Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<novembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Mensile
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar7


07/03/2016 15.17 

CaniIl cane è stato il primo animale ad essere domesticato per la straordinaria capacità di adattamento ereditato dal suo progenitore (probabilmente il lupo) e per la sua plasticità neuronale che, essendo assai sensibile alla pressione selettiva, consente di produrre individui adatti all'uso voluto.
Il cinofilo allevatore amatoriale del cane da ferma da lavoro, nella selezione non può che seguire criteri pragmatici: accoppiamenti tra quei soggetti che da confronti sul campo risultano più dotati, e controllo successivo sull'esito dei prodotti attraverso altre prove sul campo fino ad individuare i migliori riproduttori.

Poiché la prova comparativa sul campo è l'unico sistema attendibile per verificare la “resa venatoria” dei cani, è essenziale che l'ambiente faunistico nel quale essa si svolge, sia ampio, omogeneo, con starne naturali presenti (ma non abbondanti) e nel quale sia possibile ripetere tutti gli esperimenti necessari.
Oltre ad essere un laboratorio per verifiche, sperimentazioni e confronti, l'ambiente faunistico ha un'importanza determinante per l'iniziazione e la maturazione (precoce) dei giovani cani, perché la loro tecnica venatoria sarà più o meno raffinata a seconda delle difficoltà ivi incontrate.

In Italia le condizioni descritte sono venute meno con l'estinzione della starna italica, e io come allevatore amatoriale, dopo molte delusioni, solo negli ultimi venti anni ho trovato nelle sterminate steppe dell'Est Europa una grande riserva che è stata quanto di meglio potesse desiderare un cinofilo.
In quell'ambiente vasto ed omogeneo, quasi privo di vegetazione, con starne naturali diffidenti ed irregolarmente sparse, l'iniziazione dei cuccioloni risulta sorprendentemente rapida e costruttiva, le prove e i confronti in condizioni ideali consentono di individuare velocemente e con sicurezza i soggetti più dotati (in base al rapporto tra ferme realizzate da ciascuno ed errori commessi, quali sfrulli o trascuri).

In questi lunghi anni ho potuto fare colà delle esperienze altrove impossibili, e la qualità dei cani allevati ne è risultata significativamente migliorata.
Tra i fenomeni che colà ho potuto constatare, mi pare interessante segnalare quello che definirei come “ferma utile”, cioè uno speciale modo di fermare i selvatici da parte di alcuni (pochi) cani tale da “obbligarli” alla difesa passiva dell'immobilità a terra, senza involarsi o pedinare, come spesso avviene prima dell'arrivo del cacciatore, consentendo a quest'ultimo di portarsi a distanza utile per concludere l'azione venatoria, che chiamerei “ferma utile”.
Mi rendo perfettamente conto dello scetticismo che susciterà questo fatto (ma i cani dotati di questo talento riescono a fare queste ferme con percentuali statistiche costanti superiori alla media di altri cani, confermate in più volte e nelle più varie condizioni), perché ciò mette in crisi il diffuso convincimento che la reazione del selvatico successiva alla ferma non dipende dal cane, obbligando a ripensare il concetto stesso di ferma.

A mio parere occorre prendere atto che la ferma non è solo una reazione automatica del cane all'emanazione del selvatico, percepita attraverso la potenza olfattiva, ma è l'esito di un processo assai più complesso, rivelatore di un talento, ancora poco conosciuto, che consente a chi ne è dotato di INFLUENZARE il comportamento del selvatico fermato.
Poiché la “ferma utile” esalta la “resa venatoria” del cane da lavoro, mi sono sforzato di capirne il meccanismo per cercare di stabilizzarla ereditariamente con una pressione selettiva (accrescitiva o direzionale), ma non sono riuscito a conseguire alcun risultato concreto.
Solo in negativo, posso dire che questa dote non dipende dalla potenza dell'olfatto, né dall'esperienza, né dalla distanza alla quale viene fermato il selvatico, né da altre condizioni contingenti (vegetazione, vento, stato del selvatico).
Aggiungo che essa è assai poco sensibile alla pressione selettiva, perché si trasmette per via ereditaria, ma in modo capriccioso e imprevedibile.

Ipotizzo che possa trattarsi di una forma particolarmente sviluppata dell'istinto venatorio comune a tutti i cani (in varia misura), analogo al senso del selvatico, o al senso dell'orientamento.
Poiché nell'intelligenza del creato nulla avviene per caso, è plausibile ipotizzare che essa vada ricondotta al rapporto che corre in natura tra predatore (antenato del cane) e preda, le cui rispettive tecniche offensive e difensive sono improntate a criteri di compatibilità, finalizzati alla sopravvivenza di entrambe le specie che spiegano la coevoluzione simmetrica di valori adattativi.
In questa ottica il cane che possiede talento riesce a modulare la propria azione in modo da vanificare le normali tecniche elusive e difensive della preda determinandone la reazione nel senso voluto dell'immobilità a terra.


Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.134.150
Aggiungi un commento  Annulla 

1 commenti finora...

Re: Ferma "utile" del cane da caccia

Salve Enrico, condivido il suo pensiero. Ho notato la stessa cosa nei segugi da lepre laddove si puo' parlare di "scovo utile"! Spesso succede che la stessa lepre insidiata piu' di volta incominci a mettere in atto altri stratagemmi ed in particolare ad uscire dal covo prima che il cane la scovi come "da manuale". La dipendenza dal cane sta nel fatto che non riesce ad accostarla e scovarla in maniera sufficientemente rapida e conclusiva le prime volte. Piu' spesso pero' l' inabilita' cane deriva dalle condizioni meteo sfavorevoli o dalla presenza massiccia di altri selvatici che "puzzano" molto di piu' ed anche dalla presenza di "materiale puzzolente" nelle zone agricole. In questi casi sono l' istinto e la determinazione del cane che devono prendere il sopravvento, cui segue un' iniziativa un po' fuori dagli schemi. Purtroppo e' una dote praticamente impossibile da selezionare e spesso ce l' hanno cani che non otterrebbero ottimi giudizi se osservati mentre svolgono un lavoro classico. Per questo motivo, per la mia esperienza, ho sempre tenuto e portato a caccia TUTTI i miei cani. Una volta presi non li ho mai ceduti. Per questo sono anche convinto che in media, per la caccia alla lepre, bisogna avere almeno un coppia di segugi che per me e' l' ideale se perfettamente complementari. Se manca qualcosa ci vogliono piu' cani. Con un solo cane e' comunque possibile ma per avere lo stesso successo deve essere davvero super in tutto! Cosa piu' unica che rara.....

da Flagg  08/03/2016 12.06
Cerca nel Blog
Lista dei Blog