Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag26


26/05/2016 

Tra la fauna delle nostre Alpi quella in rarefazione è rappresentata dalle cinque specie di galliformi: fagiano di monte (Tetrao tetrix), pernice bianca (Lagopus mutus), coturnice (Alectoris graeca), francolino di monte (Bonasa bonasia) e gallo cedrone (Tetrao urogallus).

Due sono quelle non cacciabili francolino di monte e gallo cedrone, la prima molto rarefatta e la seconda a rischio di estinzione, mentre fagiano di monte, pernice bianca e coturnice sono quelle cacciabili e da tempo solo a seguito di censimenti e conseguenti piani di prelievo conservativi. Ne consegue che oggi la caccia non può essere la causa della loro rarefazione, anzi il costante impegno dei cacciatori nelle diverse attività di sostegno è di grande aiuto alla loro conservazione, ben altri sono i fattori negativi:

-i mutamenti climatici;
-la riduzione della pastorizia e le trasformazioni agricole con l'abbandono dello sfalcio dei prati e il conseguente avanzamento del bosco;
-la densità accresciuta dei predatori, una volta chiamati nocivi, sempre più difficili da controllare per le vigenti norme della legge 157/92 e l'interpretazione sempre restrittiva dell'ISPRA;

-in ultimo e oggi sempre più in aumento, l'escursionismo o trekking degli umani, con frequentemente al seguito i loro liberi e vaganti cani, sempre più invogliato ed organizzato per la promozione economica della montagna.
Su quest'ultimo fattore focalizziamo l'attenzione.

Le ricerche faunistiche hanno individuato da tempo i periodi più sensibili della vita dei galliformi alpini:

-l'inverno con il suolo ricoperto di neve e quindi la difficoltà a reperire il cibo e le grandi gelate che implicano uno straordinario consumo energetico;
-la cova con l'allevamento e la protezione dei pulli;

due periodi oggi sempre più soggetti al disturbo per il continuo aumento degli escursionisti sia per lo sci invernale che per il trekkin estivo e purtroppo invogliati, addirittura nelle aree protette, anche nei periodi sensibili: da Piemonte Parchi:
"La cooperativa Montagne del Mare sabato 20 e il 27 febbraio, dalle 16 alle 18, organizza due incontri per adulti dedicati ai galliformi che vivono nel Parco naturale delle Alpi Marittime. Dopo la teoria si passa alla pratica con un'uscita sul campo alla ricerca dei magnifici animali."!!

La legge federale svizzera sulla caccia prevede da sempre norme restrittive per l'escursionismo nelle bandite federali di caccia con l'obbligo di transito solo sui sentieri segnalati e nei primi anni del 2000, promossa dall'UFAM-Ufficio Federale per l'Ambiente e dal Club Alpino Svizzero, è iniziata una campagna intitolata "Chi rispetta protegge" avente per obiettivo la sensibilizzazione degli escursionisti della neve a tenere un comportamento rispettoso degli habitat della fauna selvatica in tutto il territorio e alcuni anni dopo si è giunti alla regolamentazione per legge.

Nel luglio del 2012 è stato introdotto nella legge federale sulla caccia l'articolo "
4ter Zone di tranquillità per la selvaggina" che al comma 1 recita

"Se necessario per proteggere sufficientemente i mammiferi e gli uccelli selvatici dai disturbi provocati dalle attività ricreative e dal turismo, i Cantoni hanno facoltà di definire zone di tranquillità per la selvaggina e i percorsi e sentieri utilizzabili al loro interno." e al comma 4 "L’Ufficio federale di topografia definisce nelle carte nazionali per attività sulla neve le zone di tranquillità per la selvaggina e i percorsi utilizzabili al loro interno."  Chi accede senza autorizzazione a una zona di tranquillità o lascia il sentiero prescritto è sanzionato con una multa.

Indicate quattro regole d'oro:

-rispettare le zone di tranquillità e i siti di protezione della fauna selvatica,
-muoversi nel bosco utilizzando solo i sentieri e i percorsi segnalati,
-evitare i margini boschivi e le superfici non innevate,
-tenere i cani al guinzaglio specialmente nel bosco.
All'inizio dei percorsi sono apposti cartelli segnalatori e le carte topografiche, elaborate e aggiornate annualmente dell'UFAM-Ufficio federale per l'ambiente, sono disponibili e scaricabili sul sito www.zone-di-tranquillità.ch. Certo questo è un altro mondo!


Ma anche in Francia, già alla fine del '900, era partita un'iniziativa per proteggere le zone di riproduzione del fagiano di monte, promossa dalla Federazione dei Cacciatori dell'Alta Savoia e dalla Società di Economia Alpestre, iniziativa che oggi viene completata con la protezione delle zone di svernamento. Finanziati dalle Federazioni dei Cacciatori dei dipartimenti Haute-Savoie e Hautes-Alpes e attuati con la collaborazione di personale dell'ONCFS, del Parco regionale del Queyras e di guide alpine sono stati messi in atto sistemi di difesa dei siti di svernamento, attraverso la stesura di funi con festoni fluttuanti che canalizzano gli sciatori e gli escursionisti lontano dalle zone interessate, sistemi segnalati all'inizio dei percorsi da una idonea cartellonistica. L'iniziativa interessa diversi comuni ed è in continua estensione.

Anche sulle Alpi tedesche si sta operando per l'istituzione di aree di rispetto per i tetraonidi, nelle quali limitare in modo sostanziale il disturbo antropico nei confronti di queste specie.
In Italia interessanti e approfondite ricerche sugli effetti del disturbo nelle epoche sensibili sono state effettuate sulle Alpi occidentali italo-francesi e in un parco del Trentino con risultati che indicano l'estrema vulnerabilità dei galliformi nei loro due periodi sensibili. Ne consegue che proteggere la fauna selvatica da qualsiasi forma di disturbo, dovuta alla presenza e alle attività dell'uomo, nei due momenti delicati del loro ciclo biologico, costituisce un essenziale strumento per la loro conservazione e l'istituzione delle zone di tranquillità ne sono il tramite.

Il recente Piano Faunistico Venatorio della Regione Lombardia, in via di esame e approvazione, ne conferma l'importanza ma quando saranno emanate per legge le norme di attuazione? Ci sono almeno aree protette che le hanno già istituite avendone il potere? Attendiamo una risposta.


Lucio Parodi

Tratto da Sentieri di caccia

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.85
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Le zone di tranquillità a protezione della fauna alpina

Applicare queste regole in Italia è pura utopia. Siamo terzo mondo , purtroppo.

da claudio di anzio  30/05/2016
Cerca nel Blog
Lista dei Blog