HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Archivio
<maggio 2017>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
gen 10


10/01/2017 17.26 


Un comando che agli inesperti potrebbe sembrare superficiale racchiude in sé la base dell’addestramento. Si sente spesso dire ai proprietari di cani, non necessariamente cani da caccia, che il proprio amico a quattro zampe “non è corretto”. In genere questa espressione è utilizzata per significare che il soggetto in questione non mantiene, nel corso della giornata e delle varie situazioni che gli si presentano davanti, un comportamento consono alle esigenze del padrone o, più in generale, degli umani con i quali si trova ad interagire. Ciò vale sia per l’atteggiamento tenuto nei confronti di altri cani – per esempio durante una passeggiata al parco – sia, per intendersi meglio, a contatto con i membri della famiglia del proprietario.

Il comportamento del cane non educato non può essere previsto con una certa precisione, dato che molto dipenderà dall’istinto dell’animale; il quale, a seconda dei casi, giocherà in maniera irruenta con un bambino – rischiando di farlo cadere in terra – oppure ringhierà alla moglie del proprio padrone, perché magari non gli è simpatica e non la rispetta al pari del marito-capobranco. E si potrebbe continuare per ore con esempi tratti dalla quotidianità, ma tutti comunque riconducibili alla mancanza di educazione, che nel cane si traduce con mancanza di addestramento all’obbedienza.

Ciò comporta una condizione di continuo stress per il padrone e per i suoi familiari, che vedono come possibile fattore di rischio una semplice passeggiata al guinzaglio, per non parlare di un giretto al parco. Pensiamo per un attimo a quello stesso cane, che gioca con il figlio del padrone in modo troppo esuberante, prodursi nello stesso atteggiamento con un bambino estraneo al nucleo familiare: chi ha voglia di discutere con la madre/nonna del pargolo impaurito da cotanto impeto? Oppure, nel più serio dei casi, chi avrebbe mai piacere di assistere alla scena di un’automobile che investe il proprio cane mentre questi, sordo a ogni richiamo, corre a perdifiato oltrepassando il confine naturale del parco nel quale lo abbiamo sciolto? Nessuno, appunto. Ecco perché un cane maleducato – o non educato affatto – trasforma l’esperienza di avere con sé un animale domestico da piacevole e irrinunciabile ad angosciante e sgradevole, il che spesso – purtroppo – si traduce nella separazione definitiva tra la famiglia e il cane stesso.

Quanto sopra rappresenta la conseguenza estrema del vivere a contatto con un cane privo di qualsivoglia educazione. Cosa occorre fare per garantirsi un minimo di controllo sul proprio amico a quattro zampe? Esiste un comando, anzi meglio ancora un “gioco della sottomissione”, che rappresenta in sé l’abc dell’addestramento alle obbedienze. Si chiama “Terra”, ed è la base per qualsiasi tipo di rapporto si intenda instaurare con il proprio cane, sia esso da compagnia o da qualunque genere di lavoro.

Tanto per cominciare, prima di insegnare al nostro allievo il “Terra” è bene che il cane abbia appreso il comando “Seduto”, che insieme alla “Chiamata” è la prima obbedienza da ottenere. Questi come altri comandi saranno approfonditi in seguito su questa stessa rubrica. Tornando al “Terra”, per prima cosa è importante cominciare l’insegnamento in un momento in cui non si ha fretta, non si è stressati o nervosi. E’ importante ricordare come il cane percepisca i nostri stati d’animo e li assorba: pertanto, la nostra agitazione trasmessa al cane gli impedirà di concentrarsi ed apprendere.

Ciò premesso, partendo dalla posizione “Seduto” ci si inginocchi di fronte al soggetto mostrandogli una leccornia tenuta tra le dita. A questo punto, a seconda dei caratteri, potremmo assistere al cane che abbandona la posizione di “Seduto” per cercare di addentare la leccornia – nel qual caso occorre interrompere l’esercizio e ricominciare riportando l’allievo nella corretta posizione iniziale, comunque senza mai punirlo – oppure al soggetto che muove la testa in avanti con maggiore delicatezza, pur con lo stesso intento di raggiungere il boccone. A questo punto, sarà sufficiente abbassare delicatamente la mano fino a toccare il suolo per far sì che il cane segua la leccornia, abbassandosi sino a terra. Anzi, sino al “Terra”. Ed è proprio in quel preciso momento che occorrerà “chiamare” il “Terra”, con tono deciso ma non irritato, prima di lodare il cane e premiarlo con il tanto agognato premio culinario. Ripetendo ogni giorno l’esercizio una, massimo due volte, sarà facile notare una sempre maggiore collaborazione da parte del cane, una predisposizione a sdraiarsi – dunque a sottomettersi – sempre crescente. E’ importante non esagerare con lo stress – esercizi brevi, massimo cinque minuti – e poi premiare e coccolare, onde fissare nel miglior modo possibile il concetto di “azione-reazione” positiva. Col passare del tempo sarà importante allungare i tempi di mantenimento del cane nella posizione del “Terra” e, contemporaneamente, spariranno i premi gustosi da sgranocchiare, mentre rimarranno sempre complimenti e carezze, non meno agognate dall’allievo.

Una volta raggiunta la perfezione dell’esecuzione del “Terra”, si passerà al cosiddetto “Terra a distanza”, utilissimo per evitare quei fastidiosi imprevisti con le succitate mamme/nonne al parco o, addirittura, per salvare la vita del cane in presenza di pericoli da esso non percepiti (l’esempio classico è quello dell’automobile in arrivo). Anche nel caso del “Terra a distanza”, si andrà in progressione partendo da distanze ravvicinate fino a raggiungere i 100 e passa metri, a seconda della costanza dell’addestratore.

Il comando vocale “Terra” può essere accompagnato anche da un gesto – per esempio il braccio destro alzato – o un sibilo, a patto che siano sempre identici. Questi comandi “alternativi” si riveleranno molto utili – per esempio – a caccia. Basti pensare al caso di un’uscita con due cani da ferma, uno dei quali blocca la selvaggina mentre il compagno non è nelle condizioni di accorgersene, perché magari è coperto da un forteto e si sta avvicinando sopravento. Un gesto della mano, un sibilo ben conosciuto dal soggetto gli impedirà di investire accidentalmente il collega in ferma o, peggio ancora, la selvaggina, garantendo il successo dell’azione venatoria senza che il conduttore debba aprir bocca per intimare il “Terra” a voce alta, spaventando i selvatici. Lo stesso dicasi per il “Fermo al frullo”, del quale parleremo a breve in altra occasione.

Ciò che conta qui sottolineare, oltre all’indiscutibile vantaggio venatorio derivante dal “Terra”, è l’abitudine all’obbedienza generale che il “Terra” stesso inculca nella mente del cane, obbligandolo a sottomettersi al padrone-conduttore e, al contempo, a farlo rilassandosi. La posizione sdraiata, infatti, rappresenta il massimo del relax per il cane, ma è al contempo anche un gesto di sottomissione. Ecco perché, almeno agli inizi, sarà più difficile da imporre. Tuttavia, una volta superate le resistenze iniziali e ottenuta l’obbedienza al “Terra” e al “Terra a distanza”, il proprietario avrà al suo fianco un ausiliare pronto per cominciare qualsiasi tipo di addestramento al lavoro, di qualunque genere esso sia. E, di conseguenza, il suo cane sarà un cane obbediente “a prescindere”, per la gioia del capobranco umano e di tutti i suoi familiari.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


23.20.157.174
Aggiungi un commento   Annulla 

2 commenti finora...

Grazie dio

Sono la signora Visentin Paola, ho la ricerca di prestito da oltre 12 mesi. Ho finalmente il signore. Muscolino Giovanni, che finalmente il mio aiutate a trovare il prestito di 85.000€ dunque io sono ragione molto felice per la quale ho preso il mio tempo di testimoniarla poiché attualmente sono in pace. Dunque voi che siete nella necessità poiché io potete scriverle e spiegarle la vostra situazione potrebbe aiutarvi la sua mail: muscolinogiovanni61@gmail.com

da Visentin Paola   04/03/2017 11.34

Re: Il “Terra”, ovvero la sintesi dell’obbedienza

Grazie per i tuoi sempre interessanti articoli cinofili!

da 100%cacciatore   12/01/2017 15.27
Cerca nel Blog
Lista dei Blog