Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<luglio 2020>
lunmarmergiovensabdom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789
Mensile
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set2


02/09/2016 8.25 

PRO-MEMORIA PER AMBIENTALISTI E MINISTERO

Le infrazioni alle direttive comunitarie in Italia al momento sono 78, di cui 58 per violazione del diritto dell'Unione e 20 per mancato recepimento di direttive. L'ultimo aggiornamento, del 22 luglio 2016, con l'archiviazione di 4 procedure, ha segnato un risultato storico per il nostro Paese: per la prima volta siamo scesi sotto la soglia delle 80 infrazioni (erano 82 a giugno 2016 e 91 ad inizio 2016).

Secondo i dati di Openpolis l'Italia è il paese con più procedimenti aperti nella storia dell'Europa unita. 642 per l'esattezza. Seguono Francia e Grecia, con 416 e 400 deferimenti alla Corte di Giustizia UE. Per alcune siamo già stati condannati al pagamento di consistenti sanzioni. L'Italia per questo motivo ha un debito con l'Europa molto alto, a cui si aggiungono le penalità di mora e gli ulteriori addebiti dovuti su ogni infrazione ancora non risolta.

Non tutti sanno, per esempio, che dal 2003 al 2015 l'Italia ha pagato già 183 milioni di euro in multe. Abbiamo già speso 80 milioni di euro grazie alla mancata gestione dei rifiuti e al caos generato dalle discariche fuori norma, che hanno inquinato l'aria e le falde acquifere, che hanno devastato il paesaggio e schifato i turisti. Altri 53 milioni sono andati per le norme sui contratti formazione lavoro, 30 per per aiuti di Stato giudicati illegali, 20 per l'emergenza rifiuti in Campania. Sulle discariche abusive, disseminate in tutta Italia, nel dicembre 2014  la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha condannato l’Italia al pagamento di una sanzione forfettaria di 40 milioni di euro (pagata per intero nel 2015) e di una penalità semestrale di 42,8 milioni di euro da pagarsi fino all’esecuzione completa della sentenza.

La maggior parte dei soldi spesi si deve purtroppo alla mancata attenzione su settori cruciali, come sono quello della tutela  ambientale e della salute pubblica. E' questa purtroppo l'attenzione dimostrata da chi ha presieduto lo scranno del dicastero dell'Ambiente negli ultimi lustri. Il tutto con il complice silenzio di chi queste situazioni avrebbe dovuto denunciarle e combatterle.

E' indubbio che il mondo ambientalista abbia dimostrato più attenzioni per questioni marginali come la caccia, spendendo consistenti energie (e denaRo) nel proporre nuove pretestuose infrazioni all'Ue, piuttosto che dedicarsi in toto a queste importanti questioni. Mentre si aprivano nuovi casi Pilot-fuffa, come è quello recente sul bracconaggio, quello chiuso recentemente sulla questione richiami vivi o quello sui calendari venatori che ha impegnato in prima persona il Ministro Galletti, per chiudere in anticipo la caccia a migratori che altrove sono cacciati almeno per altri 20 giorni rispetto ai nostri calendari, l'Ilva di Taranto disperdeva i suoi veleni, le discariche straripavano ovunque e le acque non bonificate avvelenavano i nostri rubinetti.

Ben 14 violazioni italiane su 78 riguardano la materia Ambiente, ovvero il 18%.

Eccole nel dettaglio:


2015_2165 Piani regionali di gestione dei rifiuti. Violazione degli articoli 28(1) o 30(1) o 33(1) della Direttiva 2008/98/CE. ENVI Ambiente Direttiva 2008/98/CE Violazione diritto dell'Unione Messa in mora Art. 258 TFUE

2015_2163 Mancata designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e mancata adozione delle misure di conservazione. Violazione Direttiva Habitat. ENVI Ambiente Direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (c.d. direttiva Habitat) Violazione diritto dell'Unione Messa in mora Art. 258 TFUE

2015_2043 Applicazione della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azoto(NO2) ENVI Ambiente direttiva 2008/50/CE Violazione diritto dell'Unione Messa in mora Art. 258 TFUE

2014_2147 Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente - Superamento dei valori limite di PM10 in Italia. ENVI Ambiente direttiva 2008/50/CE Violazione diritto dell'Unione Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

2014_2059 Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane. ENVI Ambiente direttiva 1991/271/CEE Violazione diritto dell'Unione Parere motivato Art. 258 TFUE

2013_2177 Stabilimento siderurgico ILVA di Taranto ENVI Ambiente Direttiva 2008/1/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (c.d. direttiva IPPC),fino al 7 gennaio 2014; Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (c.d. direttiva IED),a partire dal 7 gennaio 2014 Violazione diritto dell'Unione Parere motivato Art. 258 TFUE

2013_2022 Non corretta attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale. Mappe acustiche strategiche. ENVI Ambiente direttiva 2002/49/CE Violazione diritto dell'Unione Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

2011_4021 Conformità della discarica di Malagrotta (Regione Lazio) con la direttiva discariche (dir. 1999/31/CE). ENVI C-323/13 Ambiente Direttiva 1999/31/CE Violazione diritto dell'Unione Sentenza Art. 258 TFUE

2011_2215 Violazione dell'articolo 14 della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti in Italia ENVI Ambiente direttiva 1999/31/CE Violazione diritto dell'Unione Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

2009_4426 Valutazione d'impatto ambientale di progetti pubblici e privati. Progetto di bonifica di un sito industriale nel Comune di Cengio (Savona) ENVI Ambiente Direttiva


1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti; Direttiva 2011/92/UE (VIA) Violazione diritto dell'Unione Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

2009_2034 Cattiva applicazione della Direttiva 1991/271/CE relativa al trattamento delle acque reflue urbane ENVI C-85/13 Ambiente Dir. 1991/271 Violazione diritto dell'Unione Sentenza Art. 258 TFUE


2007_2195 Emergenza rifiuti in Campania. ENVI C-297/08 e C-653/13 Ambiente Dir.


2006/12/CE Violazione diritto dell'Unione Sentenza Art. 260 TFUE

2004_2034 Cattiva applicazione degli articoli 3 e 4 della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane. ENVI C-565/10 Ambiente Dir.1991/271/CE Violazione diritto dell'Unione Messa in mora Art. 260 TFUE


2003_2077 Non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui "rifiuti", 91/689/CEE sui "rifiuti pericolosi" e 1999/31/CE sulle "discariche".

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.62.16
Aggiungi un commento  Annulla 

6 commenti finora...

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

Fate girare, fatelo sapere ai maestri, alle maestre, ai professori, a tutti coloro che hanno contatti con la gente, con le comunità. Ci vogliono far passare per fessi. In Veneto, tanto per ribadire il concetto, anche per problemi ambientali ne hanno arrestati di qua e di là. Non mi meraviglierei che i cosiddetti poteri forti dettassero legge a 360 gradi, senza distinzioni ideologiche o politiche. Gli utili idioti servono anche a questo, a distrarre la gente ingenua. Ma, e allora, chiederete, perchè li hanno arrestati? E' - secondo me - il solito fuoco di paglia, che serve soprattutto al ricambio della classe dirigente. Quando cominci a dare noia, ti faccio arrestare. Quando non lasci il posto agli altri che cominciano a sbavare dalla cupidigia, ci penso io, chiamo le guardie e comincia la rumba. E i 5stelle? Secondo me, anche loro a questo servono. Certi ingenui, neanche lo sanno che vengono strumentalizzati, poi scopri che il Venezuela è la patria di Pinochet e ti accorgi che c'è qualcosa che non torna....

da vaicollissio  04/10/2016 15.09

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

Tutto questo succede perche' c'e' la mafia. Ovvio che, per distiogliere l' attenzione generale dai problemi reali, le finte crociate le fanno esclusivamente contro la caccia e ciucciano pure soldi dallo Stato oltre a nascondere i veri problemi......peggio di cosi' e' difficile da immaginare.

da Flagg  04/10/2016 14.30

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

qualche ex onorevole europeo TROMBATO veneto, che continua a battere sul tasto dei PRESUNTI soldi fatti pagare ai cittadini per IMMAGINARIE procedure d'infrazione legate alla caccia potrebbe svegliarsi e dare una letta a quanto sopra, sempre che riesca a capire....

da SCALDAPOLTRONE A CASA !  03/09/2016 10.28

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

Dedicato ai magiascarole del circo animalambientalista e ai loro finanziatori e sobillatori.

da Annibale  02/09/2016 23.02

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

La casta ne ha combinate di tutti i colori. Tanto le multe le paghiamo noi...

da Arrabbiato 64  02/09/2016 15.48

Re: IL 18% DELLE INFRAZIONI RIGUARDA L'AMBIENTE

ma guarda nessuno per la caccia ma sono i cacciatori che distruggono tutto non le immondizie inqui.ecc...

da angelo  02/09/2016 12.51
Cerca nel Blog
Lista dei Blog