Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
 Accedi
Archivio
<maggio 2018>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb8


08/02/2018 

 
Eccomi, presidente della sezione comunale EnalCaccia – San Costanzo, operatore locale di progetto per il comune di San Costanzo per il Servizio Civile e per la Pro Loco dove sono consigliere della locale associazione dopo essere stato eletto presidente e vice presidente per ben 2 volte ma dove purtroppo, per impegni personali, ho dovuto rifiutare l’incarico. Se non fossi legato al territorio tutto questo mio entusiasmo per il volontariato si sarebbe già spento.

Nel mio paese godo della più appagante gratificazione di tutti i miei sforzi: la stima ed il rispetto per ciò che faccio. Tutto qui, nessun compenso economico o chissà quali fantasiosi favoritismi. Ragazzo normale? Decisamente si.. Forse quasi un’eccezione. Ma come? I cacciatori non vanno solo a caccia? I cacciatori, non sono quelli che sparano anche alle foglie purché si muovano? La risposta è secca e sincera: “No!”. Potrei essere un esempio, una prova concreta che le vesti del cacciatore sono anche quelle di una figura matura, responsabile, capace di portare avanti tutte le nostre tradizioni, dalla caccia fino ad un’ipotetica rievocazione storica passando magari attraverso una sagra paesana. Penso che ciò avvenga perché i valori che i nostri genitori o i nostri nonni ci hanno trasmesso, siano molto più forti del tempo che passa e spetta solo a noi difenderli. Se quattro anni fa nella mia intervista di “Big Hunter Giovani” per la caccia chiedevo rispetto, forse oggi mi ritrovo costretto a chiedere aiuto!

Caccia: una parola dalle mille interpretazioni a volte addirittura sbagliate. Forse è tra le più discusse del nostro vocabolario. Si spazia moltissimo sul suo significato, da “attività inutile e dannosa” a “gestione e salvaguardia dell’ambiente” attraverso il rispetto di leggi sempre più restrittive e talvolta complicate. Cacciatori: coloro che praticano l’attività venatoria. Identificazione molto semplice eppure vengono descritti come degli orchi che sotto le vesti mimetiche sarebbero capaci delle più atroci violenze, persone dalle quali star lontano e tenere a debita distanza non solo le persone civili e ogni essere vivente del regno animale ma anche e soprattutto le scuole con i loro bambini, dove bisogna passare l’immagine che il cacciatore sia sempre la figura cattiva e comunque, sia sempre la causa di tutte le problematiche esistenti nel mondo ambientale.

Ma come siamo arrivati fino a questo punto? I cacciatori hanno mai avuto veramente voce in capitolo? Hanno una figura alla quale appoggiarsi per difendere la loro passione? Le associazioni venatorie fanno realmente il loro lavoro per salvaguardare questa figura? A queste domande potremmo dare risposte ampie e veritiere. Ma mi domando, chi realmente capirebbe il vero significato della nostra passione? Potremmo fare discorsi lunghi chilometri ma tanto come dice un vecchio detto “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. La figura del cacciatore è una figura troppa estranea dalla vita di ogni giorno, nessuno conosce la sveglia alle 4 della mattina, la canizza dei cani o l’elegante frullo di una beccaccia.

Il problema della caccia è che oggi non ha più bisogno di risposte, la caccia oggi ha bisogno di FATTI. Ricordiamoci che i principali nemici dei cacciatori sono i bracconieri ai quali poi si collegano animalisti, vegani ecc ecc. Una notizia di un animale abbattuto fuori legge fa molto più audience che  100 cacciatori che, ad esempio, senza fucile partecipano alla cattura delle lepri per il loro ripopolamento.

Mi rivolgo ai miei colleghi cacciatori, dobbiamo ripartire dal basso delle nostre emozioni. Fa male sentirsi giornalmente disprezzati, soprattutto ogniqualvolta che apriamo un social network. Le false informazioni attirano attenzione di gente credulona ma politicamente parlando anche di voti. Ecco perché in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo non solo ci ritroviamo il monotono movimento 5 stelle a gridare battaglia contro di noi. Ma addirittura troviamo una delle più importanti coalizioni in lizza che da asilo a un vero e proprio partito  ANIMALISTA guidato dalla candidata Brambilla. Ecco a che punto siamo arrivati. Non siamo stati capaci di fermare una moda che è riuscita persino a penetrare in politica e chissà con quali intenzioni verso i nostri confronti.

Eppure la maggior parte degli italiani è favorevole alla caccia, eppure questa attività smobilita centinaia di migliaia di posti di lavoro, a partire dal vestiario, dal pet food, dalle munizioni, dalla cinofilia ecc ecc. e ancora (senza fare nomi per evitare pubblicità) siamo tra i produttori di armi sportive più rinomate al mondo per la loro bellezza, efficienza e qualità; l’elenco fino ad ora citato non è assolutamente da sottovalutare considerando che ha un discreto peso sul PIL Italiano. Abbiamo tantissimi pro a nostro favore, ma nessuno ha il coraggio di prendere posizione a nostro sostegno. Veniamo lasciati in disparte, come un vecchio giocattolo col quale non ci si gioca più. Eppure questo “giocattolo” un tempo ci faceva comodo ma qualcuno se ne è dimenticato o, peggior delle ipotesi, non vuole ricordarlo.

Sono per natura una persona ottimista ma devo riconoscere che attualmente faccio veramente difficoltà a vedere un futuro roseo per la caccia finché le persone non capiranno l’importanza del nostro ruolo. E per far questo non possiamo fare affidamento su nessun’altro all’infuori di noi stessi. Per fortuna le cose stanno migliorando o per lo meno ci si prova. La recentissima nascita di FENAVERI, la Federazione delle associazioni nazionali venatorie riconosciute, che prevede l’unione a livello nazionale di Federcaccia, EnalCaccia, Arci Caccia e Anuu Migratoristi è senza dubbio un primo ma fondamentale passo in avanti per la promozione e la difesa delle attività rurali. Spero che eventuali richieste ed iniziative vengano pesate in maniera più consistente, considerando che non si parla più di una associazione ma di un’unione che conta centinaia di migliaia di persone. Finalmente si è messa da parte la stupida guerra di tesseramento e si è tornati a parlare di cacciatori e non più di tesserati! Mi auguro che questa iniziativa dia i frutti sperati e che finalmente qualche alta carica ci dia il giusto ascolto. D'altronde noi cacciatori non chiediamo nient’altro. Non chiediamo di cacciare 365 giorni all’anno, non chiediamo di sparare ad ogni animale selvatico che calpesta le nostre campagne. Chiediamo solamente che le future leggi che verranno approvate tengano conto della richiesta di tutti: agricoltori, pescatori, cacciatori, allevatori ecc. Tra ambiti territoriali, assicurazioni, tasse governative e regionali paghiamo profumatamente la nostra passione e vogliamo che questa venga tutelata.

Noi ci presentiamo senza nessun timore, fieri e consapevoli di ciò che siamo e di ciò che facciamo. Ecco perché la mia visione dei cacciatori pretende che siano figure sempre più sensibili, responsabili e soprattutto educati rispettando le opinioni di tutti. Abbiamo tristemente ricevuto una vera e propria dichiarazione di guerra da parte di associazioni ambientaliste/animaliste in questi ultimi anni e gli animi dei nostri avversari non sono per placarsi. Dobbiamo armare la nostra mano con la pazienza e iniziare a dare il buon esempio a partire dai nostri territori locali. Riavviciniamo anziani e giovani cacciatori e che inizino a divulgare con il passaparola e soprattutto con azioni concrete le nostre tradizioni senza provare nostalgia, rancore o peggio ancora vergogna. Iniziamo a farci conoscere sul luogo, le chiacchiere al bar o peggio ancora sui social non hanno mai portato a nulla. Così facendo la nostra umiltà dovrà spandersi a macchia d’olio su tutta l’Italia, dalla Sicilia fino al Piemonte; solo così possiamo recuperare la stima ormai oggi perduta e riconquistare la nostra libertà di cacciare senza sentirci in colpa come qualcuno vuole che avvenga.

W la Caccia, sempre!

Chiedo scusa per il mio personale sfogo. Queste sono le parole di un giovane ragazzo nemmeno trentenne che legato al proprio territorio ha ancora il coraggio di difendere le sue tradizioni ma che a volte si sente forse un po' troppo solo, come se stesse lottando contro tutti e contro tutto. Ecco perché ho risposto all’invito di Bighunter per metterci  non solo la faccia attraverso una fotografia, ma anche, con le parole, un pezzo di cuore.

Ringrazio per questo la redazione che dà voce a giovani come me che credono in qualcosa di positivo, che credono in una società migliore. Continuate a divulgare notizie, verità e iniziative perché grazie al cielo, anche se in silenzio, ancora esistono persone che si informano, che leggono e che credono in ciò che fanno.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.117
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Siamo gente normale, appassionata ma normale

Omar, associazione unica o è la fine!!!

da pascmar  14/02/2018
Cerca nel Blog
Lista dei Blog