Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set13


13/09/2018 

 
Tutte le volte che in un qualsiasi Museo di Zoologia sono arrivato nel Vivario, in mezzo a serpenti, lucertoloni e salamandre, mi sono trovato in difficoltà. Ma non mi mettono a disagio le dimensioni di un pitone o le creste dell'iguana (che tra l'altro è anche erbivoro), ma il fatto che, istintivamente, tra le identificazioni dei serpenti comuni come la biscia e il biacco, sempre un po' rincoglioniti nelle loro gabbie di vetro, cerco l'Aspis francisciredi, la vipera comune, o aspide sordo, come da battesimo popolare.

Nata nelle nostre campagne, credo che sia la più azzeccata delle definizioni, perché indica un essere spregevole e pericoloso. Riguardo alla sordità, c'è una spiegazione diciamo “tecnica”. L'essere un po' sordi è caratteristica comune a tutti i serpenti che, sprovvisti di timpano, avvertono soltanto le vibrazioni del terreno o trasmesse attraverso un solido.

In proposito, un'altra spiegazione è per quello che si può vedere al cinema: il cobra che si muove come incantato da un flauto, in effetti non percepisce il suono come onde sonore trasmesse dall'aria, ma si sposta ritmicamente da destra a sinistra seguendo con lo sguardo il suo suonatore. Sempre nelle nostre campagne si diceva anche di stare tranquilli, visto che “su dieci vipere segnalate undici sono bisce”. Ma nonostante tutte le rassicurazioni e statistiche, tra chi frequenta certi ambienti, tutti gli anni si rinnova la psicosi della bestiaccia che normalmente, è vero, è un animale lento e timido, che si ritira senza rumore appena avverte una vicinanza, ma che diventa estremamente attiva e pericolosa dalla primavera all'autunno, quando sparisce nel suo nascondiglio e trascorre il letargo con altri individui della stessa specie, con i quali si attorciglia formando grovigli.

Soltanto a pensarci vengono i brividi, ma c'è sempre, guarda caso, chi ti invita al raziocinio e a considerare il pericolo senza fobia, facendo anche presenti le principali caratteristiche.

Il corpo della vipera comune o Aspide (Vipera Aspis) è corto e tozzo, con una strozzatura dopo la quale si osserva una breve e larga coda. La testa è piatta, triangolare, con il muso appiattito e rialzato superiormente. Gli occhi sono privi di palpebra e a differenza di molti altri serpenti, nei quali la pupilla è tonda, nei viperidi è a forma ellittica, con il maggior diametro in verticale. La lunghezza media normale si aggira sui 52–60 centimetri, la sua caratteristica principale è comunque il veleno, gestito in modo molto particolare. Nel mascellare superiore sono impiantati due denti cavi, tubolari, che sono in comunicazione con una ghiandola contenente il veleno. Questi denti veleniferi sono molto lunghi e non fissi. Infatti, l'osso sul quale sono inseriti è articolato in modo da permettere il ripiegamento interno, con la punta rivolta all'indietro. Nel momento in cui spalanca la bocca per colpire, i denti vengono eretti con la punta leggermente in avanti. L'inoculazione del veleno è istantanea.

Altro allarme di tutti gli anni è l'aumento del numero, che qualche volta e in certe zone è vero e dovuto a cause ben note, come lo spopolamento, appunto, di vaste zone montuose e collinari, con la conseguente diminuzione di molti animali, domestici e selvatici, da sempre nemici giurati della vipera, che ne contenevano la diffusione. E ancora più negativa, la indiscriminata e ingiustificabile uccisione dei rapaci, per finire con la strage degli spinosi. Stiamo rimpiangendo le poiane, il biancone, nibbi, albanelle, gufi e corvi; e poi i tacchini, le galline e i maiali allevati all'aperto, anche se in parte rimpiazzati dai cinghiali, ricci, tassi, puzzole e donnole.

Sono invece ridicole balle le voci dell'aumento della fecondità, aggressività e velenosità delle vipere, che non partoriscono sugli alberi in modo che i piccoli, cadendo, non possano mordere la madre (sic), fino al “meleggiamento” più sfacciato: se colpisci una vipera tagliandola in due pezzi, la parte con la testa se ne va, e ti aspetta sette anni per compiere la vendetta.

Più seriamente, sul come comportarsi credo sia inutile aggiungere consigli a quelli che conosciamo da sempre. Infatti ci dicevano: oltre al “siero”, altrettanto importanti sono gli stivali, o gli scarponi e gambali, un po' di prudenza e tanta attenzione.

Ultima nota. Mi è capitato di rileggere quello che ha scritto Fulvio Tomizza a proposito delle vipere e del babbo cacciatore. Non mi saprei raffigurare morte violenta più probabile e naturale di quella avvenuta in seguito ad un inatteso, fulmineo morso. Certamente ne morirei subito, prima della vittoria del veleno sul mio sangue, al solo contatto con la bestia ributtante e immonda. So che questa avversità è assai diffusa, sì da mettere in luce sospetta chi non la condivide, ma credo che non si possa riscontrare un terrore così irragionevole e totale, com'è quello che mi gela il cuore e mi offusca la vista.

Mario Biagioni

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.105
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog