HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Archivio
<giugno 2017>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr 14


14/04/2017 

Il 30 marzo 2017 la Conferenza Stato – Regioni ha raggiunto un accordo sul c.d. Piano Antibracconaggio.

Si tratta di un esame a livello nazionale delle emergenze di atti illeciti contro gli uccelli selvatici e delle “azioni” da porre in essere per contrastare tali atti di bracconaggio.

Pacifico che le misure antibracconaggio sarebbero ben accette anche da parte dei cacciatori, anche allorché si tratti di colpire non solo i veri e propri bracconieri, ma anche quei – pochi e sempre meno – cacciatori che violano le regole uccidendo specie non cacciabili o usando mezzi non consentiti durante l’attività venatoria. E anche perché leggendo il piano ISPRA si capisce che il bracconaggio è una attività illecita che solo in una parte minoritaria riguarda la violazione di norme sull’attività venatoria, ma spesso l’opinione pubblica associa la figura del bracconiere al cacciatore.

Ma l’impostazione data riporta anche una demonizzazione delle nostre tradizioni culturali e gastronomiche, che ISPRA e il Ministero vogliono combattere a prescindere dal loro eventuale (o ormai marginale) collegamento con attività illecite di prelievo e benché oggi siano mantenute in maniera perfettamente lecita mediante l’uso di selvaggina cacciabile e legalmente cacciata.

Premesso che ormai è un lontano ricordo la “polenta e oséi” preparata con i c.d. “estatini” e con uccelletti ormai non più cacciabili dal 1977 (ma fino ad allora legalmente cacciabili con ogni mezzo), si vuole ricordare che quanto meno il consumo privato di specie cacciabili come tordi e allodole legalmente cacciate è perfettamente lecito.

Parlo di consumo privato: un ristoratore che osasse mettere nel menù un tordo lecitamente cacciato già oggi sarebbe perseguito più di un narcotrafficante!

Ma la “polenta e oséi” preparata con specie cacciabili (e comunque prelibate) è e deve essere un piatto con la stessa dignità della cassoeula milanese o di un gulash di cervo del Tirolo. Anzi, un piatto tradizionale da tutelare, che invece che vietato dovrebbe essere rilanciato per il turismo enogastronomico delle nostre valli! E come lo dovrebbero essere le “grive” (i tordi in sardo) al mirto del sud della Sardegna.

E invece cosa si legge nel “piano antibracconaggio?”

Si legge che “campagne di informazione a scala nazionale possono dimostrarsi utili per sensibilizzare il grande pubblico su alcune tematiche, ad esempio scoraggiare il consumo di piatti locali tipici, come la “polenta e oséi” o “le grive al mirto”

Insomma il piano antibracconaggio diventa la scusa per toglierci ancora un pezzo della nostra storia e delle nostre radici e in questo periodo pasquale non posso che pensare alla guerra mediatica scatenata contro il consumo di agnello. La prevenzione del bracconaggio diventa una scusa per additare come sconveniente un piatto preparato anche con selvaggina legalmente cacciabile.

E domani cosa vorranno colpire? Per prevenire il bracconaggio indiranno una campagna per scoraggiare l’uso del burro in quanto ingrediente fondamentale per la “polenta e osèi”? Ci lasceranno usare il burro per i casonséi?

Per non dire che si parla anche di sensibilizzazione nelle scuole per i più piccini: dobbiamo pure aspettarci un ulteriore giro di vite nel lavaggio del cervello perpetrato già oggi sui bimbi per farne bay-eco-terroristi da far esplodere (in senso figurato si intende) nelle famiglie che ancora oggi si possono fregiare di sapere come è fatta una gallina viva o di come si cucina e gusta una sontuosa “polenta e oséi”. Si dovrebbe pensare invece a scuole dove le mense propongano e mantengano i piatti tipici e non che li demonizzino. Son certo che “polenta e osèi” e un piatto di “casonsèi” avrebbero presto la meglio su certe mode.

Chi ha puntato i fucili contro la “polenta e osèi” dovrebbe invece leggersi “La pacciada. Mangiarebere in pianura padana” di due grandissimi della cucina e del giornalismo: Luigi Veronelli e Gianni Brera, grandissimi buongustai e amanti dei piatti delle nostre radici. Si lascerebbe magari incuriosire da quanto potevano essere buoni i beccafichi, quando si potevano mangiare. E potrebbe accontentarsi di venire a Bergamo ospite di qualche cacciatore a gustarsi due tordi preparati con burro di malga in un nido di polenta di farina di spinato di Gandino. Con un bicchiere di Valcalepio DOC. Giusto per pensare a quale sia la giusta campagna di sensibilizzazione.
 

Lorenzo Bertacchi (Presidente di Fidc Bergamo)

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


54.224.86.148
Aggiungi un commento   Annulla 

8 commenti finora...

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

bip... bip...bip... e poi bip!

da patrizio.abboni@tin.it   21/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

I rompic@@@@ni sono ovunque nel mondo , solo in Italia però hanno voce in capitolo.

da Pasquino   19/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

Resta comunque assurdo quanto la politica snaturi molti piatti tipici italiani affidandoli a surrogati o bandendoli del tutto. La migliore cucina del mondo assaltata da falsi naturalisti che con buone o cattive maniere propalano nuove "culture" prive di carne, pesce, uova e formaggi. Tutto ciò con l'assenso della politica. Uomini e donne di ogni area politica hanno allattato, sbaciucchiato e accarezzato animali inneggiando ad evitare "massacri". Svilita la natura e occupato ogni spazio disponibile per coltivare insalatine e soia non potremo che mangiare la plastica. Per quanto riguarda il piano antibracconaggio è chiaro l'intento di colpire in special modo i cacciatori (perchè i bracconieri in un modo o nell'altro ci saranno e evranno ancora più agibilità in un ambiente sempre più vuoto). Siamo ben sotto i 600.000 secondo un ultima indagine.

da Flavio romano   18/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

Roberto...non è che non ce ne frega niente è che ne io ne tu ci possiamo fare niente...solo sperare che prevalga il buon senso .....però stare li a "piangerci addosso" ...cosa vogliamo fare? Continuiamo a vivere fino a che ci è consentito.

da Carlo rm1   18/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

Siamo a rischio di una guerra nucleare e facciamo convegni sul bracconaggio dio salvi la regina no salvi litalia da questo squallore.

da roberto   18/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

caro carlo rm1 da noi ,c'e tutto l'anno al supermercato. cinghiale lepre e altra selvaggina la provenienza??romania polonia ungheria loro hanno una filiera carne di selvaggina dove ci gudagnano e non hanno i rompicoglioni come da noi. i prodotti più dubbi, uccelli e quant'altro dalla cina. buone feste e salute a tutti

da carlo 48   17/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

Se vogliamo parlare di bracconaggio però non ci dobbiamo fossilizzare solo sugli uccelli, non esiste un bracconaggio a settori.....il bracconaggio è bracconaggio e allora nel calderone ci dobbiamo mettere anche le pappardelle alla lepre ...ancora nel menù di molti ristoranti e quelle al cinghiale sempre presente ovunque, specie nelle sagre a tema....e allora, ricordando il 50esimo anno dalla scomparsa del grande e unico Totò mi sovviene una sua celebre frase....." ma mi faccia il piacere!"

da Carlo rm1   17/04/2017

Re: Piano anti-bracconaggio demonizza la caccia legale

Tristezza infinita!

da 100% cacciatore   14/04/2017
Cerca nel Blog
Lista dei Blog