Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago27


27/08/2018 

“Quando si parla di Associazioni venatorie, non si parla di un qualcosa di superficiale, ma tutt’altro! Alla guida di queste ci sono persone preparate sia dal punto di vista scientifico che culturale; professionalità che nutrono una preparazione in materia non seconda a nessuno e con una formazione intellettuale e politica che rappresenta un patrimonio per l’intero mondo venatorio.

Come tutte le cose che si fanno seguendo una passione, qualunque essa sia, lavorare per questa diventa quasi sempre una missione, sia questa remunerata o volontaria.

Molti (i Più), si adoperano in pienovolontariato, affiancando i professionisti e dedicando a questa causa, una parte anche cospicua del loro tempo libero, facendolo con dedizione e per il bene della nostra cara passione, lavorando non solo per loro stessi, ma anche per gli altri.

Appartenere ad una AAVV vuol dire confrontarsi , vuol dire avere l’umiltà e la voglia di crescere in preparazione dialettica e culturale inerente la materia e non solo, vuol dire apprezzare l’alto spirito di valori e ideali comuni, facendone tesoro per poi, con competenza, trasferirli ad altri. Vuol dire conoscere per poi trasmettere a quei cacciatori interessati, nozioni che li rendono consci delle propria azioni.

Continuamente, senza peritarsi, devono rispondere ad una base sempre molto attenta e critica. Si devono confrontare con le istituzioni e devono conoscere leggi e normative, adoperandosi perché queste vengano formulate ed orientate con equilibrio e non a nostro sfavore. Hanno il compito di convincere, con la dovuta preparazione scientifica, politica e con fatti e dati alla mano, quei soggetti istituzionali che spesso non hanno la giusta preparazione in materia e non comprendono le necessità e le cose da fare, per creare un giusto equilibrio tra i vari portatori di interessi, interessi che si racchiudono, in modo inscindibile, tra agricoltura, ambiente, mondo venatorio e società.

Chi appartiene ad una AAVV, ha il compito di informare con chiarezza, serietà e sincerità la base, riportando ordine di idee a smentire tutte le dicerie che troppo spesso si vengono a creare tra i cacciatori meno informati, mettendo questi nella giusta conoscenza dei fatti e stando attenti a non alimentare strumentalizzazioni di parte. Ha il compito di far conoscere ed indurre il cittadino cacciatore a giusti comportamenti per il suo bene e per l’immagine della categoria stessa.

Appartenere oggi ad una AAVV, vuol dire anche sorbirsi quelle forti critiche che purtroppo e troppo spesso arrivano, in modo gratuito, con inconsapevolezza ed ingratitudine, da chi nutre la nostra stessa passione. E’ anche In virtù di questo, che nell’espletamento della propria missione, hanno il compito/dovere di adoperarsi e spendersi per convincere chi ancora, incoscientemente, nutre ostilità nell’intraprendere la strada necessaria ed irrinunciabile, dell’ unità di tutto il mondo venatorio. Devono lasciarsi dietro le spalle quei vecchi rancori e quelle sterili polemiche che creano soltanto danno e divisioni e nel contempo, devono esortare anche gli altri a farlo. Un compito ed una esigenza ineludibile che purtroppo non tutti i componenti e non tutte le associazioni, hanno ancora compreso.

Non per ultimo e non di meno importanza, devono collaborare con la ricerca, trovando strade ed operatori per mettere in atto quella raccolta dati che soltanto con la caccia si possono acquisire, dati importanti che verranno trasmessi agli organi scientifici e ai tecnici che sono all’interno delle associazioni e che saranno in grado di elaborarli ed usarli per la ricerca e la nostra causa. Un contributo necessario affinché si possa ripristinare una condizione ambientale e faunistica equilibrata che ci consenta di poter proseguire la caccia in modo consapevole e sostenibile. Un passo ed un ruolo di fondamentale importanza, che oltre ad aiutare la scienza e la politica a ricreare un contesto a noi più favorevole, può assolvere anche un’altra funzione indispensabile, il convincimento verso questa società, moderna ed ignara, a rispettare anche la nostra passione, i nostri valori, la nostra cultura e quel che ne consegue.

In conclusione e con piena sincerità, è auspicio e convincimento che appartenere ad una AAVV sia la realtà di quanto esplicitato e che sia anche uno spunto di attenta riflessione da parte di coloro che hanno nei loro intenti e comportamenti, un modo diverso di pensare ed adoperarsi, non molto congruo al bene dell’attività venatoria .”


Terfiro Innocenti

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.245
Aggiungi un commento  Annulla 

23 commenti finora...

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Gli agricoltori ? Si ottimi sanguisughe per attingere sghei e fondi. La schiena un se la rovinano piu'.

da Toscano  29/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Bene, mi faccio avanti. Cambiamo il modello cominciando ad abolire l'art. 842 del CC. e coinvolgendo a fondo gli agricoltori, come avviene praticamente in tutta Europa.

da Alberto  28/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Terfiro voi siete stati la fonde dei guai della caccia italiana e voi e soltanto voi avete il dovere morale di tirarci fuori. Quando avete collaborato per quella che è stata le legge capestro non avete chiesto nessuno aiuto adesso che non sapete più a chi santo votarvi venite a chiedere aiuto? Abbiate almeno la dignità di tacere e se non siete all'altezza di risollevare le sorti della caccia uscire di scena, Nessuno sentirà la vostra mancanza anzi molti di noi brinderanno come se fossa festa nazionale.

da Antico cacciatore  22/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Come ho già detto e mi ripeto, per coloro che sono bravi ed hanno tante idee e tanti propsiti per salvare la caccia, le porte sono aperte, c'è posto per tutti.
Fatevi avanti Grazie.

da Terfiro  20/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

oggi appartenere ad un'assoc. venat. in particolare riconosciuta si e complice della fine della caccia...!!!

da mallardo  18/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Boh sarà,che la 157/92 continua il permetterci di andare a caccia,ed in primissimo proprio in Piemonte ,visto che per anni,siamo stati senza legge regionale,ed a caccia ci siamo andati in ossequio alla 157,mi sembra qui si narri del mondo fatato,dove ciò che cita rispetto ai valori che le avv esprimono sia tutto corretto e condivisibile ma che poi nella realtà non è con giochi di prime donne ,che saltano da una avv all'altra per avere visibilità ,che il loro ruolo e reali capacità altrove non gli permettevano,o peggio quando si parla di ruoli e figure ai vertici delle avv che dovrebbero esprimere competenza e moralità integerrima ,trovi poi burattini,coltivatori del loro orticello che più che balle non riescono a raccontare ,se non addirittura bracconieri conclamati e colti in flagranza,che dirigono avv nazionali e che ci propinano la parabola della caccia e della legalità.Sicuramente non saranno poi tutti così,ma in Piemonte tra lotte di omuncoli senza carisma ne capacità se non quelle di invettive e autocelebrazioni realmente e con scoramento mi chiedo...ma si può ancora andare dietro a gente così?? Nel 2018 si può ancora credere alle favole??Meditate

da Castelmagno  11/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Scusa Terfiro il ritardo, non spesso accedo ai notiziari o blog che siano inerenti argomenti di caccia.
Il mio plauso ti giunga solo per la tenacia e la passione che riesci ad esprimere, te hai dalla tua l'entusiasmo e la convinta consapevolezza che solo con l'impegno si possano perseguire obbiettivi e traguardi per continuare l'esercizio della nostra nobile arte, integrati al mondo rurale e non in contrapposizione.
Chi ci è ostile non vuole approfondire e conoscere le motivazioni che ci consentono di coltivare le nostre passioni, attraverso il contributo essenziale della ricerca scientifica applicata al territorio oggetto di caccia o prelievi di selvaggina. La scienza naturalistica-animal-venatoria, dovrà prodigarsi e fornirci tutto il necessario, utile a farci sentire parte integrante dei suoi progetti di sviluppo e qualificazione di territori e metodi di caccia eticamente al passo con i tempi. Questo naturalmente dovrà essere divulgato e caldeggiato dalle associazioni venatorie che ci rappresentano, meglio sarebbe più unitarie possibile, quindi ancora uguri e buon lavoro a coloro che meglio sapranno rappresentarci, senza imporre ma affrontando il nuovo di per sè molto complesso, ancora interessante da gestire, con l'essenziale partecipazione attiva dei singoli associati. C'è ancora spazio e opportunità per continuare con rispetto e felicità le nostre passioni, con i nostri amici bipedi e a quattro zampe.

da Rimescolo  06/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

L'associazionismo venatorio è ormai una realtà anacronistica e completamente superata.
Anzi, morta con encefalogramma piatto: siamo in fase di accanimento terapeutico.
Abolire l' 842 CC e fare come nel resto d'Europa.
Sarà tutto più facile ed avremo una caccia migliore.

da Alberto  06/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

L'Unavi si suicidò da solo. Quando fu messo in mano a un'unica componente, che a mio avviso non aveva capito gran che della caccia e del mondo. Tant'è vero che quella sinistra, movimentista, barricadiera, che continua a spaccare il capello in quattro, oltre a rovinare la prospettiva di unità dei cacciatori, la sua associazione di riferimento (oggi divisa e in lite perenne) ha consentito di mandare al governo l'antipolica, con la quale si farà poca strada, sia come cacciatori sia come cittadini. A meno che, arrivata al potere, questa antipolitica, non si converta in quell'andazzo bimillenario che contraddistingue Roma e tutti coloro che vi finiscono a fare salotto e a ...pontificare.

da Plinio  06/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Giovanni, è bello sognare, ma i fatti si fanno con i piedi per terra, non con la testa fra le nuvole. Non c'è paese al mondo dove si possa praticare una caccia come quella che si pratica in Italia. Figurati se il mondo di oggi, grillini compresi, ti consente di derubricare la caccia.

da alfredo  03/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Ci vuole una unica Associazione Forte. Poi si devono eliminare il prima possibile gli ATC ci stanno portando alla fine della nostra passione.

da giovanni  02/09/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Ma chi è questo curatelo.

da curatelo  31/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Le associazioni venatorie non servono più, comandano gli ATC.
Potrebbero diventare delle società di servizi, ma non sanno neanche cosa vuol dire.
A casa come i sindacati

da Victor Piazza  31/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Giusta la sua riflessione, si vede che è uno dei giovani cacciatori che hanno nel sangue e nel cuore il sacro fuoco della caccia,pero non sò da quanto tempo frequenta l'associazionismo venatorio, dove ai vertici trovi quasi sempre, persone che sono abituate a cacciare nelle varie AFV rigorosamente solo su invito!!!!
Chieda a chi ha qualche anno più di lei, quali sono stati i colpoveli delle associazioni venatorie, che prima hanno assassinato il Comitato Italiano Associazioni Venatorie(CIAV) poi hanno sacrificato all'altare dell'arroganza, potere è stupidità al quadrato; l'Unione Nazionale Associazioni Venatorie Italiane (UNAVI)
cordialità

da Fucino CAne  29/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Quanta fatica costa escogitare sistemi per penalizzare i cacciatori.Correte ad asciugargli il sudore.

da hi hi hi hi  29/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Appunto caro il cacciatore se una volta tanto si presentassero con la coda tra le game come dovrebbero, invece della solita arroganza che da sempre li distingue, forse qualcuno sarebbe anche disposto a dargli una mano. Invece con il loro fare allontano tutti anche i loro iscritti che hanno preso coscienza su che cosa è veramente la fidc.

da Alvaro  29/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Sig. Terfiro che poi se non erro dovrebbe essere lo stesso dell’editoriale ci offre un’altra perla di saggezza quando afferma che la 157/92 non piace in Piemonte.Che strano a me sembra che detta legge non piaccia dalle Alpi a Capo Passero ma ovviamente è una mia impressione. Incrollabile continua con il suo sermone affermando che le aaw “plurale questa volta “cercano di rimediare agli errori fatti. Troppo comodo chiedere le stampelle ora che si sta finendo nel baratro quando con il vento in poppa bandiera sulla cima del tetto del mondo guardano dall’alto in basso tutte le altre compagini associative venatorie vecchie, nuove,embrionali e con esse tutti i loro iscritti tacciandoli di essere degli incompetenti, eversivi, ignoranti, e presuntuosi. Al motto: chi non è con noi è contro di noi via con denunce, ricorsi , sberleffi ecc..ecc.. Ovviamente fatta eccezione dei loro compari e compagni di viaggio della fu arci caccia che gli baciavano il cordone. Continua l’omelia. Dopo aver distrutto la caccia attacca il cartello “cercasi menti” offrendo posti a chi che sia non arrivando a capire che si sbertuccia lui e la sua cricca affermando tra le righe la loro incapacità di portare a compimento neppure il più puerile dei loro progetti per incapacità cronica da qui qualsiasi aiuto anche Otelma è ben accetto. Avere sulla coscienza oltre un milione di morti (virtuali ovviamente) che per colpa vostra hanno abbandonato questa ancestrale, meravigliosa arte e ancora con la solita arroganza vi presentate in piazza a bacchettare tutti coloro che non vi seguono. Ce ne vuole di faccia tosta!!!! Ps. Continuate ad andare aventi da soli almeno quando avremo toccato il fondo si potrà ricominciare da capo senza la vostra inutile anzi ingombrante presenza.

da Il cacciatore  29/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Li soldi mia no li pigli piu'!

da d  29/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Gruppi di potere che lottano al loro interno e tra loro per mantenerlo, impedendo il rinnovamento e favorendo lo status quo.
Possiamo, dobbiamo, farne a meno.
Assieme al concetto di "caccia sociale", una delle cause del declino della caccia in Italia

da Victor Piazza  28/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

In Piemonte la 157/92 non piace e ne hanno preso atto o perlomeno ci hanno provato. Dal momento che non piace questa legge e quanto cercano di fare le AAVV per i cacciatori, questa potrebbe essere la sintesi di una delle risposte al disprezzo, che oggi potremmo avere. Comunque nelle associazioni c'è posto per tutti, basta farsi avanti e darsi da fare, così ognuno prova con mano cosa vuol dire in questo momento adoperarsi per far continuare a svolgere l'attività venatoria con tutte le esigenze che abbiamo.

da Terfiro  28/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Opinioni personali che vanno rispettate tutte ma a me sembra che la lungimirante, al passo con i tempi della grande onnipotente, onnipresente fidc non abbia poi scalfito più di tanto ne l’opinione pubblica, ne la politica, e men che meno le mente dei giovani inculcandogli il verbo caccia.
Con il continuo lavaggio di cervelli la si vorrebbe far passare come la panacea di tutti i mali della caccia presenti e futuri ma la realtà e ben altra. Con rispetto

da Marco Giacomelli  28/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

Opinioni legittime, anche quelle di chi fa critica. Io dico che chi semina raccoglie. Purtroppo, da decenni, si assiste alla denigrazione di un'unica associazione, la Federcaccia, da parte della stragrande maggioranza delle altre congreghe. Col risultato che la caccia si è indebolita, ha perso consensi, ma in proporzione le altre associazioni non hanno fatto un passo avanti, anche perchè le loro posizioni sono - a mio parer consapevolmente - frutto di politiche retrograde (o utopistiche e legate a scelte politiche a priori) che non tengono conto di un mondo che nel frattempo galoppa nel cambiamento. Penso anche che se c'è un appunto, grave, da fare a tutte e a noi stessi per primi, è quello di non aver pensato a come affrontare il disamoramento da parte delle nuove generazioni. Chi non prefigura il proprio futuro è condannato a soccombere: è una legge dell'economia, ma fa capo a leggi eterne della natura. Infatti, qualsiasi obiettivo di ogni essere vivente, più o meno camuffato "culturalmente", è quello della cosiddetta "massimizzazione della fitness", che vuol dire che ogni singolo soggetto (animale o vegetale) punta egoisticamente a star bene, ad accoppiarsi e procreare per garantire un futuro al proprio "sangue" (se animale) o alla popria linfa (se vegetale). Ecco, noi cacciatori, a questo non abbiamo pensato. Colpa grave che sconteremo amaramente. Soprattutto se non correremo ai ripari alla svelta.

da Renzo P.  28/08/2018

Re: Appartenere ad un'associazione venatoria. Riflessioni di un cacciatore

A me sembra un’omelia di un prete di parte che non tiene conto di quello che sono le aaw italiane. Il loro capacità gestionale che parte dal 1992 la racconta la storia. In ultimo ma non per importanza il fatto che per levarsi questa crosta dove si è annidato per anni il maleodorante e purulento Pus ce ne vorrà di tempo. La fiducia è come uno specchio. Se si rompe , sarà rotto per sempre… si può cercare di aggiustarlo ma non tornerà mai come prima. Rifletterà le immagini ma anche le crepe deformando l’immagine riflessa. Il viaggio è diverso per ognuno di noi: un sentimento può essere giusto per una persona e sbagliato per un’altra. Solo fatti concreti presenti e futuri arriveranno al cuore e alla mente ad ogni singolo cacciatore che sceglierà la via da seguire con scienza e coscienza.

da Il cacciatore  27/08/2018
Cerca nel Blog
Lista dei Blog