Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2017>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott5


05/10/2017 8.13 



Quando si sente pronunciare il nome Carl Gustaf, il pensiero di ogni appassionato di armi va automaticamente alle belle e famosissime carabine ex-ordinanza modelli 38, 94, 95, tutte derivate dal poco noto Mauser 93 spagnolo. Perché sicuramente pochi sanno che la rinomata ditta svedese col marchio della corona, ha sempre costruito anche delle ottime carabine da caccia con funzionamento a otturatore scorrevole–girevole Bolt Action, una in particolare di pregevolissima fattura come la Carl Gustaf modello 2000.

La 2000 è un’arma dall’elevatissimo grado di finitura, dalle ottime soluzioni estetiche, dall’eccezionalità dei materiali impiegati e costruita da maestranze altamente specializzate. Riprende la classica e collaudata architettura della svedese Husqvarna (praticamente identica alle nostrane Zoli AZ 1900), ma molto migliorata sia come concezione meccanica sia come finiture interne-esterne.

La CG 2000 è molto più aggraziata nelle linee e soprattutto molto più curata nei dettagli e nelle finiture, tanto che forse rispecchia più il gusto classico austro-tedesco che quello più rustico del Nord Europa. L’otturatore reca in testa tre alette di chiusura poste a 120°; a differenza della nota meccanica Mauser K98, in cui l’aletta di chiusura sinistra è tagliata a metà per consentire il passaggio dell’espulsore, i tre tenoni sono pieni. L’espulsore è del tipo a pistoncino ed è collocato, a otturatore chiuso, sotto il foro del percussore, mentre l’estrattore, che è del tipo a gancio, è incassato nel corpo dell’otturatore e posizionato all’ora “una”; la scelta della tipologia di questi due componenti della meccanica garantisce sia la precisione di tiro sia l’affidabilità di funzionamento dell’arma.


 
Il lungo percussore lanciato è avvolto dalla molla elicoidale che gli fornisce la spinta cinetica ed è coassiale al corpo dell’otturatore. La sicurezza manuale è costituita da una leva collocata sul lato destro dell’arma, dietro al manubrio dell’otturatore ed è inseribile solo a percussore armato. La carabina è anche fornita di un pulsante di sblocco posizionato davanti al manubrio stesso, che deve essere premuto per consentire l’apertura dell’otturatore quando è inserita la sicurezza manuale. Ciò costituisce un ulteriore elemento di sicurezza nell’uso dell’arma. Per sfilare l’otturatore dalla culatta occorre premere completamente il grilletto, operazione che deve essere eseguita anche quando s’intende riposizionare l’otturatore nella sua sede.
 
La culatta reca le sedi delle tre alette di chiusura dell’otturatore nonché la sede filettata per il fissaggio della canna; è inoltre presente il traversino di rinculo (recoil lug) di generose dimensioni sotto l’anello di culatta, che garantisce un accoppiamento molto solido dell’azione con il calcio. Il foro della seconda vite di fissaggio dell’azione al legno è ricavato sull’estremità della coda della culatta. Il serbatoio è monofilare amovibile, costruito in materiale misto lamiera metallica–polimeri. L’elevatore scorre senza incertezze, spinto dalla classica molla a lamina. Lo sgancio avviene mediante una piccola leva presente all’interno del ponticello del grilletto. La canna è in acciaio trilegato al Ni-Cr-Mo ed è ricavata per rotomartellatura a freddo. Presenta un profilo esterno leggermente conico e nel caso dell’esemplare provato in calibro .30.06, il passo di rigatura, twist, è di 254 millimetri, un giro in 10” ottimo per stabilizzare palle di buon peso, dai 165 grani in su.





MATERIALI E FINITURE

Per la realizzazione delle carabine Gustaf 2000 s’è fatto ricorso a delle tecniche di lavorazione tradizionali per asportazione di materiale dal pieno, certo più onerose rispetto alla microfusione, ma che forniscono un miglior risultato finale sia in termini di bontà dell’esecuzione dell’arma sia in termini di prestazioni balistiche.

E’ bene precisare che il termine “tradizionale” potrebbe indurre in errore, perché anche la tecnica della lavorazione dei pezzi dal pieno per asportazione di truciolo, vecchia quanto le armi da fuoco, può essere eseguita anche con dei moderni macchinari a controllo numerico computerizzato. Il corpo e la testa dell’otturatore sono monopezzo e ricavati per tornitura e fresatura da un’unica barra di acciaio al carbonio. Anche la culatta è ottenuta da un singolo profilato d’acciaio forgiato di notevoli dimensioni, in quanto, sempre da esso, deve essere ricavata anche l’aletta del recoil lug destinata a sopportare il rinculo. Tutti i componenti metallici sono macchinati e brocciati per essere poi sottoposti ai più moderni trattamenti termici d’indurimento.

La carabina viene offerta soltanto in pochi allestimenti con due sole azioni: standard e magnum. Comunque, quel che ha sempre contraddistinto una carabina Carl Gustaf 2000 è la sua bellissima brunitura a “specchio”, con una calda e caratteristica tonalità tendente al blu. Un risultato estetico simile è molto raro da trovare in un’arma costruita in serie, perché difficile da conseguire per la rigorosa uniformità della lavorazione che richiede. Si tratta di una finitura molto raffinata, che deve essere fatta a regola d’arte e senza fretta perché, oltre ad esaltare e imbellire il metallo evidenzia ogni piccola, eventuale imperfezione. Anche la maniacale cura degli smussi degli spigoli è encomiabile.

IL CALCIO

Il calcio è a pistola con un vistoso poggiaguancia; la sua conformazione risulta confortevole e fisiologica. Le zone in corrispondenza dell’astina e dell’impugnatura sono zigrinate e tale finitura è stata apprezzata per la sua funzionalità per niente fastidiosa. Il calciolo in materiale sintetico morbido è di medio spessore e contribuisce bene ad ammortizzare il rinculo, specialmente quando si utilizzano calibri magnum. Il noce utilizzato per la realizzazione della calciatura è di origine Centroeuropeo (turco o balcanico) di buona qualità; viene sottoposto a evaporazione ed essiccazione finale in un forno controllato elettronicamente e poi lavorato con macchine a CNC. Anche le operazioni di rifinitura (levigatura, lucidatura, ecc.) sono ovviamente eseguite a mano. In certi modelli è presente pure il puntale e la coccia in palissandro e lo zigrino scozzese, più raffinato, ma non ci risulta che esistano delle versioni Stutzen a canna corta e con calciatura che si estende fino alla volata.

LE MIRE

L’arma è fornita col solito alzo a singola foglietta, regolabile in altezza e derivazione, collocato sulla canna e di un mirino a lamina. In questo particolare allestimento la coppia di mire metalliche funge da back up ed ha utilizzo soltanto in casi limitati (per esempio la ricerca di un capo ferito all’interno del bosco). Ovviamente desta maggiore interesse la possibilità di montare un buon cannocchiale da mira.

Mi sento in dovere di paragonare la carabina Carl Gustaf modello 2000 ad una berlina o ad una bellissima macchina sportiva, capace di grandi prestazioni ma poco diffuse perché non prodotte da grandi marche famose. Infatti, chi è quel cacciatore a palla, o aspirante tale, che entra in una piccola armeria di provincia e chiede: “vorrei acquistare una carabina Carl Gustaf modello 2000 in calibro… che so’ 270, 7 mm RM o 30.06?” Questo è un peccato, perché l’arma in sé racchiude tutte le caratteristiche migliori che dovrebbe avere una buona bolt da caccia. E’ costruita superbamente con ottimi materiali, ha una concezione meccanica affidabile e moderna, con una resa balistica eccellente e costante. A dimostrazione di ciò basta vedere che nel mercato dell’usato è molto raro trovare in vendita una CG 2000, perché chi ne possiede una, se la tiene ben stretta e difficilmente la vorrebbe cedere per acquistare qualcos’altro.


 
Marco Benecchi






SCHEDA TECNICA DELL’ARMA

Costruttore: Carl Gustaf Vapenteknik, P.O. Box 545, S631 07 Eskilstuna, Sweden.
Tel.0046/16/123995
Importatore: CD EUROPE –MAROCCHI
Via Galilei 6 25068 Sarezzo (BS) Italy
www.marocchiguns.com

Modello: 2000
Tipo: Carabina da caccia a ripetizione manuale “Bolt Action”


Funzionamento: A otturatore scorrevole girevole tipo Mauser modificato, con tre tenoni in testa posti a 120°.
Percussore: Monopezzo lanciato.
Estrattore e Espulsore: L’estrattore è a unghia incassata sulla testa dell’otturatore. L’espulsione del bossolo avviene tramite un pistoncino portato anch’esso in un recesso dell’otturatore.
Sicura: La sicura è manuale a due posizioni azionabile da una leva posta sul lato destro del castello. La carabina è anche fornita di un pulsante di sblocco, posizionato davanti al manubrio stesso che deve essere premuto per consentire l’apertura dell’otturatore quando è inserita la sicurezza manuale; ciò costituisce un ulteriore elemento di sicurezza nell’uso dell’arma
Calibri: dal 222 Remington al 300 Magnum.
Canna: In acciaio trilegato trattato termicamente. E’ lappata e rotomartellata a freddo. Può essere lunga 560 mm (calibri normali) o 610 mm (calibri magnum).
Alimentazione: Tramite caricatore monofilare amovibile da 3–4 cartucce. Esistono anche delle versioni maggiorate.
Organi di mira: Tacca di mira regolabile in deriva e mirino a lamina regolabile in altezza.
Castello: Predisposto per il montaggio del cannocchiale da mira.
Scatto: monogrillo regolabile da 1300 gr a 2500 grammi.
Calcio: In noce europeo turco o balcanico.
Finiture particolari: la classica brunitura “tendente al blu” delle carabine CG 2000 è ancora oggi una delle migliori mai eseguite.
Peso: da 2900 a 3500 grammi a secondo del calibro.


 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.81.45.122
Aggiungi un commento  Annulla 

15 commenti finora...

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Senti anche FRANCESCO PEDERIVA di Moena a nome mio
E non metterci un Leica
Per piacere
Quando sono nati gli Shoenauer non esisteva...

Quindi un Classico sopra al RE dei Classici
Zeiss, Swarovski, Kahles... Hensold
STOP

da Marco B x Little  17/10/2017 16.47

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

il problema è proprio il cannocchiale. con i matitoni non mi trovo benissimo ma più che altro essendo un ottica datata (credo abbia almeno 45 anni) ha solo una torretta per l'alzo e la deriva è regolata tramite due viti direttamente sull'attacco. ora ho trovato un'ottica che fa al caso mio, leica visus 2.5-10x42 in alluminio lucido. ora appena raccimolo un po di soldi vedrò di portarla da qualche valente armaiolo per vedere se si riesce a recuperare i vecchi attacchi. al momento è possibile sparare con tacca di mira e mirino lasciando su l'ottica e vorrei mantenere questo simpatico accorgimento. di una cosa son sicuro, quella carabina la porterò molto a caccia. per ora ho fatto solo un uscita in selezione senza sparare ma già a novembre vorrei provarla in slovenia in battuta anche senza ottica

da little john  17/10/2017 15.38

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

E così sei diventato "felice possessore" della Carabina più bella del Mondo.....
Complimenti.

Io sono per il motto: "Volere è potere",
Quindi ora la domanda: Vuoi davvero spendere tempo e denaro per modificare la già "quasi perfetta" MS?
Anche sulla mia Shoenauer ho un Diatal 6 x 42 identico .. addirittura con il reticolo uno, a tre traversine con il matitone centrale.
A 100 metri fa ancora delle rosate da brivido
Ho gli attacchi Originalissimi a Pivot e MAI mi sognerei di toccarla, anche perché è bellissima e funzionale così com'è.
Ti anticipo... "Ma io vorrei anche portarla a caccia"
Portacela, nessuno te lo vieta...
Evita solo di fare tiri lunghissimi.. tutto qua.
Ricordo che ai tempi della MS, il 4 x è l'ideale per tutte le cacce, mentre il 6 x 42 era destinato ai tiri Lunghi...
Alla caccia in montagna al camoscio.

Comunque armaioli in grado di sostituire il tuo 6 x con un altro modello ce ne sono pochissimi.
AUER in primis, i fratelli Zentile, sotto lo stretto controllo del grande Celestino Torresani, i Concari di Lecco, Casartelli figlio,
I fratelli Frescura purtroppo non lavorano più altrimenti li avrei messi al primo posto.
Anche il buon pierino Zanardini, se ne ha voglia, saprebbe farti un bellissimo lavoro...
Per il momento non mi vengono in mente altri.
Poi, volendo recuperare i vecchi anelli dovresti cominciare a cercare un vecchio Swarovski Habicth 2,5 - 10 x 50 in acciaio...
Cosa non molto facile

Fammi sapere

Io la lascerei così, senza pensarci neanche un attimo...
Saluti Marco

da Marco B x Little John  17/10/2017 6.07

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Approfitto del blog per Una domanda per Marco. Sono inaspettatamente divenuto felice possessore di una mannlicher shoenauer 7x64 regalata da un carissimo amico. Attualmente la carabina monta un diatal 6x42 datato ma ancora in buono stato montato ovviamente a piede di porco con anello saldato direttamente su cannocchiale. Per non snaturare la carabina vorrei mantenere gli attacchi originali e montare un 2.5-10x42. C'è in Italia qualche artigiano che potrebbe risolvere questo problema? Se servono maggiori dettagli posso mandare una foto in privato Dell arma. Io pensavo ad Auer ma magari c'è qualche altro esperto di montaggio. Grazie buona giornata

da little John x Marco Benecchi  16/10/2017 11.04

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

https://www.youtube.com/watch?v=dSFxNrVHsVQ

Questa è la mia ultima avventura

Ovviamente seguirà l'articolo
Un caro saluto a tutti
Marco

da Marco B x TUTTI  12/10/2017 11.44

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

A parte benelli che e' il migliore al mondo.

da Grullo  10/10/2017 16.16

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

e ci credo i fucili italiani fanno schifo.

da d  09/10/2017 17.18

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Gli italiani a confronto fanno pieta' come precisione acciai e lavorazione w gustaf

da grullo  07/10/2017 19.33

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Marco, ti credo sulla parola. Già dalle foto posso valutare il grado di finitura di questo gioiello, immagino che anche al fuoco questa carabina sia all'altezza del suo nome. Nelle gare di ex ordinanza praticamente i Carl Gustav M96 non hanno rivali, vincono sempre loro !!

da Rosario  07/10/2017 16.35

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Dovresti vederla di persona...
Credo che prima delle SAKO 85 la Carl Gustaf dell'articolo er....a
SECONDO ME
Una delle migliori carabine in commercio NON Custom di serie.
Con il miglior rapporto qualità prezzo.
Per il calibro io non mi muoverei dal 30.06..
E' un classico Tuttofare, super polivalente..
Il 6,5 x 55 ha i suoi limiti.

Saluti
M

da Marco B x Rosario  07/10/2017 12.38

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Ciao Marco, finalmente si vede una carabina costruita con tutti i crismi. Niente polimeri, né finti legni. Come al solito gli scandinavi sono insuperabili nel costruire armi con l'attenzione ai minimi particolari e la qualità dei materiali che manca in molte altre armi anche di gran nome. Questo tuo articolo mi ha invitato ad aggiungere questa meraviglia a fare compagnia alle altre carabine che riposano nella mia cassaforte, magari in un calibro scandinavo 6,5 x 55 come lei. Che ne dici ?

da Rosario  07/10/2017 11.10

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Ora si che cominciamo a ragionare.....

Ottima scelta per tutte le distanze...

da Marco B x Franco  06/10/2017 13.11

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

La vecchia bernardelli di nonno pietro per esempio

da Francio  06/10/2017 7.27

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

E secondo te quale è

"IL MEGLIO DEL MEGLIO"

Sono proprio curioso di saperlo

Saluti
Marco

da Marco B x Franco  05/10/2017 18.04

Re: Vecchie Glorie: LA CARABINA CARL GUSTAF modello 2000

Per farsi due risate con qualche chiacchiera va anche bene,ma oggi 2017 ottobre,sparo ai cinghiali solamente col meglio del meglio che abbiamo a disposizione.

da Francio  05/10/2017 9.40
Cerca nel Blog
Lista dei Blog