Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoFidc: "una nuova rotta per la sorveglianza dell'aviaria"Cabina Regia Toscana a difesa del calendario venatorioFidc Lombardia: non ancora chiusa causa contro il calendario venatorioL'Aquila, a Cagnano Amiterno riprende la caccia senza limitazioni per PSAUmbria: Mancini (Lega) chiede piano straordinario cinghialePatrizio La Pietra e Vannia Gava sottosegretari ad Agricoltura e AmbienteArci Caccia Toscana chiede trasmissione dati su tortora, storno e piccioneIn Toscana nuovo ricorso contro calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Sull'Appennino si caccia da trentamila anni


martedì 20 agosto 2013
    
caccia uomini primitiviLa caccia è la più antica delle attività praticate dall'uomo, questo si sa. Ora sappiamo che anche sui nostri appennini dominati dai ghiacci in ere lontanissime, c'erano degli uomini che andavano a caccia. Un'importante scoperta archeologica di questi giorni ha infatti fatto spostare l'asticella della colonizzazione umana sull'Appennino a 30 mila anni fa. Il ritrovamento di alcune pietre levigate sulla tratta di un sentiero che va da Cassimoreno alle Pienazze (Piacenza) da parte di una spedizione di archeologi dell'Università di Ferrara, testimonia la presenza di insediamenti di cacciatori nomadi in mezzo a quelli che all'epoca erano dei veri e propri ghiacciai.

I nostri antenati avrebbero usato frammenti di roccia come arnesi da caccia o strumenti per la lavorazione delle carni e delle pelli. Tramite la tecnica del radiocarbonio è stato accertato che i reperti risalirebbero a circa 30mila anni fa: finora non si erano mai trovati sull’intero arco appenninico reperti così antichi. A seguito di questo primo saggio, gli archeologi, grazie alla concessione del Ministero per i beni ambientali e culturali, e al sostegno del Comune di Ferriere e del museo di Storia naturale di Piacenza, proseguiranno il loro lavoro anche nei prossimi due anni.

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

Le necessità non sono solo materiali ma anche spirituali. E' una necessità dar sfogo ad una passione che alberga innata nel nostro dna da millenni. Alcuni studiosi dicono che alcuni animali che hanno raggiunto un certo quoziente intellettivo, come ad es. gli scimpanzè e le orche, non solo cacciano ma provano pure soddisfazione nel farlo. Può essere un'affermazione da prendere, per vari motivi, con le molle ma tant'è... L'importante che non lo sappiano i seguaci della religione fondamentalista animalista, altrimenti indirebbero un referendum per far smettere di cacciare gli scimpanzè e le orche!! ;-)))

da Ezio 21/08/2013 13.12

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

bell'affare la "moderna società"....

da claudio ge 21/08/2013 9.37

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

VITTORIO66 TU NON POTRAI MAI CAPIRE LA PASSIONE PER LA VERA CACCIA COMPRESA QUELLA IN DEROGA CHE TANTO ODI VISTO CHE CON IL TUO CANE VAI SEMPRE AD UCCIDERE QUEI QUATTRO POLLI COLORATI CHE TI LASCIANO!

da mario 21/08/2013 7.57

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

concordo in pieno, quello mche desidero sottolineare è che le passioni che oggi spingono tutti noi verso la caccia, certamente esistevano anche prima, ma è anche vero che più che le passioni fosse la semplice fame a spingere i nostri antenati. Passione anche, ma necessità soprattutto. Questo non sminuisce la odierna passione , come non innalza l'attività venatoria come una "necessità ". Dico questo non per amore di polemica, ma solo per ben inquadrare lo spirito che , credo, debba guidare il percorso della moderna caccia nella moderna società.

da vittorio66 20/08/2013 19.51

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

Infatti Vittorio66 la caccia di 30mila anni fa non ha nulla a che vedere con quella attuale, se non per le medesime emozioni e passioni che suscitava in quei cacciatori, così come in quelli attuali. La caccia è un rito atavico, fa parte del dna dell'essere umano. Ogni bimbo che appena impara a camminare, tenta di catturare qualche essere vivente. Oggi la caccia, così come la intendiamo noi, è giustamente regolamentata ed incanalata e regimentata secondo le leggi che ha ogni Stato. Come dico da sempre la caccia potrà essere, forse,vietata per legge se e quando la religione fondamentalista animalista trionferà da qualche parte nel mondo, ma non potrà mai essere cancellata nell'essere umano, con ciò che ne consegue....

da Ezio 20/08/2013 18.01

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

scusate, ma siamo onesti, cosa ha a che spartire la caccia di trentamila anni fa, praticata come unica strategia per procurarsi proteine, con l'attuale attività venatoria? Io, da cacciatore , pratico la caccia per svago, per passione e, di sicuro non perchè altrimenti non avrei di che nutrirmi. Tutto il rispetto e l'amore per la caccia , ma non cerchiamo di inventarci impossibili similitutdini tra la fame di trentamila anni fa e l'opulenza dei giorni nostri.

da vittorio66 20/08/2013 16.57

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

Ma come si caccia da trentamila anni????!!! Ma certi "studiosi" animalisti affermano che siamo frugivori dalla notte dei tempi.

da Ezio 20/08/2013 16.30

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

Trentamila anni per imparare e 20 per distruggere!

da Alex hunt 20/08/2013 15.17

Re:Sull'Appennino si caccia da trentamila anni

e visto che si è cacciato per trentamila anni adesso due stronzetti di amici dei parchi ci hanno fatto smettere, altro che pietre levigate, ci sarebbe da usare la carta vetrata a nastro per alcune persone......

da dardo 20/08/2013 13.36