Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2020>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ago22


22/08/2016 

Sono passati solo un paio di mesi da quando l’Italia intera si indignò per la strage di animali all’oasi di Spinea (VE), ipotizzando delitti di stampo mafioso e messe nere in onore a satana ed oggi, in questo caldo agosto, siamo alle solite, stavolta con i “seviziatori” di cornacchie grigie. In quell’occasione fummo i primi ad avanzare l’ipotesi volpe e non opera umana (qui l’articolo). Concludemmo il nostro messaggio invitando i cittadini a rivolgersi in casi di questo genere a chi la natura la conosce e la vive come ad esempio gli agricoltori, i cacciatori ed i pescatori prima di accusare i propri simili, avviare indagini di ogni tipo (spendendo soldi dei cittadini) e per ultimo, ma non di poco conto, evitare figuracce da manuale. Evidentemente non siamo stati ascoltati ed oggi appare sui quotidiani della zona della provincia di Venezia l’ennesima “notiziona” agostana con tanto di indignazione del sindaco del paese nei confronti di questi criminali, nonché avvii di attività investigative da parte delle autorità (che ripetiamo, costano e distolgono l’attenzione da fatti ben più gravi).

Vi raccontiamo molto brevemente la storia (che potete leggere per completo sulla foto a corredo di questo articolo): a Martellago, un comune della Provincia di Venezia, esiste uno dei tanti luoghi belli strappati alla natura selvaggia e dato in pasto ai cittadini come parco urbano per scorrazzare in mezzo all’erba e fare jogging. Ci sono dei laghetti dove si può pescare (unica attività rurale rimasta) in maniera “no-kill” e quindi sono molti i ragazzi che si passano qualche giornata con la canna da pesca. Come capita in questi luoghi di pesca, succede che i pescatori meno esperti lancino la lenza in maniera sbadata tra rovi o, se ci sono, i fili dell’alta tensione. Essendo luogo frequentato da molti cittadini d’appartamento, non sfugge qualche giorno fa che in mezzo ad uno di questi laghi, a 15-20 metri di altezza, penzola una cornacchia grigia morta, appesa ad un filo da pesca. Si grida allo scandola, si avvertono le forze dell’ordine, lo viene a sapere pure il sindaco, ed i giornalisti. Oggi leggiamo la notizia: “animale torturato e lanciato sui fili della linea ad alta tensione”. Il Sindaco dichiara che “non ci sono parole per descrivere un atto così assurdo”. Ovviamente, come per gli animali uccisi dalla volpe all’oasi di Spinea, questi ritrovamenti “anomali” di uccelli morti fanno ipotizzare anche a sette e riti satanici. Le associazioni animaliste, sempre interpellate come grandissime esperte in questi casi, non mancano di dare la colpa agli agricoltori che hanno l’abitudine di appendere cornacchie morte per far paura alle cornacchie vive. Gli animalisti della Lav addirittura affermano che la cornacchia grigia è specie protetta (tant’è che la si caccia pure dal primo di settembre visti i danni che provoca). Lo sappiamo che è difficile trattenersi dal ridere di fronte a queste ipotesi ma dobbiamo ritornare subito seri perché noi rurali abbiamo il grande compito di riportare alla ragione chi non conosce minimamente come funziona la natura, i suoi meccanismi e chi la vive; guai non lo facessimo, condanneremmo le future generazione ad una esistenza priva delle basi fondamentali della vita stessa. In questa faccenda, nessuno ha pensato, come avevamo consigliato, di rivolgersi al primo contadino della zona od al primo pescatore che incontrava in quel lago; forse gli si sarebbe aperto un mondo sconosciuto, quello appunto della natura e dei sui meccanismi. I corvi sono tra gli uccelli più schivi e diffidenti al mondo. Volano a centinaia di metri di altezza tanto che risulta difficile prenderli perfino con un fucile. Chi può allora aver preso una cornacchia viva per poi seviziarla ed andarla ad appendere in mezzo un lago, sui fili dell’alta tensione, posti a molti metri dall’acqua? …ma a nessuno è venuto in mente che potrebbe essersi semplicemente impigliata in una lenza di un pescatore? Per forza dobbiamo trovare il colpevole umano a tutti i costi? …che forse le associazioni animaliste se non c’è un colpevole umano non avrebbero neanche senso di esistere? Detto questo, è molto triste invece che alla sera, proprio in quell’oasi, si vedano rientrare migliaia (forse decine di migliaia) di corvidi che, noi rurali lo sappiamo bene, sono un grosso problema per l’ambiente e per gli animali che lo abitano visto che predano le uova di altri uccelli.

Ritornate alla natura, oppure cercate di avvicinarla ascoltando chi la natura la vive; quando capiteranno fatti analoghi nessuno vi potrà più raccontare la storia dell’orso, o della cornacchia come in questo caso.

Filosofiarurale.it

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.79.151
Aggiungi un commento  Annulla 

5 commenti finora...

Re: Dopo gli "assassini mafiosi" dell'oasi di Spinea arrivano i seviziatori di cornacchie

IN POCHE PAROLE,SI DEVE FARE PULIZIA DI NOCIVI !!! -- GAZZE---CORVI---GHIANDAIE---STORNI
CHE AUMENTANO SEMPRE PIU'...
COME DICONO TUTTI!!!!
STANNO ROVINANDO L'ESISTENZA DI PICCOLI UCELLETTI INDIFESI E LORO UOVA
QUINDI MUOVETEVI IN FRETTA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

RIVOLTO HAI GRANDI CAPI SENZA CAPELLI CHE NON CAPISCONO,O MEGLIO FANNO FINTA!!

ITALIA PERSA GRAZIE A LORO!!!

da AMBIENTALISTA  25/08/2016

Re: Dopo gli "assassini mafiosi" dell'oasi di Spinea arrivano i seviziatori di cornacchie

la cornacchia specie protetta??? i contadini le appendono?? per la prima frase cara lav si documenti ed apra la bocca con il cervello collegato o potrebbero uscire dei peti....per il comportamento dei contadini non ci trovo nulla di male, è il metodo più ecologico per risparmiare il raccolto, e sfrutta proprio l'intelligenza della cornacchia che vedendo un suo simile morto non osa frequentare quel luogo, salvando anche molte uova di altri uccelli quali passeri e cinciallegre, le quali cornacchie depredano i nidi mangiando anche i genitori se riescono.....per chi volesse della lav, consiglio di fare del volontariato negli ospedali sarebbero senz'altro più utili.....

da dardo  24/08/2016

Re: Dopo gli "assassini mafiosi" dell'oasi di Spinea arrivano i seviziatori di cornacchie

Che buono il brodo di cornacchia.

da Scornacchione  24/08/2016

Re: Dopo gli "assassini mafiosi" dell'oasi di Spinea arrivano i seviziatori di cornacchie

proprio cosi...dopo un primo sorriso arriva il senso di pena e tristezza per vedere quanta umana stupidità sia pieno questo paese soprattutto da chi si professa tuttologo di natura e ambiente e sventola la bandiera di paladino e difensore di animali e ambiente,pena e solo pena.

da roberto pistoia  23/08/2016

Re: Dopo gli "assassini mafiosi" dell'oasi di Spinea arrivano i seviziatori di cornacchie

Beata (o maledetta?) ignoranza (o stupidità?), certa gente, animalisti compresi, farebbe molto ma molto meglio a non occuparsi proprio della natura e degli animali selvatici, come se non esistesse niente oltre l'asfalto ed il confine della città. Questo non per fare un favore ai cacciatori ma ad esclusivo vantaggio della natura e degli animali che ci vivono. Che pena.

da MarioP  22/08/2016
Cerca nel Blog
Lista dei Blog