Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr20


20/04/2016 

L'intero territorio del Friuli Venezia Giulia è diviso in riserve di caccia. Non c'è un solo centimetro quadrato dove è possibile praticare la cosiddetta “caccia libera”.

Le riserve sono porzioni di territorio con confini delimitati e molto precisi. Sono individuate dalla legge e a ogni riserva è assegnato un numero massimo di cacciatori: i soci. Solo i cacciatori soci di queste riserve vi possono cacciare e solo nel territorio della riserva a cui sono assegnati.

Anche il numero massimo di cacciatori per ogni riserva è fissato dalla legge ed è stabilito sulla base di criteri e parametri scientifici. L'obiettivo è quello di creare un equilibrio tra il numero dei cacciatori – predatori di ogni singola riserva e la capacità del territorio di dare ospitalità e possibilità di riproduzione alla selvaggina.

Questi principi di organizzazione e questo modo di dividere il territorio sono il vero segreto positivo della caccia in Friuli Venezia Giulia. Nessun cacciatore friulano può andare a caccia dove vuole o quando vuole, ammazzando indiscriminatamente senza preoccuparsi delle conseguenze. I cacciatori friulani possono cacciare solo nella propria riserva di assegnazione e sono, quindi, costretti a pensarci bene prima di sparare. O almeno così dovrebbe essere.

Se, infatti, non fanno attenzione alla loro azione di caccia, le conseguenze ricadono direttamente e solamente su di loro, senza possibilità di rimedio. Se i cacciatori di una riserva decidono di non darsi nessuna regola e sterminano tutta la selvaggina, la stagione di caccia successiva, e molte altre ancora, non avranno nulla da cacciare. Sembra “la scoperta dell'acqua calda”, sembra l'unica logica possibile da porre alla base di ogni legge sulla caccia. Ma vi assicuro che tanto ovvio non è.

Nel resto d'Italia, con pochissime eccezioni, nessuna legge stabiliva qualcosa di simile fino al 1992 e ogni cacciatore poteva, pressoché, andare a caccia dove e quando voleva, con conseguenze devastanti.

Il cacciatore medio, infatti, non essendo “legato” e radicato in nessun territorio, aveva ben poco interesse alla protezione della natura e alla tutela della selvaggina. Anzi, l'importante era ammazzare prima che arrivasse qualche altro cacciatore. Tutto ciò assieme a molti altri fattori, è stato parte della rovina della caccia in Italia. Ma in Friuli, dove la situazione è sempre stata completamente diversa e migliore.
I territori delle attuali province di Gorizia  e Trieste e del comune di Tarvisio-Malborghetto erano divisi in riserve già dai tempi dell'Austria Ungheria. I territori delle attuali province di Udine e Pordenone lo sono diventati a partire dal 1969.
Un secondo “segreto” positivo della caccia in Friuli Venezia Giulia è il censimento. Ogni riserva, ogni anno, prima dell'inizio della stagione di caccia deve effettuare il censimento della selvaggina presente sul suo territorio.

Il censimento non è né più né meno che la conta di tutta la selvaggina effettivamente presente sul territorio della riserva. Fare dei buoni censimenti è una cosa difficile. Devono essere fatti seriamente da tutti i cacciatori, eventualmente anche con l'aiuto di tecnici esperti inviati dai competenti Organismi dell'Amministrazione regionale. Una volta rilevato il numero complessivo della selvaggina, soprattutto per gli animali più grossi come caprioli, cinghiali, cervi e camosci, è indispensabile distinguere il numero complessivo in sottogruppi in base all'età e al sesso. Solo così avremo l'esatta fotografia della situazione reale della vita e dello sviluppo della selvaggina presente sul territorio della riserva.

Solo così le riserve di caccia e i Cacciatori-soci che vi appartengono, che si dicono gestori dell'ambiente e ai quali anche la legge riserva questo importante ruolo, potranno fare dei piani di abbattimento seri e credibili. Solo così gli abbattimenti potranno essere programmati nel rispetto della natura e del suo equilibrio.
Solo così i cacciatori potranno essere predatori correttamente inseriti nell'ecosistema della propria riserva di caccia, al vertice della catena alimentare e che contribuiscono alla conservazione dell'ambiente.
Ma purtroppo non è sempre così.  

Davide Zaninotti
 
* Tratto dal libro "La notte del cacciatore", Edizioni Biblioteca dell'Immagine - Pordenone, 2005

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


108.162.219.222
Aggiungi un commento  Annulla 

15 commenti finora...

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

correggo dico egoisti

da non riservista  13/08/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

e censimento non censimento so tutte balle o abbattimenti programmati vorrei stare li per vedere siete solo degli ipocriti egoirti che da voi non volete nessuno ma voi andate dove volete

da non riservista  13/08/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

buonasera a me non sembra giusto che il friuli si vanta che non c' è un centimetro quadrato x i non riservisti per poter cacciare.Il tesserino dice che si puo' praticare la caccia in tutto il territorio nazionale pagando atc chiaramente questa è democrazia per voi friuliani?? friuli venezia giulia è in ITALIA o no???

da non riservista  13/08/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

le riserve di caccia friulane non sono altro che i vari ambiti come si Hanno in altre regioni come il mio veneto, solo che essendo comunali ci si conosce e le teste calde Hanno vita breve mentre qui in veneto dove gli ambiti sono molto vasti.. le teste calde fanno un pò come vogliono. Non vedo problema nella caccia col segugio al capriolo.. lì è autorizzato e non sgarrano nel Numero perchè si fanno del male a loro da noi lo fanno ed è mascherato sotto altra forma di caccia. Sono migratorista per cui possono fare ciò che vogliono delle loro capre e maiali!!

da lu  26/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

BRAVO MAURO hai centrato il PROBLEMA dei residenti paraculi che vanno dove vogliono e casa loro non puoi andare,,,,la legge dei furbi. chi abita in città e paga 1000 volte piu tasse dei residenti deve stare a casa!!! ci sono riserve di diritto ma anche atc di diritto dove non pagano niente NIENTE ... alla nostra faccia...

da Residenti pagate le tasse  26/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Abito Roma e ho la disgrazia di avere la passione per Diana , nella provincia di roma il territorio è fortemente antropizzato ,nei pochi territori verdi nasce puntuale la riserva RISERVATA ai residenti non parliamo poi del territorio di Rieti, Con questo concetto presto dovro appendere il fucile al chiodo a meno che di sborsare cifre non indifferenti dato che territori liberi ne sono rimasti pochini !! Se il suo concetto è valido sarebbe bello che chi viene a lavorare nella mia citta pagasse la stessa cifra che mi chiedono per cacciare nel suo comune!!Io da Romano metto a disposizione del non residente il lavoro senza chiedere nulla in cambio dato che il lavoro è l'unico bene cittadino ben piu importante del divertimento che il residente fuori città mi fa pagare caro !!!

da Mauro Roma  23/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

le idee confuse le hai tu e tuoi amici che hanno invaso le nostre aziende ... INFORMATI ...

da ...  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

..in effetti quella del cane da seguita su caprioli è orripilo-abberrante !
Ma non tutte le ciambelle riescono col buco ! boia dee

da toscano  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Ma i cacciatori friulani sicuramente non possono andare a caccia in altre regioni! credo... oppure ci dovrebbe essere la reciprocità con gli altri. C'è qualcuno che conosce la situazione? un saluto

da ettore1158  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Caro giordano..se fosse per i tecnici non ci sarebbero grossi problemi (anche perché alcuni tecnici fvg sono anche cacciatori)..il problema é la politica anche quella venatoria! Poi si sa che la giunta regionale non é di certo a sostegno della caccia..o mi sbaglio??

da little john  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Segreto positivo un tubo. E complimenti per la tempistica: articolo del 2005.
Attualmente 2016, nel bravo Friuli, i tecnici (università, ISPRA e accoliti vari) incaricati per la stesura dei piani di abbattimento non sono ancora riusciti a farli. Risultato: probabilmente non ci sarà possibilità di effettuare la caccia di selezione a maggio. Però i tecnici verranno pagati lo stesso, e in anticipo. Una vergogna.

da Giordano Malisan  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Caro "la notte dei furbi" hai le idee un pò confuse!

da Friulano doc  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

si e poi venite in appennino a sterminare i nostri animali! dovrebbero vietare l'ingresso a in qualsiasi azienda privata o territorio libero a Trentino Alto Adige e Friuli ! STATE A CASA VOSTRA!

da la notte dei furbi  22/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

Valli del natisone caccia al capriolo col segugio: bocciati!

da Non è tutto oro...  21/04/2016

Re: Riserve di caccia, il segreto positivo*

ottimo..bravo !
E bravi i friulani......

da toscano  20/04/2016
Cerca nel Blog
Lista dei Blog