Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Dall'Olio a Radio Cusano Campus


giovedì 7 gennaio 2016
    

Il Presidente nazionale di Federcaccia, Gianluca Dall'Olio, nei giorni scorsi è intervenuto a Radio Cusano Campus, l'emittente dell’Università Niccolò Cusano, durante la quale ha espresso il suo punto di vista sull'emergenza storni a Roma dell'ultimo periodo.

Il presidente ha ribadito come quella dello storno sia una specie che da un po' di tempo a questa parte gode di ottima salute, al punto che l'ISPRA già dal 2011 aveva aperto alla possibilità che lo Stato italiano ne chiedesse l'inserimento fra le specie cacciabili. Sebbene altri Paesi europei come Francia, Spagna e Portogallo ne abbiano richiesto e ottenuto la cacciabilità, in Italia – dice Dall'Olio – esiste ancora un'attenzione conservazionista nei confronti della specie, nonostante i danni che questa arreca all'agricoltura.

Tuttavia – precisa il presidente – lo storno è cacciabile in deroga, secondo la disciplina prevista dall'articolo 19 bis della legge 157. “Con la recente modifica, discussa in Commissione ambiente al Senato, portata avanti dai senatori Caleo, Vaccari e da altri esponenti di quella Commissione, che adesso di fatto è legge, si dovrebbe, e questo dipende dalle Regioni, favorire un'applicazione più coerente con la riduzione del danno all'agricoltura e con l'utilizzo della deroga”.

Dall'Europa potrebbe arrivare anche un'altra possibilità, ovvero la modifica degli allegati che rendono lo storno specie non cacciabile, e il “2016 in questo senso ci darà delle risposte”, ha detto Dall'Olio. È una procedura piuttosto complessa e molto dipenderà anche dal Governo italiano.

In conclusione il presidente ha sottolineato come situazioni come quelle verificate a Roma, o come quelle riguardanti i danni provocati dai cinghiali siano emergenze da affrontare, altrimenti il Paese vive di emergenze continue. Spetta all'amministrazione pubblica, al di là dei sentimenti di parte, esaminare razionalmente la questione, anche con un'opera di sensibilizzazione, come avviene negli altri Paesi europei.

Leggi tutte le news

33 commenti finora...

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Vuol dire caro B,&B che l'anno prossimo conteranno ancora le migliaia di cacciatori che abbandoneranno il campo. Io l'ho già fatto e sto aspettando gli eventi, mi consolo con una azienda faunistica venatoria. Cordialità

da jamesin 10/01/2016 14.30

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Ottimo B.& B. qui ancora non si è capito che è la politica che ci tiene in vita per i suoi interessi, scopi e gestione dopo di che,non c'è associazione o gruppo che tiene.

da Paolo 10/01/2016 12.35

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

jamesin partiamo dal presupposto che sono rari coloro che barattano il voto politico con la caccia. Se ne deduce quindi che, quando la fidc, perchè di fatto sarà le fidc che andrà a contrattare, la politica chiederà in cambio qualcosa e stanne certo che chiederà privilegi,voti e qualche altra "cosina". Nessuno fa nulla per nulla quindi!!!!. La fidc per onorare l'accordo a questo punto darà indicazioni di voto e tu credi che se gli accordi vengono stipulati con la sx quelli di dx acconsentiranno al voto di sx? Stessa crisi di coscienza per la cosa inversa. Ce li vedi quelli di sx che votano a dx per la caccia? Caro jamesin siamo circa 650.000( per eccesso) perchè alcuni di noi non vanno nemmeno a votare figuriamoci coinvolgere mogli, figli, fratelli,padri,madri,amici e conoscenti per la caccia quando i problemi reali sono ben altri e molto ma molto più importanti!!! Spalmati per l'Italia cosa vuoi che influiamo a livello locale e centrale in caso di elezioni. Contiamo lo 000,01 la "grande"politica lo sa e lo ha calcolato da tempo e non ci teme sia che siamo uniti o sparpagliati. Gli unici che ne potranno beneficiare sono quei quattro politicanti di quartiere che per un voto si venerebbero anche la madre ma che di fatto non muovono un dito perchè incapaci in tutto tranne che rubare.L'unificazione è solo un grande bluff che fa comodo solo ai dirigenti per tenersi la poltrona. Non sono sfascista,iettatore, negativo, demagogo o cos'altro, sono semplicemente realista perchè non ci sono più le condizioni per credere ancora a questi imbonitori del [email protected]@@@o. Noi caro jamesin ci siamo tagliati i [email protected]@@i da soli nel 1992 quando la maggioranza è andata dietro a certi tromboni consci di non avere la capacità politica,venatoria e spazzi di manovra alcuna per gestire la caccia. Questa è la sola verità tutto il resto e fuffa.

da B.& B. 10/01/2016 2.48

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Caro B.&B., più volte lo stiamo dicendo in Fidc che bisogna unire le forze per formare una sola associazione, perchè solo così possiamo competere politicamente con i politici avversi alla caccia. Una sola voce che quando si fa sentire deve essere ascoltata da tutti immediatamente quando si va a contrattare o quando si deve agire. Un partito dei cacciatori non è stato possibile perchè forse faceva troppo male, un sindacato come lo SVI che non riesce ad avere un grande numero di iscritti per avere forza economica. Ci resta solo una associazione forte ! Che possa far valere la propria voce. In politica lo sai benissimo, contano i numeri. Ora si da il caso che ognuno anche la più piccola associazione vuole avere a capo il proprio presidente e sappiamo tutti il perché. Si sta dicendo ( come al solito si dice) che sono solo quattro le associazioni che vogliono unirsi ma sembrano solo chiacchiere per quanto riguarda unirsi a livello nazionale. La difesa della caccia si è messa a livello regionale ma non otterremo mai niente ! Troppo pochi secondo il mio punto di vista e stiamo vedendo la fine che stiamo facendo. Stiamo aspettando gli eventi, ma mi sa che come si dice : aspetta e spera.

da jamesin 09/01/2016 20.43

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

jamesin grazie della dritta . Infatti, si diceva appunto questo; BAGGIANATE PUBBLICITARIE, PRESE PER IL C&&&& e NULL’ALTRO, se poi quanto scritto non viene realizzato. Tu come lettore di codesta “rivista” con la tua onesta intellettuale, lo hai ampiamente confessato. A questo punto le domande sorgono spontanee. 1) Se questi come già confermato dagli ULTRAS fidc non possono nulla tantomeno legiferare per quale assurda ragione ci si dovrebbe confluire? 2) Una volta che questi sig. hanno la partecipazione di tutti gli attuali cacciatori, che dovrebbero attestati intorno alle 650.000 unità, tu pensi che la politica tema i 150.000 in più e ne prenda considerazione ammesso e non concesso che la cifre siano quelle reali? 3) Se la politica risponde picche perché non ci considera in quanto la LOBBY animalista e superiore che attraverso giochi di potere legifera anche, la fidc unita che fa ci fa scendere in piazza con i forconi? 4) Una volta in piazza che cosa facciamo, giochiamo a scopone scientifico o andiamo all’assalto della diligenza? Ah dimenticavo il famoso punto di PIL che moviamo!!! Bene per quello basta aumentare di 1 centesimo la benzina e ci rimane qualche spicciolo per coprire i danni, anche perché il danneggiato si contenta di poco in quanto, meglio di niente . Caro amico siamo finiti, non c’è più scampo e lo siamo da quando abbiamo accettato supinamente la 157/92 progettata e fatta legge sappiamo da chi.

da B.&B. 09/01/2016 17.27

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Non è vero che il giornalino della Fidc porta baggianate ! Dice tutto quello che di buono fa la ferderazione, sia per la stanziale che per la migratoria rispetto a tutte le altre che stanno a zero, diciamo la verità. Quello che non si vede quasi mai è mettere poi in pratica quello che si dice e si fa per ottenere i risultati, vedasi legge sui parchi e gli studi sulla migrazione per cui ogni anno siamo sempre allo stesso punto se non peggio. Sono queste le dolenti note a cui non si pone rimedio e che sono molto importanti dal mio punto di vista, forse perché sono ben altri i progetti quelli forse che si sapranno quando ormai la caccia sta sul letto di morte, Cordialit

da jamesin 09/01/2016 14.48

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

E’ sconcertante leggere come e quanti federcacciatori si ridicolizzino da soli.

da Alvaro Roma 09/01/2016 11.04

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Peccato che il giornalino della giovani marmotte che riportava la notizia a "causa ritardo poste OVVIAMENTE" sia arrivato dopo che i giochi erano già stati fatti e che qualcuno aveva messo in piazza. A proposito se la caccia ha regole e leggi che non decide FIDC,ci dici a che c....o serve, e per quale strampalata archimia la si dovrebbe sostenere e tenere in vita. Se non conta un c...o e deve andare con il cappello in mano dal politico compiacente pregandolo di fare piccole concessioni per tenerla in vita la sai poi che il piacere va ricambiato e amplificato? Ci vuoi far saper che siete in 400.000? Perchè spedite anche al resto della cricca? No perchè i numeri che riguardano la fidc sono ben altri."Se uno poi non la legge non è colpa di FIDC" Ne hai l'assoluta certezza? non è che per caso qualcuno si è accorto delle baggianate che riporta, che non crede più alla "favole", e lo usa per il wc? "Se poi uno" Una noce nel sacco non fa rumore ne consegue che 399.000 siano entusiasti della scelta.Ne hai l'assoluta certezza? Stai buonino che sei ancora troppo infante per parlare di cose che non conosci non alla tua portata e più grandi di te.

da B.&B. 09/01/2016 8.29

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Ma che cagassero tutti sulla testa di chi li protegge gli sta bene questi sono i guadagni che ci fanno fare gli ambientalisti storni cornacchie cinghiali continuassero ad ampliare i parchi chiudiamo la caccia poi voglio vedere che fanno

da Botta botta 09/01/2016 5.17

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

B&B ricordi proprio male,l'accordo con legambiente è stato doffuso ampiamente anche al di fuori dell'associazione stessa su internet principalmente.Agli associati invece ,la notizia era arrivata a casa direttamente attraverso la rivista sociale "IL CACCIATORE" che è distribuita capillarmente a tutti gli associati nominalmente(più di 400.000in tutta italia).Se uno poi non la legge non è colpa di FIDC,che se non l'avesse capito ,ha obblighi solo verso i propri associati,non certo a blablacchiatori del suo piccolo calibro,inconsistenti e di nessuno spessore.Lei se facente parte di una qualsiasi altra sigla o meno,di quegli accordi non paga nulla ,perchè nulla inficiano sull'attività venatori corrente.Lei potrà urlacchiare scompostamente,na che le piaccia o meno ,la caccia ha regole e leggi che non decide FIDC,nelegambiente,e men che meno lei o qualche capopopolo inconsistente che tenta di gettar discredito senza nemmeno sapere di ciò che parla....Stia sereno e vedrà che se ne farà una ragione.

da slowfood 08/01/2016 19.27

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Tutto sto papier per giustificare cosa? Di sicuro conosciuto a pochi intimi e abilmente manovrata e sottaciuta alla grande massa iscritta a questa aaw.Se non ricordo male una gola profonda extra fidc ne dette notizia e la grande fidc messa con le spalle al muro fu costretta ad ammettere queste subdole manovre. Notizie vaghe approssimate di cui ancor oggi non si conoscono i contenuti ma solo marginalmente i contorni riservata solo a coloro che seguono i forum di caccia e in parte divulgata dagli stessi per i non aventi PC mentre voi ancora tacete su che cosa e che prezzo dobbiamo pagare su questi accordi. E' stato fatto tutto all'insegna della più alta democrazia MA QUELLA VOSTRA come da decenni applicate in tutte le salse e circostanze.

da B.&B. 08/01/2016 18.59

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

No Brokenston non difendi nessuno! Difendi l'indifendibile, hai difeso tutti meno che la caccia.

da pevero 08/01/2016 13.59

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

La caccia in deroga, per come viene regolamentata in ItaGlia, e' palesemente una PAGLIACCIATA. Niente di nuovo sotto il sole. E' la normalita'!!! Di ritorno in UK, andando all' areoporto di Fiumicino, in cielo si vedevano SOLO stormi di storni!

da Flagg 08/01/2016 12.44

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

PER TONI EL CACCIATOR, SE MI LEGGE. A CHI ALLUDEVI, QUANDO CITAVI QUALCUNO CHE AVEA UNA FABBRICA DI TRINCIAFOSSI, ERBICIDI E LA MOGLIE ANTICACCIA? SONO CURIOSO

da TITO L. 08/01/2016 11.33

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Finchè,stiamo a parlare sul WEB lo sai che gli frega è come tutto l'andazzo del paese che fà veramente SCHIFO e non ultimo la CACCIA,forse quando e dico quando scenderemo in piazza per DIFENDERE TUTTI I NOSTRI DIRITTI SARA' TROPPO TARDI,un saluto.

da MARCELLO64 08/01/2016 11.23

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Caro pres chi male comincia è a metà dell'opera.

da B&B 08/01/2016 6.57

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

La cosa che interessa di più al presidente della federcaccia visto l'intervento fatto in televisione anni fa sulla riforma della caccia mi sembra fosse stato poco fruttuoso in quanto lui si occupa forse più di cinofila che di caccia

da Antony 08/01/2016 0.11

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Speriamo che mangino i tetti delle case

da Luanega 07/01/2016 21.41

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Jamesin non conosci gli storni, saputi cucinare sono buoni.

da giusva 07/01/2016 20.24

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Prenderemo le sanzioni dalla Europa perché Roma e sporca e puzzolente ma gli storni sono protetti

da Clod 07/01/2016 20.12

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

E VIVA IL [email protected]@O DEGLI STORNI !!!!!!!!!!!!!!

da SNIPER 07/01/2016 19.43

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Eh beh'......davvero una "grande" radio abbiamo scelto. Chissà quanti milioni di ascoltatori e quanto seguito può avere !! Bhe'...si. Davvero un ottima scelta !! Bravo !

da A.le 07/01/2016 19.23

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Non vedo perchè imprecare cotnro chi vuole tenersi la [email protected]@@a degli storni nella propria città. Per forza gli volete sparare ? Lasciateli stare e lasciateli fare sta bene a quei cittadini non vedo perchè li volete cacciare per forza. Stanno fallendo tutti i tentativi dei saputoni in materia e questo già per noi è una bella e vibrante soddisfazione. Pensiamo piuttosto a cose più importanti, come per esempio quei parchi e aree contigue inutili, altro che cacciare un uccello che solo a vederlo già ti fa passare la voglia di mangiartelo anche per le carni viscide che ha. Un cordiale saluto al presidente Dall'Olio.

da jamesin 07/01/2016 18.12

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Io non capisco come mai le associazioni venatorie non parlano con noi e invece vanno alla radio.

da ettore1158 07/01/2016 17.42

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Quando si parla di ridurre ci vuole poco basta un decreto ministeriale e il giochetto è fatto, alla barba se poi scatta l’infrazione della comunità Européa, tanto i soldi non sono un problema. Quando invece si parla di r’integrare una o più specie, allora si parla di riunire la commissione parlamentare Européa, consiglio dei ministri e tutto l’interim burocratico Italiano,tutto questo non avvenne nemmeno quando si diete una drastica riduzione alla caccia in Italia, con la fantomatica legge 157/92. Approvata in una seduta notturna in poche ore; Siamo messi proprio male?

da LO ZOPPO 07/01/2016 15.56

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Alcuni che scrivono qui fanno semplicemente sorridere.Il reinserimento di speci,o l'allungamento della stagione venatoria non è nelle mani ne nelle attribuzioni di dall'olio ne delle associacioni [email protected] calabrese hai mai letto cosa dica la legge nazionale su quale sia l'arco temporale per la caccia??hai mai letto in base a quali criteri e prerogative venga allungata la stagione per alcune speci nella prima decade di febbraio??Ne avete da studiare.......

da colonel Clinck 07/01/2016 15.54

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

X giovanni: ma sì infatti, quando mai si è sentito di cacciatori che sparavano a specie non inserite in calendario o addirittura protette?!?! Proprio mai, mai, mai!!!!

da Ibac 07/01/2016 15.41

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Sig. Dall' olio lei un' ambientalista vestito da cacciatore....ha mio giudizio lei non sta' facendo nulla x la caccia !! Anzi al contrario, con quello che ha firmato sotto banco con legambiente....

da Vicentino 07/01/2016 14.44

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Caro dell'Olio, lo storno è molto intelligente, sa come difendersi frequenta oasi riserve e fondi chiusi e la sera si ripone in città e anche con le deroghe, li non li possiamo sparare pertanto il problema dello storno in città non si risolve.

da un cacciatore 07/01/2016 14.22

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Dall'Olio se riesci a far tornare cacciabile lo storno i cittadini di Roma ti fanno Santo al posto di San Pietro.

da giusva 07/01/2016 14.16

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

un attenzione conservazionista??? rispetto a francia spagna e portogallo in italia esistono dei dirigenti incapaci di ottenere e amici degli ambientalisti.il problema cinghiale nel lazio smuove somme per 11 milioni di euro e per gli storni ogni anno a roma gli "amici" ambientalisti prendono centinaia di migliaia di euro pertanto nessuno ha intenzione di risolvere queste finte emergenze.

da il brigante Mammone 07/01/2016 14.02

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

sig. Dell'0lio e tutti i rappresentanti la caccia in generale,e' tempo di muovervi seriamente per affrontare i problemi della caccia in Italia specialmente in merito alle date dei calendari venatori,molto penalizzati rispetto ai ns vicini paesi,altrimenti di cacciatori da qui a qualche anno rimarranno veramente pochi.Il tordo specie prediletta di noi migratoristi per quanto riguarda la chiusura ,questa puo' tranquillamente essere spostata alla terza decade i febbraio. SVEGLIATEVI.

da cacciatore calabrese 07/01/2016 12.48

Re:Dall'Olio a Radio Cusano Campus

Fino che non inserite, lo storno e il piccione, nel calendario venatorio nessun cacciatore gli sparerà. C'è troppa burocrazia, devi fare domanda, riportarla entro una certa data, insomma ci vuole una segretaria. Fate le cose semplici se volete migliorare la caccia.

da Giovanni. 07/01/2016 12.48