Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<aprile 2021>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
dic11


11/12/2017 

 
Nei giorni scorsi ho seguito una parte del programma della Rai sulla caccia o meglio contro la caccia. Ovviamente mi ha suscitato una forte disapprovazione non tanto per i temi affrontati, perché in una democrazia ogni persona è libera di pensare e di esprimere il proprio parere, ma per il come sono stati affrontati: con tante imprecisioni, dimenticanze grossolane e un montaggio audio-video che per chi conosce le basi della comunicazione favoriva solo una parte.

Solo alcune:

- Una cartina mostrava erratamente che il territorio in cui si può esercitare la caccia è quasi la totalità dello stivale (comprendendo anche le aree URBANE di Roma, Milano, Napoli, Palermo, Venezia...)

-Il lupo affrontato come animale innocuo dimenticando completamente quanti danni compie agli allevamenti ovini ect...

-Strumentalizzazione degli incidenti di caccia che purtroppo si possono verificare come qualsiasi altra azione che si compie (non mi viene in mente nulla che abbia un rischio zero)

-Non si è parlato a fondo del calendario venatorio e delle sue limitazioni lasciando intendere a chi non conosce questo mondo che ci sia una sorta di liberi tutti tutto l’anno.

- Si è trattato gran parte del programma sulla caccia all’estero e quindi popolazioni di selvatici, culture, tradizioni, territori e legislazioni completamente differenti dall’Italia creando confusione all’ascoltatore.

-Immagini sanguinolente e video di abbattimenti presi dalla rete di cui sono personalmente contrario perché possono essere male interpretate come in questo caso.

Partendo dal presupposto che ogni cacciatore, come ogni persona, è libera di scattare ciò che più gli aggrada durante le sue uscite nel bosco e nessuno vuole andare a spulciare gli archivi personali, si è assolutamente liberi di condividerle con gli amici presenti in battuta o tramite conversazioni private (whatsapp, telegram, ecc.).

La sfumatura degna di nota si presenta quando si sta per pubblicare la foto di un carniere online: un’immagine che può essere assolutamente normale per la maggior parte degli appassionati potrebbe generare un’aspra disapprovazione per chi non conosce il nostro mondo.

Bisogna usare il buonsenso e la moderazione soprattutto se si vuole promuovere i veri valori venatori dove contano di più una foto in compagnia di amici, con i propri cani o di un bel paesaggio.

-Spazio nullo per le realtà che funzionano e descrizione accurata del realtà che sono ovviamente da condannare come il bracconaggio ed altre azioni fuori legge.

Purtroppo “fa più rumore un’albero che cade che 100 alberi che crescono” e mi piace portare il seguente esempio: sarebbe giusto bloccare definitivamente l’intera circolazione del traffico perché un soggetto guida ubriaco/drogato?

Bisogna assolutamente punire chi compie azioni sconsiderate non strumentalizzarlo.

Come in tutte le realtà ci sono persone responsabili e dei coglioni!

Una cosa però mi ha lasciato sorpreso:

il fulcro della teoria di “opposizione” alla caccia era basato sul problema economico e non ideologico (come avevo ipotizzato).

Si tratta di una evoluzione di pensiero a me nuova rispetto alle “solite” del passato ed anche questa purtroppo per loro errata.

La caccia contribuisce ad una parte NON TRASCURABILE del PIL (Prodotto interno lordo in breve è l’insieme di beni e servizi prodotti da una nazione in un periodo stabilito solitamente in un’anno): vengono chiamate in causa strutture ricettive, cliniche veterinarie, aziende che producono materiale specializzato, armerie e tanto altro per un giro economico e di posti di lavoro NON TRASCURABILE ed inoltre in molti settori sopra citati l’Italia è leader mondiale con una tradizione e cultura vincente.

La mia impressione è che qualcosa sta cambiando perché gli attacchi sono sempre di più disperati, fantasiosi e senza fondamento.

La gente non deve assolutamente avere paura della caccia e del cacciatore e sopratutto non deve guardarli con disprezzo.

Bisogna continuare con forza, educazione e rispetto il lavoro di rivalutazione di questa figura perché lo merita.

Si deve individuare e combattere chi veramente distrugge la natura: i piromani, chi scarica rifiuti in aree vietate e molti altri che però purtroppo nei media spesso non vengono nemmeno citati.

Il cacciatore porta nel cuore la natura e da il suo contributo per preservare gli equilibri.
 
Mattia Siri

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.25
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: Rai3 e la caccia: le riflessioni di un giovane cacciatore

Bravo Mattia hai fatto bene ad evidenziare i sensi unici di quel programma, un programma di parte e fuorviante dall'argomento "la caccia in Italia", temo però che questi faranno orecchie da mercante fino a che, qualcuno molto in alto non gli da l'altolà.
Continua/te così voi giovani, siete la speranza, purtroppo dovete sbrigarvela da soli, noi vecchi stiamo ammainando le vele e le AAVV sono inconsistenti.
ciao

da Gianni  18/12/2017

Re: Rai3 e la caccia: le riflessioni di un giovane cacciatore

se questi sono i Giovani il nostro futuro non è compromesso! Bravo vai avanti cosi !

da marco  18/12/2017

Re: Rai3 e la caccia: le riflessioni di un giovane cacciatore

Sacrosanta verita.

da giovanni  12/12/2017

Re: Rai3 e la caccia: le riflessioni di un giovane cacciatore

riflessioni esatte

da zubbiani giacimo ANUU Lumezzane  12/12/2017

Re: Rai3 e la caccia: le riflessioni di un giovane cacciatore

Come si fa' a far capire che il cacciatore porta nel cuore la natura,noi lo sappiamo,fallo capire a sta gente.

da Iano62  11/12/2017
Cerca nel Blog
Lista dei Blog