie Migratorie: La FACE alla 12° Conferenza delle partiCCT punta a nuova gestione della fauna in ToscanaFava: la legge vieta già la caccia nelle aree percorse dal fuocoFidc Bergamo: roccoli siano aperti come beni culturali e di ricercaRegione Piemonte sospende la caccia nelle zone incendiateRichiami vivi acquatici: Ministero conferma divieto in sette regioniIncendi: assurdo accostamento alla caccia dal Tg2Brambilla sotto l'1%. Il nuovo che arretra: sorpasso dei VerdiCompetenze guardie zoofile: interrogazione di BerlatoToscana: Arci Caccia e Libera Caccia insieme per un patto con gli agricoltoriAnuu: con tordo bottaccio e sassello anche le ceseneIncendi nel nord Italia ma la Lipu pensa alla cacciaCaccia cinghiale Sardegna: riaperti i termini per le iscrizioniLombardia, Anuu: "la verità sul rifornimento dei richiami vivi"Torino: sospesa caccia per siccità e incendi in alcune zoneAncora polemiche contro la caccia. Ma la petizione per abolirla è un fiascoSiena: sospesa caccia cinghiale a 300 m da zone vocate Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatoriPerugia: prosegue prelievo cinghiali nel Parco di Monte CuccoSan Miniato (Pisa). Sospeso per protesta il controllo dei cinghialiCaccia anatidi: per l'Alzavola Key concepts da rivedereArci Caccia Marche alla Regione "risolvere problema cinghiale"Anuu: devastati capanni da caccia. C'è un numero di targaTroppi caprioli, Alessandria aumenta i capi abbattibiliFidc: la sicurezza al primo postoNumero minimo cacciatori braccata: circolare della Regione ToscanaGli animalisti si accusano a vicenda, avanti così Nutrie, Alessandria: i cacciatori non partecipanoPistoia: via alla caccia al cinghiale nelle aree non vocateAnuu: il tordo bottaccio ancora protagonista Richiami vivi acquatici, ora tocca al MinisteroFriuli: legittime limitazioni caccia in Piano FaunisticoLav: campagna d'odio contro i cacciatoriIn Friuli al via monitoraggio beccaccia

News Caccia

Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)


lunedì 20 marzo 2017
    

Federcaccia PiemonteNell’ultima settimana, il 16 e il 18 marzo, su La Stampa sono apparsi due diversi articoli relativi all’attività venatoria e alla così detta “razionalizzazione” di A.T.C. (Ambiti Territoriali di Caccia, 21 in tutto il Piemonte) e C.A. (Comprensori Alpini che sono 17), pervicacemente voluta dall’assessore Ferrero e fortemente osteggiata da Federcaccia Piemonte, ed altre associazioni venatorie riconosciute, che hanno anche presentato un ricorso al TAR contro quei provvedimenti.

Va qui precisato, per chi ancora non sapesse, come A.T.C. e C.A. siano strutture associative di diritto privato e senza fini di lucro, che perseguono scopi di gestione della fauna selvatica, di programmazione dell’attività venatoria, di salvaguardia e miglioramento dell’ambiente naturale nel rispetto delle colture agricole.

Molte però sono state le inesattezze riportate dal giornale torinese, e pur comprendendo le finalità, certo “propagandistiche” e politiche, dei due articoli, ci pare giusto tornare sulla vicenda per sgombrare il campo da dubbi o incertezze, e rispondere alle tante critiche mosse nei confronti del mondo caccia. Punto per punto, senza nulla omettere.

In primis non è vero che i TAR ci abbia “…preso a schiaffoni”, come scritto nell’articolo del 16 marzo; al contrario, pur non concedendo la sospensiva richiesta, esso ha riconosciuta la piena legittimità e l’urgenza delle nostre ragioni, fissando l’udienza di merito per l’11 luglio, termine piuttosto breve per i tempi normalmente lunghi della magistratura amministrativa.

I precedenti poi ci confortano alla grande, perché nelle ultime quattro occasioni su quattro gli…schiaffoni (e che schiaffoni!) li ha sempre presi la Regione, e ad assestarli siamo stati noi! Repetita iuvant?

Discutendo poi del milione e mezzo d’euro stanziato dalla Regione per i danni da cinghiale, e che molto ha impressionata l’opinione pubblica, va ricordato come esso provenga integralmente dai soldi dei cacciatori, che pagano una somma addirittura doppia di quella con la sola tassa regionale, senza contare tutto il resto. Quei quattrini poi dovrebbero essere trasferiti ad A.T.C. e C.A. proprio a garantire pagamento danni agli agricoltori. Così almeno dice la legge.

In Piemonte però si latita parecchio, e pare siano stati appena erogati una parte dei fondi 2014, un acconto per il 2015, e ancor nulla per il 2016; il tutto alla faccia di trasparenza e linearità, considerando che quei soldi la Regione li ha già incassati.

Inutile e profondamente ingiusto puntare il dito contro i cacciatori quando si è così poco virtuosi e puntuali nel pagare.

Si scrive poi di cattiva gestione economica, e del “patrimonio complessivo” rappresentato dai circa sei milioni d’euro cumulati sui conti di A.T.C. e C.A.; tutto ciò per noi è vanto e non vergogna, e vuol solo dire che alcuni amministratori hanno lavorato bene, ma pure che, a differenza di quello che accade per il settore pubblico, hanno saputo gestire i soldi incassati dai loro associati. Osservare invece, come fa La Stampa, evidentemente “imbeccata” da qualcuno, che essi hanno investito “…pure in pronti contro termine: tutto legittimo, ma forse un po’ lontano dalle finalità di Atc e Ca…” significa non aver la minima cognizione di cosa voglia dire amministrare una tesoreria o una cassa, perché notoriamente i “pronti contro termine” sono lo strumento di liquidità più sicuro sul mercato, indenni da oscillazioni di borsa o dalle variabilità dei tassi d’interesse.

Ma forse chi gestiva i conti di A.T.C. e C.A. avrebbe dovuto consigliarsi con politici e amministratori pubblici giacché, e pure in Piemonte è accaduto piuttosto spesso, loro i soldini dei contribuenti li hanno gestiti meglio, tanto da impiegarli talvolta nei pericolosissimi “derivati”, oscuro strumento finanziario che in pochi sanno davvero maneggiare senza farsi del male.

Arriviamo alla rivoluzione copernicana voluta dall’assessore, il capolavoro di ingegno politico-amministrativo che avrebbe dovuto togliere dalle secche i disastrati conti di Regione Piemonte e salvare la caccia: l’accorpamento dei comitati di gestione.

Dicono farà risparmiare molto denaro, dimezzando da 760 e 380 gli amministratori di A.T.C. e C.A.

Nulla di più falso, perché al contrario ciò aumenterà le inefficienze e genererà nuovi costi, per rimborsi spese che cresceranno e anche per le prime richieste di stipendio (ora si lavora gratis); pare già avvenuto, confermando la nostra idea: gli accorpamenti alla fin
e diventeranno un vero e proprio…”poltronificio", posto ove indirizzare alcuni trombati della politica!

Chiudiamo con la mala-gestione di alcuni A.T.C. e C.A., come riportato con dovizia di particolari da La Stampa.

Qui un plauso, perché bene ha fatto la Regione ad intervenire, e noi ci auguriamo che ora prosegua seriamente colpendo gli autori di eventuali misfatti o manchevolezze. Noi stessi come Federcaccia abbiamo già assunto significativi provvedimenti disciplinari ed avviate indagini interne nei confronti di nostri associati presenti in quei comitati di gestione (e comunque non erano gli unici cacciatori inseriti nei cdg), ma nel contempo ci chiediamo dove fossero gli uffici competenti.

Lamentare ammanchi, o una “…gestione non chiara dei fondi regionali…”, pare scusante piuttosto tardiva, la classica stalla chiusa quando i buoi sono ormai fuori, perché il compito della vigilanza e dei controlli ispettivi incombe sulla Regione, ed è anche indifferibile. Ci si chiede a questo punto perché certe verifiche non siano state fatte per tempo, mettendo a rischio i denari destinati al pagamento dei danni e la gestione degli stessi AT.C. e C.A.; il tutto con grave nocumento per cacciatori e agricoltori, ma pure per lo stesso ambiente, con buona pace di chi pensa che la soluzione sia lasciar fare alla politica.
Federcaccia Piemonte non aveva visibilità su quei conti, mai l’ha avuta, e le colpe di pochi non possono certo inficiare il lavoro di molti; chiediamo quindi che la Regione faccia chiarezza su quelle situazioni. Urgentemente!

Infine ricordiamo come l’attività venatoria in Piemonte non costi un euro ai cittadini, essendo a carico dei soli cacciatori.
 
(Federcaccia Piemonte)

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Dardo confermo quello che scrivi per il colombaccio in particolar modo nella zona che confina col pavese (zps, Mortara lom. Ecc)i nostri colleghi toscani protestano perche, oltre ad aver occupato le riserve limitrofe,se in piemonte sparano ai primi di settembre per loro e' un danno inquanto all apertura pavese concludono poco.

da Mino 51 22/03/2017 11.43

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Povero ilnuovocacciatore piemontese,le ordinanze le ho lette come ho letto il rigetto delle richieste da parte del TAR......Aspetti tranquillo le ordinanze a luglio( terzo rinvio,è un rigetto delle vostre richieste) e continui pure a fare l'autodidatta in materia giuridica,e continui ad inseguire chi vi ha messo nel sacco con le vostre stesse mani..mi raccomando....

da Samuel 21/03/2017 10.16

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Samuel le sberle le ha beccate la Regione sinora, lei è i suoi amichetti annidati in quelle AAVV che sono piegate alle logiche della politica. Noi possiamo anche aspettare sino all'11 luglio, ma tu dovresti imparare a leggere sentenze e ordinanze, perché dimostri di non averlo fatto.

da ilnuovocacciatorepiemontese 20/03/2017 22.30

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Veramente gli atc sono enti di diritto privato ,ma con finalità pubblica,ed è per quello che la regione ne ha sorveglianza e controllo.....Federcaccia piemonte,sta per prendere si l'ennesimo sberlone,mentre le sedie scricchiolano e le chiappe traballano..Le vostre vittorie di pulcinella con ricorsi al tar rigettati nel 90% delle vostre fantasiose richieste fanno si ben sperare.....che una volta per tutte vi leviate di torno.

da Samuel 20/03/2017 17.35

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

la federcaccia ha le sue colpe ed io personalmente non sono un estimatore di questa aavv, però devo dire che alla preapertura del colombo non ci si va perché chi fa quella caccia come esclusiva non vuole, perché afferma che in tale periodo le coppie hanno ancora i piccoli da svezzare, mi sono trovato personalmente in una discussione del genere .

da dardo 20/03/2017 16.49

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

Federcaccia spreca il suo tempo se ritiene di avere come interlocutore una classe politica seria e responsabile che agisce invece come ben sappiamo: per i kompagni noi siamo solo nemici da combattere con ogni mezzo anche approfittando meschinamente della posizione di comando che detiene. Solo uno sciopero può smuovere le cose.

da Arrabbiato 64 20/03/2017 16.14

Re:Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!)

BELIN INTANTO PARLATE SOLO E SEMPRE DI SOLDI!!!!!! ma mandateci a caccia con tempi e speci consone all'intelligenza ed all'europa ( prima fra tutti preapertura date per il colombaccio e la quaglia e poi parlate dei soldi che tra l'altro sono sempre solo i nostri!!!)

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 20/03/2017 15.17