Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Riprende l'esame della Pdl Bruzzone sulla cacciaIn Umbria mozione Puletti per la caccia in derogaFidc Toscana UCT "no all'ampiamento della caccia al cinghiale in aree vocate" Acma lancia Progetto di censimento sul CombattenteTar Sicilia riabilita coordinatore guardie venatorie WwfMarche, Regione si attiva per Piano Straordianrio contenimento cinghialiToscana, cabina di regia chiede caccia alla tortora in preaperturaPSA, novità in Veneto per il controllo del cinghialeAnatre nel mirino. Negli USA nuova strategia adattativa sul CodonePadule Fucecchio: Arci Caccia Pistoia chiede rimozione vincoli caccia Toscana: Fidc invia memoria integrativa su Calendario VenatorioLazio: Audizione in Regione su gestione e caccia al cinghiale Salerno, problema ammissione cacciatori ATCLombardia: Approvato Calendario Venatorio 2024 - 2025 Il posto degli animali in Costituzione. Convegno a Roma di Fondazione Una e ABReferendum caccia, ci risiamoTorna concorso fotografico Fidc "A caccia di scatti"Rettifica della Regione Emilia Romagna sugli orari di cacciaLiguria: Presidente Piana e Assessore Scajola alla Festa del Cacciatore Modifiche legge caccia. Lollobrigida chiede istanze alle associazioni venatorieLombardia: approvata caccia in deroga al piccioneRegione Lazio "ecco le nuove misure per il contenimento dei cinghiali"Lazio approva Piano straordinario contenimento cinghialiLa caccia nel Dibattito alla Camera sul Decreto AgricolturaApprovato Odg Bruzzone su urgenza riforma della legge 157/92Ok del Governo a Odg per inserimento stambecco tra specie cacciabiliOggi riunione al Ministero con le associazioni venatorie sulla 157/92Veneto, associazioni chiedono urgente incontro in GiuntaNasce alleanza Coldiretti - Fidc in ToscanaStretta sui cinghiali in Piemonte. In arrivo 176 militariSpagna: quaglie in buono stato di conservazioneDa Federcaccia Lombardia critiche per alcuni emendamenti approvatiBASC alla ricerca di conferme dal nuovo governo laburistaA Palermo un importante convegno sulla lepre italicaBaggio in Tribunale contro gli animalisti "Vado a caccia da 30 anni e rispetto la legge"Massardi (Lega, Lombardia): “Bene approvazione modifiche in materia venatoria”Bravo (FDI): "approvate in Lombardia modifiche alla legge sulla caccia"Caccia in deroga: Italia fanalino di coda in UESondaggio in Romania: i giovani conoscono e apprezzano la cacciaNovità dalla Regione Toscana su controllo del cinghialeRidefinì territori di due squadre di caccia: condannata Regione CalabriaOsservazioni di Arci Caccia Toscana sul Calendario venatorioDocufilm Anuu "Atalante: I Custodi dell'Equilibrio Naturale", su Prime VideoUmbria, il cinghiale si caccia per quattro mesiPuletti, Assessore Morroni approvi caccia in deroga nonostante IspraCastellani (Anuu) a Lollobrigida "ritiro emendamenti beffa ingiustificabile"Enalcaccia al Governo "urgente nuovo Dl per dare certezze normative ai cacciatori"Da Fiocchi stoccata a Bruzzone sul DL Agricoltura "ha illuso i cacciatori"In Puglia in arrivo Piano straordinario cinghialeEcco l'Odg sulle Aziende Venatorie accolto dalla Commissione del SenatoFace: "Gli stagni dei cacciatori potenziano la biodiversità delle zone umide in Italia"Umbria, Mancini (LEGA): servono almeno 120 giorni di caccia al cinghialeLollobrigida cerca di riconquistare i cacciatoriDecreto Agricoltura, esultano animalisti e M5SFidc Lombardia: "Sui valichi soluzione inaccettabile"Il Presidente FACE Larsson ribatte alle critiche del Past President EbnerFiumani (CPA) denuncerà Ispra per mancato calcolo "piccole quantità" sulle derogheAnlc: “non ci arrendiamo”Lollobrigida: "avremo altre occasioni per discutere di caccia"Senatrice Fallucchi (FdI): soddisfazione per l'ampliamento della caccia al cinghialeSottosegretario La Pietra (FdI): "cacciatori mai come ora trattati con rispetto"Lettera aperta di Castellani (Anuu) a Francesco BruzzoneBuconi: "problema calendari venatori rimane, Governo trovi soluzione"Arci Caccia: "Modifica 157, la montagna partorisce un topolino"Bruzzone: "dietrofront del Governo sulla caccia, mi sento preso in giro"Decreto Agricoltura: Ritirati emendamenti della Riforma Bruzzone sulla cacciaDecreto Agricoltura: Ok alla caccia al cinghiale notturna con visori Fidc "Legge ripristino natura fondamentale per ambiente e fauna selvatica"Decreto Agricoltura riprende l'esame. Protestano gli animalisti per emendamenti cacciaVeneto, rettifica Calendario Venatorio su due giornate integrativeGli Ex Presidenti dell'Intergruppo Caccia Ue contestano la FACECinghiali, Abruzzo: "Regione a fianco degli agricoltori"Le posizioni di Fidc Uct Toscana sul Calendario Venatorio 2024 - 2025 Cinghiali, botta e risposta tra Caretta e VaccariAbruzzo "riconosciuti dal Tar diritti dei cacciatori"Fidc Campania: improcedibile ricorso animalisti su calendario venatorio 2023 - 2024Violenta rapina nella villa vicentina di Roberto BaggioSottosegretario Barbaro annuncia svolta sulla caccia in derogaDecreto Agricoltura: le impossibili proposte animaliste sulla cacciaFidc Brescia "da Decreto Agricoltura attese risposte a promesse elettorali"Al Congresso scientifico ECCB, Fidc porta due progetti sulla lepre

News Caccia

Pistoia approva nuovo Piano faunistico venatorio


venerdì 21 giugno 2013
    

E’ stato approvato a maggioranza nel corso della seduta del Consiglio Provinciale di giovedì 20 giugno, il Piano Faunistico Venatorio Provinciale di Pistoia. Il Piano, illustrato in Consiglio dall'Assessore all'Ambiente, alle Aree Protette e alla Caccia,  Rino Fragai, presenta alcune principali novità:

• la ridefinizione dell'area vocata agli ungulati (ovvero l’area dove la presenza è tollerabile a determinate densità) e dell'area non vocata (dove si deve tendere alla loro eradicazione): rispetto al Piano Faunistico Venatorio precedente, l'area vocata al cinghiale è fortemente diminuita. Sono state inserite nell'area non vocata tutte quelle zone agricole di pianura e collina che prima facevano parte dei distretti di caccia, con l'obiettivo di una gestione tesa al forte contenimento degli ungulati;

l'aumento della superficie a divieto di caccia (si passa dal 20,3 % dello scorso P.F.V. al 21, 8%) e, all’interno della stessa, l'aumento di istituti che prevedano una gestione condivisa fra Provincia, ATC, associazioni agricole, venatorie, ambientaliste o culturali (Zone di Ripopolamento e Cattura e Oasi di Protezione);

• una diversa regolamentazione per l'attività venatoria nel Padule di Fucecchio, pensata a diversi livelli di protezione, riconfermando in un quadro organico i recenti provvedimenti già approvati dal Consiglio Provinciale nella direzione di una uniformità gestionale con i territori omogenei circostanti.

Il Piano si muove nel quadro del PRAF - Piano Regionale Agricolo Forestale, approvato nel 2012, con all'interno il Piano Faunistico Venatorio Regionale, che detta indirizzi di gestione per gli Enti, oltre alle modifiche legislative e regolamentari avviate dalla Regione Toscana a partire dal 2009, specialmente nel settore degli ungulati e del controllo delle specie dannose al comparto agricolo-forestale.A partire dalla data di pubblicazione sul BURT, saranno circa 60 giorni i giorni per presentare le osservazioni al testo, che saranno poi vagliate dall'Amministrazione Provinciale, prima di giungere all'approvazione definitiva del Piano (tra il mese di ottobre e novembre di quest’anno). A breve il documento sarà pubblicato dalla Provincia sui suoi canali istituzionali.

PROVINCIA DI PISTOIA: CACCIA- GIOVEDÌ 20 GIUGNO APPROVATO IN CONSIGLIO PROVINCIALE IL NUOVO PIANO FAUNISTICO VENATORIO
Tutte le novità su: gestione degli ungulati, istituti faunistci e Padule di Fucecchio
E’ stato approvato a maggioranza nel corso della seduta del Consiglio Provinciale di ieri, giovedì 20 giugno, il Piano Faunistico Venatorio Provinciale.
L’iter che ha portato alla stesura del Piano era iniziato nell'ottobre 2012 con l’approvazione del documento preliminare, inviato agli Enti territoriali interessati per una prima fase di osservazioni.

Il documento adottato in Consiglio è composto da una serie di atti: la Proposta di Piano, dove si indicano le strategie gestionali legate al contesto faunistico venatorio del territorio pistoiese; il Rapporto ambientale, che mette in relazione la Proposta di piano con l'ambiente provinciale e con gli altri piani provinciali e regionali esistenti; la sintesi non tecnica del rapporto ambientale e la valutazione d'incidenza, che analizza l'impatto del Piano sui siti appartenenti alla Rete Natura 2000.

Il Piano si muove nel quadro del PRAF - Piano Regionale Agricolo Forestale, approvato nel 2012, con all'interno il Piano Faunistico Venatorio Regionale, che detta indirizzi di gestione per gli Enti, oltre alle modifiche legislative e regolamentari avviate dalla Regione Toscana a partire dal 2009, specialmente nel settore degli ungulati e del controllo delle specie dannose al comparto agricolo-forestale.

Il Piano, illustrato in Consiglio dall'Assessore all'Ambiente, alle Aree Protette e alla Caccia della Provincia di Pistoia, Rino Fragai, presenta alcune principali novità:

• la ridefinizione dell'area vocata agli ungulati (ovvero l’aarea dove la presenza è tollerabile a determinate densità) e dell'area non vocata (dove si deve tendere alla loro eradicazione): rispetto al Piano Faunistico Venatorio precedente, l'area vocata al cinghiale è fortemente diminuita. Sono state inserite nell'area non vocata tutte quelle zone agricole di pianura e collina che prima facevano parte dei distretti di caccia, con l'obiettivo di una gestione tesa al forte contenimento degli ungulati;

• l'aumento della superficie a divieto di caccia (si passa dal 20,3 % dello scorso P.F.V. al 21, 8%) e, all’interno della stessa, l'aumento di istituti che prevedano una gestione condivisa fra Provincia, ATC, associazioni agricole, venatorie, ambientaliste o culturali (Zone di Ripopolamento e Cattura e Oasi di Protezione);


• una diversa regolamentazione per l'attività venatoria nel Padule di Fucecchio, pensata a diversi livelli di protezione, riconfermando in un quadro organico i recenti provvedimenti già approvati dal Consiglio Provinciale nella direzione di una uniformità gestionale con i territori omogenei circostanti.

A partire dalla data di pubblicazione sul BURT, saranno circa 60 giorni i giorni per presentare le osservazioni al testo, che saranno poi vagliate dall'Amministrazione Provinciale, prima di giungere all'approvazione definitiva del Piano (tra il mese di ottobre e novembre di quest’anno).

A breve il documento sarà in visione sul sito della Provincia di Pistoia, sia nella sezione caccia e pesca sia nella sezione del garante della comunicazione e saranno organizzati incontri sul territorio per la presentazione al pubblico.

21/06/2013 14.04
Provincia di Pistoia

- See more at: http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=148055#sthash.9rug29qB.dpuf

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Pistoia approva nuovo Piano faunistico venatorio

OH, A ME VA BENE GNIOOOSA... MAAAAAA.... NON CI SONO SOLO I CIGNALAI è......

da IO 24/06/2013 10.58

Re:Pistoia approva nuovo Piano faunistico venatorio

viva i bracconieri! non pensavo avrei mai detto questo, ma,a questo punto siamo come nelle contee del medioevo, chi cacciava per fame era un ladro, chi per vizio un un signore, comprendete questa frase non per quel che è scritto ma per quel che spiega.

da dardo 24/06/2013 9.21

Re:Pistoia approva nuovo Piano faunistico venatorio

una diversa regolamentazione xla attivita venatoria nel padule di fucecchio ma quale ....

da renato 21/06/2013 21.59