Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Conferenza caccia Toscana. Wwf e Legambiente si defilanoAl via domani gli Stati Generali della caccia toscanaArci Caccia Marche chiede un calendario "più prudente"Respinto ricorso Rizzi. Diffamò il cacciatore MoltrerFidc Piemonte. Primo incontro con l'Assessore ProtopapaViezzi rieletto alla guida di Fidc FriuliE se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita

News Caccia

Selvaggina, prima di tutto una carne sana


mercoledì 7 dicembre 2016
    

La moderna concezione gastronomica, che esalta sempre più la salubrità degli ingredienti (km 0, bio, ecc.), non può fare a meno di annoverare la selvaggina tra le poche, pochissime carni (paragonabile solo a quella di animali allevati allo stato brado) in grado di conservare caratteristiche nutrizionali ottimali alla nostra salute. A parlarne durante la manifestazione Food & Wine 2016 (Firenze, La Leopolda, 27-28 novembre 2016), organizzato dalla Confederazione dei Cacciatori Toscani (CCT – Federcaccia – Arcicaccia – Anuu), c'era il dottor  Giovanni Brajon, il quale ha evidenziato che la filiera delle carni cacciate non può  prescindere dal supporto di un sistema sanitario che ne garantisca la qualità igienico-sanitaria al fine di prevenire rischi per la salute dei consumatori.”

“Com’è noto – ha tenuto a precisare - lo stato di salute degli animali selvatici è un requisito ineludibile e risente della situazione sanitaria complessiva dell’area in cui vivono e, quindi, anche dello stato sanitario degli animali domestici. Per le principali patologie degli animali d’allevamento esistono piani di sorveglianza o di eradicazione, mentre per il patrimonio faunistico non esiste a livello nazionale un obbligo legislativo di attuazione di piani di monitoraggio sullo stato sanitario: in questo caso le singole regioni attuano in autonomia eventuali piani di controllo".

"Altro fattore che influenza la qualità igienico-sanitaria ed organolettica della carne di selvaggina è collegato alle fasi di trattamento e conservazione dopo l’abbattimento, prima della lavorazione. Sulla carcassa di un animale abbattuto sono presenti microrganismi sulla superficie che assieme all’attività biochimica tipica del tessuto muscolare portano alla trasformazione del muscolo in carne. Questo processo – ha spiegato - deve essere adeguatamente controllato per evitare una sfavorevole degradazione proteica. Le carni devono quindi essere protette da fattori deterioranti che possono determinare la diminuzione della conservabilità e l’insalubrità del prodotto con notevoli perdite economiche e rischi per la salute del consumatore.  Il monitoraggio dello stato sanitario degli animali selvatici – quindi - dovrebbe essere completato dal controllo della salubrità delle carni durante e dopo tutte le fasi di sezionatura e trasformazione a garanzia della sua genuinità. Per le suddette ragioni il sistema sanitario nazionale si è attivato per attuare tutte le misure necessarie per favorire la qualificazione della filiera della selvaggina cacciata”.

Fra le principali azioni avviate in Toscana, il dottor Brajon ha messo in evidenza la formazione dei cacciatori in materia d’igiene e sanità e la realizzazione di strutture ed infrastrutture per facilitare la conservazione e lavorazione della carne. I corsi per i ‘cacciatori formati’ sono stati organizzati e realizzati con la finalità di fornire ai cacciatori sufficienti nozioni in materia di patologie, di produzione e trattamento della selvaggina e delle carni come requisito obbligatorio per permettere la commercializzazione per il consumo umano delle carni di selvaggina selvatica abbattuta durante la caccia. “I corsi – ha detto - sono promossi da agenzie accreditate e si avvalgono della collaborazione dei veterinari afferenti al sistema sanitario regionale creando così un rapporto permanente tra cacciatori e istituzioni sanitarie”.

A tutt’oggi in Toscana sono stati formati complessivamente 452 cacciatori. E per quanto riguarda le strutture ed infrastrutture necessarie a realizzare una rete che faciliti la conservazione ed il trasporto degli animali abbattuti ai mattatoi e ai centri di lavorazione della selvaggina registrati in Toscana, sono stati previsti dei Centri di Sosta della selvaggina cacciata: praticamente sono celle frigorifere distribuite sul territorio con facilitazioni per la manipolazione e lo stoccaggio delle carcasse dove i cacciatori possono effettuare comodamente ed in sicurezza le prime operazioni di preparazione delle carcasse e ed i controlli preliminari previsti per l'inserimento in filiera.
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Selvaggina, prima di tutto una carne sana

Temo che i cinghialari, quelli che tornano a casa soddisfatti con la borsina di cellofan gonfia, non la prendano bene. Più contenti invece, quei 452 cacciatori formati (quasi tutti cignalari, anche) che si stanno riempiendo il frigo, e non solo i loro (Qualcuno dice anche il portafogli), grazie a una legge ispirata dall'Ispra e da qualche esperto in cruccologia...

da krukkusklan 09/12/2016 16.32