Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
nov18


18/11/2016 

Il 10 novembre scorso il Senato ha approvato, dopo lunghe discussioni in Commissione ambiente e audizioni delle parti sociali interessate, il Disegno di Legge n.119 Modifiche alla legge 394/91 e ulteriori disposizioni in materia aree protette trasmettendolo alla Camera per la definitiva approvazione. L'impegno del senatore ligure Massimo Caleo che afferma " ... riformerà la governance dei parchi italiani, semplificandola,  garantendo più autonomia al presidente e ad organismi di gestione più aderenti al territorio, consentirà agli enti di avere maggiori entrate senza intaccare i vincoli di tutela, assicurerà la gestione del controllo faunistico sotto l’egida dell’Ispra, ....." è stato determinante per raggiungere un miglior equilibrio della proposta ma alcuni punti sarebbero da meglio precisare e alcune rigidità da bilanciare con una opportuna una rivisitazione alla Camera e il ritorno al Senato.

I punti che coinvolgono maggiormente l'attività venatoria sono:

- Il piano reca altresì l'indicazione di aree contigue ed esterne rispetto al territorio del parco naturale, aventi finalità di zona di transizione e individuate d'intesa con la regione. Rispetto alle aree contigue possono essere previste dal regolamento del parco misure di disciplina della caccia, della pesca, delle attività estrattive e per la tutela dell'ambiente,

- In ragione della peculiare valenza e destinazione funzionale dell'area contigua, in essa l'attività venatoria è regolamentata dall'Ente parco, sentiti la regione e l'ambito territoriale di caccia competenti, acquisito il parere dell'ISPRA, e

-può essere esercitata solo dai soggetti aventi facoltà di accesso all'ambito territoriale di caccia comprendente l'area contigua.

-Per esigenze connesse alla conservazione del patrimonio faunistico, l'Ente parco, sentiti la regione e gli ambiti territoriali di caccia interessati, acquisito il parere dell'ISPRA, può disporre, per particolari specie di animali, divieti e prescrizioni riguardanti le modalità e i tempi della caccia. Tali divieti e prescrizioni sono recepiti dai calendari venatori regionali e provinciali e la loro violazione è punita con le sanzioni previste dalla legislazione venatoria.

e quelli che coinvolgono maggiormente la fauna sono:

Art. 9. (Introduzione dell'articolo 11.1 della legge n. 394 del 1991)

1. Dopo l'articolo 11 della legge n. 394 del 1991 è inserito il seguente:

-«Art. 11.1 (Gestione della fauna selvatica).
1. Gli interventi di gestione delle specie di uccelli e mammiferi, con l'esclusione dei ratti, nelle aree naturali protette e nelle aree contigue sono definiti con specifici piani redatti dall'ente gestore dell'area naturale protetta, previo parere obbligatorio e vincolante dell'ISPRA. I piani indicano gli obiettivi di conservazione della biodiversità da raggiungere, le modalità, le tecniche ed i tempi di realizzazione delle azioni previste. Per le aree naturali protette che comprendono anche in parte zone di protezione speciale (ZPS), siti di importanza comunitaria (SIC), o zone speciali di conservazione (ZSC), il piano deve tenere conto del formulario del sito, dei motivi istitutivi e degli obiettivi di conservazione, , in conformità alla direttiva 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, e alla direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992. Per la redazione, la gestione e l'aggiornamento dei piani l'ente gestore dell'area naturale protetta può stipulare protocolli pluriennali di intesa e accordi di collaborazione con università ed enti di ricerca iscritti nello schedario dell'Anagrafe nazionale delle ricerche.

2. I piani per la gestione di cui al comma 1 sono finalizzati al contenimento della fauna selvatica che può determinare un impatto negativo sulla conservazione di specie ed habitat di cui alle citate direttive 2009/147/CE e 92/43/CEE presenti nell'area protetta o di specie della fauna e flora selvatiche o habitat ritenuti particolarmente vulnerabili; per tutte le specie alloctone, ad esclusione delle specie riportate nell'allegato I, i piani sono finalizzati all'eradicazione o al contenimento, coerentemente con le disposizioni del regolamento (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014.

3. Gli interventi di gestione della fauna selvatica, sia di cattura che di abbattimento, devono avvenire per iniziativa e sotto la diretta responsabilità e sorveglianza dell'ente gestore e devono essere attuati dal personale da esso dipendente o da persone da esso autorizzate, previa abilitazione rilasciata a seguito di corsi di formazione organizzati dallo stesso ente e validati dall'ISPRA.

4. I piani per la gestione di cui al comma 1 indicano gli obiettivi, i periodi, le modalità, le aree, il numero di capi su cui è previsto l'intervento in relazione agli obiettivi dichiarati, nonché i tempi e i modi di verifica del contenimento. I piani per la gestione prevedono l'esclusivo impiego di tecniche selettive e devono valutare la possibilità di intervenire tramite catture.

5. Al personale di enti o organismi pubblici responsabile di interventi di gestione della fauna selvatica non conformi alle modalità previste si applicano le sanzioni disciplinari stabilite dall'ente o organismo di appartenenza. Ai soggetti privati coinvolti negli interventi di gestione della fauna selvatica ai sensi dei commi 3 e 4 si applica la sanzione dell'esclusione a tempo indeterminato dalla partecipazione agli interventi di gestione della fauna selvatica su tutto il territorio nazionale. Sono fatte salve le eventuali ulteriori sanzioni previste dalla normativa vigente.

6. Gli enti gestori dispongono, ai sensi dell'articolo 16, comma 1-decies, degli animali catturati o abbattuti nell'ambito degli interventi di gestione della fauna selvatica.

7. Una quota pari al 2 per cento di ogni introito ricavato dalla vendita degli animali abbattuti o catturati in operazioni di gestione deve essere versata dall'ente gestore ad apposito capitolo di entrata del bilancio dell'ISPRA per finanziare ricerche su metodi di gestione non cruenti della fauna selvatica».

2. Alla legge n. 394 del 1991 è aggiunto, in fine, l'allegato I annesso alla presente legge.
«Allegato I (articolo 11.1, comma 2)





-Art. 14. (Modifiche all'articolo 22 della legge n. 394 del 1991)

-1. All'articolo 22 della legge n. 394 del 1991 sono apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 6 è sostituito dal seguente:
«6. Nei parchi naturali regionali e nelle riserve naturali regionali l'attività venatoria è vietata»;
b) dopo il comma 6 è aggiunto il seguente:
«6-bis. L'attività di gestione della fauna selvatica è disciplinata ai sensi dell'articolo 11.1».


L'introduzione di questi due articoli 9 e 14 segna un'importante decisione: la fauna selvatica dei parchi deve essere finalmente gestita!


Ed ora vediamo i punti che, anche secondo autorevoli pareri di cattedratici, sarebbero da riesaminare.

Punti da precisare:

a) Nella proposta ci si dimentica della legge 157/92 e si scrive "Ambiti territoriali di caccia" ma ci sono anche i Comprensori alpini e le Aziende faunistico venatorie soggette a tassazione regionale. In queste ultime, se ricadono in Aree contigue, la caccia sarà regolamentata dal Parco e non tramite il Piano annuale di prelievo proposto ed approvato dalla Regione. Persa l'autonomia gestionale, difficilmente potranno continuare nella loro positiva funzione, economicamente molto costosa per i concessionari.

Rigidità da bilanciare:

a) si scrive "le aree contigue individuate d'intesa con la regione" ma è necessario aggiungere ...e i comuni interessati, le popolazioni devono essere coinvolte e ascoltate, non è giusto e non è più accettabile imporre sempre dall'alto.
b) si scrive "In ragione della peculiare valenza e destinazione funzionale dell'area contigua, in essa l'attività venatoria è regolamentata dall'Ente parco, sentiti la regione e l'ambito territoriale di caccia competenti, acquisito il parere dell'ISPRA" due sono gli enti che giuridicamente hanno competenze e quindi è opportuno sostituire con ...regolamentata dall'Ente parco in accordo sottoscritto con l'Ambito territoriale di caccia o con il Comprensorio alpino o con l'Azienda Faunistico Venatori interessati, sentita la Regione e acquisito il parere dell'ISPRA.

c) si scrive "I piani per la gestione prevedono l'esclusivo impiego di tecniche selettive e devono valutare la possibilità di intervenire tramite catture." E poi dei cinghiali catturati cosa se ne fa ? Occorre correggere con .....tramite catture solo per quelli utilizzabili per reintroduzioni o rinforzi in altre aree dello Stato.

d) si scrive "7. Una quota pari al 2 per cento di ogni introito ricavato dalla vendita degli animali abbattuti o catturati in operazioni di gestione deve essere versata dall'ente gestore ad apposito capitolo di entrata del bilancio dell'ISPRA per finanziare ricerche su metodi di gestione non cruenti della fauna selvatica». La fauna selvatica è una risorsa rinnovabile e gli ungulati rappresentano una fonte alimentare di grande qualità e un valore economico rilevante che a regime supererà abbondantemente i 600 milioni di euro; necessario sostituire con ....deve essere versata dall'ente gestore ad apposito capitolo di entrata del bilancio dell'ISPRA a favore del Dipartimento per il monitoraggio e la tutele dell’ambiente per finanziare ricerche sulla conservazione della biodiversità tramite miglioramenti faunistico-ambientali.

Ai deputati di ogni schieramento l'invito a cogliere le utili integrazioni e modifiche, volte ad evitare confusioni, sprechi da danaro pubblico e di risorse naturali rinnovabili.


Infine sarebbe opportuno ricordarsi che da tempo i Parchi hanno dato sempre più importanza agli aspetti di carattere socio-economico, mentre quelli di carattere conservazionistico sono passati in secondo ordine; quasi sempre sfogliando i notiziari degli stessi non c'è una parola sulla fauna e sull'ambiente naturale ma solo inviti alle escursioni anche nei periodi sensibili invernali, della conservazione, e primaverili, dello sviluppo, della nostra fauna. Non tutti, alcuni hanno iniziato a porci rimedio; perché non introdurre una norma nella legge in itinere? La Svizzera lo ha fatto da tempo.

Lucio Parodi

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.151
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: LEGGE SUI PARCHI. OCCORRONO MODIFICHE

Per quanto concerne la modifica d) effettivamente l' unico metodo non cruento e' quello di catturare gli animali limitandone al massimo lo stress e liberarli altrove SE c'e' posto. Gli altri metodi sotto tutti cruenti, in modo o nell' altro. Invece pare che l' unico sia la caccia perche' il fucile fa bum....poretti.
Inoltre non leggo mai da nessuna parte che ci sono troppi boschi. E' chiaro che affermare cio' potrebbe minare il business che deriva in maggioranza dagli ungulati a scapito di molte altre specie. Ridimensionando i boschi a favore di altro tipo di flore, anche di tipo agricolo tradizionale come era qualche decennio fa, ridimensionerebbe sicuramente la crescita continua di ungulati. Ma ripeto, per come l' hanno impostata, sarebbe un autogol. Alla faccia della biodiversita'!

da Flagg  18/11/2016
Cerca nel Blog
Lista dei Blog