Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2021>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr7


07/04/2016 

Il Carso è sempre stata una terra difficile per la selvaggina e anche per l'uomo. E' una terra di sassi, buche e, oggi, di fittissimi boschi e acacie. E' come una spina dorsale nodosa e storta che attraversa un territorio che va da Gorizia fino a Trieste.
Ma il Carso non è sempre stato così.

Durante la prima guerra mondiale è stato devastato dalla furia cieca dei bombardamenti che spazzarono via ogni albero e cespuglio, mentre gli uomini, in attesa degli assalti, vivevano nelle viscere del monte.
Dopo la guerra, il Carso lentamente è rinato. I contadini sono tornati alle loro terre e con pazienza hanno ricominciato a coltivarle. In ogni avvallamento provocato dalle bombe, e in ogni dolina, i segni della guerra hanno lasciato lentamente il posto agli orti. La vegetazione è ricomparsa tra il piombo lasciato sul terreno e gli uomini hanno ricominciato a tenere puliti i boschi prendendo la legna da ardere. Così, piano piano, sono ritornati anche gli animali.

Il Carso è ricominciato ad essere popolato di nuovo di starne e lepri. I caprioli sarebbero arrivati molto dopo. ma l'uomo ricominciò subito ad andare a caccia...
Qualche anno fa sono stato invitato da amici a beccacce sul Carso Goriziano. E' stata una bellissima giornata di caccia in un ambiente che conoscevo poco. Ignoravo i viottoli, le piccole radure, i boschi e il senso di pace che si respira solo pochi metri lontano dal nastro d'asfalto.
Abbiamo anche fatto un bel carniere e io ho cacciato la mia prima beccaccia.
Dopo la caccia, l'ospitalità è stata di prim'ordine. Siamo andati tutti assieme a mangiare in una bellissima casa di caccia di proprietà di un socio, in mezzo al bosco. L'ambiente era pulito e molto accogliente. La compagnia ottima.
Si parlava di caccia e si beveva buon vino in attesa del pranzo. Non mi sembrava vero.
Dopo un po' mi si è avvicinato un socio anziano, molto gentile e con una gran voglia di raccontarmi dei “bei vecchi tempi”.
I racconti erano avvincenti e struggenti nello stesso tempo.

Ricordava quando il Carso era coltivato a orto. Ricordava quando il Carso era popolato da pernici e lepri. Ricordava quando le domeniche, sul ciglio di ogni dolina dove c'era un orto, si potevano vedere anche quattro o cinque cani “in ferma”, controvento, dove l'aria portava ai loro nasi l'odore forte della selvaggina nascosta tra le foglie delle verdure. Ricordava tutto molto bene.
Ho passato un bel paio d'ore con quell'uomo, ad ascoltare belle parole e pochi rammarichi. Era un uomo forte che non ne voleva sapere di fagiani prontacaccia. Amava il Carso e ne ricordava chiaramente i tempi migliori per la caccia.
Alla fine, però, mi raccontò che quando era giovane, alla fine delle giornate di caccia, prima di tornare a casa, lui e qualche amico cacciavano ancora una mezz'oretta. Per concludere la giornata andavano a lepri. Ce n'erano sempre, e spesso in pochissimo tempo riuscivano ad ammazzarne anche sette o otto. Così, tanto per divertirsi un po'.

Oggi il Carso non è più terra di lepri e non è certo colpa né di quel cacciatore, né dei suoi amici. Loro non credevano di fare male. Le circostanze erano troppo diverse da oggi. La selvaggina abbondava, l'ambiente era ben tenuto da chi viveva la terra come fonte di vita. La passione venatoria era molto diversa da quella odierna.
I cacciatori di oggi, però, dovrebbero riflettere su come una terra poverissima come il Carso poteva essere ricca di lepri e cercare di capire cosa è cambiato, che grande ricchezza è andata perduta e decidere di fare qualcosa.
Decidere di investire risorse economiche, affittare la terra dai proprietari che non la coltivano più, sudare nei boschi nel lungo periodo di caccia chiusa per riqualificare l'ambiente, disboscare con criterio e con l'aiuto di esperti, riportare l'acqua dove non c'è più.
Ridare vita alla terra e alla natura perché la selvaggina possa tornare a vivere per essere patrimonio di tutti.
 
 
Davide Zaninotti
 
* Tratto dal libro "La notte del cacciatore", Edizioni Biblioteca dell'Immagine - Pordenone, 2005

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.155
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: 8 lepri sul Carso*

Good Day Dear Loan Seeker,

Do you need an urgent financial credit *? * Very fast and direct transfer to your bank account * Repayment starts eight months after you get the money bank account * Low interest rate of 1% * Long-term repayment (1-30 years) Height * Flexible **then monthly payment *. How long will it be financed? After submitting the application ** You can expect a preliminary answer less than 24 hours funding in 72-96 hours after receiving the information they need yours.

Contact Email : [email protected]
Contact Email : [email protected]
Mrs. Pranchment Dura

If you are interested contact us via: [email protected] and fill out the below loan application form.

Loan application form:
Full Name:....................
Country:.....................
State:..............
City:..............
Sex:.........................
Phone Number:...........
Loan Amount :...........
Monthly income:..........
Occupation:................... ....
Loan Period:....................... ................
Purpose of Loan:......................... ...........
E-mail address:...................... ................
Have You Applied Before?....................

We awaits your urgent application form to be filled ok. Email Us: ([email protected])

Contact Email : [email protected]
Contact Email : [email protected]
Mrs. Pranchment Dura

da Mrs. Pranchment Dura  22/08/2017

Re: 8 lepri sul Carso*

e' morto cazzoleggio hihi

da Gino  13/04/2016

Re: 8 lepri sul Carso*

........abolire la chimica...magari prima dell'art. 842 visto che il racconto già narra di "SOCI" e ...compagni di merende attengiantesi a nobili cacciatori puristi e disdegnosi di fagiani pronta caccia...salvo poi chiamare quelle terre "patrimonio di tutti"" si di tutIi i privilegiati "soci"...ma che bravo!!!!!!!

da Festinalente  12/04/2016

Re: 8 lepri sul Carso*

>
Un po' retorico, con il lavoro di chi, con i soldi di chi? Dal 2005 cosa è cambiato? Nulla, anzi la situazione è peggiorata (cinghiali, sciacalli - di tutti i tipi!).
Un passo avanti potrebbe esserci con l'abolizione dell'art. 842 del codice civile.

da vecchi cedro  11/04/2016
Cerca nel Blog
Lista dei Blog