Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fiocchi "sospensive Tar ormai prassi per bloccare la caccia"Sicilia: Tar sospende in parte calendario venatorioCalabria: Tar sospende alcune parti del Calendario venatorioUe. Si discute sul futuro della selvagginaVeneto. Calendario valido. Sospesa caccia moriglione e pavoncellaCalabria. Tar si esprime su calendario 2019 - 2020Puglia: anticipato avvio caccia al colombaccioBelluno. La caccia al cervo rimane in vigoreSos Moriglione. Fidc "concluse analisi ali della scorsa stagione"Lombardia. Due giornate integrativeIncidente mortale. Lega "serve immediato cambio di rotta su gestione fauna"Arci Caccia: Piano faunistico Abruzzo sia base di partenzaToscana, storno "iter rendicontazione inapplicabile"CCT: Giani si occupi da subito di urgenze faunistico venatorieSardegna: Tar sospende caccia a moriglioneAbruzzo: Piano faunistico venatorio approvato all'unanimitàSagra degli Osei Sacile. Prime conseguenze per gli animalistiValle Salimbene: Diffida Anuu persuade il sindaco"Regione Umbria e mondo venatorio: il confronto non è più rimandabile"Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cervi

News Caccia

Simona Antonaci: la falconeria ora è la mia vita


venerdì 7 marzo 2014
    

Simona Antonaci Simona Antonaci, 38 anni, leccese, due bambini piccoli, ha fatto della falconeria una vera professione. Con il compagno, Matteo D'Errico, gestisce l'azienda Falcon Farm Srl, specializzata nel Bird control (allontanamento volatili) e in tutto ciò che riguarda la fruizione al pubblico di bellissima arte: organizzazione di corsi, ricostruzioni storiche, dimostrazioni e spettacoli per bambini.

Il mio compagno pratica la falconeria da 20 anni – ci racconta -, è così che mi sono avvicinata a questo mondo. La caccia oggi è nella mia vita grazie a lui e alla sua passione”. Simona non ha ancora il porto d'armi e per ora si limita ad accompagnare a caccia Matteo, con i falchi pellegrini e le poiane di Harris, ma anche con il fucile e con i cani. Nonostante non sia cacciatrice a tutti gli effetti, ha interiorizzato a pieno il significato più profondo di questa passione.

 “La caccia – spiega - è un insieme di emozioni, sensazioni, profumi, albe e tramonti, freddo gelido e sudore. È una lotta impari tra sacrifici e benefici, dove sono i sacrifici a far pendere l’ago della bilancia. Ma alla fine, quando torni a casa… è stata una bella giornata! Anche se sei stato sei ore in palude, al gelo, per non veder passare una mosca!”. “Credo – continua - che sia molto appagante il rapporto che s’instaura tra il cacciatore e la natura stessa. Camminare tra i campi nell’assoluto silenzio e sentire di far parte della terra, è qualcosa che la vita frenetica cittadina ci ha sottratto".

Stare in mezzo alla natura per Simona vuol dire “incontrare la realtà, proprio dove l’avevamo dimenticata”, salvo poi imbattersi in “distese di pannelli fotovoltaici e pale eoliche, scempi ambientali dei nostri tempi: le traiettorie migratorie - spiega -  stanno cambiando e questo è un danno che i cacciatori notano per primi”.

Le chiediamo qual'è secondo lei il ruolo della caccia nella tutela ambientale. “Penso che il cacciaSimona Antonacitore sia il primo vero ambientalista” risponde lei. “Credo che la caccia aiuti le specie in pericolo a difendersi da quelle cosiddette nocive. Qui nel Salento, come in molte altre zone,  le gazze devastano i nidi di altre specie, come cardellini, verdoni, ecc. Ecco, la gazza può essere predata anche con il falco”. E qui torniamo alla falconeria. Il bello è che questa attività, così utile per il riequilibrio ambientale, “ha permesso di mantenere viva una tradizione che unisce i popoli di tutto il mondo – spiega Simona - in un’arte che da poco è tutelata anche dall'UNESCO”.

Simona insiste su questo punto perchè crede che un riconoscimento così importante sia una vittoria per tutta la caccia “perché – dice - apre il dialogo a molteplici aspetti sociali e ambientali”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vai alla sezione Amiche di BigHunter

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Simona Antonaci: la falconeria ora è la mia vita

Mi ha sempre affascinato moltissimo l'arte della falconeria. Da piccolo avevo ammaestrato una cornacchia a volar diero agli storni ma non ne ha mai pigliato uno!! In compenso avevo una gazza che acchiappava i passeri che andavano a mangiare nella ciotola del cane. Ma quella era portata esclusivamente per il "fai da te". :-) Complimenti vivissimi a Simona!!

da Ezio 09/03/2014 13.42

Re:Simona Antonaci: la falconeria ora è la mia vita

brava simona. datti da fare. e prendi al più presto la licenza.

da cicco 07/03/2014 17.47