Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Campania: controdeduzioni Fidc Enalcaccia su calendario venatorioFidc: pubblicato nuovo lavoro scientifico sull'alzavolaFidc Ancona dona oltre trentamila euro agli ospedali Coronavirus: basta fake news sulla caccia Orgoglio italiano. L’iniziativa di BigHunter.netUmbria: osservazioni alla proposta di Calendario VenatorioCosenza: mille mascherine all'ospedale dalla Libera CacciaMazzali: con cacciatori Anuu donate mille mascherine all'ospedaleFriuli: 9 mila euro alla protezione civile dall'EnalcacciaLombardia. Un'app per mappare il rischio CoronavirusAnuu Benevento sollecita Atc a donare fondi per l'emergenzaEmilia Romagna: Assessore alla sanità ringrazia i cacciatoriFedercaccia Friuli Venezia Giulia dona 8mila euro all'Anpas di BergamoCites. Non cambia nienteFidc: un vaccino nel mirino, con lo Spallanzani per combattere il virusRegione Toscana approva proroga scadenze venatorieDa Fidc Campania 20 mila euro al Centro ricerche della Fondazione PascaleCoronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCTFrancia, assemblea FNC: cacciatori in campo contro l'ecologia da salottoVeneto: Zottis (PD) chiede proroga termini riconsegna tesseriniPAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversitàRichiami vivi: Commissione Ue risponde a interrogazioneCovid-19. Sospesa caccia di selezioneFidc Umbria, vertici sospesi. Elezioni da rifareLiguria: incostituzionale caccia dopo tramonto. Ok accertamento capiAnuu: un febbraio da ricordareFidc Brescia: poco utili controlli a campione su tesserini venatoriCaccia in cucina. Ecco i ristoranti aderentiAbruzzo: approvato disciplinare caccia di selezione cinghialeAncora catture caprioli nell'area dell'ospedale di PistoiaStudiare la pernice elbana per salvare la specie in Italia

News Caccia

Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti


lunedì 17 novembre 2008
    

Cervi in sovrannumero al Parco Nazionale dello StelvioIl Consiglio Direttivo del parco Nazionale dello Stelvio ha chiesto aiuto ai cacciatori per l'abbattimento dei troppi cervi presenti all'interno del parco che stanno creando problemi nei centri abitati e sono causa di danni alle coltivazioni, ai pascoli e minano l'equilibrio dell'ecosistema. Il piano di abbattimento stabilisce il prelievo di 1700 cervi nei prossimi cinque anni. Si tratta di un numero senza precedenti per rispondere ad una situazione d'emergenza secondo quanto dichiarato da Ferruccio Tomasi, presidente del Parco  “in Alto Adige gli abbattimenti sono cominciati da qualche anno, ora li estenderemo in alcune zone della Lombardia e del Trentino dove i problemi sono enormi. Bisogna stare attenti ad andare in macchina, perché i cervi spuntano sulla strada, oppure capita di ritrovarseli nel giardino di casa in gruppi di quattro, come mi è capitato qualche sera fa. La popolazione si ribella per i danni alle colture, ci chiedeva di provvedere». 
I cacciatori avranno la possibilità di cacciare cervi all'interno del parco, con i dovuti controlli dei guardiaparchi, dopo aver seguito un apposito corso di formazione.
Su questo provvedimento è già stato annunciato dagli ambientalisti il solito ricorso al Tar e alla Corte di giustizia Europea. Il Wwf ha contestato il tariffario concesso ai cacciatori, che per mezzo del presidente nazionale Enzo Venini, ha fatto sapere che si tratterebbe di una "svendita e un cedimento alla lobby dei cacciatori", dimenticando che i 7500 cervi presenti in assenza di predatori sono la maggiore causa di squilibri dell'ecositema del parco. Con 15 - 20 esemplari per ettaro, questi animali tolgono spazio vitale ad altri e impoveriscono le risorse del bosco.

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti

L'ABBATTIMENTO E' UN TORNACONTO PER ALCUNI DELLA ZONA OVE GLI STESSI CON QUESTO STRATGEMMA ANDRANNO AD ACCAPARRARSI FAVORI A LIVELLO POLITICO- lA CALABRIA, E' UN ZONA CHE SOTTO L'ASPETTO VENATORIO STA MORENDO, OLTRE A CIO ,MANCANO ESEMPLARI CHE SI RIESCE A VEDERE SOLO IN DOCUMENTARI. PERTANTO SI DOMANDA. PERCHE' ALCUNI CACCIATODI POSSO AVERE UNA GRANDE SCELTA SUL TIPO DA CACCIARE , E IN CALABRIA SOLO A POCHE SPECIE?PENSO CHE SI PAHINO LE STESSE TASSE.......

da DESTITO VITO 18/11/2008 9.15

Re:Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti

Abbattimenti ok ma anche ripolamento di zone non esistono piu' da anni...

da Alessandro 17/11/2008 14.37

Re:Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti

Gli abbattimenti sono l'unico modo di un modo stupito e tutto italiano di gestire un territorio credendo che i cacciatori siano sterminatori. Così i parchi si ritrovano pieni di animali che non hanno predatori e devono essere abbattuti perchè le persone che ci vivono all'interno di parchi immensi sono le uniche a far le spese di un tipo di salvaguardia che non funziona, correndo pericoli di incolumità personale. Abbattimenti SI ! Con criterio ma ci vogliono.

da Giuseppe 17/11/2008 12.43

Re:Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti

Stessa idea del cavolo in Sardegna per quanto riguada i mufloni... Si stava pensand di abbatterli perchè troppi... A quanto pare queste persone sono le stesse che fanno icalendari venatori.. Persone che la montagna o la campagna forse la vedono solo in cartolina.. Teniamo conto che i mufloni in sardegna popolano solo certe zone e non causano nessun danno ai pochi campi coltivati.. Io sinceramente sono più per ripopolare.. Ma non solo i mufloni ma tutta la selvaggina in generale... Quest anno in sardegna hanno pensato di chiudere due giornate prima la caccia alla lepre e la pernice perchè poche... in base a cosa non si sa però l'hanno chiusa... ma non si risolve niente così... bisogna ripopolare visto che paghiamo..

da Filippo Lentis 17/11/2008 11.36

Re:Troppi cervi al Parco Nazionale dello Stelvio: piano d'abbattimento senza precendenti

invece di abbattere i cervi spostateli e ripopolate la calabria

da fabrizio barbaro 17/11/2008 10.47